08 luglio 16:23 Thailandia, 4 i ragazzi usciti finora dalla grotta: le operazioni riprenderanno lunedì

Soccorritori a lavoro in Thailandia (Twitter).
in foto: Soccorritori a lavoro in Thailandia (Twitter).

Sono in totale 4 e non 6, come annunciato in precedenza dalle auorità locali, i ragazzini thailandesi usciti dalla grotta dove erano intrappolati insieme ad altri 8 compagni e al loro allenatore di calcio. E' stato lo stesso governatore Narongsak Osottanakorn a correggere l'informazione. Un capo della polizia locale ha detto che "sono al sicuro e stanno abbastanza bene". Prajack Sutham e Nattawut Takamsai, entrambi quattordicenni, sono stati i primi ad uscire dalle grotte. Insieme ad un terzo sono già stati trasportati verso l'ospedale più vicino, dato che sarebbero tra tutti i più deboli. Resteranno tutti per almeno 24 ore in isolamento per evitare infezioni.

Lo ha riferito l'inviato di Skynews sul posto. Prima di iniziare le operazioni di evacuazione un medico ha infatti visitato tutti, ragazzi e allenatore, e stabilito una lista di uscita. Quelli rimasti sono "i più forti". Le operazioni di soccorso sono cominciate intorno alle 9 di questa mattina, ora locale, le 5 in Italia, e sono proseguite senza sosta. Per far uscire dalla grotta gli altri 8 ragazzi e l'allenatore, però, bisognerà aspettare lunedì 9 luglio: le azioni di salvataggio sono state sospese per circa dieci ore, per preparare le attrezzature e mettere a punto le migliori condizioni tecniche.

08 luglio 15:07 Continuano i soccorsi in Thailandia: fuori 6 dei 12 ragazzi intrappolati nella grotta

Continuano ad arrivare buone notizie dalla Thailandia, dove procedono le operazioni di soccorso di salvataggio dei 12 baby calciatori intrappolati in una grotta nel Nord del Paese insieme al loro allenatore 25enne. Al momento, sono sei i ragazzi a essere usciti, e sono salvi e salvi, come sottolineano fonti governative. Gli ultimi quattro hanno rivisto la luce del sole solo pochi minuti fa. Ne restano all'interno altri sei: non si ha un'indicazione sui tempi dei soccorsi, ma probabilmente entro un paio di giorni tutto dovrebbe concludersi, salvo complicazioni. Intanto i primi due tratti in salvo hanno raggiunto l'ospedale Prachanukroh di Chiang Rai.

08 luglio 14:43 Fuori altri due ragazzi intrappolati nella grotta in Thailandia: già 4 sono salvi

Sono già quattro i ragazzi thailandesi che sono riusciti a uscire sani e salvi dalla grotta nella quale erano intrappolati. Dopo la prima coppia, i soccorritori, che continuano a lavorare senza sosta, ne sono usciti altri due. "Sono al sicuro e stanno abbastanza bene", ha riferito il capo della polizia locale all'inviato dell tv britannica Itv. Intanto prosegue l'operazione di salvataggio dei Navy Seals per far uscire sani e salvi anche gli altri 8 baby calciatori e l'allenatore.

08 luglio 14:03 Thailandia, usciti i primi due ragazzi intrappolati nella grotta

Sono salvi due dei 12 baby calciatori thailandesi intrappolati in una grotta nel Nord del Paese da più di 10 giorni. Lo hanno riferito i media locali, che hanno sottolineato come i due adolescenti siano ora in viaggio verso l'ospedale più vicino per le cure del caso. Le operazioni di salvataggio sono iniziate sotto la pioggia insistente e continuano senza sosta per far uscire anche gli altri ragazzini insieme al loro allenatore. Un gruppo di 18 sub superspecializzati, 13 stranieri e 5 Navy Seals thailandesi, sta facendo uscire i baby calciatori uno per volta. Bisognerà aspettare, secondo le previsioni degli esperti, almeno due giorni per terminare i soccorsi. Un terzo ragazzo sta compiendo il percorso per uscire dalla grotta dove il gruppo è rimasto intrappolato per oltre due settimane.

 

08 luglio 11:30 Ragazzi divisi in quattro gruppi, ultimo a uscire sarà l’allenatore

I 12 ragazzi intrappolati nella grotta Tham Luang sono stati divisi in un primo gruppo di quattro persone, seguiti da tre gruppi di tre, secondo una priorità stabilita dai soccorritori in vasi a vari fattori come lo stato di salute di ognuno di loro. In questo modo saranno gestiti all'interno della grotta dai soccorritori ma verranno comunque portati fuori uno alla volta come già comunicato in precedenza . Lo scrive il Bangkok Post, citando fonti tra i soccorritori e aggiungendo che l'allenatore della squadra di giovani calciatori sarà l'ultimo a uscire.

08 luglio 10:04 II ragazzini usciranno uno alla volta

 

Dopo giorni di apprensione, speranza e paure, è finalmente partita oggi la delicata operazione di salvataggio dei dodici ragazzini e del loro coach  intrappolati in una grotta di Tham Luang, in Thailandia. Dopo averli individuati e cercato per giorni una via di uscita il più possibile sicura, nelle scorse ore infatti i soccorritori hanno dato il via alla procedure di evacuazione della grotta. Come hanno precisato le autorità locali, però, si tratterà di  un intervento molto lungo che richiederà dei giorni e non ore. Secondo il piano stilato dagli esperti, infatti, i ragazzini dovranno uscire uno alla volta compiendo il lungo tragitto che li separa dall'estremo accompagnati da almeno due soccorritori esperti e solo quando saranno giunti in un punto considerato sicuro  arriverà il via libera per il secondo e così via.

Il recupero dei dodici baby calciatori e dell'allenatore ha avuto inizio alle 10 ora locale, le 5 in Italia, ma, come hanno annunciato i responsabili dei soccorsi, i primi ragazzi recuperati dalla grotta Tham Luang non torneranno in superficie prima delle 21 locali (le 16 in Italia).  Il primo a partire è stato un ragazzino di 14 anni che è atteso per il pomeriggio. Secondo il governatore Narongsak Osatanakorn, responsabile delle operazioni, i soccorritori per gironi hanno preparato il tragitto studiandolo nei minimi particolari e disseminandolo di materiale utile in caso di emergenza mentre dall'esterno con le pompe si cercava di tirare fuori quanta più acqua possibile. Al momento infatti "il livello dell'acqua è il più basso degli ultimi giorni" e la maggior parte del tragitto per uscire dalla grotta è "percorribile a piedi", ha spiegato sempre Osatanakorn facendo intuire che in una parte sarà necessario immergersi , il passaggio più temuto dai soccorritori.

Il via alle operazioni è stato deciso perché ormai la situazione nella grotta è al limite con l'ossigeno sceso sotto i livelli di guardia e a causa delle piogge torrenziali che già hanno bloccato i gruppo che ora incombono nuovamente su tutta l'area. Un'eventuale salita del livello d'acqua all'interno della grotta infatti potrebbe complicare ulteriormente e allungare di molto i tempi delle operazioni di recupero. A dimostrazione  che la situazione è delicata la decisione di evacuare un'area di due chilometri attorno all'ingresso della grotta dove si stano radunando i mezzi di soccorso. Le autorità politiche però dimostrano ottimismo. "Le 13 persone all'interno sono tutte pronte ad essere estratte", ha detto Osatanakorn, aggiungendo: "Continueranno a partire una per volta. Si immergeranno 2 sub per ciascuno dei presenti nella cava. Il pool dei soccorritori è composto da 13 divers stranieri e 5 thailandesi. Sono considerati il top delle immersioni nel mondo".