6.396 CONDIVISIONI
11 Luglio 2022
13:42

Padre fa togliere il bimbo alla madre che non glielo lascia vedere: “Non volevo rinunciare a mio figlio”

A Casalmaiocco (Lodi) un bambino di nove anni è stato sottratto alla madre. Il piccolo è stato trasferito in una comunità. I motivi scatenanti sono state le diverse richieste del padre dove quest’ultimo lamentava che l’ex compagna non gli consentiva di vedere dal 2017 il figlio: “Il padre non ha mai chiesto la comunità: è stata una consulenza tecnica a stabilirlo”, spiega l’avvocato dell’uomo a Fanpage.it.
A cura di Ilaria Quattrone
6.396 CONDIVISIONI
Le scarpe che la madre ha lasciato davanti al Comune (Fonte: Facebook)
Le scarpe che la madre ha lasciato davanti al Comune (Fonte: Facebook)

A Casalmaiocco (Lodi) un bambino è stato tolto alla madre e trasferito in una comunità. La donna è stata attirata con l’inganno in Comune e prima ancora che gli ufficiali le leggessero il provvedimento, con il quale le veniva annunciato che il figlio sarebbe stato portato via, degli agenti in borghese provvedevano a prelevare il bambino sotto gli occhi sconvolti di una amica della donna.

Nel provvedimento non si fa riferimento né a situazioni di violenza o maltrattamenti né a una non idoneità della donna a fare la madre. Il Tribunale ha preso questa decisione dopo che il padre del piccolo, lamentando che la donna non gli consentisse dal 2017 di vedere il figlio, ha presentato un’istanza.

Al di là di quelle che possono essere le motivazioni, a essere discutibili sono soprattutto le modalità con le quali questo bambino è stato portato via. Modalità che per un piccolo di appena 9 anni saranno state traumatizzanti.

Dopo la pubblicazione della nostra intervista alla madre, l’avvocato del padre, Claudio Pini, ha voluto spiegare a Fanpage.it quella che è la posizione del suo assistito in questa intricata vicenda.

Avvocato, perché il suo assistito ha presentato un'istanza contro la sua ex compagna? 

Il padre non vedeva il figlio dal 2017.  La sua ex compagna, quando si sono lasciati, gli aveva promesso che quando se ne sarebbe andato di casa non lo avrebbe più rivisto.

Perché? Per quale motivo?

Non si conosce la reale motivazione. Lei ha sempre affermato che il mio assistito fosse un padre maltrattante tanto che lo aveva denunciato. L’uomo ha affrontato un procedimento penale al Tribunale di Bergamo dove poi è stato assolto con formula piena per non aver commesso il fatto.

Il giudice ha ritenuto poi di mandare gli atti della testimonianza della donna alla Procura per verificare che non vi fosse una ipotesi di falsa testimonianza processuale.

Perché si è arrivati al punto di toglierle il figlio? 

Le possibilità che sono state date a questa donna sono diverse. Dopo che si sono lasciati è stato emesso un provvedimento di affidamento condiviso con domicilio presso la madre e la possibilità per il padre di frequentarlo.

Lei però non lo ha mai consentito. Il bambino ha sviluppato un'acredine nei suoi confronti, ma immotivata perché in quattro anni non ci sono mai state frequentazioni considerato che non sono mai state consentite.

Però per togliere un bambino a una madre non ci devono essere motivazioni molto gravi?

Lei ha escluso il padre e questa è la motivazione: nessuna frequentazione con il padre è stata più possibile. Se il papà doveva andare a prenderlo all’asilo, lei andava un’ora prima cosicché il padre non lo trovasse. Il padre non ha mai chiesto che il piccolo venisse trasferito in una comunità: una consulenza tecnica, dopo diversi anni di prove, ha stabilito che il bambino dovesse essere allontanato da questo nucleo familiare per non avere in futuro delle ripercussioni psicopatologiche.

Per il consulente, il piccolo deve frequentare il padre, ma questo non accadrà mai considerato che la madre non lo consente. Per il padre si aprono due strade: o rinuncia al figlio o continua a lottare come vuole ancora fare.

Al di là delle motivazioni, il problema sono le modalità con le quali il piccolo è stato portato via. Le ritenete corrette? 

Le è stato spiegato tanto volte che avrebbe dovuto consentire al padre di vedere il figlio, lei si è sempre rifiutata. Noi diverse volte abbiamo fatto presente al tribunale che i provvedimenti non venivano rispettati.

Il trauma causato da questo allontanamento, come sostiene la madre, poteva essere evitato centinaia di volte. Il Tribunale, visto che non vi era collaborazione, ha dovuto dare un ordine preciso e quindi poi dare mandato di esecuzione.

L’esecuzione di questo provvedimento è stato fatto per tutelare il bambino. Il Tribunale, ancora prima di darne esecuzione, aveva creato un provvedimento a scalare: sostanzialmente bisognava portare il bambino in un servizio diurno, che il piccolo avrebbe frequentato nel pomeriggio, e dove avrebbe incontrato il padre.

Alla sera sarebbe poi tornato a casa. Se lei avesse adempiuto a questo tipo di percorso, il tribunale non l’avrebbe mai messo in comunità: lei sosteneva che il bambino non ci volesse andare perché affermava che il bambino ricordasse i maltrattamenti del padre.

Il bambino viveva con il papà in simbiosi fino ai 4 anni. Adesso ne ha 9 e sono cinque anni che non vede il padre. Non ci sono referti medici che attestino i maltrattamenti, ma solo la denuncia della madre dalla quale è stato assolto.

Da quando il bambino è in comunità, ha visto il padre? 

No. Condividiamo la scelta dei servizi sociali che ritengono che il piccolo debba prima prendere familiarità con questo nuovo ambiente. Dopodiché inizierà a frequentare la madre, poi toccherà al padre. Il papà gli ha già portato delle cose: regali, vestiti e altro.

Inoltre la madre sostiene che il padre non abbia mai riconosciuto il mantenimento per il figlio. Non è vero: il papà lo ha pagato tutti i mesi con regolarità. Nell’ultimo provvedimento provvisorio, prima di quello definitivo, lo ha sospeso, perché prevedendo un trasferimento in una struttura semi-residenziale, il tribunale avrebbe chiesto di versare un contributo alla struttura.

Per questo motivo è stato sospeso, ma è una cosa di 3-4 mesi fa. In questi anni ha sempre pagato il mantenimento.

6.396 CONDIVISIONI
Valentina Giunta uccisa dal figlio 15enne perché voleva allontanarlo dal padre
Valentina Giunta uccisa dal figlio 15enne perché voleva allontanarlo dal padre
2.027 di Videonews
Kharkiv, padre non lascia la mano del figlio 13enne ucciso in strada
Kharkiv, padre non lascia la mano del figlio 13enne ucciso in strada
1.394 di Videonews
Alessia Pifferi è passata da Milano mentre la figlia moriva ma non è andata a casa per vedere come stesse
Alessia Pifferi è passata da Milano mentre la figlia moriva ma non è andata a casa per vedere come stesse
Blocca il treno Alta velocità con il freno d'emergenza, scende e lancia sassi contro le auto sulla A1
Blocca il treno Alta velocità con il freno d'emergenza, scende e lancia sassi contro le auto sulla A1
Lancio di sassi sulla A1, quante e quali sono le macchine coinvolte
milano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni