344 CONDIVISIONI
11 Giugno 2022
13:49

Anche con la Porsche in garage o in carcere, percepivano il reddito di cittadinanza: 43 indagati

Sono 43 le persone che hanno ricevuto l’avviso di chiusura delle indagini in un’inchiesta relativa all’ottenimento indebito del reddito di cittadinanza.
A cura di Ilaria Quattrone
344 CONDIVISIONI

In carcere, con la Porsche parcheggiata in garage o ancora con una condanna per associazione per delinquere di stampo mafioso: sono 43 le persone che, in questi giorni, hanno ricevuto l'avviso di conclusione di indagine per l'inchiesta relativa a una truffa ai danni dello Stato perpetrata ottenendo indebitamente il Reddito di cittadinanza. In base alle indagini condotte dalla Guardia di Finanza avrebbero causato un danno di circa cinquecentomila euro. Avrebbero infatti percepito assegni che vanno tra i cinquecento e gli ottocento euro mensili.

Le indagini partite da due persone condannate per mafia

Inizialmente l'inchiesta, coordinata dal pubblico ministero Donato Greco, era partita dall'approfondimento delle posizioni fiscali di due persone condannate per mafia e che si trovano in carcere in provincia di Brescia. Da questa analisi, è emerso che i due percepivano il reddito di cittadinanza. Da quel momento, gli inquirenti hanno deciso di allargare l'inchiesta scoprendo poi che in molti lo percepivano nonostante fossero in carcere.

L'uomo che percepiva il reddito con il Porsche in garage

La Procura aveva individuato 117 persone: di queste, in sessantuno lo percepivano anche se in carcere o agli arresti domiciliari. Tra questi, uno di loro posto ai domiciliari con l'accusa di riciclaggio, lo percepiva pur avendo un Porsche Cayenne – pagato 65mila euro – parcheggiato in garage. Ovviamente a tutti loro è stato revocato il reddito e le somme sono state, in parte, recuperate. Il pm, dopo aver notificato l'avviso di chiusura delle indagini a 43 persone, è pronto a chiedere il rinvio a giudizio.

344 CONDIVISIONI
Perché le figlie di Laura Ziliani non si sono pentite nonostante abbiano confessato l'omicidio
Perché le figlie di Laura Ziliani non si sono pentite nonostante abbiano confessato l'omicidio
Bomba d'acqua nel Bresciano, esonda il torrente Re: le foto dei paesi distrutti dai detriti
Bomba d'acqua nel Bresciano, esonda il torrente Re: le foto dei paesi distrutti dai detriti
Violentata in piazza da un ragazzo conosciuto sul web: arrestato un 21enne
Violentata in piazza da un ragazzo conosciuto sul web: arrestato un 21enne
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni