132 CONDIVISIONI
29 Settembre 2021
7:58

Operai uccisi dall’azoto in ospedale, disposta l’autopsia sui corpi di Emanuele e Jagdeep

È stata disposta l’autopsia sui corpi di Emanuele Zanin, 46 anni, e Jagdeep Singh, 42, i due operai investiti e uccisi ieri all’Humanitas di Pieve Emanuele da una fuoriuscita di azoto. Sul caso sta indagando la Procura che ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di omicidio colposo al momento a carico di ignoti.
A cura di Filippo M. Capra
132 CONDIVISIONI
Emanuele Zanin e Jagdeep Singh
Emanuele Zanin e Jagdeep Singh

Il giorno dopo l'incidente all'ospedale Humanitas di Pieve Emanuele, in provincia di Milano, è ancora grande lo sgomento del mondo del lavoro, rimasto orfano di altri suoi due operai. Jagdeep Singh ed Emanuele Zanin, di 42 e 46 anni, sono morti per una fuoriuscita di azoto dal serbatoio nel quale stavano lavorando all'interno del deposito del materiale chimico del nosocomio. Per loro, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. Vani i tentativi di rianimarli, all'arrivo dei soccorritori i due operai erano già morti.

Disposta l'autopsia sui corpi di Emanuele e Jagdeep

A differenza di quanto creduto all'inizio, i due non sono stati investiti dall'onda di azoto liquido, quindi non sono morti congelati. Al contrario, una volta che i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l'area predisponendo gli spazi all'accessibilità degli investigatori, il medico legale incaricato ha parlato di verosimile intossicazione d'azoto quale causa principale del decesso. Il dottore non ha parlato né scritto di ustioni sul corpo dei due. Probabilmente, spiegano fonti specializzate, Emanuele e Jagdeep sono morti senza rendersi conto del pericolo che stavano correndo.

L'azoto è infatti un gas incolore e inodore difficile da notare se sprigionato nell'aria circostante. La Procura nel frattempo ha aperto un fascicolo per l'ipotesi di reato di omicidio colposo, al momento a carico di ignoti. Gli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero Tiziana Siciliano, stanno indagando per capire come possa essersi verificato l'accaduto. Uno sfiato del serbatoio, per ora, l'ipotesi più accreditata. Intanto è stata disposta l'autopsia sui cadaveri dei due operai per accertare le effettive cause del decesso. I risultati si avranno nei prossimi giorni.

132 CONDIVISIONI
L'autopsia dirà cosa ha ucciso Francesca Schizzi, la 40enne di Casalmaggiore trovata morta in casa
L'autopsia dirà cosa ha ucciso Francesca Schizzi, la 40enne di Casalmaggiore trovata morta in casa
Morti due detenuti in carcere a distanza di pochi giorni, l'ipotesi: abuso di psicofarmaci
Morti due detenuti in carcere a distanza di pochi giorni, l'ipotesi: abuso di psicofarmaci
Operaio di un'azienda tessile si sente male al lavoro: muore dopo l'arrivo in ospedale
Operaio di un'azienda tessile si sente male al lavoro: muore dopo l'arrivo in ospedale
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni