8 Ottobre 2021
10:39

Caso Ziliani, analisi dei Ris sulle scarpe e i jeans trovati nei boschi: si cercano nuove tracce

I carabinieri del Ris per cercheranno di capire se le scarpe e i jeans ritrovati subito dopo la scomparsa di Laura Ziliani, avvenuta l’8 maggio scorso a Temù (Brescia), appartengono o meno alla 56enne. Tutti e tre sarebbero, secondo le indagini della Procura, stati messi lì dalle due figlie e dal fidanzato della maggiore che al momento si trovano in carcere con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere.
A cura di Ilaria Quattrone

Nuove analisi dei carabinieri del Ris per cercare di capire se le scarpe e i jeans ritrovati subito dopo la scomparsa di Laura Ziliani, avvenuta l'8 maggio scorso a Temù (Brescia), appartengano o meno alla 56enne. Il cadavere della donna è stato ritrovato l'8 agosto: sul suo corpo sono stati trovati brandelli di quelli che, come riporta l'ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice per le indagini preliminari Alessandra Sabatucci, erano indumenti da notte. E proprio quei jeans, l'ultimo capo di abbigliamento trovato, non erano mai stati visti prima dal compagno dell'ex vigilessa che ha inoltre raccontato agli inquirenti che Laura non era solita uscire in jeans per fare un'escursione.

Il ritrovamento delle scarpe

La prima scarpa viene ritrovata il 23 maggio quando ormai le ricerche erano state sospese: la figlia Silvia – che attualmente si trova in carcere con Paola accusate, insieme al fidanzato della prima, di aver ucciso la madre e nascosto il cadavere – afferma essere della donna. Qualche giorno dopo viene ritrovata la seconda scarpa. Dall'ordinanza di custodia cautelare emerge che un residente di Temù aveva visto due ragazzi vicino agli alberi in cui è stata trovata la calzatura. I due con fare furtivo si sono presto allontanati. L'uomo è così entrato lì dove aveva visto il ragazzo uscire e ha trovato la seconda scarpa. Dirà poi che la giovane era una delle figlie di Ziliani e riconoscerà, attraverso una foto mostrata dai carabinieri, Mirto Milani.

I jeans strappati alle ginocchia

A inizio giugno, nel torrente Fiumeclo, vengono poi trovati i jeans strappati alle ginocchia. Anche quelli le figlie affermano appartenere alla madre. Qualche giorno prima però il trio viene intercettato e, prima ancora di trovare i pantaloni, Paola parlava del torrente Fiumeclo. Dalle celle telefoniche è emerso che, ogni volta che veniva trovato un capo d'abbigliamento, i tre partivano da Brescia e arrivano a Temù.

Omicidio Laura Ziliani, i jeans trovati nel fiume sono la prova del depistaggio delle figlie
Omicidio Laura Ziliani, i jeans trovati nel fiume sono la prova del depistaggio delle figlie
Caso Ziliani, un'affittuaria: "Dopo scomparsa, una delle figlie si presentò come nuova proprietaria"
Caso Ziliani, un'affittuaria: "Dopo scomparsa, una delle figlie si presentò come nuova proprietaria"
Caso Ziliani, un testimone: "Dopo la scomparsa di Laura la mamma di Mirto cercava affittuari"
Caso Ziliani, un testimone: "Dopo la scomparsa di Laura la mamma di Mirto cercava affittuari"
L'assessore Maran: "Con i fondi europei ci sarà la svolta per le case popolari a Milano"
Pierfrancesco Maran è l'assessore alla Casa: quali saranno le sfide del suo mandato tra case popolari e caro affitti per il ceto medio?
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni