102 CONDIVISIONI
Covid 19
20 Settembre 2021
14:52

Terza dose di vaccino in Lombardia, chi deve farla e quando prenotare: il calendario

Sono state presentate oggi in conferenza stampa le fasi della campagna per la terza dose del vaccino anti-Covid in Lombardia. Si parte oggi, lunedì 20 settembre con gli immunocompromessi, che potranno già accedere alla prenotazione sul portale di Poste italiane. Per le categorie che invece accederanno al richiamo, a sei mesi dalla somministrazione della seconda dose, ci saranno gli over80, i pazienti delle Rsa e gli operatori sanitari. Per queste ultime categorie si attendono le date dal governo.
A cura di Simona Buscaglia
102 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

È stato presentato oggi in una conferenza stampa il calendario della terza dose di vaccino anti-Covid in Lombardia. Il coordinatore della campagna vaccinale sul territorio, Guido Bertolaso, l'assessora al Welfare e vicepresidente Letizia Moratti e il governatore lombardo Attilio Fontana, hanno illustrato le categorie che verranno interessate dall'ulteriore dose di vaccino, ovvero gli immunocompromessi, e chi invece sarà sottoposto a un richiamo, come ad esempio gli operatori sanitari.

Chi farà la terza dose di vaccino in Lombardia

Come da indicazioni ministeriali, i primi cittadini a cui verrà somministrata la terza dose di vaccino anti-Covid sono gli immunocompromessi, circa 150 mila persone in Lombardia, tra questi:

  • trapiantati (compresi CAR-T) e in attesa di trapianti;
  • pazienti oncologici e oncoematologici in trattamento (negli ultimi 6 mesi);
  • immunodeficienze primitive e secondarie a trattamento farmacologico;
  • pazienti con pregressa splenectomia;
  • sindrome da immunodeficienza acquisita

Le prenotazioni sul sito della Regione Lombardia

Gli immunocompromessi sono quindi quelli che potranno, tramite il portale di Poste italiane, prenotare la terza dose. La maggior parte di questi pazienti potrà effettuare la somministrazione direttamente presso l'ospedale che li ha in cura. L'indicazione fornita è che però siano passate almeno quattro settimane dalla somministrazione della seconda dose. Discorso diverso, come precisato da Bertolaso anche in conferenza stampa, per quelle categorie che potranno accedere invece al "richiamo", la cosiddetta dose "booster". Tra questi

  • over 80 (circa 680 mila persone)
  • ospiti Rsa (80 mila)
  • operatori sanitari (quasi 400 mila)

"Sono 2.500 i trapiantati che oggi stanno per essere vaccinati presso le strutture ospedaliere" ha dichiarato Bertolaso, e facendo riferimento al dibattito sulla necessità o meno della terza dose, ha aggiunto: "Trovo saggia la decisione del governo di partire intanto con queste due modalità di vaccinazione dei vulnerabili". Cambio comunque d'organizzazione per la campagna vaccinale massiva in Lombardia. La fase massiva sarebbe dovuta infatti terminare a metà settembre ma adesso con l'introduzione del decreto che impone l'obbligo del green pass, è stata allungata fino alla fine del mese di ottobre.

Vaccino Covid Lombardia, il calendario per fragili e over 80

Per gli immunocompromessi la campagna per la terza dose è già partita oggi, lunedì 20 settembre. Per le date precise del richiamo invece, che coinvolge, come detto, gli over 80, i pazienti delle Rsa e gli operatori sanitari, si attendono le indicazioni del generale Figliuolo e del governo centrale.

Gli over80 potranno ricevere la somministrazione nei centri vaccinali, nelle farmacie, o anche dai medici di medicina generale o a domicilio, in caso ad esempio di anziani allettati. Il personale sanitario potrà vaccinarsi negli ospedali dove è dipendente, ma anche nei centri vaccinali, così come gli immunocompromessi. Gli ospiti delle Rsa riceveranno la loro dose direttamente nella struttura. In conferenza stampa è stato precisato che la Regione Lombardia sta cercando di definire un protocollo con i medici di medicina generale che definisca il loro ruolo in questa campagna per la terza dose.

I centri massivi si ridurranno da 87 attuali a 49 già nel mese di novembre. Entro novembre poi in quasi tutte le 700 Rsa si potrà somministrare il vaccino e le farmacie che adesso nella fase sperimentale sono 21, diventeranno 668. Gli ospedali coinvolti saranno circa 60. La capacità produttiva nella fase 3 avrà una media da 20 mila a circa 65 mila somministrazioni al giorno.

102 CONDIVISIONI
27584 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni