Giacomo Sartori, 30enne scomparso a Milano
15 Ottobre 2021
9:17

Morte di Giacomo Sartori, il generale Garofano: “Tantissimi suicidi si sono poi dimostrati altro”

“Fa bene la Procura a fare accertamenti. Tantissimi suicidi si sono poi dimostrati altro”: a dirlo a Fanpage.it è Luciano Garofano, Generale dei carabinieri in congedo e per diverso tempo a capo dei Ris di Parma, relativamente al caso di Giacomo Sartori. Il ragazzo di 30 anni, scomparso da Milano, è stato trovato impiccato: sul caso indaga la Procura di Pavia che ha voluto approfondire alcune “anomalie”.
A cura di Ilaria Quattrone
Il generale dei Carabinieri in congedo, Luciano Garofano (Archivio LaPresse)
Il generale dei Carabinieri in congedo, Luciano Garofano (Archivio LaPresse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Giacomo Sartori, 30enne scomparso a Milano

"Tantissimi suicidi si sono poi dimostrati altro". Così il generale dei carabinieri in congedo Luciano Garofano, per anni a capo dei Ris di Parma, commenta a Fanpage.it il caso di Giacomo Sartori, il giovane di 30 anni scomparso da Milano dopo aver subito un furto e il cui corpo senza vita è stato trovato impiccato a un albero. La Procura di Pavia ha deciso per il momento di non archiviare il caso come suicidio poiché esisterebbero alcune anomalie che meritano ulteriori accertamenti.

Il Generale: Fa bene la Procura a indagare e approfondire

"Fa bene la Procura a indagare e ad approfondire. Un omicidio ben organizzato apparentemente può sembrare suicidio. Un esempio è il caso di Valentina Salomone: inizialmente – continua il generale – si pensava fosse un gesto volontario. Poi dagli accertamenti è emerso che si trattava di un omicidio, per il quale al momento è stato condannato in Appello, quindi non ancora definitivamente, l'ex amante". Sul caso Sartori il procuratore Mario Venditti ha spiegato a Fanpage.it che solo quando saranno completati gli accertamenti "si valuterà se confermare l'ipotesi del suicidio".

Le anomalie del caso Sartori

Le indagini della Procura si stanno concentrando sugli spostamenti di Giacomo e sul tempo intercorso tra la scomparsa e il ritrovamento del corpo. L'auto, ritrovata alcuni giorni dopo la sparizione, aveva i sedili abbassati che lasciano pensare che qualcuno possa avere dormito lì. L'ipotesi è che quindi il giovane possa aver trascorso almeno una o due notti. Un'altra anomalia è data dalle condizioni dei vestiti: "Erano puliti e intonsi nonostante si sia arrampicato sull'albero". Infine l'auto è stata trovata due giorni prima che venisse trovato il corpo nonostante questo si trovasse a pochi metri dal veicolo: "Un'altra anomalia è che nessuno abbia notato il corpo del giovane". Solo lo zaino sottratto quel venerdì sera potrà fornire spiegazioni sul caso Sartori: "Non è ancora stato rivenuto – ha spiegato il pm a Fanpage.it – e qualcosa potrebbe esserci nel computer che si trovava all'interno dello zaino".

Giacomo Sartori, si va verso l'archiviazione per suicidio: gli ultimi misteri custoditi nel cellulare
Giacomo Sartori, si va verso l'archiviazione per suicidio: gli ultimi misteri custoditi nel cellulare
Morte Giacomo Sartori, il messaggio della famiglia dopo i funerali: "Grazie a chi ci è stato vicino"
Morte Giacomo Sartori, il messaggio della famiglia dopo i funerali: "Grazie a chi ci è stato vicino"
Morte di Giacomo Sartori, il caso non è chiuso: si cercano ancora pc e zaino
Morte di Giacomo Sartori, il caso non è chiuso: si cercano ancora pc e zaino
No green pass a Milano, inizia la protesta in Piazza Duomo: manifestanti bloccati e identificati
No green pass a Milano, inizia la protesta in Piazza Duomo: manifestanti bloccati e identificati
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni