102 CONDIVISIONI
Ilaria Salis detenuta in Ungheria

“Dobbiamo fare di tutto per liberarla, non è un cane al guinzaglio”: parla la zia di Ilaria Salis

“Ilaria è un’idealista. Non merita di essere trattata come un cane”. A parlare a Fanpage.it è Carla Rovelli, zia di Ilaria Salis: la 39enne è reclusa da 11 mesi nel carcere di Budapest con l’accusa di aver partecipato all’aggressione di alcuni militanti neofascisti.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesca Del Boca
102 CONDIVISIONI
Carla Rovelli, zia di Ilaria Salis
Carla Rovelli, zia di Ilaria Salis
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ilaria Salis detenuta in Ungheria

(Con Chiara Daffini)

"Ilaria è un'idealista, crede in un mondo diverso. Non merita di essere trattata come un cane al guinzaglio". A parlare a Fanpage.it è Carla Rovelli, zia di Ilaria Salis: la 39enne milanese è reclusa da 11 mesi nel carcere di Budapest con l'accusa di aver partecipato all'aggressione di alcuni militanti neofascisti durante "La Giornata dell'Onore" nel febbraio 2023.

La storia della maestra italiana carcerata a Budapest è diventata un caso internazionale dopo essere apparsa in tribunale in catene, durante la prima udienza del processo che la vede accusata insieme al 23enne Gabriele Marchesi. Già da tempo, però, la famiglia aveva denunciato le condizioni disumane in cui Ilaria Salis si trova detenuta ormai da quasi un anno.

Ilaria Salis
Ilaria Salis

Tra di loro c'è anche la zia Carla, che vive a Cagliari e fino al giorno dell'arresto era in contatto con la nipote lontana. "Le ho mandato un messaggio di auguri di compleanno e non mi ha risposto. Mi è sembrato molto strano", racconta. "Mi rispondeva sempre, ci sentivamo spesso. Poi ho saputo. Mio fratello all'inizio non mi aveva detto niente, non voleva farmi soffrire. La madre è distrutta, da mesi vive nel dolore".

"Ilaria è intelligentissima, laureata in Lettere antiche e impegnata nel sociale. Una ragazza che si fa amare da tutti, sempre dalla parte del più debole. Calma, gentile", continua il racconto. "Mi dispiace che la dipingano come non è. Non conoscono l'interiorità di questa ragazza, non sanno la sua storia. Certamente ha dei valori, è contro i fascisti".

E lancia un vero e proprio appello. "Dobbiamo fare di tutto per liberarla. Non se lo merita, non è un cane da tenere al guinzaglio. Non è un animale".

102 CONDIVISIONI
44 contenuti su questa storia
"Ilaria Salis muori": scritte e svastiche di fronte l'ambasciata di Ungheria a Roma
"Ilaria Salis muori": scritte e svastiche di fronte l'ambasciata di Ungheria a Roma
Ungheria insiste: "Ilaria Salis non è una vittima, la gente è stata quasi uccisa da gruppi di sinistra"
Ungheria insiste: "Ilaria Salis non è una vittima, la gente è stata quasi uccisa da gruppi di sinistra"
"Io tumulata viva, segregata in un mondo alieno": le lettere di Ilaria Salis dal carcere in Ungheria
"Io tumulata viva, segregata in un mondo alieno": le lettere di Ilaria Salis dal carcere in Ungheria
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views