Si cerca Laura Ziliani, la donna di 55 anni di cui non si hanno più notizie da due giorni. Di lei non si sa più nulla da sabato mattina attorno alle 7 quando è uscita per una passeggiata in direzione Villa Dalegno sopra Temù senza però più fare ritorno. A dare l'allarme sono state le sue tre figlie qualche ora dopo: da allora almeno 120 persone, tra volontari e forze dell'ordine, sono impegnate nelle ricerche. I volontari del Soccorso alpino, Guardia di finanza, Vigili del fuoco e Protezione civile stanno perlustrando la zona intorno a Temù. A supporto delle ricerche si è alzato in volo anche un elicottero dei soccorsi per setacciare la zona dall'alto, mentre via terra sono state impiegate anche le unità cinofile.

Il marito travolto e ucciso da una slavina

Le ricerche non sono semplici, ma continuano senza interruzioni. Fino ad ora però sembra impossibile localizzare Laura Ziliani dato che era uscita di casa senza portare con sé il telefono cellulare. Oltre a Temù la squadra di soccorso si sta concentrando anche nella zona di Gario dove avrebbe incrociato una ragazza lungo il sentiero. Fino poi arrivare a Villa Dalegno. Dalle prime ipotesi si pensa che Laura Ziliani possa essere caduta durante l'escursione anche se per molti è difficile dal momento che era esperta e appassionata di montagna. Era infatti sua abitudine uscire a fare lunghe camminate. Si sta cercando di percorrere il sentiero che lei ha fatto la mattina di sabato: già nel dicembre del 2012 aveva perso il marito Enrico dopo che era stato travolto da una slavina. La speranza delle tre figlie e di tutti gli abitanti della zona è quella di vederla ritornare a casa.