25 Novembre 2022
13:37

Deve scontare i domiciliari ma non sopporta più la madre: evade e si fa arrestare

Un 34enne si è fatto arrestare pur di non restare in quella casa con la madre. Doveva scontare i domiciliari, ma ha preferito evadere violando gli obblighi della misura alternativa al carcere.
A cura di Enrico Spaccini
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Non è il primo e non sarà di certo l'ultimo che cercherà in tutti i modi di scampare agli arresti domiciliari a causa di tensioni in casa e a preferire una cella di un carcere. Questa volta è accaduto a un 34enne che stava scontando la propria pena in un appartamento di piazza Garibaldi, nel quartiere Baggio di Milano. Il giovane, come riportato dalla Questura, avrebbe chiamato diverse volte prima di evadere e autodenunciarsi.

Il 34enne non intendeva più restare in quella casa

Sarebbero almeno tre le chiamate che ha effettuato alla centrale operativa della Questura milanese. Al telefono ha provato a spiegare che non intendeva più restare in quell'abitazione con la madre. Probabilmente avevano litigato, magari in più occasioni, e questa volta non ne poteva più.

Da via Fatebenefratelli, a loro volta, gli hanno ribadito che non c'era altra soluzione per lui che rimanere in casa. Altrimenti, se fosse uscito senza un permesso, sarebbero scattate le manette. A quanto pare, però, la situazione era arrivata ormai allo stremo.

La quarta chiamata e l'arresto

Dopo diversi minuti che non si faceva sentire, il 34enne ha effettuato una quarta chiamata alla Questura. In quest'ultima ha finalmente detto di essere evaso, violando così gli obblighi della misura alternativa al carcere. A quel punto, però, gli agenti dell'Ufficio prevenzione generale non hanno avuto altra scelta: sono partiti e, una volta raggiunto, lo hanno arrestato.

Per oggi, 25 novembre, è previsto un nuovo processo per direttissima. La speranza del 34enne è che l'evasione gli porti a un inasprimento della pena tale che il giudice alla fine possa decidere di mandarlo in cella e non ancora una volta a casa.

Colpi di kalashnikov contro la vetrina di uno studio medico, si pensa a un atto intimidatorio
Colpi di kalashnikov contro la vetrina di uno studio medico, si pensa a un atto intimidatorio
Travolto sulle piste da uno sciatore che poi è scappato, la sorella:
Travolto sulle piste da uno sciatore che poi è scappato, la sorella: "Aiutatemi a rintracciarlo"
Cinque donne drogate e violentate, la Procura chiede un nuovo processo per Omar Confalonieri
Cinque donne drogate e violentate, la Procura chiede un nuovo processo per Omar Confalonieri
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni