"Mi sono stancata di non poter vedere i miei amici, me ne vado". Hanno lasciato un messaggio ai loro genitori e sono scappate, perché non volevano più restare chiuse in casa in lockdown senza poter incontrare i loro amici. Due ragazze comasche di 14 anni, amiche e compagne di scuola, sono scomparse da casa per alcune ore perché esasperate per la zona rossa.

Due ragazze di 14 anni scappate di casa nel Comasco

La fuga delle due giovanissime, secondo quanto riportato questa mattina dal quotidiano La Provincia di Como, è iniziata martedì ed è durata poco più di 24 ore. Sono stati i due papà delle ragazzine a scoprire la loro fuga, grazie ai messaggi lasciati da loro. Il primo, tornando a casa per pranzo, ha trovato sul computer della figlia un messaggio di spiegazione: "Mi sono stancata di non poter vedere i miei amici, me ne vado". Il secondo genitore è stato avvisato direttamente con un messaggio via Messenger "Voglio vivere, abbi fiducia in me". Le famiglie hanno prima contattato amici e compagni di scuola e quindi nel pomeriggio, quando hanno capito che le ragazze non sarebbero tornate a casa, si sono rivolte ai carabinieri di Como e del comune dell'hinterland dove vivono.

Rintracciate dai carabinieri, volevano andare a Milano e in Liguria

In poche ore i carabinieri hanno rintracciato le due 14enni e le hanno portate a casa. Erano nella zona di Villa Guardia (Como), dove poco più tardi i militari le hanno trovate. Hanno raccontato che era loro intenzione andare a Milano e forse in Liguria, ma in realtà sono rimaste vicino a casa. Hanno anche raccontato di avere passato la notte in un parco pubblico, anche se probabilmente hanno dormito da qualche conoscente che non hanno poi voluto coinvolgere.