Nella giornata di ieri il Parlamento europeo, dopo un iter di lavoro durato quasi due anni, ha approvato a maggioranza una proposta di riforma del Regolamento di Dublino relativo all'accoglienza dei richiedenti asilo sul territorio europeo. In sostanza la proposta mira a eliminare il criterio del cosiddetto "primo ingresso", ovvero quella norma che prevede che a ospitare e valutare le richieste di protezione internazionale debba essere il Paese in cui i migranti approdano, dunque spesso Italia e Grecia. Il Movimento 5 Stelle ha votato contro la proposta di riforma e questo pomeriggio l'eurodeputata Laura Ferrara ha spiegato i motivi di questa decisione con un post pubblicato sul Blog di Beppe Grillo.

"Abbiamo sempre lottato al Parlamento europeo per una reale, forte e autentica solidarietà europea. I migranti che arrivano nel nostro Paese vogliono andare in Europa, quindi devono essere i Paesi membri a condividere equamente le responsabilità dell'accoglienza. La riforma del Regolamento di Dublino votata da Pd e Forza Italia non dice questo: c'è scritto che tutti i migranti economici devono restare in Italia. Stiamo parlando oltre 70.000 persone che devono essere rimpatriate, ma i rimpatri sono molto difficili visto che mancano gli accordi con la maggior parte dei Paesi di provenienza. Inoltre, ci sono troppi filtri che appesantiscono la procedura e mettono un peso eccessivo sugli Stati membri di primo arrivo", scrive l'eurodeputata pentastellata.

"Siamo stati i primi a denunciare il Regolamento di Dublino che ha trasformato l'Italia nel campo profughi d'Europa. E non saranno le promesse di qualche ricollocamento a farci cambiare idea. I dati parlano chiaro: il 71% dei migranti che dovevano lasciare l'Italia, secondo le promesse dell'Europa fatte due anni, non lo ha fatto. Continueremo a lottare per una riforma vera e non ipocrita del Regolamento di Dublino. Sull'immigrazione abbiamo già dato. Non possiamo accettare compromessi a trazione tedesca. Forza Italia, Pd e Lega-cagnolino stanno abbassandola la testa ai diktat della Merkel. A pagare non devono essere sempre e solo i cittadini italiani!", conclude Ferrara.

Questi sono i punti che di fatto vanificano la cancellazione del principio del Paese di primo ingresso

1) PRIMO FILTRO. Il primo filtro stabilisce che i migranti economici, a differenza dei rifugiati, rimarranno nel Paese di arrivo. Sarà solo l'Italia a farsene carico e saranno difficili i rimpatri visto che mancano gli accordi con la maggior parte dei Paesi di provenienza.

2) SECONDO FILTRO. Viene introdotto il filtro della sicurezza: anche in questo caso tutte le persone potenzialmente pericolose per la sicurezza pubblica restano nel Paese di primo ingresso. Non siamo contrari alle verifiche sulla sicurezza, ma siamo contrari al fatto che i Paesi di primo ingresso vengono lasciati da soli a gestire questi soggetti potenzialmente pericolosi.

3) PRIMO PAESE DI APPRODO SEMPRE RESPONSABILE. Nasce il criterio della responsabilità permanente. Con le vecchie regole uno Stato membro diventava competente se il richiedente vi aveva soggiornato per 1 anno anche se era sbarcato in un altro Paese, con la nuova revisione non sarà più così. L'Italia come Paese di primo approdo sarà permanentemente responsabile dei migranti arrivati. Altro che solidarietà!

4) RICOLLOCAMENTO SOLO DOPO LE VERIFICHE DEI DUE FILTRI.
 Il meccanismo di ricollocamento non è affatto automatico: scatterà dopo le procedure dei filtri sulla sicurezza e sulla domanda. Un richiedente asilo potrà, dunque, essere trasferito in un altro Paese dopo molti mesi dal suo arrivo e nel frattempo sarà sempre l'Italia a farsene carico.

5) PAESI POVERI PENALIZZATI. Fra i criteri per redistribuire i richiedenti asilo non c'è il tasso di disoccupazione: restano solo quelli del PIL e della popolazione. Questo significa che non si terrà conto delle difficoltà che hanno i Paesi con i livelli di disoccupazione più alti, come l'Italia e la Grecia. Così c'è il rischio di una "guerra fra poveri": da una parte i rifugiati che hanno riconosciuto il diritto a restare in Italia e dall'altra i disoccupati italiani che non trovano lavoro.

6) TEMPI LUNGHI PER I PAESI IN RITARDO.
 È concesso un periodo di 3 anni di transizione per gli Stati che sono in ritardo con l'applicazione delle procedure di accoglienza. Questi Paesi sono di fatto esonerati dal meccanismo della redistribuzione. Così facendo si legittima l'egoismo di alcuni Stati membri che si rifiutano di applicare norme comuni per il diritto di asilo e l'Italia continuerà in questi tre anni ad avere più migranti degli altri Paesi europei.