74 CONDIVISIONI

Maltratta una bimba di 7 anni con disabilità: insegnante di sostegno condannata a un anno

Un’educatrice di una scuola elementare bresciana è stata condannata a un anno, con pena sospesa, per lesioni aggravate. La 34enne, secondo il Tribunale, avrebbe procurato diversi lividi a una bambina di 7 anni con disabilità.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Enrico Spaccini
74 CONDIVISIONI
Immagine

È stata condannata a un anno di reclusione, con pena sospesa, l'educatrice di 34 anni accusata di maltrattamenti aggravati a un'alunna affetta da autismo. I giudici del Tribunale di Brescia, presieduto da Roberto Spanò, l'ha assolta da questo capo d'imputazione "perché il fatto non sussiste", ritenendola invece colpevole di lesioni aggravate. I fatti risalgono all'aprile del 2022 e per quegli episodi il pm Alessio Bernardi aveva chiesto una condanna a 5 anni, mentre la difesa l'assoluzione della 34enne.

Le lesioni alla bambina registrate dalle telecamere

Le indagini erano scattate dopo la denuncia presentata dai genitori dell'alunna. Sul corpo della bambina, che all'epoca dei fatti aveva 7 anni, avevano trovato una serie di lividi. Non riuscendo a capire come se li fosse procurati, ne hanno parlato con i carabinieri che hanno poi aperto un fascicolo contro ignoti.

Su disposizione della Procura, gli investigatori hanno piazzato alcune telecamere nascoste nella scuola elementare della Bassa bresciana frequentata dalla piccola. Proprio una di queste, sostiene il pm Bernardi, ha catturato "scatti d'ira e violenti del tutto immotivati" da parte dell'educatrice a cui era stata affidata l'alunna e i filmati registrati il 27 e 28 aprile del 2022 costituivano "la prova regina" di quei comportamenti.

La richiesta di condanna a 5 anni e la tesi della difesa

Durante l'ultima udienza, la 34enne aveva depositato un memoriale nel quale aveva scritto di aver "sempre voluto bene" alla bambina dichiarandosi "innocente, non ho fatto niente di quello di cui vengo accusata". La difesa ha chiesto la sua assoluzione sostenendo che, qualora fosse stata riconosciuta autrice di quelle ferite, mancava l'abitualità della condotta, presupposto indispensabile per il reato di maltrattamenti.

Tuttavia, era stata la stessa bambina a indicare in modo descritto come "spontaneo" su una foto la sua educatrice quale presunta responsabile di "pizzicotti", tirate di capelli e strattoni vari. Così, i giudici l'hanno ritenuta colpevole di lesioni aggravate e hanno stabilito per la vittima un risarcimento di 10mila euro. I genitori, invece, riceveranno 5mila euro a testa.

74 CONDIVISIONI
Violenta una donna che fa jogging in pieno giorno: 27enne condannato a 5 anni
Violenta una donna che fa jogging in pieno giorno: 27enne condannato a 5 anni
Ventunenne aggredito a sprangate da un uomo: condannato a 5 anni e mezzo
Ventunenne aggredito a sprangate da un uomo: condannato a 5 anni e mezzo
Molestata e perseguitata per cinque anni, dopo sei denunce viene condannato: sconterà tre anni di carcere
Molestata e perseguitata per cinque anni, dopo sei denunce viene condannato: sconterà tre anni di carcere
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views