Giacomo Sartori, 30enne scomparso a Milano
11 Ottobre 2021
8:34

Morte Giacomo Sartori, il messaggio della famiglia dopo i funerali: “Grazie a chi ci è stato vicino”

A qualche giorno dai funerali di Giacomo Sartori viene reso pubblico il messaggio di ringraziamento della famiglia del 30enne trovato impiccato in provincia di Pavia: “Grazie a tutte quelle persone che in vari modi hanno fatto sentire la loro presenza e vicinanza con parole d’affetto e stima”. In tanti infatti lo scorso 2 ottobre hanno partecipato ai funerali. Oggi invece continuano le indagini della Procura di Pavia per capire quanto accaduto.
A cura di Giorgia Venturini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Giacomo Sartori, 30enne scomparso a Milano

"Grazie a tutte quelle persone che in vari modi hanno fatto sentire la loro presenza e vicinanza con parole d'affetto e stima". Così la famiglia di Giacomo Sartori ringrazia amici e parenti che hanno partecipato al funerale. Affidano queste parole a un messaggio scritto dall'agenzia funebre che scrive così: la famiglia ringrazia "dal profondo del cuore le tante persone che in vari modi hanno fatto sentire la loro presenza esprimendo parole d’affetto e stima". E ancora: "La loro vicinanza ha contribuito a lenire il grande vuoto di questi giorni. Un grazie particolare al sindaco ed a tutta l’amministrazione del Comune di Borgo Valbelluna, alla polizia locale, ai carabinieri, ai carabinieri in congedo ed ai volontari della protezione Civile". I funerali del 30enne, scomparso il 18 settembre a Milano e trovato morto impiccato una settimana dopo nel Pavese, si sono tenuti lo scorso 2 ottobre nella chiesa di Santa Maria Annuciata a Mel, frazione di Borgo Valbelluna, cittadina di origine di Giacomo Sartori. Tantissimi i cittadini che avevano preso parte all'ultimo saluto.

Ancora aperte le indagini sulla morte di Sartori

Il caso di Giacomo Sartori però sembra non essere concluso definitivamente. I risultati dell'autopsia confermerebbero l'ipotesi del suicidio, ma le indagini della Procura di Pavia, coordinate dal procuratore Mario Venditti, sembrano ancora aperte. A convincere gli inquirenti ad andare avanti con le indagini sarebbero alcune anomalie: prima tra tutte il lasso di tempo intercorso tra la scomparsa, il 18 settembre a Milano, e il ritrovamento, il 24 settembre a pochi passi da un agriturismo di Casorate Primo. "Quando completeremo gli approfondimenti – spiega a Fanpage.it il procuratore Venditti – si valuterà se confermare l'ipotesi del suicidio". Dagli accertamenti sull'auto di Sartori trovata il giorno prima del corpo del 30enne sembrerebbe che almeno una o due notti Giacomo potrebbe aver dormito in auto, come lascia pensare la posizione dei sedili. E poi c'è sempre quello zaino di Sartori con computer aziendale rubato e mai più trovato dalla sera della scomparsa. Le ultime possibilità per capire cosa è successo e cosa ha spinto il 30enne a commettere un gesto simile sono infatti affidate a quello zaino e a quel computer il cui furto potrebbe aver scosso Giacomo.

Morte Giacomo Sartori, non ci sono segni di violenza sul corpo: "Si è suicidato"
Morte Giacomo Sartori, non ci sono segni di violenza sul corpo: "Si è suicidato"
Giacomo Sartori, si va verso l'archiviazione per suicidio: gli ultimi misteri custoditi nel cellulare
Giacomo Sartori, si va verso l'archiviazione per suicidio: gli ultimi misteri custoditi nel cellulare
Morte di Giacomo Sartori, il generale Garofano: "Tantissimi suicidi si sono poi dimostrati altro"
Morte di Giacomo Sartori, il generale Garofano: "Tantissimi suicidi si sono poi dimostrati altro"
Vaiolo delle scimmie in Lombardia, cosa sappiamo finora dei presunti casi
Vaiolo delle scimmie in Lombardia, cosa sappiamo finora dei presunti casi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni