202 CONDIVISIONI
31 Maggio 2021
11:56

Coppia gay minacciata con uova e spari contro casa: “Ci odiano, ce ne andiamo dal paese”

“C’è qualcuno che vuole spaventarci perché non siamo graditi in paese. Il clima è diventato troppo pesante. Gli autori potrebbero anche venire da un altro posto, ma non fa differenza, siamo esasperati”, dicono Luca e Fermo, coppia gay di Mornico Losana (Pavia), presa di mira da almeno tre episodi intimidatori. L’ultimo, venerdì scorso, quando qualcuno ha esploso colpi con una pistola ad aria compressa contro la loro abitazione.
A cura di Filippo M. Capra
202 CONDIVISIONI

La facciata della casa di Luca e Fermo, coppia gay residente a Mornico Losana, piccolo paese in provincia di Pavia di appena 600 abitanti, è stata presa di mira da alcuni concittadini che non tollerano la relazione dei due. Uova marce e palline d'acciaio sparate da pistole ad aria compressa che si sono schiantati contro l'abitazione: una minaccia acclarata anche dai carabinieri intervenuti dopo l'allarme dato dai due a seguito del raid notturno che poteva portare a conseguenze peggiori.

Luca e Fermo: Il clima è diventato troppo pesante

Parlando al Corriere della sera, Luca e Fermo dicono che si sentono presi di mira: "C'è qualcuno che vuole spaventarci perché non siamo graditi in paese. Così abbiamo deciso di andare a vivere a Pavia o Voghera, qui il clima è diventato troppo pesante; gli autori potrebbero anche venire da un altro posto, ma non fa differenza, siamo esasperati". Il recente episodio è il secondo nel giro di meno di un anno e il terzo dal 2009. Già nell'agosto del 2020, infatti, la faccia della loro casa era stata raggiunta da un lancio di uova. Prima ancora, un altro lancio di oggetti aveva raggiunto le mura esterne della loro abitazione. Così, onde evitare che le intimidazioni diventino aggressioni fisiche, Luca e Fermo, due uomini sulla sessantina, hanno deciso di andare via e spostarsi in zone più civilizzate.

Il sindaco di Mornico: Il nostro paese non è omofobo

Secondo quanto ricostruito dalla coppia, erano circa le undici e mezza di sera di venerdì scorso quando, sentendo dei rumori provenire da fuori casa, si sono allarmati: "Abbiamo sentito prima degli strani colpi contro le finestre e poi un’auto fare retromarcia e allontanarsi velocemente". Solidare con loro il sindaco di Mornico Paolo Porcellana che ha condannato l'atto, descrivendolo come "inaccettabile". Il primo cittadino ha comunque tenuto a sottolineare che "il nostro non è un paese omofobo: nessuno qui ha mai fatto distinzioni fra le persone per il loro orientamento sessuale e spero che questa vicenda si chiuda una volta individuati i responsabili".

Il sostegno del fratello di Maria De Filippi

Per Luca e Fermo, però, la situazione è sempre più insostenibile: "In un bar uno del posto, uno che conosco, mi ha detto : anche qui ci sono i froci. Ridono alle nostre spalle, è brutto dirlo ma ormai ci siamo abituati", spiegano ancora al Corriere. In loro aiuto è arrivato anche Giuseppe De Filippi, fratello della conduttrice Maria, cresciuta proprio a Mornico Losana: "Ci ha sempre detto di stare tranquilli e di fare la nostra vita", spiegano Luca e Fermo. Adesso, però, dopo l'ennesimo atto intimidatorio, non ce la fanno più: "Vogliamo traslocare – concludono -, in modo da ritrovare la tranquillità".

202 CONDIVISIONI
Voghera, assessore spara a 39enne. La sorella: "Mio fratello morto e l'assassino a casa"
Voghera, assessore spara a 39enne. La sorella: "Mio fratello morto e l'assassino a casa"
Due figli e tanti problemi, chi era Youns l'uomo ucciso dall'assessore: "Gli serviva solo aiuto"
Due figli e tanti problemi, chi era Youns l'uomo ucciso dall'assessore: "Gli serviva solo aiuto"
Sparatoria Voghera: il marocchino ucciso è stato colpito al torace dall'assessore leghista Adriatici
Sparatoria Voghera: il marocchino ucciso è stato colpito al torace dall'assessore leghista Adriatici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni