11 Giugno 2021
8:33

Fermata banda che vendeva documenti falsi ai foreign fighters: tra i clienti l’attentatore di Vienna

La polizia di Milano ha eseguito questa mattina sette arresti, tutti membri di una banda che produceva documenti falsi ai foreign fighters. Tra i loro clienti c’era anche Kujtim Fejzulai, il ragazzo di venti anni ucciso dalla polizia nel centro della capitale austriaca dove la notte del 3 novembre ha sparato contro cittadini inermi provocando 4 morti e 22 feriti.
A cura di Giorgia Venturini

Tra i clienti della banda di sette cittadini dell'Est Europa specializzata nella fabbricazione di documenti falsi c'era anche l'attentatore di Vienna, Kujtim Fejzulai. Lo ha rivelato un'operazione dalla polizia di Milano che ha portato all'arresto questa mattina di sette persone accusate di far parte di un'organizzazione transnazionale attiva nel traffico di documenti falsi: sarebbero un migliaio i falsi passaporti e carte d'identità consegnante nelle mani dei foreign fighters e che avrebbe permesso loro di spostarsi da un Paese all'altro. Esattamente come era successo per Kujtim Fejzulai, il ragazzo di venti anni ucciso dalla polizia nel centro della capitale austriaca dove, armato di fucile e pistola, ha sparato la notte del 3 novembre contro cittadini inermi provocando 4 morti e 22 feriti. L'attentato era stato condannato precedentemente a 22 mesi di reclusione nell'aprile 2019 come simpatizzante dell'Isis: in Turchia infatti era stato bloccato dalle autorità locali e gli era stato impedito di attraversare il confine con la Siria e infine rimandato in Austria dove era stato processato. Poi l'uscita dal carcere e lo spostamento per il Paese grazie forse proprio a quei documenti falsi avuti dalla banda di Milano.

Gli arrestati gestivano i loro affari a Milano

I sette appartenenti all'organizzazione transnazionale sono tutti originari dell'Est Europa ma i loro affari li gestivano a Milano: gli arresti sono arrivati dopo un'inchiesta condotta dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo della Procura di Milano e condotta dalla Digos in collaborazione con la Direzione centrale della polizia di prevenzione. Le indagini nascono dagli approfondimenti avviati in seguito all'operazione antiterrorismo delle forze di polizia austriache che hanno svelato come la banda specializzata nei documenti falsi era perfettamente incastrata nel circuito del terrorismo internazionale. Fino agli arresti della polizia di Milano di oggi venerdì 11 giugno.

Ottiene il reddito di cittadinanza coi documenti falsi. Ma aveva precedenti per lesioni e ricettazione
Ottiene il reddito di cittadinanza coi documenti falsi. Ma aveva precedenti per lesioni e ricettazione
Sub travolto da corrente durante immersione, rimane aggrappato per un'ora a un pilone: salvato
Sub travolto da corrente durante immersione, rimane aggrappato per un'ora a un pilone: salvato
Concesio, scoppia un incendio in un'azienda che lavora plastica: "Tenete porte e finestre chiuse"
Concesio, scoppia un incendio in un'azienda che lavora plastica: "Tenete porte e finestre chiuse"
covid, l'epidemiologo La Vecchia: "picco dei casi in settimana"
L'esperto della Statale di Milano: "Non bisogna essere pessimisti, i dati sono buoni, ma bisogna anche essere cauti nelle previsioni".
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni