182 CONDIVISIONI
12 Luglio 2022
19:46

Richiedenti asilo rigettati dalla Questura di Milano: “Così rischiano di essere rimpatriati ingiustamente”

Decine e decine di migranti si accampano nel parchetto di fronte alla Questura: aspettano il loro turno per firmare la richiesta per richiedenti asilo. Ai microfoni di Fanpage.it hanno spiegato cosa sta succedendo.
A cura di Giorgia Venturini
182 CONDIVISIONI

Per giorni e notti attendono il loro turno fuori dalla Questura di via Cagni 15 di Milano. Sono decine e decine di migranti, si accampano nel parchetto di fronte e dormono. Aspettano ore e giorni. Attendono il loro turno per entrare in Questura e presentare la richiesta per richiedenti asilo. Devono fare il primo accesso, che non è su appuntamento.

Non si tratta di ottenere lo status di rifugiato politico e quindi il permesso di soggiorno, ma soltanto di poter fare domanda e avere in cambio la documentazione che attesti di essere richiedenti asilo. Senza questa, invece, queste persone risultano irregolari in Italia e rischiano di essere rimpatriate, anche se realmente in pericolo nel loro Paese.

"Ma io non voglio tornare in Salvador, ci sono le gang. E c'è la mafia. Non è un posto sicuro", spiega ai microfoni di Fanpage.it uno dei migranti in coda. "Sono qui da quattro notti e quattro giorni", aggiunge un altro. "Spero di poter entrare oggi".

La denuncia dell'associazione Naga

Il primo accesso viene fatto presentandosi al mattino, ma vengono svolte solo una decina di pratiche al giorno. Poche, troppo poche. Tra i motivi quello che mancano i mediatori culturali. Alcune attiviste del Naga, un'associazione di Milano che aiuta i migranti, hanno raccontato a Fanpage.it le difficoltà che vivono quotidianamente i richiedenti asilo:  "Se la Questura organizzasse il tutto su appuntamento, eviterebbe questa scelta estrema di dover dormire in un parchetto accampati", precisa la volontaria Silvia Rossi.

Mancano mediatori culturali e interpreti

E poi aggiunge: "La soluzione non è farli stare qui come delle bestie. Aumentano le richieste ma purtroppo gli operatori interni sono sempre quelli. è importante entrare perché finché non sono entrati, sono irregolari sul territorio".

Come è possibile che accadano cose simili a Milano? "Purtroppo è possibile – precisa Silvia Rossi -. Il numero dei richiedenti è aumentato, gli ingressi sono contingentati". Un problema spesso che si presenta per i richiedenti asilo del Sud America.

Mancano i mediatori culturali e gli interpreti. "Qua è peggio che in Brasile. In Brasile è più bello. Ti danno un numero, qua a Milano è tutto più complicato. Entrano dieci persone e basta. Dormiamo aperto tutti i giorni", conclude un migrante a Fanpage.it.

182 CONDIVISIONI
Nessuno si sta occupando delle Olimpiadi del 2026: così Milano rischia di perdere la faccia
Nessuno si sta occupando delle Olimpiadi del 2026: così Milano rischia di perdere la faccia
"Chi lavora a Milano deve essere pagato di più", l'affondo del sindaco Beppe Sala
Muore a 14 anni durante un’escursione in montagna, i genitori:
Muore a 14 anni durante un’escursione in montagna, i genitori: "Vogliamo sapere com’è andata"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni