Ha molestato, palpeggiandola nelle parti intime, una ragazza di 24 anni che stava aspettando il bus vicino all'ospedale San Paolo, a Milano. Il responsabile del grave gesto, un ragazzo di 23 anni, è stato però arrestato anche grazie alla coraggiosa reazione della sua vittima, che non si è lasciata terrorizzare dalla paura. Il nuovo episodio di violenza sessuale nel capoluogo lombardo, ancora scosso dopo l'aggressione in pieno giorno ai danni di una donna al Parco Monte Stella, è avvenuto nella notte tra ieri e oggi in via San Vigilio, proprio di fronte all'ospedale San Paolo. Stando a quanto riporta la testata "Milanotoday", la vittima è una giovane cittadina ucraina che stava aspettando l'autobus alla fermata. L'aggressore, un cittadino marocchino con precedenti e irregolare, le si è avvicinato alle spalle e ha iniziato a molestarla, toccandola nelle parti intime con violenza.

L'intervento di due vigilantes, poi l'arresto: il 23enne è in carcere

La ragazza, comprensibilmente spaventata e sorpresa per l'aggressione improvvisa, ha trovato il coraggio e la prontezza di reagire e di gridare per attirare l'attenzione di qualche passante e chiedere aiuto. Le sue urla sono state fortunatamente sentite da alcune guardie giurate che erano in zona, e che si sono subito precipitate verso la fermata dell'autobus. I vigilantes sono riusciti a bloccare l'aggressore e lo hanno tenuto fermo in attesa dell'arrivo della polizia, che nel frattempo era stata avvertita. Una pattuglia delle volanti della questura è giunta sul posto e ha arrestato l'aggressore, che adesso si trova in carcere: deve rispondere di violenza sessuale.