Una delle immagini dell’area dello Scalo di Porta Romana
in foto: Una delle immagini dell’area dello Scalo di Porta Romana

Aggiudicato lo scalo di Porta Romana a Milano: con un'offerta di 180 milioni di euro il Gruppo Fs Italiane assegna la gara ai tre gruppi Coima, Covivio e Prada. L'area ospiterà il Villaggio Olimpico per i giochi invernali di Milano-Cortina 2026. All'interno della struttura infatti saranno ospitati gli atleti olimpici e paraolimpici. Al termine dei giochi invernali – come si legge in una nota stampa di Fs Italiane – gli spazi si trasformeranno in residenze universitarie che come spiegato dal sindaco Giuseppe Sala in un video su Facebook: "Saranno assoggettate alle regole dell'edilizia convenzionata e sociale e cioè saranno costruzioni con affitti bassi".

Iniziati i lavori di rimozione della ferrovia

In poco più di nove mesi alla gara hanno partecipato circa venti operatori italiani e internazionali del settore e in sette hanno fatto offerte non vincolanti. Nei prossimi mesi – fa sapere il gruppo Fs – si svolgerà un altro concorso internazionale per la pianificazione urbanistica dell'intera area. Intanto il gruppo sta procedendo con: la rimozione della ferrovia dismessa, la progettazione dello spostamento della linea con il parziale semi interramento e con la ricostruzione di una nuova stazione ferroviaria. L'obiettivo è quello di concludere i lavori prima dell'inizio delle Olimpiadi: "Con orgoglio possiamo dichiarare – afferma nella nota stampa l'amministratore delegato del gruppo Fs Italiane Gianfranco Battisti – che si tratta di uno dei più importanti interventi di rigenerazione urbana, in un ambito di città già in fase di forte evoluzione, che sarà di impulso e speranza per il futuro”.

Sala: Spero si proseguirà con gli altri, a partire dallo Scalo Farini

La riqualificazione dell'ex scalo rientra nel progetto "Scali Milano". Alla base del piano c'è la rigenerazione urbana della città che riguarderà il capoluogo lombardo nei prossimi venti anni. Nel 2017, il gruppo Fs ha infatti firmato un accordo con il comune di Milano e Regione Lombardia che mira a riqualificare i sette ex scali ferroviari della città con la creazione soprattutto di spazi verdi e di aggregazione per i cittadini. Sempre il sindaco Sala ha affermato: "L'aggiudicazione dello Scalo di Porta Romana è molto positiva perché è un atto di fiducia di questa società rispetto al futuro della nostra città. Quello di Porta Romana è il primo scalo a far parte del progetto di rigenerazione, spero si proseguirà con tutti gli altri a partire dallo Scalo Farini".