297 CONDIVISIONI
Terremoto in Centro Italia del 18 gennaio 2017
18 Gennaio 2017
10:30
AGGIORNATO25 Marzo

La terra trema ancora in Centro Italia, quattro forti scosse. Una vittima nel Teramano

297 CONDIVISIONI

La prima alle 10,25 di magnitudo 5,1, poi la seconda, ancora più violenta di 5,4. Quindi una terza altrettanto forte, l'ultima dopo le 14.30. Tutte sono state avvertite distintamente nelle zone colpite dai terremoti di agosto e ottobre, ma anche fino a Roma e a Firenze. Secondo l'INGV si è trattata delle serie di repliche più potente di sempre.

In evidenza
14:45

Quattro fortissime scosse di terremoto nel Centro Italia, almeno una vittima

Quattro forti scosse di terremoto superiori a magnitudo 5 nell’arco di un’ora dalle 10.25 alle 11.25 hanno nuovamente sconvolto il centro Italia, già pesantemente colpito dai due sismi di agosto e ottobre e dove in questi giorni è caduta moltissima neve (specie in Abruzzo e nelle Marche).

La prima scossa di terremoto di 5.4 gradi della scala Richter è stata avvertita intorno alle 10.25 ad una profondità di 9.2 chilometri, tra L'Aquila e Rieti, ancora vicino ad Amatrice. Il sisma, il cui epicentro è stato localizzato nella zona di Montereale (AQ) è stata sentita anche a Roma. Gli altri comuni vicini (entro 10 chilometri) sono Capitignano, Campotosto e Cagnano Amiterno. Poco meno di un'ora e una seconda scossa più forte scuote tutto il centro Italia di 5.4 di magnitudo. Una terza scossa è stata registrata alle 11:26. Alle 14.34 ancora una forte replica valutata 5.1 gradi della scala Richter (dati INGV).

Le scosse di oggi hanno provocato almeno una vittima: il cadavere di un anziano di 83 anni è stato recuperato dalle macerie della sua stalla crollata  a Castel Castagna (Teramo). E si temono altre vittime in un hotel a Rigopiano: “Purtroppo è accaduta una terribile tragedia sembrerebbe ci siano delle vittime, ma è tutto da confermare”, così il presidente della provincia di Pescara Antonio Di Marco riferendosi alla slavina si è abbattuta sull'Hotel Rigopiano. All'hotel Rigopiano di Farindola risultano presenti circa 20 persone più il personale. Ci sarebbe inoltre un disperso: si tratta di un uomo travolto da una slavina a Ortolano, frazione di Campotosto (L’Aquila).

Ad Amatrice è crollato ciò che restava del campanile della chiesa di Sant'Agostino. In area epicentro, crolli a Campotosto, Laringo e Poggio Cancelli.  Il premier Paolo Gentiloni ha chiesto al ministro Pinotti di rafforzare l'impegno dell'esercito nei luoghi interessati dal sisma. Molti i crolli. Scuole evacuate nella capitale e in molti centri dell'area interessata dalle scosse, domani istituti chiusi nelle Marche e a Perugia. A Rieti le scuole resteranno chiuse tutta la settimana.

Sono stati rintracciati e stanno bene tutti i 15 allevatori della zona di Arquata del Tronto con cui parenti e amici non erano più riusciti a mettersi in contatto dopo le scosse di stamane Lo conferma la Protezione civile regionale. Le ricerche sono state molto complicate per la neve, alta oltre 1 metro, che ostruisce le strade di accesso e dal pericolo di slavine.

"Malgrado sia ancora presto per sapere con esattezza quale sia stata la faglia (o le faglie) che ha generato tali terremoti, è probabile che ancora una volta si sia trattato di un fenomeno di ‘contagio sismico‘ tra faglie adiacenti, anche detto effetto ‘domino' o ‘a cascata'. A spiegarlo è Andrea Billi dell`istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Cnr (igag-cnr). "Tali terremoti saranno sicuramente seguiti nelle prossime ore da uno sciame di repliche sismiche la cui intensità è difficilmente prevedibile", conclude Billi.

A cura di Biagio Chiariello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Terremoto in Centro Italia del 18 gennaio 2017
18 Gennaio
23:30

Soccorso Alpino verso l'hotel Rigopiano: nell'albergo circa 20 ospiti più i dipendenti

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) – si legge in un comunicato – si sta dirigendo nel comune di Farindola in località Rigopiano per ricercare i dispersi sotto la valanga che si è abbattuta sull'omonimo albergo. “Testimoni sul posto in contatto con il Soccorso Alpino riferiscono che l'albergo era occupato da circa 20 ospiti ai quali si aggiungono i dipendenti in servizio. Secondo queste prime testimonianze, almeno tre persone sarebbero state travolte da neve e altro materiale trasportato dalla valanga. Il Soccorso Alpino sta intervenendo con quattro squadre provenienti dall'Abruzzo e dalle regioni limitrofe”, recita il comunicato.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
23:15

Soccorsi verso l’hotel Rigopiano, è in corso una bufera

“Stiamo salendo con la colonna Mobile dei soccorsi dietro la turbina della Provincia verso l'albergo di Rigopiano. Siamo una trentina fra vigili del fuoco e altri uomini delle forze dell'ordine. La strada è coperta da oltre due metri di neve, ed è in corso una bufera. Contiamo di arrivare nella zona della struttura alberghiera non prima di due ore. Sappiamo che c'è stata questa valanga, ma non sappiamo quale parte della struttura dell'albergo è stata investita dalla neve”, lo ha detto il sindaco di Farindola (Pescara) Ilario Lacchetta raggiunto telefonicamente  mentre procedeva lentamente verso la zona di Rigopiano di Farindola. Nella colonna dei soccorritori sono presenti elementi dei Soccorso Alpino di Penne, L'Aquila e Avezzano.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
22:51

Hotel Rigopiano, secondo testimoni ci sarebbero tre dispersi

Secondo testimoni della slavina che ha colpito l'hotel Rigopiano ci sarebbero tre dispersi. Lo riferiscono i soccorritori che stanno cercando di raggiungere con gli sci la struttura. La valanga sarebbe venuta giù in un tratto boschivo e per questo particolarmente violenta e avrebbe investito auto, bestiame e parte dell'hotel. Secondo quanto appreso dal Soccorso Alpino, alcune persone presenti nell'albergo sarebbero scese a valle per dare l'allarme contattando la polizia provinciale e parlando dei dispersi.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
22:48

Messaggio di un cliente dell’hotel a soccorritori: “Persone intrappolate nella struttura”

 Al di fuori dell'Hotel Rigopiano ci sarebbero due persone che avrebbero avuto contatti sia con il 118 che con i soccorritori. Uno di questi avrebbe inviato un sms a un soccorritore per rassicurarlo delle sue condizioni e per parlare di macerie. Via whatsapp un altro cliente avrebbe confermato al 118 di Pescara che dentro la struttura, lesionata, ci sarebbero delle persone intrappolate, ma di non essere in grado di dire le loro condizioni. I testimoni hanno parlato di una valanga che si sarebbe staccata dalla montagna e avrebbe travolto parzialmente l'hotel Rigopiano.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
22:27

Soccorsi verso hotel Rigopiano partiti dopo chiamata di un ospite, devono percorrere 55 km

Sono partiti a seguito della chiamata attivata da un ospite dell'hotel i soccorsi diretti verso l'hotel Rigopiano che sarebbe stato investito da una slavina. I soccorsi – ha spiegato Roberto Cutraci, consigliere comunale di Farindola – sono partiti un paio di ore fa da Pescara e da Penne: in movimento ci sono gli uomini del soccorso alpino e dei carabinieri, partiti da Penne, quelli dei vigili del fuoco, partiti da Pescara. La distanza da percorrere è di 45 km da Pescara a Farindola e di altri 9 km da Farindola fino alla frazione di Rigopiano. , Considerata la situazione molto difficile a causa della neve non è escluso che ci vogliano altre 2 o 3 ore perché i soccorsi arrivino sul posto.

Situato a 1200 metri di quota l'hotel Rigopiano – Gran Sasso Resort di Farindola (Pescara) è ispirato all'estetismo di Gabriele d'Annunzio. È un hotel a quattro stelle situato in una posizione naturalistica privilegiata e dotato di molti comfort, tra i quali un centro benessere con piscina all'aperto e al chiuso. La struttura è utilizzata anche per convegni, congressi, seminari, corsi di formazione e workshop e offre tre sale polifunzionali – Dannunziana (30 posti), Duse (100 posti) e Il Piacere (150 posti) – munite delle più efficienti attrezzature.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
21:59

Governatore Abruzzo: “Verso l’hotel soccorsi a massima velocità”

“È vero. All'hotel Rigopiano di Farindola risultano presenti circa 20 persone più il personale, i soccorritori stanno andando sul posto con la massima celerità”, così ha confermato su Facebook rispondendo al commento di un utente il governatore dell'Abruzzo, Luciano D'Alfonso.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
21:16

Presidente Provincia Pescara: “Forse ci sono vittime in un hotel”

Il Presidente della provincia di Pescara Antonio Di Marco ha dato notizia della possibilità di presenza di vittime in un hotel in seguito a una slavina. “Purtroppo è accaduta una terribile tragedia sembrerebbe ci siano delle vittime, ma è tutto da confermare”, così il presidente della provincia di Pescara riferendosi alla slavina che si è abbattuta sull'Hotel Rigopiano. “A Rigopiano è in atto in queste ore una bufera di neve. Una turbina si sta recando sul posto, per liberare la strada di accesso alla zona dell'albergo, dietro la quale c'è la colonna mobile dei soccorsi. In albergo c'erano 20 ospiti”.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
21:05

Trentenne e 17enne salvati dai vigili, non mamma e bimbo

I Vigili del Fuoco hanno precisato via Twitter che le due persone salvate oggi a Castiglione Messer Raimondo, in provincia di Teramo, non sono una donna e il figlio come comunicato inizialmente ma una ragazza di trenta anni e un diciassette. I due sono stati affidati al 118 per il trasporto in ospedale.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
20:57

Gentiloni: "A Palazzo Chigi per interventi terremoto"

Il premier Paolo Gentiloni è rientrato a Roma dopo l'incontro di questa mattina con la cancelliera tedesca Angela Merkel. Lo ha comunicato su Twitter aggiungendo di seguire da Palazzo Chigi gli interventi per il terremoto che ha nuovamente colpito il Centro-Italia. "Impegno dello Stato a sostegno popolazioni colpite", scrive il premier.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
20:54

Scossa di magnitudo 4.3 alle 20.32

Una nuova scossa di terremoto di magnitudo 4.3 è stata registrata dall’Ingv nell’Aquilano alle ore 20.32.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
20:44

