Primarie del Pd 2019
3 Marzo 2019
10:01
AGGIORNATO04 Marzo

Primarie Pd, affluenza alta: vince Zingaretti, è il nuovo segretario dem

Gazebo aperti in tutte le città italiane per le Primarie del Pd per scegliere chi sarà il nuovo leader del Partito democratico tra l'ex reggente Maurizio Martina, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti. I cittadini possono esprimere la propria preferenza dalle 8 della mattinata di oggi, domenica 3 marzo, fino alle 20 recandosi in uno dei 7000 gazebo disponibili o presso i circoli del partito, avvalendosi del supporto di circa 35mila volontari.

L'obiettivo dei candidati alla vigilia è raggiungere un milione di votanti. Tra coloro che hanno già espresso la propria preferenza c'è l'ex premier Matteo Renzi che da piazza Tasso a Firenze ha sottolineato  come sia "tempo di festeggiare la festa della democrazia che oggi vede migliaia di volontari organizzare dei seggi", facendo anche un in bocca al lupo "ai tre candidati per la sfida molto leale che hanno fatto, e penso che sia importante che chiunque vinca le primarie, il giorno dopo non subisca il trattamento che abbiamo subito noi che abbiamo vinto due volte con il 70% e per due volte abbiamo avuto il fuoco amico. Noi ci impegniamo in questa direzione, e per questo motivo non ho voluto fare alcuna corrente, al punto che i vari esponenti che sono stati con me in questi anni si sono divisi su tutte e tre le mozioni".

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Primarie del Pd 2019
03 Marzo
15:57

Pd: "Pensiamo di superare il milione di votanti alle primarie"

Il Pd punta a superare il milione di votanti per le primarie in corso oggi, domenica 3 marzo. L'obiettivo era stato dichiarato negli scorsi giorni da Nicola Zingaretti e Maurizio Martina, i due candidati alla segreteria insieme a Roberto Giachetti. Oggi è Gianni Dal Moro, responsabile organizzazione del partito, a confermare che questi numeri sono realmente raggiungibili in base ai dati provenienti dai gazebo in mattinata. "Pensiamo di raggiungere e superare l'obiettivo di un milione di votanti alle primarie", afferma a Mezz'ora in più, su Rai 3. Spiegando che questa previsione sarebbe valida nel caso in cui si mantenga il trend della mattinata fino alla chiusura dei seggi. "La partecipazione alle primarie è uniforme in tutta Italia, il che rappresenta un voto di opinione e un segnale forte nei confronti del governo, anche dopo la manifestazione di ieri a Milano", sottolinea ancora Dal Moro.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Marzo
13:22

Primarie Pd, Nicola Zingaretti dopo il voto: "Non tradirò mai la vostra fiducia"

"Io ho votato e tu? Grazie per la bellissima partecipazione! Ora sta a noi non tradire questa fiducia e se tocca a me giuro che non la tradirò mai", così Nicola Zingaretti su Twitter dopo aver votato a Roma per le Primarie del Pd, che lo vedono in sfida contro Maurizio Martina e Roberto Giachetti per diventare il nuovo leader del Partito democratico. Il primo a votare questa mattina, tra i volti noti del Pd, è stato Walter Veltroni. L'ex segretario si è recato al gazebo di piazza Fiume, a Roma, alle 8 in punto, per esprime la sua preferenza. In mattinata sempre a Roma il voto di Paolo Gentiloni, poi quelli di Luca Zingaretti e Roberto Giachetti.

Maurizio Martina ha votato a Bergamo. "Che emozione! Le Primarie del Pd sono una grande prova di democrazia. Orgoglioso di questa comunità generosa e appassionata. Per l’Italia", ha scritto semrpe su Twitter, mentre Giachetti in un altro tweet ha esultato per i buoni risultati relativi all'affluenza ai seggi: "Che bello il popolo delle Primarie Pd: ogni volta i profeti di sventura teorizzano che non parteciperà nessuno e ogni volta la nostra gente li smentisce. Io ho votato poco fa. E voi? Avete tempo fino alle 20 per andare".

A cura di Ida Artiaco
03 Marzo
13:17

Affluenza alta, autorizzate le "fotocopie" delle schede

Molto alta l'affluenza ai gazebo e alle sezioni in cui si vota per le primarie del Partito Democratico. Segnalate code ai seggi nel Lazio, in Campania e in Emilia Romagna, con militanti ed elettori costretti ad attendere oltre un'ora per apporre la propria preferenza sulle schede. E proprio in relazione al numero delle schede, come riporta Repubblica, la Commissione nazionale ha approvato una delibera che consente di utilizzare le fotocopie delle schede laddove si esaurissero quelle in dotazione e fosse necessario consentire a tutti di votare.

A cura di Redazione
03 Marzo
11:06

Primarie Pd, folla a Roma per votare ai gazebo: "File ovunque, si dice che chi parte bene.."

"Abbiamo file ai seggi ovunque non solo a Roma. Chiediamo un po' di pazienza… Si dice che chi parte bene…". Così  il segretario del Pd Lazio, il senatore Bruno Astorre, rende nota la buona affluenza ai seggi sin dal primo mattino di oggi, domenica 3 marzo, per le Primarie del Pd: i cittadini hanno tempo fino alle 20 per esprimere la propria preferenza su chi tra Maurizio Martina, Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti sarà il nuovo leader del Partito democratico.

Circa 35mila i volontari che dalle prime ore di questa mattina stanno dando una mano presso i seggi. Tra di loro c'è anche Carlo Calenda, ex ministro dello Sviluppo economico, che fa lo scrutatore in mattinata nel Gazebo di Piazza del Popolo, sempre a Roma. "Andare a votare è importante – ha scritto su Twitter -, un gesto di democrazia e un modo per mobilitarci contro il tentativo del Governo di farci uscire dall'UE nel silenzio. Più siamo, meglio è per l'Italia".

A cura di Ida Artiaco
03 Marzo
10:03

Primarie Pd, si sceglie il leader tra Zingaretti, Martina e Giachetti. Renzi: "Sfida leale"

Gazebo aperti in tutte le città italiane per le Primarie del Pd per scegliere chi sarà il nuovo leader del Partito democratico tra l'ex reggente Maurizio Martina, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti. I cittadini possono esprimere la propria preferenza dalle 8 della mattinata di oggi, domenica 3 marzo, fino alle 20 recandosi in uno dei 7000 gazebo disponibili o presso i circoli del partito, avvalendosi del supporto di circa 35mila volontari.

Si ricorda che per votare è necessario recarsi al seggio con un documento di riconoscimento in corso di validità, la tessera elettorale e un contributo minimo di due euro. Sono stati inoltre previsti seggi speciali negli ospedali, case di cura e di riposo. Possono votare tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto 16 anni e quelli dell'Unione europea e di altri Paesi residenti in Italia (previa iscrizione al sito entro il 25 febbraio scorso).

L'obiettivo dei candidati alla vigilia è raggiungere un milione di votanti. Tra coloro che hanno già espresso la propria preferenza c'è l'ex premier Matteo Renzi che da piazza Tasso a Firenze ha sottolineato  come sia "tempo di festeggiare la festa della democrazia che oggi vede migliaia di volontari organizzare dei seggi", facendo anche un in bocca al lupo "ai tre candidati per la sfida molto leale che hanno fatto, e penso che sia importante che chiunque vinca le primarie, il giorno dopo non subisca il trattamento che abbiamo subito noi che abbiamo vinto due volte con il 70% e per due volte abbiamo avuto il fuoco amico. Noi ci impegniamo in questa direzione, e per questo motivo non ho voluto fare alcuna corrente, al punto che i vari esponenti che sono stati con me in questi anni si sono divisi su tutte e tre le mozioni".

A cura di Ida Artiaco
42 contenuti su questa storia
Primarie Pd, Bassolino: "Brutti episodi documentati da Fanpage.it"
Primarie Pd, Bassolino: "Brutti episodi documentati da Fanpage.it"
Primarie Pd Napoli: silenzio del sindaco e di DeMa sul ruolo di Michele Padulano
Primarie Pd Napoli: silenzio del sindaco e di DeMa sul ruolo di Michele Padulano
Caso Primarie: sul capogruppo Pd Bobo' Esposito duello Casillo-Lebro
Caso Primarie: sul capogruppo Pd Bobo' Esposito duello Casillo-Lebro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni