22 marzo 10:05 Rosato: “Sulle presidenze delle Camere aperti al confronto, ma solo se si riparte da zero”

Il capogruppo alla Camera del Pd Ettore Rosato ribadisce la linea del partito: aperti al dialogo ma non se tutto è già stato deciso. Intervistato da Radio Capital, Rosato parla della questione delle presidenze delle Camere e della proposta di Berlusconi di sedersi a un tavolo per discutere dei dettagli, partendo però dal presupposto che la presidenza del Senato spetti al centrodestra e quella della Camera al MoVimento 5 Stelle. “Siamo disponibili al confronto, a ragionare insieme, ma non a sederci a un tavolo dove è tutto deciso. In quel caso basta un sms”, afferma Rosato.

Per le presidenze del Parlamento M5s e Fi avrebbero detto a Rosato di aver già deciso: “Così non va bene, noi siamo disponibili al confronto e a ragionare insieme se si riparte da zero”, commenta il capogruppo del Pd. “Il gioco per spartirsi le poltrone – continua – lo stanno facendo in modo molto duro, sia nel M5s che nel centrodestra. Noi chiediamo a entrambi di proporre nelle istituzioni persone all'altezza”.

Comunque, assicura Rosato, “alle votazioni non faremo come il M5s quando abbiamo votato Grasso e Boldrini, quando ci fu quasi una occupazione dell'aula. Avremo un atteggiamento responsabile, siamo in Parlamento, ma non sosterremo candidature che non sono condivise”. Rosato parla di Luca Lotti e Maria Elena Boschi, smentendo le voci circolate negli ultimi giorni: l’ipotesi di Lotti alla presidenza del Copasir e della Boschi alla presidenza della Vigilanza Rai è solo “gossip”, secondo Rosato.