"Dovrei vaccinarmi contro l'influenza ma il vaccino non c'è, almeno qui in Lombardia non c'è, ma vedo che ci sono lamentele un po' dappertutto". Anche Silvio Garattini, luminare della medicina, presidente e fondatore dell'Istituto di Ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, denuncia le difficoltà nel reperire il vaccino antinfluenzale che in Lombardia sta arrivando a rilento. Nonostante le rassicurazioni del governatore Fontana, pare che manchino anche per chi, come gli anziani e gli operatori sanitari, rientra nelle fasce da proteggere che, secondo il piano regionale, avrebbero dovuto ricevere l'immunizzazione a fine ottobre.

Vaccini antinfluenzali introvabili in Lombardia: la denuncia di Garattini

"Mi vaccino ogni anno contro l'influenza – ha precisato Garattini parlando ad Agorà su Rai3- ma quest'anno non si trova la dose. Il mio medico di medicina generale non la ha a disposizione e quindi non me la può somministrare. È facile fare affermazioni e dire ‘fate questo', ma l'organizzazione deve permettere che si faccia quello che si dice, altrimenti si crea sfiducia nella popolazione. E questa è la cosa più grave che possa accadere".

La testimonianza del luminare dell'Istituto Mario Negri

Dopo le numerose segnalazioni da parte di medici e pazienti, a portare alla luce i problemi che la Lombardia sta attraversando nel reperire il vaccino (che quest'anno è ritenuto ancora più importante del solito per la concomitanza dell'influenza stagionale con l'epidemia di Coronavirus), questa volta è un riconosciuto esperto di medicina.  Due anni fa, in occasione dei suoi 90 anni, Garattini ha ricevuto proprio dal governatore lombardo Attilio Fontana una benemerenza per i meriti medico-scientifici riconosciuti a livello internazionale e l’impegno instancabile nello sviluppo della ricerca farmacologica.