(LaPresse)
in foto: (LaPresse)

Il segretario generale del Ministero della Salute Giuseppe Ruocco è in Procura a Bergamo dove verrà ascoltato dai pubblici ministeri che stanno indagando sulla gestione dell'epidemia da Coronavirus ad Alzano Lombardo e in tutta la provincia bergamasca. Il segretario generale della Salute è stato convocato in quanto persona informata sui fatti per fornire un chiarimento sul mancato aggiornamento del piano pandemico nazionale.

Ruocco ascoltato in Procura a Bergamo

Questo, stando a quanto ricostruito sinora, non ha subìto mutamenti da circa tre anni, e alcuni documenti sarebbero stati aggiornati solo tramite una sorta di copia-incolla di precedenti modifiche risalenti però al 2006. I pubblici ministeri vogliono inoltre capire se esistesse un'eventuale procedura da seguire, così da formulare accuse consone e ricostruire le responsabilità riguardante la gestione dell'ospedale di Alzano dopo la scoperta dei primi casi Covid datati 23 febbraio 2020, ovvero due giorni dopo la scoperta di quello che si pensava fosse il paziente 1 italiano, Mattia Maestri, a Codogno, nel Lodigiano. "Il piano in vigore era quello del 2006, almeno questo è ciò che ci è stato dichiarato", ha sostenuto il procuratore aggiunto di Bergamo Cristina Rota al termine dell'audizione, mentre il segretario Ruocco ha dichiarato che ha "contribuito a fare chiarezza. Ho risposto alle domande e ho dato tutte le informazioni che erano in mio possesso".

Cinque indagati per epidemia colposa e falso

Per il momento, sono cinque gli indagati per epidemia colposa e falso. Tra loro anche l'ex direttore generale della sanità lombarda Luigi Caiazzo. All'interrogatorio di Ruocco, presente anche il virologo Andrea Crisanti, consulente della Procura che, entrando nel palazzo, ha dichiarato che la sua consulenza "sarà depositata tra 40 giorni". Dopo il segretario generale del Ministero della Salute, nei prossimi giorni la Procura convocherà altri dirigenti sempre in quanto persone informate sui fatti.