5 Ottobre 2022
20:19

A processo lo stupratore in monopattino a Milano: si indaga su altre violenze

A processo con rito immediato il 21enne accusato di violenze sessuali su quattro donne: le seguiva con il monopattino e poi le assaltava alle spalle, nella zona compresa tra Porta Romana e via Ripamonti.
A cura di Francesca Del Boca

"Non ho ricordi precisi di quelle sere, perché bevevo e assumevo psicofarmaci". Ma, in ogni caso, "non mi sembra siano cose che potrei commettere io". 

A dichiararlo è il 21enne accusato di violenze sessuali su quattro donne, che seguiva con il monopattino e poi assaltava alle spalle nella zona compresa tra Porta Romana e via Ripamonti. In arrivo, per lui, il processo con rito immediato: la prima udienza è fissata per il 20 dicembre prossimo.

Almeno un altro caso imputato al giovane

Continuano intanto le indagini, sempre coordinate dalla Squadra mobile di Milano, per verificare se il 21enne abbia commesso anche altre violenze con lo stesso schema. Gli investigatori, confrontando alcuni oggetti sequestrati come zaino, vestiti e il monopattino rosso, e le immagini di telecamere di sorveglianza, avrebbero elementi per ritenere che almeno un altro caso potrebbe essere imputato al 21enne.

Il racconto delle vittime

Le puntava con il monopattino, e le pedinava senza farsi scoprire. Donne giovani (tra i 19 e i 33 anni) sole, di notte, sempre con il telefono in mano. Tenuto acceso spesso per telefonare al fidanzato o a qualche amica, per sentirsi più sicure durante il tragitto.

"Io ero paralizzata nel corpo, per fortuna ho avuto la prontezza di urlare. Mi ha buttata a terra e mi ha girata, con lui davanti", ha raccontato una delle vittime.

"È arrivato da dietro e mi ha spinta con veemenza, facendomi rovinare al suolo", le parole di un'altra. Tutte salve grazie all'intervento provvidenziale dei passanti, attratti dalle urla.

Trova il cadavere di un collega in cantiere: si indaga sulle cause della morte
Trova il cadavere di un collega in cantiere: si indaga sulle cause della morte
Abusò di una ragazza che
Abusò di una ragazza che "non urlò", il giudice lo manda a processo: "Silenzio non è consenso"
Diffuse la bufala su Fedez e J-Ax
Diffuse la bufala su Fedez e J-Ax "arrestati per droga": per il giudice l'autore deve andare a processo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni