1.085 CONDIVISIONI
17 Gennaio 2023
12:51

Rubano la fisarmonica all’artista di strada Pepa: “Era un regalo di mio figlio, mi aiutava a sopravvivere”

Pepa è una musicista di strada di origini bulgare. È arrivata in Italia per lavorare e la fisarmonica regalatale dal figlio l’ha aiutata a superare difficoltà e solitudine. Fino a quando, il 3 gennaio, gliel’hanno rubata.
A cura di Chiara Daffini
1.085 CONDIVISIONI
Peppa e la fisarmonica che le hanno temporaneamente prestato
Peppa e la fisarmonica che le hanno temporaneamente prestato

La presenza di Pepa è discreta e un po' malinconica. La si avverte a metri di distanza, anche nelle strade affollate, e proviene dal suono agrodolce della sua fisarmonica. "Sono arrivata in Italia nel 2006 – racconta a Fanpage.it – e dal 2008 vivo a Brescia. Mi è sempre piaciuta questa città, perché è simile a quella dove sono nata, Stara Zagora, in Bulgaria".

"All'inizio lavoravo come badante e un giorno mio figlio, anche lui musicista però in Bulgaria, mi disse ‘E se ti prendessi una piccola fisarmonica? Così ti sentirai meno sola quando non sei al lavoro'. Accettai e cominciai a suonare per strada".

La musica per vivere

"Non riuscirei a vivere senza suonare – spiega Pepa -, ma non tanto perché questa attività mi ha permesso di campare anche nei periodi in cui non avevo un lavoro, quanto perché è lo strumento che mi ha messo in connessione con la città, ho fatto tante conoscenze, tante amicizie".

Pepa da 12 anni suona per le vie del centro storico di Brescia: "Alterno postazione, cerco di non disturbare nessuno, residenti e commercianti, vedo che la gente mi vuole bene e sono molto grata a questa città".

In tanti si fermano a salutare Pepa e le lasciano qualche spicciolo nel cestino giallo appoggiato sulla valigia accanto alla sedia su cui si siede per suonare e cantare. Ma non tutti, evidentemente, condividono il rispetto e l'affetto per questa simpatica artista di strada.

Un compleanno da dimenticare

"Il 3 gennaio – racconta Pepa – era il giorno del mio compleanno, pioveva e mi sono messa a suonare sotto i portici, poi, all'ora di pranzo, ho fatto tappa in un bar per mangiare e riposarmi un po'".

Il bar è piccolo e affollato e Pepa, per non essere di intralcio, decide di lasciare la strumentazione appena fuori dal locale, in un punto ben visibile dall'interno: "Sono andata in bagno giusto due minuti e al mio ritorno non c'era più niente, tutto sparito".

Nessuno, tra clienti e personale, dice di aver visto la scena del furto. "Ero disperata e lo sono ancora – dice Pepa -, anche se quella fisarmonica non valeva un euro, per me aveva un valore immenso".

La gara di solidarietà

Tra i bresciani e non solo parte subito una gara di solidarietà per aiutare Pepa, la quale, pur nel rammarico, cerca di ripartire. "Mi sono ricomprata la sedia e una signora mi ha prestato temporaneamente una nuova fisarmonica, ma non è lo stesso".

"La fisarmonica che mi hanno rubato – spiega – è stata la mia fonte di salvezza in tutti questi anni lontana da casa, era stata costruita in Bulgaria ed è difficile trovarne qui di simili, gli strumenti italiani sono magari più pregiati ma molto più fragili, non adatti a essere usati tutti i giorni in strada".

Nonostante amici e conoscenti si stiano attivando per procurare a Pepa una nuova fisarmonica simile a quella di prima, la donna lancia un appello: "A chi me l'ha presa vorrei chiedere se per favore ha voglia di restituirmela, certo so di non poter obbligare questa persona, ma sarebbe davvero importante…".

1.085 CONDIVISIONI
Gli artisti di strada di Roma chiedono un nuove regole per esibirsi:
Gli artisti di strada di Roma chiedono un nuove regole per esibirsi: "Troppa burocrazia e vessazioni"
146.469 di Lorenzo Sassi
Mamma muore a 53 anni in un incidente stradale: ferito il figlio 19enne che era alla guida
Mamma muore a 53 anni in un incidente stradale: ferito il figlio 19enne che era alla guida
Beppe Sala al Prefetto:
Beppe Sala al Prefetto: "Pronto a dare battaglia per il riconoscimento dei figli delle coppie lgbt"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni