44 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
La morte di Alexei Navalny

A Milano una manifestazione per ricordare Alex Navalny: oltre duecento persone in piazza

In piazza della Scala a Milano si è svolta una manifestazione in ricordo di Alex Navalny, il principale oppositore di Vladimir Putin morto in una colonia penale.
A cura di Ilaria Quattrone
44 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Ha collaborato Chiara Daffini

Nella giornata di oggi, lunedì 19 febbraio, si è svolta una manifestazione a Milano in ricordo di Alex Navalny,  principale oppositore russo del presidente Vladimir Putin morto alcuni giorni fa nella colonia penale nella Siberia del Nord. La commemorazione si è svolta in piazza La Scala e hanno partecipato le associazioni del Ponte Atlantico che riuniscono diverse organizzazioni di varie nazionalità, tra cui quella che rappresenta i russi liberi.

Hanno partecipato oltre duecento persone

Tra coloro che ne fa parte, c'è il Direttore del Museo della Brigata Ebraica Davide Romano: "Qui per dire che l'abbiamo ucciso un po' anche noi come occidentali perché non abbiamo guardato o non abbiamo voluto vedere il pericolo di Putin, da alcuni considerato un partner affidabile", ha detto.

Immagine

"Purtroppo Navalny non sarà né l’ultimo, noi chiediamo che la via di Milano dove ora c’è il consolato russo venga dedicata a Navalny perché ci si ricordi delle nefandezze del governo russo”, ha inoltre detto. In totale hanno partecipato duecento persone. Tra coloro che hanno aderito, ci sarebbero diverse forze politiche. Tra coloro che hanno aderito ci sono i consiglieri comunali di Milano.

È stata sospesa anche la riunione del consiglio comunale

Durante la commemorazione, infatti, si stava svolgendo una riunione del consiglio comunale. L'incontro è stato sospeso per permettere la partecipazione all'evento. Il ricordo si è poi concluso con un minuto di silenzio. I partecipanti hanno poi acceso i lumini che avevano portato con sé proprio per poter commemorare l'attivista morto.

44 CONDIVISIONI
48 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views