427 CONDIVISIONI
18 Agosto 2022
13:45

Lui ha pagato i genitori per sposarla, lei si rifiuta: 22enne accoltellata a Milano

L’uomo che ha accoltellato una 22enne in stazione centrale ha ammesso alla Polizia di averla ferita perché ha comprato dalla famiglia il diritto di sposarla, ma lei si rifiuta.
427 CONDIVISIONI
Foto di repertorio
Foto di repertorio

L'accoltellamento è avvenuto in pieno centro a Milano, nella giornata di mercoledì 17 agosto. Ma solo oggi gli agenti della Questura sono riusciti a ricostruire le inaccettabili motivazione di questo ennesimo caso di violenza contro una donna.

L'accoltellamento a Milano

Nei pressi della stazione centrale, in piazza della Repubblica, i due stavano litigando in strada intorno alle 8 di mattina. A un certo punto lui ha estratto un coltello e ha colpito la giovane donna al torace.

La 22enne è stata subito trasferita all'ospedale Fatebenefratelli di Milano per essere operata d'urgenza, in quanto la lama di oltre 10 centimetri aveva perforato un polmone. Fortunatamente l'intervento chirurgico è andato a buon fine e ora la ragazza è fuori pericolo.

L'aggressore, invece, ha tentato di fuggire, ma in poco tempo è stato rintracciato dagli agenti di Polizia e portato in Questura, dove ha raccontato le inaccettabili motivazioni della lite.

"Ho pagato per sposarla"

L'uomo, un cittadino eritreo di 36 anni, incensurato e con regolare permesso di soggiorno in Europa, incastrato dalle telecamere di sorveglianza e dalla testimonianza di alcuni passanti non ha potuto negare di essere l'aggressore della 22enne, che peraltro conosceva benissimo.

Secondo il suo racconto, infatti, i due avrebbero dovuto sposarsi in quanto lui, in Eritrea, aveva pagato la famiglia di lei per assicurarsi il diritto a quel matrimonio. Soltanto che la giovane donna non voleva sottostare a questa decisione familiare.

La lita, da cui è scaturita la coltellata, affonda quindi le radici in un'antica diatriba fra i due: dove lui rivendica di aver acquistato il suo amore o almeno la sua obbedienza e lei, giustamente, il suo diritto a scegliere della propria vita.

Per questo la ragazza era a Milano e non in Germania, dove lui vive e lavora, ma purtroppo è stata rintracciata anche qui. Fortunatamente ora saranno le autorità italiane a prendersi cura della giovane.

427 CONDIVISIONI
Bimbo di tre anni scivola in piscina e muore, i genitori erano a Milano per preparare il loro matrimonio
Bimbo di tre anni scivola in piscina e muore, i genitori erano a Milano per preparare il loro matrimonio
Record di multe a Milano, 52 sanzioni in 90 giorni.
Record di multe a Milano, 52 sanzioni in 90 giorni. "Tutte per l'Area C"
Spaccia al cinema all'aperto e nasconde i soldi sotto il letto dei genitori
Spaccia al cinema all'aperto e nasconde i soldi sotto il letto dei genitori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni