L'obiettivo del Governo è stato annunciato dal ministro Speranza: presto tutta l'Italia deve diventare zona gialla. Dunque, anche la Lombardia, che fino allo scorso 29 novembre era ancora in zona rossa, potrebbe vedere ulteriormente allentarsi le misure restrittive per limitare la diffusione del contagio da Coronavirus. Il principale dubbio, al momento, riguarda la data.

Lombardia in zona gialla a partire dall'11 dicembre

Secondo il Dpcm con cui il Governo ha suddiviso lo Stivale in tre zone differenti (gialla, arancione e rossa), ogni regione deve trascorrere almeno 14 giorni in una specifica area di criticità prima di potersi veder ridurre i divieti. Per questo motivo, secondo informazioni raccolte da Fanpage.it, la regione governata da Fontana dovrebbe diventare zona gialla a partire dal prossimo 11 dicembre. Ciò comporterebbe il mantenimento delle restrizioni da zona arancione anche per il Ponte di Sant'Ambrogio e dell'Immacolata del 7 e dell'8 dicembre. Una decisione presa con un solo obiettivo: non concedere, immediatamente, ai cittadini lombardi di potersi spostare da un comune all'altro liberamente o di ritrovarsi, complice anche il freddo, in luoghi chiusi come bar e ristoranti, evitando dunque situazioni che potrebbero provocare un brusco innalzamento della curva epidemiologica.

In che modo la Lombardia può diventare zona gialla

Per far sì che il Ministero della Salute approvi la richiesta della Lombardia, servirà che i dati sul contagio, e i relativi 21 indicatori considerati dall'Istituto superiore di sanità, rispettino i parametri prestabiliti. Occorrerà, dunque, che il numero dei contagi continui progressivamente a calare, così come quello dei ricoveri in ospedale e in terapia intensiva. Anche l'indice di contagio Rt dovrà diminuire ancora, mentre per quanto riguarda il dato sui decessi – è già stato annunciato – sarà l'ultimo ad avere una flessione significativa.