Alcuni frame del video girato subito dopo l’esplosione (Fanpage.it)
in foto: Alcuni frame del video girato subito dopo l’esplosione (Fanpage.it)

Urla disperate provengono dalla palazzina dove è appena avvenuta una violenta esplosione: siamo a Milano in piazzale Libia, zona porta Romana. In un video girato pochi secondo dopo da una passante si sente in maniera nitida un uomo gridare e lamentarsi mentre le fiamme invadono il piano terra della palazzina dove c'è stata la deflagrazione. Subito dopo si vedono alcune persone tentare di entrare nel palazzo per prestare i primi soccorsi mentre c'è chi bloccato all'interno dello stabile cerca aiuto e chiede di uscire.

Stabile inagibile e inquilini alloggiati altrove

Intanto il palazzo al termine delle operazioni di spegnimento delle fiamme da parte dei vigili del fuoco è stato sottoposto a controllo da parte delle autorità competenti ed è stato dichiarato inagibile. Gli inquilini dei 37 appartamenti presenti nel condominio sono stati così accolti in altre strutture come comunicato dall'assessore alla Sicurezza e vicesindaco del comune di Milano Anna Scavuzzo: "Dopo diverse interlocuzioni con le famiglie e grazie alla collaborazione con l’amministrazione del condominio, siamo riusciti a trovare soluzioni adeguate alle 23 persone che ne hanno fatto richiesta. In totale erano 49 le persone presenti al momento dell’esplosione all’interno del palazzo, che normalmente ne ospita 54 nei 37 appartamenti tutti inagibili – ha spiegato – ringrazio tutti gli operatori che si sono immediatamente attivati per permettere un pronto intervento a supporto delle famiglie coinvolte dall’esplosione di questa mattina in piazzale Libia".

Ancora gravi le condizioni del 30enne ferito nell'esplosione

Mentre permangono critiche le condizioni dell'uomo, un 30enne di nazionalità ucraina, rimasto gravemente ferito nell'esplosione, si sta tentando di ricostruire l'accaduto e soprattutto chiarire cosa abbia causato da deflagrazione. Altri sette condomini sono stati ricoverati presso diverse strutture ospedaliere cittadine: due persone in codice giallo al Policlinico, e quattro in codice verde al Fatebenefratelli, alla Mangiagalli e al San Paolo (due). La Protezione civile era presente con otto squadre, un posto di comando avanzato, un polisoccorso e una vettura di coordinamento. Inoltre, dai rilievi della Polizia locale di Milano, sul posto con 2 ufficiali e 4 pattuglie per ausilio viabilistico e per i rilievi dei veicoli in sosta, sono risultati interessati e danneggiati 9 moto, 8 auto e 1 monopattino elettrico.