Ingv: le zone colpite dalla scossa di magnitudo 5.5

 
A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
20:05

Recuperato un cadavere sotto un edificio nel Teramano

Il cadavere di una persona è stato recuperato sotto le macerie di un edificio a Castel Castagna, in provincia di Teramo. Lo ha confermato la prefettura alla Protezione civile. A provocare il crollo sarebbe state le abbondanti nevicate e le scosse di terremoto di questa mattina. La vittima sarebbe un anziano di 83 anni rimasto sepolto sotto le macerie di una stalla.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
19:51

Sospese le ricerche del disperso sotto la slavina Campotosto

Sono state sospese le ricerche dell'uomo disperso sotto la slavina che si è staccata stamani sopra le case della frazione di Campotosto (L'Aquila). Lo fanno sapere i Carabinieri Forestali che sono in contatto con gli uomini del soccorso alpini della Gdf presenti nella frazione. La Guardia di Finanza ha picchettato il fronte della slavina ma non ha ancora trovato l'uomo: a guidarli c'è il fratello del disperso, che è stato testimone diretto dei fatti. Sul posto continua a nevicare e c'è difficoltà a giungere nella frazione.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
18:49

Il capo della Protezione civile Curcio: “Diverse zone isolate, evitare spostamenti”

“Diverse zone non sono state raggiunte, abbiamo contatti ma molte zone sono isolate. Il tutto reso più difficile dalla viabilità”, ha detto il Capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, parlando dalla Dicomac di Rieti per fare il punto sui danni del terremoto. Curcio ha però confermato che almeno per il momento non risultano vittime e che tutti i mezzi sono prioritariamente impegnati per i soccorsi. Il capo della Protezione civile ha anche lanciato un appello: quello di evitare gli spostamenti. “E chi si deve muovere – ha aggiunto  – lo faccia dopo essersi informato. Non si deve forzare ciò che non è forzabile”. Curcio ha detto anche che purtroppo continua l’ondata di maltempo: “Nelle prossime 24 e quindi nella nottata e nella giornata di domani la situazione maltempo resterà difficile, da domani sera e venerdì speriamo di poter contare in un miglioramento”. “C'è la difficoltà di operare, tutto è reso più difficile dalla viabilità complicata dalla neve”, ha detto ancora affermando di lavorare “al limite del proibitivo”. “Noi abbiamo riaperto tutte le possibilità di assistenza alla popolazione che avevamo ristretto. Regioni e sindaci hanno attivato percorsi di ricovero”, ha aggiunto Curcio.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
18:35

Si cerca una persona sotto slavina Campotosto: è un uomo di circa 60 anni

Ci sarebbe una persona sotto la slavina che si sarebbe staccata a causa delle scosse colpendo le case di Ortolano, frazione del comune di Campotosto (L'Aquila). Lo riferiscono fonti delle squadre di soccorso. Secondo quanto si è appreso, ad operare sono in particolare il soccorso alpino dell'Aquila e l'esercito, quest'ultimo impegnato nello sgombero delle strade. Secondo le informazioni fornite dai Carabinieri Forestali si tratterebbe di un uomo intorno ai 60 anni, uscito di corsa da casa dopo la prima scossa di questa mattina e finito sotto alla slavina insieme al fratello, soccorso subito dagli altri residenti. L'uomo invece è rimasto sotto a diversi metri di neve e sembra non ci siano più speranze.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
18:29

Poco dopo le 18 scossa di magnitudo 3.8

Una nuova scossa di magnitudo 3.8 è avvenuta nella zona Rieti alle 18.09 a una profondità di 11 chilometri. La scossa è stata avvertita distintamente ad Amatrice.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
18:23

Campotosto, allarme via Twitter: “Neve e scosse continue”

Le violentissime scosse di oggi hanno aggravato una situazione già molto critica a causa delle abbondanti nevicate dei giorni scorsi. Molti i centri minori e le frazioni rimasti praticamente bloccati a causa della neve. Una delle situazioni più difficili a Campotosto, piccolo comune in provincia dell'Aquila. “Questa è la nostra situazione: la neve tocca il tetto e scosse di continuo, aiuto”, è l'sos lanciato da twitter da un utente del social, @Black70Mamba, che spiega di abitare in uno dei Moduli abitativi provvisori (i cosiddetti Map) approntati nel post sisma dell'Aquila avvenuto nel 2009. Su Twitter sono apparse anche delle foto dove si vede appena il tetto dell'abitazione completamente sommersa dalla neve. “Abbiamo bisogno, continua a nevicare e tira un vento fortissimo, crea muri di neve, la gente è chiusa dentro”, è l’allarme lanciato dall’utente che con foto e video testimonia la situazione di isolamento. “Qualcuno è riuscito ad uscire dalla finestra e si sta aprendo un varco per la porta”, si legge ancora in un tweet in attesa, precisa l'utente, “del soccorso alpino che abbiamo chiamato stamattina”.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
18:14

Crolla tetto supermercato, salvato un dipendente

Un dipendente è rimasto intrappolato dal crollo del tetto di un supermercato della frazione Campetto di Penne. L'uomo, illeso, è stato soccorso dai vigili del fuoco anche se è sotto choc. Il supermercato era chiuso al momento del crollo. Il tetto del negozio non è l'unico crollato nell'area vestina: i Vvf spiegano che per colpa della neve sono caduti altri capannoni e coperture di stalle, ma tutto il bestiame è stato salvato.

A cura di Susanna Picone
18 Gennaio
17:52

Non solo terremoto. In Abruzzo molte persone sono ancora al buio e senza acqua

In Abruzzo l'emergenza è doppia. Oltre alle continue scosse, molte persone in queste ore sono ancora al buio in diverse zone della regione per l'emergenza neve. La situazione più grave in provincia di Chieti, dove il Sindaco di Orsogna (Chieti), Fabrizio Montepara, ha comunicato che al momento sono ancora 600 utenze le prive di energia elettrica. Tra queste anche la Casa di riposo locale. L’Enel ha pertanto promesso l’invio di un gruppo elettrogeno che dovrebbe appunto alimentare la zona della Casa di riposo. "Facciamo un pressante appello ai cittadini – afferma Montepara – affinché tolgano le auto dalle strade principali per consentire agli operatori di sgombrare la neve. Vada in giro in automobile solo chi ha urgenze reali, per cortesia, altrimenti diventa impossibile lavorare e consentire il ripristino della circolazione".

Ai sindaci di Orsogna, Guardiagrele, Filetto, San Martino sulla Marrucina, Casacanditella e Casoli la Sasi Spa, che gestisce il servizio idrico, ha comunicato che l’acqua sarà erogato solo per poche ore al giorno fino al ripristino della fornitura elettrica nelle stazioni di pompaggio. La difficile situazione in atto è gestita dal sindaco, dagli altri amministratori, uffici e operatori comunali in contatto di ora in ora con il Comitato della Protezione civile dell’Aquila, con la Prefettura di Chieti e con gli Uffici di Pescara dell’Enel.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
17:34

Presidente geologi Lazio: “Nelle prossime ore potrebbero esserci scosse di magnitudo 6.0”

"Lo sciame sismico non è affatto terminato, nelle prossime ore potrebbero essere attese manifestazioni sismiche di magnitudo anche superiore, dell’ordine dei 6.0, che già registrammo a Visso”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dal presidente dell’Ordine dei geologi del Lazio, Roberto Troncarelli. E aggiunge: “C’è un trend sismico importante, non possiamo escludere repliche importanti che superino le magnitudo di stamattina. Non è possibile dire che ciò avverrà, ma con altrettanta certezza è impossibile escluderlo”. "C’è una tendenza evolutiva in corso, con una focalizzazione di energia in quella zona" dice ancora Troncarelli.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
17:16

I vigili del fuoco salvano una persona isolata in casa ad Acquasanta

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
17:00

Il vice sindaco di Campotosto: "Siamo bloccati in casa come i topi"

"Sentiamo scosse in continuazione, ma siamo impossibilitati a uscire: siamo bloccati dentro casa, come i topi". Sono davvero drammatiche le parole del vice sindaco di Campotosto, Gaetana D’Alessio, che vive nella frazione di Mascioni, dove sono ospitate numerose persone anziane. "Da noi a Mascioni la situazione è critica – ammette – A Campotosto un po’ meglio perché le turbine partono da lì mentre qui c’è molta neve, ma la cosa più preoccupante è il terremoto". La donna ha un’attività, "sono volate bottiglie e bicchieri per terra, secondo me la magnitudo è molto più alta di quella comunicata perché neanche il 6 aprile 2009 era andata così – C’è gente che vive in strutture molto vetuste, in pietra. I telefoni sono saltati, l’elettricità non c’è, tra poco avremo anche bisogno dei medici perché senza riscaldamenti stiamo gelando".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
16:51

Salvati dai vigili due giovani, non mamma e figlio

Non sono mamma e figlio, come comunicato in un primo momento, le due persone salvate dai vigili del fuoco a Castiglione Messer Raimondo, in provincia di Teramo. Si tratta di una giovane e di un ragazzo che sono stati recuperati scavando tra la neve e le macerie della struttura che è crollata. Consegnati dai soccorritori al personale del 118 sarebbero stati trasportati all'ospedale di Atri. Le condizioni più serie sarebbero quelle della ragazza.

A precisarlo gli stessi Vigili del fuoco su Twitter.

Tramite Twitter i vigili del fuoco hanno comunicato le difficoltà per l'elitrasporto della mamma e del suo bambino: il soccorso e il trasporto in ospedale procedono dunque via terra.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
16:43

Nuova scossa di magnitudo 4.3 ad Amatrice

La scossa, di magnitudo 4.3, quindi inferiori alle quattro precedenti, tutte superiori ai 5 gradi della scala Richter, stata registrata dall'Ingv alle 16.16, con epicentro a due chilometri dal paese nel Reatino già duramente provato dagli scorsi eventi sismici, con una profondità di 10 chilometri.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
16:35

Coldiretti: "Crollate molte stalle, è strage di animali"

Nelle aree colpite dalla sciame sismico di queste ore molte bestie sono morte per il crollo delle stalle indebolite dal peso della neve, con molte strutture isolate dove non è possibile garantire l’alimentazione degli stessi animali. È l’allarme che arriva dal monitoraggio della Coldiretti nelle zone terremotate che, dopo le scosse di oggi, "evidenziano una nuova strage di animali in un territorio a prevalente economia agricola, con una significativa presenza di allevamenti di pecore e bovini molti dei quali costretti al freddo". "Si stima – sottolinea la Coldiretti – che appena il 15% delle strutture di protezione degli animali siano state completate fino ad ora e gli allevatori non sanno ancora dove ricoverare mucche, maiali e pecore, costretti al freddo, con il rischio di ammalarsi e morire, o nelle strutture pericolanti che stanno cedendo sotto il peso della neve e delle nuove scosse".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
16:24

Valanga sul Gran Sasso: forse persone isolate in albergo

Una valanga si è staccata da uno dei canaloni del Gran Sasso e ha raggiunto i bordi della località sciistica di Prati di Tivo, in provincia di Teramo, spingendosi fino all’ingresso di un residence. Lo rendono noto Provincia e Comune di Teramo. Non si segnalano feriti, ma Il il sindaco di Teramo Maurizio Brucchi,aggiunge di avere avuto segnalazione di alcune persone rimaste isolate in albergo. "Le cause della slavina sono dovute sia all’accumulo di neve sia alle scosse di terremoto" ha spiegato il responsabile del servizio prevenzione valanghe di Prati di Tivo, Maurizio Felice. Un’altra slavina è caduta nel centro di Ortolano, frazione di Campotosto (L’Aquila), e potrebbe aver coinvolto alcune persone. Sono in corso controlli da parte delle forze dell'ordine.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
16:03

Rintracciati tutti gli allevatori dispersi nelle Marche. Salvati anche gli ultimi tre

Sono stati rintracciati e sono in buone condizioni di salute i tre allevatori di Arquata del Tronto, nelle Marche, che mancavano ancora all’appello dopo le scosse di terremoto di stamani. A questo punto, fa sapere la Protezione civile regionale, nella zona, dove le comunicazioni sono difficoltose a causa della neve, non ci sono più persone date per disperse.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
15:54

L'allarme dell'INGV: "Non abbiamo mai visto una serie di repliche come quella di oggi"

"Non si è mai vista una serie di terremoti succedersi con queste modalità: la successione di quattro sismi di magnitudo superiore a 5 nell'arco di tre ore "è un fenomeno nuovo nella storia recente per le modalità con le quali si manifestato". Lo ha detto all'ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. "E' accaduto che siano avvenuti terremoti successivi in tempi ravvicinati, a volte a distanza di pochi secondi, com'era accaduto nel 1980 in Irpinia; altre volte con un intervallo di dieci ore: il concetto non cambia", ha detto ancora Amato. "Si sono viste più attivazioni progressive, purtroppo – ha aggiunto – non è chiaro il meccanismo che determina la variazione dei tempi".

 

Nel frattempo lo sciame sismico nell'aquilano non si ferma, come evidenziano i frequenti aggiornamenti dello stesso INGV.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
15:44

Sindaco di Teramo: "Ci sono stati crolli in diversi Comuni, la situazione è drammatica"

"Le violente scosse che si susseguono da stamani hanno provocato dei crolli, che ci segnalano con gente coinvolta, nelle frazioni di Rapino e Spiano, ma anche nei Comuni di Civitella, Valle Castellana, Bisenti, tutti isolati. Stiamo cercando di raggiungerli con personale e mezzi dell’Esercito". Lo dice il sindaco di Teramo Maurizio Brucchi che sta coordinando dalla centrale operativa le attività per la doppia emergenza neve e terremoto. Centrale operativa trasferita dalla Prefettura – evacuata per le scosse – al Parco della Scienza del Quartiere Gammarana. "C’è gente che ha paura ma non riesce a uscire dalle case per la neve; in alcuni casi muri di due metri. La situazione nel comune e in provincia di Teramo è drammatica". "In città non sappiamo quale sia la situazione, dei danni e di quanti hanno lasciato le case. Stiamo raccogliendo segnalazioni e nel frattempo approntando i centri di accoglienza: due in palestre, per oltre duecento posti, un terzo nella sede di Piano d’Accio dell’Università, per gli studenti residenti in città".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
15:31

Evacuata la sede del PD a Roma, ma Renzi è rimasto dentro

Il Nazareno, sede nazionale del Pd a Roma, è stato evacuato, a quanto si apprende, per precauzione nella tarda mattinata di oggi dopo le scosse di terremoto. Dipendenti e dirigenti hanno lasciato per circa un'ora il palazzo ma, spiegano fonti del partito, Matteo Renzi, oggi a Roma in vista di una riunione con i segretari regionali, ha preferito restare nel suo ufficio.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
15:23

Il sindaco di Camerino: "Ci hanno abbandonati a noi stessi"

"Ho chiesto e sollecitato con una lettera alla Soi di Macerata e al Dicomac l’intervento dell’esercito, ma non ho ottenuto risposta. Questa mattina ho chiesto al Comando provinciale dei vigili del fuoco di informarmi sulle operazioni messe in atto dopo le scosse del terremoto e non solo non ho avuto risposta ma ho dovuto chiamare i carabinieri perché la lettera venisse presa in consegna. Quindi non sono in condizione di dire se ci siano stati altri crolli, perché non sono stato informato". È la denuncia del sindaco di Camerino, Gianluca Pasqui.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
15:12

Il sindaco di Accumoli: "40 persone sono isolate, la situazione drammatica"

 
A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
15:10

Una donna incinta salvata dall'esercito ad Amatrice

Una donna incinta è stata soccorsa poco fa dal Genio dell’Esercito a Nommisci, una delle frazioni di Amatrice, colpite dal sisma e attualmente isolata dalla neve. La donna ora sta bene e si trova sotto osservazione presso una della strutture sanitarie provvisorie allestite nel comune già duramente segnato dal terremoto di agosto e da quello di ottobre. Nella stessa frazione, i militari hanno raggiunto anche un’anziana che non riusciva a lasciare la propria casa, sempre per i problemi causati dalla neve.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
14:40

Quarta scossa di terremoto alle ore 14,34. Sentita bene anche a Roma

Una nuova forte replica è stata avvertita nella stessa zona del Centro Italia, colpita dallo sciame sismico di questa mattina. Secondo le stime dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia la scossa è stata di Magnitudo 5.1.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
13:47

Pinotti: "Mobiliteremo l'Esercito. Lo Stato è presente in questo momento di difficoltà"

Commentando l'emergenza terremoto che ancora una volta ha colpito il Centro Italia, il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha dichiarato che "l'Esercito è completamente mobilitato con uomini e mezzi. Abbiamo intensificato da ieri l'intervento sull'emergenza neve, oggi dopo queste nuove scosse stiamo allertando altri assetti che provengono sia dal nord Italia che dal sud". "Siamo in contatto con la protezione civile, questa mattina ci siamo sentiti con il presidente del Consiglio Gentiloni che dalla Germania mi chiedeva di dare la massima disponibilità, come le forze armate ovviamente sempre fanno. Sentiamo l'esigenza di essere presenti il prima possibile in tutti i luoghi perché sappiamo che l'entità dei disagi si somma, il terremoto, il freddo, la neve. Massimo di disponibilità, dunque, vogliamo che tutti i cittadini possano sentire che lo Stato c'é ed é vicino in questo momento di difficoltà", ha concluso il ministro Pinotti.

A cura di Charlotte Matteini
18 Gennaio
13:39

Mattarella: "Aiuteremo e assisteremmo i terremotati nella ricostruzione del territorio"

Le notizie provenienti dall'Italia portano "non solo grande preoccupazione ma anche rammarico per i cittadini di queste zone sottoposti a continue ripetizioni di tensioni e stress". Non solo, "il maltempo e le nuove scosse "rendono ancora più impegnativa l'opera di assistenza, di continuità dell'attività economica e di avvio della ricostruzione che comunque, malgrado questo si farà ugualmente", ha dichiarato il capo dello Stato Sergio Mattarella apprendendo delle nuove scosse di terremoto che hanno colpito il Centro Italia.

A cura di Charlotte Matteini
18 Gennaio
13:38

Il sindaco di Amatrice: "Pregate per noi, non so che male abbiamo fatto"

 
A cura di Antonio Palma
18 Gennaio
13:23

L'esperto: "Ecco perché la terra continua a tremare"

 
A cura di Antonio Palma
18 Gennaio
13:18

Il Sindaco di Cittareale (Rieti): "Situazione disastrosa, case lesionate"

"La situazione è pessima. Dopo le fortissime scosse di questa mattina non si registrano crolli nel mio Comune, ma ho già tante segnalazioni di abitazioni lesionate", sono le parole del sindaco di Cittareale, Francesco Nelli, di fronte alla doppia emergenza neve-sisma, in uno dei comuni della provincia di Rieti più vicini all'epicentro delle tre scosse di questa mattina.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
13:03

Rintracciati 12 allevatori a Colle Arquata, ne mancano all’appello ancora tre

I vigili del fuoco di Ascoli Piceno sono riusciti a rintracciare 12 dei quindici allevatori dati per dispersi a Colle d'Arquata. Ne mancano all'appello quindi ancora tre. A lanciare l'allarme erano stati parenti e amici, che non riuscivano a contattarli al cellulare. Nella zona è caduta moltissima neve e si teme che possano esserci stati dei crolli a seguito delle ultime scosse di terremoto. Le tensostrutture che fungono da stalle hanno infatti il tetto appesantito dalla neve, e potrebbero aver ceduto.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:43

Crolli a Campotosto, Laringo e Poggio Cancelli. A Montereale non si registrano danni

Il terremoto ha provocato crolli a Campotosto, Laringo e Poggio Cancelli, nell'Aquilano, dove la gente ha anche difficoltà ad uscire dalle proprie cause per i cumuli di neve caduta in questi giorni. Questa la situazione nella zona dell’epicentro del sisma di questa mattina, a Montereale (L’Aquila). A riferirlo sono operatori delle forze dell’ordine, Cc e Forestali, che stanno lavorando sul posto. Riferiscono che la terra "batte in continuazione e la gente ha paura. A Montereale non si registrano danni a persone". Questa è la situazione nella frazione di Mascioni, a Campotosto:

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:37

Il Presidente della Provincia di Teramo: "Siamo isolati, aiutateci"

"Ci sono state tre scosse di terremoto e la situazione è di totale emergenza in tutta la provincia di Teramo. Ci sono centri isolati per neve, non riusciamo a capire se ci sono danni. La sala operativa è stata sgombrata e dalla Prefettura ci stiamo spostando al Parco della Scienza. Abbiamo bisogno di aiuto. Dovrebbero intervenire Esercito e Genio militare. Ci sono paesi senza energia da più di 48 ore". E' l'appello lanciato dal presidente della Provincia di Teramo, Renzo Di Sabatino, in video su Facebook.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:23

Terremoto: in Abruzzo situazione molto difficile, la neve impedisce di uscire di casa

Le tre forti scosse di terremoto hanno interessato in queste ultime ore anche l’Abruzzo, già in forte difficoltà per l'emergenza neve delle ultime ore. Si parla di cumuli che arrivano fino ad un metro nei paesi di collina.  Tutto ciò, oltre a rendere le strutture più instabili alle sollecitazioni del simsma, non permette agli abitanti di questi paesi di poter uscire in tranquillità all’esterno. Purtroppo, stando alle previsioni, le nevicate non si interromperanno prima della serata di domani. Sotto è mostrata un’istantanea della webcam di Mascioni, frazione di Campotosto, nei pressi degli epicentri di oggi.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:16

Il tweet di Salvini: "Altro che migranti, il governo aiuti questi italiani"

Il commento su Facebook del leader della Lega Nord Matteo Salvini dopo le scosse di terremoto che hanno nuovamente colpito tutto il Centro Italia.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:11

Allarme valanghe nelle Marche dopo le scosse di terremoto

La Protezione civile ha dirama un allarme valanghe su tutto il territorio regionale delle Marche. "La misura è stata deciso – si apprende da fonti della Regione – a causa della neve e delle nuove scosse di terremoto".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:09

Il premier Gentiloni al ministro Pinotti: "Rafforzare impegno dell'Esercito"

Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti "un ulteriore, rafforzato impegno dell'Esercito – assieme alla strutture operative già presenti – per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
12:00

La popolazione di Montereale, epicentro delle scosse, è terrorizzata

Momenti di panico a Montereale, comune della provincia dell'Aquila, epicentro delle scosse di terremoto di questa mattina. "Ci sono state tre scosse violentissime – riferisce all'ANSA uno degli abitanti, Donato De Santis – paragonabili a quelle del terremoto dell'Aquila e di Amatrice. Sono mesi che siamo perseguitati dalle scosse, che non si esauriscono mai. Vogliamo metterci in salvo, non sappiamo che cosa potrà succedere. Ma siamo bloccati dalla neve".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:58

L'allarme del sindaco di Arquata: "Non riusciamo a trovare 15 allevatori"

Non si trovano 15 allevatori di Arquata del Tronto che questa mattina erano partiti dagli alberghi di San Benedetto per andare in paese a prendersi cura dei propri animali. Lo riferisce Aleandro Petrucci, il sindaco di Arquata, nuovamente scosso dal nuovo terremoto di questa mattina, con le tre repliche molto forti. "Li stiamo cercando da un'ora ma non rispondono al telefono e non si sa dove siano e come stiano – dice Petrucci, che si trovava ad Ascoli con la sua famiglia. – Erano andati nella frazione di Colle, sui Monti della Laga, per seguire i cavalli, le mucche e le pecore delle loro attività e stalle, che sono già in condizioni dure per il maltempo". Petrucci è ora in contatto coi vigili del fuoco. Sono in corso ricerche. Molto preoccupati i familiari degli allevatori.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:51

Amatrice: è crollato il campanile di Sant'Agostino

Le scosse di questa mattina hanno provocato nuovi crolli ad Amatrice, già duramente colpita dai terremoti di agosto e ottobre: il campanile di Sant’Agostino è definitivamente crollato, come evidenzia il sito Rietilife.com. Paura anche ad Amatrice, dove è in corso una forte nevicata e la situazione è già molto complicata.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:46

A Roma sospese linee metro A, B e B1

Sospeso il servizio sull'intera tratta delle metro A, B e B1 di Roma dopo le violente scosse di terremoto che hanno sconvolto il centro Italia. Avvertite distintamente anche nella Capitale. Lo comunica Atac su Twitter. Sono in corso verifiche tecniche. L'Atac ha predisposto un servizio sostitutivo.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:43

Terremoto, le immagini dei primi danni a L'Aquila

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:39

La lista di tutte le scosse avvertite da questa mattina in Centro Italia

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:36

Il terremoto avvertito anche negli studi tv

 
A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:32

Terza forte scossa di terremoto alle 11.26: avvertita anche a Roma

Alla prima forte scossa di terremoto di 5.4 gradi magnitudo della scala Richter avvertita intorno alle 10.25 nel centro Italia e alla seconda altrettanto forte, è seguita un'ulteriore replica registrata alle 11:26 di 5.3 di magnitudo. Anche in questo caso il terremoto è stata sentito nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche ed è stata avvertita anche a Roma.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:17

Nuova forte scossa di terremoto nella stessa area, magnitudo 5.4

Una nuova scossa di terremoto è stata distintamente avvertita nella stessa zona, con una durata più lunga della precedente. La magnitudo, confermata dall'INGV è di 5.4. La replica è stata avvertita anche a Roma, Rieti e L'Aquila, dove molte persone sono scese in strada. Secondo INGV si tratta dello stesso sistema di faglie che ha generato i precedenti eventi sismici e non è escluso che il fenomeno possa dar luogo a ulteriori repliche nelle prossime ore.

La situazione resta critica, anche a causa delle avverse condizioni meteorologiche.

A cura di Adriano Biondi
18 Gennaio
11:17

Questa la situazione ad Aringo, frazione di Montereale, epicentro del sisma

L'epicentro della scossa di magnitudo 5.3 (INGV) è stato ad Aringo, vicino Montereale (AQ), l’ultimo paese prima del Lazio. Questa è una foto catturata dalla webcam installata nel comune. Come si vede la situazione è resa complicata anche dalla tanta neve caduta nelle ultime ore in tutto il centro-Italia. Al momento comunque non si hanno notizie di danni a persone o cose.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:11

Il capo della Protezione Civile, Curcio: "La situazione è complicata"

La scossa è stata di magnitudo 5.3, alle 10.25, ad una profondità di nove chilometri. Un valore che può creare problemi alle infrastrutture già compromesse. Non ci attendiamo grandissimi crolli. Si stanno facendo i punti specifici sulla parte meteo che già aggrava la zona. Una situazione complicata, stiamo ricevendo il ritorno dal territorio, il sisma e' stato sentito chiaramente nella zona centrale, fino a Roma. Al termine delle verifiche potremo dire che se ci sono situazioni difficili. In quella zona sta nevicando da diverse ore e continuera' a nevicare per le prossime". Lo ha detto a Sky Fabrizio Curcio, capo dipartimento della Protezione civile. "Una scossa genera scosse di assestamento? Le scosse non sono mai terminate dal 24 agosto, abbiamo superato le 45mila, le persone che vivono in quelle zone lo vivono quotidianamente. I valori più importanti risvegliano questa sensibilità. Le persone sono altamente sensibili per il vissuto e poi perchè adesso un 5.3 è un valore importante che si sente in maniera rilevante. Sappiamo che la parte sismica non è prevedibile e quindi ci si deve convivere. Esercito in Abruzzo? Siamo in contatto con le forze armate – aggiunge Curcio – , intervengono le regioni Lombardia, Trentino, Veneto regioni, siamo in contatto con Piemonte e altre regioni per migliorare la parte neve. Oggi c'è stata la scossa e le gestiremo entrambe".

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:07

Scuole evacuate a Rieti e Roma

Gli studenti di diverse scuole di Rieti sono stati fatti uscite precauzionalmente, come previsto dai piani di sicurezza, in seguito alla scossa di terremoto di magnitudo 5.3 registrata poco. Anche a Roma sono usciti dalle classi gli studenti in alcune scuole a seguito della scossa. In alcuni istituti sono andati in cortile.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:03

Il premier Gentiloni in contatto con Curcio: "Stiamo facendo verifiche"

"Stiamo facendo verifiche per vedere se, nel corso dell'ultima scossa c'era qualcuno che stava operando, anche se le condizioni meteo lo rendono difficile", ha detto Fabrizio Curcio, capo della protezione civile, a Rainews24 a proposito dell'ultima scossa di 5.3 delle 10,26. Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, è in contatto con lo stesso Curcio segue direttamente la situazione sopo la nuova forte scossa di terremoto avvertita stamattina nel Centro Italia. Lo riferiscono fonti di Palazzo Chigi.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
11:00

Chiuse per precauzione tutte le stazioni dell'A24

Tutte le stazioni dell'A24, l'autostrada che collega Roma, L'Aquila e Teramo, sono state chiuse per verificare la presenza di eventuali danni causati dalla scossa di terremoto appena verificata. Lo fa sapere la società Strada dei parchi. Secondo le Rilevazioni ingv è avvenuta a circa 30 chilometri a sud ovest di Ascoli Piceno e 110 km a nord di Roma.

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
10:56

Terremoto di magnitudo 5.3 nel centro Italia: la zona è quella di Amatrice

Si trova nella zona di Montereale l'epicentro del terremoto di magnitudo 5,3 avvenuto oggi fra L'Aquila e Rieti, secondo i dati dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. "L'epicentro è nella zona del terremoto del 24 agosto", ha detto Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile a Rainews24.

Proprio nelle zone terremotate, nei comuni di Amatrice e Accumoli, si sabbero verificati anche alcuni crolli, come nel caso di un cornicione della Scuola Alberghiera di Amatrice che ha ceduto in seguito alla scossa. I Vigili del Fuoco stanno compiendo ulteriori verifiche ad Amatrice e Accumoli, rese complesse dalla presenza di molta neve. La scossa è stata sentita nel Lazio, in Abruzzo e nelle Marche ed è stata avvertita anche a Roma e a Firenze

A cura di Biagio Chiariello
18 Gennaio
10:30

Una violenta scossa di terremoto è stata avvertita questa mattina alle 10 e 25 nelle Marche, in Lazio, Abruzzo e Umbria, nelle stesse zone interessate dai sismi del 24 agosto, 26 e 30 ottobre e negli ultimi giorni flagellate da maltempo e forti nevicate. Secondo l'EMSC la scossa avrebbe avuto una magnitudo pari a 5.5 e sarebbe stata localizzata tra i Monti Sibillini e i Monti della Laga, tra le province di Ascoli Piceno e L'Aquila, a una profondità di 10 chilometri. L'Ingv ha poi corretto la stima a 5.3 gradi di Magnitudo. Tanta paura a Roma, Terni, Rieti, L’Aquila, Teramo, Assisi, Ancona, Ascoli Piceno e Campobasso.

L'area interessata dal nuovo terremoto è la stessa colpita dal terribile sisma del 24 agosto e poi dai successivi del 26 e 30 ottobre. Al momento non si hanno notizie di feriti o di danni a strutture. "L'epicentro è nella zona del terremoto del 24 agosto", ha detto Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile a Rainews24. "La scossa si è sentita in modo enorme, nel momento in cui siamo alle prese con emergenza neve che da 48 ore lascia senza corrente elettrica un quarto della città. E' una situazione molto complicata, abbiamo frazioni con un metro e mezzo di neve". Così il sindaco di Ascoli Piceno, Guido Castelli, raggiunto telefonicamente da Coffee Break, su La7, in merito alla forte scossa di terremoto che è stata avvertita stamattina nel Centro Italia. "Allo stato non abbiamo segnalazioni di danni, ma già questa notte avevamo assistito a una serie di crolli per la neve – ha proseguito Castelli -, temiamo che alcune strutture con la scossa abbiano subito ulteriori indebolimenti e danni".

A cura di Biagio Chiariello
297 CONDIVISIONI
Tragedia Rigopiano, il Comune sapeva dell'hotel isolato: "Se ne stiano al caldo"
Tragedia Rigopiano, il Comune sapeva dell'hotel isolato: "Se ne stiano al caldo"
Rigopiano, indagata funzionaria prefettura che rispose: "Madre imbecilli sempre incinta"
Rigopiano, indagata funzionaria prefettura che rispose: "Madre imbecilli sempre incinta"
Rigopiano un anno dopo, parla il papà di una delle vittime: "Il tempo non guarisce niente"
Rigopiano un anno dopo, parla il papà di una delle vittime: "Il tempo non guarisce niente"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni