40 CONDIVISIONI

“Materassi nelle pozzanghere e bagni sudici”: il video del Cpr di Milano, sotto inchiesta della Procura

Alcuni trattenuti del Centro di permanenza per il rimpatrio di via Corelli a Milano hanno girato nuove immagini sulle condizioni in cui versa il Cpr, al centro di un’inchiesta della procura del capoluogo meneghino.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Ilaria Quattrone
40 CONDIVISIONI
Immagine

Nei giorni scorsi è emersa la notizia di un'inchiesta della Procura di Milano sulla società La Martinina srl, vincitrice dell'appalto sulla gestione del Centro di permanenza per il rimpatrio di via Corelli a Milano. Sulla base di quanto ricostruito dagli inquirenti, la società avrebbe presentato alcuni "documenti contraffatti e prodotto firme false" per aggiudicarsi l'appalto, che ha poi vinto il 10 ottobre 2022.

Il nuovo video sulle condizioni del Cpr di Milano

Gli investigatori hanno inoltre scoperto come i diritti delle persone trattenute all'interno della struttura non siano rispettati. E infatti il cibo è spesso scadente, le condizioni igieniche sono carenti e non vengono garantite le prestazioni sanitarie. A dimostrazione di ciò, c'è un ulteriore video inviato alla redazione di Fanpage.it: nelle immagini si nota come ci sia sporcizia all'interno della struttura e che nei cortili, allagati a causa della pioggia, vengano lasciati materassi.

"Guarda i materassi dove sono buttati. Guarda, fuori nel cortile. Non puliscono neanche", dice uno dei trattenuti che mostra poi le condizioni dei bagni con docce arrugginite, pareti rovinate e i lavandini dai quali esce giusto un filo d'acqua.

Immagine

Anche chi aveva effettuato un sopralluogo nel Centro per conto della Procura, aveva documentano come "la pulizia lasciava a desiderare: i bagni erano in condizioni vergognose e le camerate sporche. L'unica pulizia che veniva fatta era per le parti comuni e anche un po' all'acqua di rose".

L'Ente gestore aveva stipulato convenzioni e protocolli falsi

Gli investigatori hanno poi scoperto che, per ottenere l'appalto, l'Ente gestore aveva fornito convenzioni e protocolli falsi con i quali promettevano una serie di diritti, che – come i filmati mostrano – non sono mai stati mantenuti: assistenza sanitaria, informazioni legali, attività ricreative, cibi biologici.

Immagine

In realtà, come più volte denunciato da Fanpage.it, non sono mai state garantite le corrette cure e la necessarie assistenza sanitaria. Anzi, molti trattenuti non hanno mai ricevuto visite sanitarie specialistiche "per mancanza di fondi". A questo si aggiunge l'assenza di un servizio psicologico e psichiatrico.

40 CONDIVISIONI
La Procura di Milano avrebbe un super testimone nell'inchiesta su Chiara Ferragni
La Procura di Milano avrebbe un super testimone nell'inchiesta su Chiara Ferragni
Migranti si spogliano e si sdraiano sull'asfalto sotto la pioggia: la protesta al Cpr di via Corelli
Migranti si spogliano e si sdraiano sull'asfalto sotto la pioggia: la protesta al Cpr di via Corelli
Chiara Ferragni indagata, chi sarebbe il super testimone della Procura di Milano
Chiara Ferragni indagata, chi sarebbe il super testimone della Procura di Milano
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni