Il bollettino di mercoledì 2 dicembre, con gli aggiornamenti sulla diffusione del Coronavirus in Lombardia. Stando a quanto comunicato da Regione Lombardia, i nuovi casi positivi sono 3.425 su 36.077 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore, per una percentuale di positività del 9,4%. Ieri il dato era stato di 4.048 nuovi contagi su 34.811 tamponi. In totale dall'inizio della pandemia in Lombardia sono stati eseguiti 4.143.566 tamponi. Ancora alto il dato giornaliero sui decessi: sono stati 175 nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 249), per un totale dall'inizio della pandemia di 22.279 morti ufficiali nella sola Lombardia.

La situazione negli ospedali lombardi

I dati relativi a ricoveri in ospedale e in terapia intensiva, utili per monitorare l'andamento dell'epidemia, descrivono una situazione più stabile rispetto alle scorse settimane. Nelle ultime 24 ore il numero dei ricoveri in ospedale è diminuito di 120 unità, portando il totale a 7.222 (ieri erano 7.342). In calo anche i ricoveri nei reparti di terapia intensiva: 21 in meno nelle ultime 24 ore (ieri il saldo tra nuovi ingressi e dimissioni era di 30 ricoveri in meno), per un totale di 855. Continua a crescere il numero dei guariti/dimessi, ora arrivato a 274.189: sono 5.487 le persone che sono riuscite a superare la malattia nelle ultime 24 ore.

Il contagio nelle province

Per quanto riguarda le province lombarde, sono 1.109 i nuovi contagi di Coronavirus registrati in provincia di Milano. Sono 244 i nuovi positivi nella provincia di Monza e Brianza, 362 in quella di Varese, 303 in provincia di Brescia, 316 in quella di Como e 187 in provincia di Pavia. La provincia di Bergamo ha registrato 130 nuovi contagi, mentre sono 53 quelli a Lecco, 55 nella provincia di Lodi, 126 in quella di Cremona, 192 nella provincia di Sondrio e infine 265 a Mantova.

Vaccini anti Covid, Gallera: Campagna di massa da febbraio-marzo

Intanto la Lombardia inizia a preparare il piano per le vaccinazioni anti Covid. "Stiamo già pensando a come organizzare una vaccinazione di massa da febbraio-marzo, per tutti i cittadini, probabilmente in maniera scaglionata", ha detto l'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, intervenendo su Rainews24. "Ci stiamo organizzando in stretta connessione con il governo, abbiamo individuato 66 luoghi dove verrà stoccato il vaccino, è chiaro che le prime dosi saranno per i sanitari e per le Rsa", ha aggiunto. La Regione sta "acquistando anche dei furgoni con dei frigoriferi interni per poter portare le dosi di vaccino nelle Rsa, per inocularlo agli ospiti e agli operatori".