video suggerito
video suggerito

Chi erano Brad Rossi e Richard Busnelli, morti nell’incidente sulla Tangenziale Nord di Milano

Brad Rossi e Richard Busnelli sono i due ragazzi morti in un incidente stradale lungo la Tangenziale Nord e precisamente nei pressi di Pero (Milano) e in direzione Torino. Avevano 29 e 27 anni: si trovavano sull’auto che si è scontrata con un camion. Gravissimi gli altri due passeggeri.
A cura di Ilaria Quattrone
1.181 CONDIVISIONI
Immagine

Nella giornata di oggi, venerdì 7 giugno, due ragazzi sono morti in un incidente stradale lungo la Tangenziale Nord e precisamente nei pressi di Pero (Milano) e in direzione Torino. Le vittime si chiamavano Brad Rossi e Richard Busnelli. Entrambi si trovavano su un'automobile, una Volkswagen Maggiolino, insieme ad altri due ragazzi di venti e 18 anni, che sono invece ricoverati in gravissime condizioni all'Ospedale San Gerardo di Monza. I quattro stavano andando a lavoro.

Stando a quanto ricostruito fino a questo momento, qualche minuto prima delle 6 del mattino l'automobile si è scontrata con un camion tra le gallerie Cerchiarello. Gli investigatori della polizia stradale stanno svolgendo tutti i rilievi del caso per ricostruire l'esatta dinamica della vicenda. Attualmente l'ipotesi più accreditata è che sia stata l'automobile a impattare contro il camion. Entrambe hanno poi terminato la corso all'esterno del tunnel: l'automobile alla fine si è ribaltata.

Immagine

Rossi e Busnelli si trovavano al volante dell'automobile e sul sedile posteriore lato passeggero: entrambi, purtroppo, sono morti sul colpo. I loro corpi sono stati estratti dalle lamiere dai vigili del fuoco di Sesto San Giovanni. I medici e i paramedici del 118, inviati dall'Agenzia regionale emergenza urgenza della Lombardia (Areu) con due ambulanze, un'automedicha e un elicottero, non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso.

Gli altri due, invece, sono stati trasferiti in codice rosso all'ospedale Niguarda e all'ospedale San Carlo. Entrambi sono in gravissime condizioni e in pericolo di vita. Nelle prossime ore si potranno avere maggiori aggiornamenti sulle loro condizioni.

1.181 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views