In occasione della Giornata della Memoria, le attività del Memoriale della Shoah saranno per la prima volta in digitale. Da mercoledì 27 e fino al 31 gennaio sarà possibile partecipare – come riportato in una nota stampa – alle presentazioni di libri, convegni e altri momenti dedicati. Per farlo basterà accedere ai canali Instagram, Facebook e YouTube.

Una visita gratuita al Memoriale della Shoah

Si inizierà mercoledì 27 gennaio: dalle 8 del mattino sarà possibile fare una visita gratuita e digitale al Memoriale della Shoah. Per farlo basterà accedere alla pagina Facebook della Fondazione. Subito dopo trenta guide risponderanno alle domande e alle curiosità degli utenti. E infine in serata ci sarà il concerto di commemorazione "Note per la Shoah" con le musiche di Ennio Morricone che andrà in onda sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Conservatorio di Milano e sulla pagina Facebook dell'Associazione Figli della Shoah. Martedì 26 dicembre si potrà assistere digitalmente – sempre sulla pagina Facebook del Memoriale – alla presentazione del libro "La sola colpa di essere nati" di Gherardo Colombo e Liliana Segre dove l'autrice dialogherà con Francesco Filippi.

Jarach: Quest'anno entreranno ancora più persone

La senatrice Segre offrirà una testimonianza – sempre online – domenica 31 gennaio alle 11.30. Durante l'evento saranno presente anche il presidente del Memoriale della Shoah di Milano Roberto Jarach, il fondatore della comunità di Sant'Egidio Andrea Riccardi, il Rabbino Capo di Milano Rav Alfonso Arbib, l'Arcivescovo monsignor Mario Delpini, il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale Mauro Palma. Nello stesso giorno, sempre la senatrice Segre parteciperà all'intitolazione di una delle Stanze delle Testimonianze a Nedo Fiano, testimone degli orrori della Shoah. Tra gli altri eventi da non perdere c'è la mostra "Muselmann": un omaggio al professore di pittura Aldo Carpi deportato a Mauthausen.  “Sono ormai diversi mesi che all’interno del Memoriale risuona un silenzio assordante e sarà difficile e straniante non vedere all’ingresso quelle migliaia di cittadini che ogni anno, in questi giorni, onorano il significato della Memoria – afferma il presidente Jarach –. Allo stesso tempo, in quest’anno così complesso ci viene data la grande opportunità di far entrare, seppur virtualmente, ancora più persone in questo luogo unico al mondo: milanesi, certo, ma anche studenti e persone di altre città, o addirittura di altri Paesi".