Conflitto in Ucraina
7 Aprile 2022
05:01
AGGIORNATO07 Aprile

Le notizie del 7 aprile 2022 sulla guerra in Ucraina

Cos'è successo nel 43esimo giorno di guerra. L'ONU sospende la Russia dal Consiglio dei Diritti Umani.  Zelensky: "Mariupol è distrutta, ora rischia Odessa". Nato: “Forniremo altre armi a Kiev”. L'Onu sospende la Russia dal Consiglio dei diritti umani. G7: "Sicurezza alimentare è a rischio per l'aggressione di Putin".

Il sindaco di Bucha denuncia 320 morti, il Ministro russo Lavrov: "La proposta di pace di Kiev non rispetta gli accordi presi a Istanbul". La Bielorussia chiede di partecipare ai negoziati.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina
07 Aprile
22:05

Lugansk, governatore invita civili ad abbandonare la regione: "Ultima possibilità prima di attacco"

Il governatore della regione di Lugansk, Sergiy Gaiday, ha detto ai civili che questa potrebbe essere "l'ultima possibilità" di fuggire prima di un'offensiva russa nel Donbass. La città di Severodonetsk sta infatti cadendo sotto il fuoco dell'artiglieria. I treni che evacuano i residenti però vengono fermati dagli attacchi russi sull'unica via ancora sotto il controllo di Kiev.

.

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
21:46

Gabrielli: "Attenzione a pericolo attentati anti russi in Italia"

Episodi come l'incendio alla villa di Menaggio del giornalista televisivo russo Vladimir Solovyev, sostenitore di Putin, sono "una spia di qualcosa che sta covando sotto la cenere e che è all'attenzione delle forze di polizia e soprattutto del nostro apparato di intelligence". Lo ha detto a ‘Stasera Italia' su Rete4 Franco Gabrielli, ex capo della Polizia e direttore generale della pubblica sicurezza. Rispondendo a una domanda del giornalista Fausto Biloslavo sul rischio di attentati anti russi nel nostro paese, Gabrielli ha risposto: "tutto dipenderà dall'escalation, dalla durata della guerra, dalle cose che avverranno in Ucraina e nelle zone circostanti. Questo rischio non va amplificato ma nemmeno sottovalutato, perchè purtroppo c'è sempre qualcuno che passa dalla critica alla critica delle armi, quindi bisogna stare
molto attenti".

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
21:29

Via libera dagli ambasciatori Paesi Ue per quinto pacchetto di sanzioni contro Mosca

Via libera al quinto pacchetto di sanzioni Ue dai 27 ambasciatori dei Paesi membri. Le sanzioni includono il graduale embargo all'import di carbone russo. Entro domani alle 10 attesa la ratifica formale delle capitali dopo la quale le sanzioni potranno entrare in vigore.

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
21:09

La Lombardia ha accolto la maggior parte dei profughi fuggiti dall'Ucraina

Il 40 per cento dei profughi ucraini scappati dalla guerra e arrivati in Italia è stato accolto dalla Lombardia. Sono 34.759 le persone arrivate nella regione governata da Attilio Fontana a fronte di circa 86.000 persone totali giunte in Italia.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
21:04

C'è l'accordo degli ambasciatori Ue sulle sanzioni a Mosca

Via libera al quinto pacchetto di sanzioni Ue dai 27 ambasciatori dei Paesi membri. Le sanzioni includono, tra l’altro, il graduale embargo all’import di carbone russo. Entro domani alle ore 10 è attesa la ratifica formale delle capitali dopo la quale le sanzioni potranno entrare in vigore

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
20:44

Nato annuncia: "Daremo più armi a Kiev per seconda fase guerra"

"Non fornirò dettagli su quale alleato stia fornendo cosa agli ucraini, ma il diverso tipo di guerra che vedremo nella seconda fase richiederà altre necessità da parte dell'esercito ucraino: il sostegno degli alleati cambierà a seconda di questo. E posso prevedere che gli alleati forniranno più armi all'Ucraina secondo le sue esigenze in
questa fase della guerra, insieme ad aiuti umanitari e finanziari". Lo ha detto il vicesegretario della Nato, Mircea Geoana.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
20:30

 Sospensione Onu, Russia: "Ci difenderemo con ogni mezzo legale"

Il Cremlino deplora la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, avvertendo che Mosca intende "continuare a difendere i propri interessi con tutti i mezzi legali". "Siamo dispiaciuti per questo e continueremo a difendere i nostri interessi con tutti i mezzi legali e a spiegarci", ha detto al canale britannico Sky News il portavoce di Vladimir Putin, Dmitry Peskov.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
20:16

G7: "Sicurezza alimentare è a rischio per l'aggressione Putin"

"La guerra di aggressione del presidente Putin sta causando sconvolgimenti economici globali "e "il suo impatto sul settore alimentare ucraino mette la sicurezza alimentare globale in forte difficoltà, della quale Putin e i suoi complici hanno piena responsabilità". Lo comunicano i leader del G7 in un comunicato, promettendo di affrontare le conseguenze della "crisi globale della sicurezza alimentare" con "uno sforzo congiunto con gli organismi internazionali" fra cui il Programma alimentare mondiale, le banche di sviluppo multilaterali e e le istituzioni finanziarie multilaterali.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
20:14

Melitopol, il sindaco: “Rapite 100 persone”

A Melitopol, dall’inizio dell’occupazione i russi e i loro collaboratori hanno rapito più di 100 persone. Lo afferma il sindaco di Melitopol Ivan Fedorov.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
20:09

Il Cremlino ammette "perdite significative" delle truppe russe in Ucraina

Il Cremlino ha ammesso di aver subito "perdite significative" in Ucraina. Secondo quanto riporta il Guardian, a riferirlo è stato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Ha detto anche che sperava che Mariupol potesse "essere liberata dai battaglioni nazionalisti molto prima".

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
19:49

Usa rispolverano programma 'anti Hitler' per sconfiggere Putin

Il Senato americano tende la mano a Kiev e rispolvera un programma della Seconda Guerra Mondiale usato contro Hitler per aiutare l'Ucraina a difendersi dall'invasione di Vladimir Putin. All'unanimità è stato approvato l'Ukraine Democracy Defense Lend-Lease Act,  grazie al quale sarà possibile accelerare l'invio di armi ed equipaggiamenti militari a Kiev rimuovendo tutti gli ostacoli burocratici. Il provvedimento passa ora alla Camera, ma non e' chiaro se il voto definitivo avrà luogo nelle prossime ore, prima che il Congresso chiuda i battenti per una pausa di due settimane.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
19:40

Congresso Usa revoca a Mosca privilegi commerciali

Il Congresso americano revoca alla Russia la clausola di nazione più favorita, mettendo di fatto fine a rapporti commerciali normali e aprendo a dazi pesanti sui prodotti Made in Russia. Dopo il via libera del Senato, anche la Camera ha approvato il provvedimento che revoca alla Russia i privilegi commerciali e con il quale gli Stati Uniti aumentano la pressione su Mosca.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
19:29

A Lonigo (Vicenza) non andrà in scena il balletto russo 'Lago dei Cigni'

Il corpo di ballo ucraino ha cancellato lo spettacolo del "Lago dei Cigni" in programma stasera al Teatro comunale di Lonigo (Vicenza), in quanto il compositore è il russo Pëtr Il'ič Čajkovskij. Una decisione – si legge nel sito del Comune – presa dopo i gravi fatti occorsi a Bucha, Hostomel e Mariupol. Gli artisti sono stati contattati dalla National Opera of Ukraine ed il ministero della Cultura ucraino che ha intimato loro di fermarsi. Lo spettacolo, a scopo benefico con l'intento di devolvere l'intero incasso a sostegno del popolo ucraino, sarà sostituito con "Giselle", balletto classico-romantico in due atti del 1841.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
19:25

Mosca: “Sospensione Russia dal Consiglio dei diritti umani Onu è illegale”

La sospensione della Russia dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu è “illegale”. Lo sostiene il ministero degli Esteri di Mosca Sergej Lavrov

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
19:19

Potenziata scorta Di Maio dopo minacce: "Putin fallo ammazzare" con foto Z

È stata potenziata, a quanto si apprende, la scorta del ministro degli Esteri Luigi Di Maio dopo le recenti minacce ricevute via social da esponenti che inneggiavano alla sua morte e sostenevano la propaganda filo russa. La decisione di aumentare il dispositivo di sicurezza del titolare della Farnesina è seguita alle minacce di morte contenute in chat telegram al ministro Di Maio, "Putin fallo ammazzare", correlate anche con foto con la Z.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
19:03

La Russia ammette "perdite significative" fra soldati russi

Le forze russe hanno subito "perdite significative" in Ucraina. Lo ha ammesso a Sky News Uk il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, parlandone come di "una tragedia" ma senza indicare numeri. Peskov ha tuttavia
insistito a negare che "l'operazione speciale" di Mosca non stia andando secondo i piani, liquidando il ripiegamento dalla
regione di Kiev come "un gesto di buona volontà" fatto per favorire i negoziati. Ha poi ribadito su tutta la linea le
accuse ai "nazionalisti ucraini" su crimini di guerra e uso di "civili come scudi umani"; mentre ha escluso che Vladimir Putin possa essere mai processato da una corte internazionale.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
18:56

Cremlino: "Mariupol sarà liberata presto"

Mariupol sarà "liberata" dalle forze russe "presto". Lo ha detto il portavoce del Cremlino in un'intervista a Sky News Uk, durante la quale ha definito ancora una volta "falsa" la ricostruzione dell'attacco contro l'ospedale della città. Peskov ha insistito a bollare come il frutto di "fake news" e di "bugie" spacciate dagli ucraini anche le accuse alle truppe di Mosca basate sulle immagini riprese a Bucha: avanzando fra l'altro sospetti sulla data delle immagini satellitari, diffuse da una società che – ha sostenuto di fronte alle contestazioni del giornalista britannico che gliele mostrava – ha legami "con il Pentagono".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
18:45

Von der Leyen: “Domani sarò a Kiev per sostegno ucraini”

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha confermato che si recherà a Kiev domani per esprimere il suo “sostegno incrollabile” all’Ucraina nella lotta contro l’invasione russa. “Il popolo ucraino merita la nostra solidarietà. È per questo motivo che domani andrò a Kiev”, ha detto von der Leyen durante una conferenza stampa a Stoccolma. “Voglio inviare un messaggio di incrollabile sostegno al popolo ucraino e alla sua coraggiosa lotta per i nostri valori comuni”, ha sottolineato.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
18:40

Prorogato il taglio delle accise su benzina e gasolio per un altro mese

È stato pubblicato il decreto in cui si conferma la proroga del taglio delle accise su benzina e gasolio fino al prossimo 2 maggio. Ecco cosa afferma il testo.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
18:20

Blinken (USA): "Continuano a emergere nuove atrocità"

"Ogni giorno emergono resoconti credibili di uccisioni, stupri e torture avvenute nei territori controllati dalla Russia dopo l'invasione e dobbiamo pensare che queste atrocità stiano accadendo nelle zone controllare ora da Mosca". Lo ha detto il segretario di Stato Usa Antony Blinken in conferenza stampa al quartier generale della Nato a Bruxelles.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
18:10

Professore Kiev, "a Bucha madri si 'offrivano' a soldati russi in cambio dei bambini"

Le madri di Bucha hanno provato a salvare i loro bambini, le loro bambine. Sono andate "nella scuola dove si nascondevano i bambini e le ragazzine" e "si sono offerte ai soldati russi, ai ceceni, al posto delle ragazzine. Per salvarle". Ma "purtroppo non è servito, purtroppo sono state stuprate le madri e i loro bambini, le loro bambine". Lo denuncia ad Adnkronos Taras Lazer, professore di lingua e letteratura italiana presso la facoltà di filologia della Borys Grinchenko Kyiv University, andato a Bucha dopo il ritiro delle truppe russe.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
17:56

L'Onu sospende la Russia dal Consiglio dei diritti umani

L'Assemblea Generale dell'Onu ha approvato con 93 voti a favore la richiesta degli Usa di sospendere la Russia dal Consiglio dei diritti umani di Ginevra. Nella bozza di risoluzione – tra i cui co-sponsor c'è anche l'Italia – si chiede di "sospendere il diritto della Russia di far parte" del Consiglio esprimendo "grave preoccupazione per la
crisi umanitaria in Ucraina, in particolare per le notizie di violazioni e abusi del diritto internazionale umanitario da parte di Mosca".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
17:47

Mosca: "Accuse su armi nucleari totalmente irrazionali"

Le affermazioni occidentali su presunti piani della Russia di utilizzare armi nucleari in Ucraina "non hanno assolutamente alcuna base razionale". Lo ha affermato il ministero degli Esteri di Mosca citato dalla Tass.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
17:28

Governatore: "Nessun ospedale rimasto in piedi a Lugansk"

Nessun ospedale dell'oblast di Lugansk è rimasto in piedi, ogni struttura sanitaria è stata bombardata e danneggiata. Lo denuncia il governatore Serhiy Haidai, riporta The Kyiv Independent, accusando le forze russe
di attaccare deliberatamente gli ospedali in modo che le persone ferite "non abbiano possibilità di sopravvivere".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
17:21

Sindaco Bucha: "Quasi tutti i morti hanno ferite da arma da fuoco" 

Circa il 90% dei civili uccisi a Bucha ha riportato ferite da arma da fuoco. Lo ha detto il sindaco Anatoly Fedoruk a Deutsche Welle, stando alla Dpa. Finora sono stati ritrovati 320 cadaveri. "Ma questo numero sta aumentando ogni giorno", ha aggiunto Fedoruk. Il sindaco ha detto di aver assistito a diverse situazioni in cui i soldati russi hanno ucciso civili ucraini. "I russi hanno aperto il fuoco su diversi veicoli a un posto di blocco. Una donna incinta e due bambini sono stati uccisi in un’auto – ha precisato il primo cittadino -. La cosa più importante è che i criminali che hanno commesso questo siano assicurati alla giustizia".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
17:03

Kiev all’Onu: “Se non prendete la decisione giusta al voto, sarà colpa vostra”

“Sarà un buon voto con un buon risultato. Tutti in Assemblea Generale hanno la possibilità di prendere la decisione moralmente giusta. Se non lo fanno è colpa loro, e devono incolpare loro stessi”. Lo ha detto l’ambasciatore dell’Ucraina all’Onu, Sergiy Kyslytsya, prima del voto per sospendere la Russia dal Consiglio dei diritti umani di Ginevra.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:52

ONU: "4.3 milioni di ucraini hanno lasciato il Paese da inizio guerra"

Sono oltre 4,3 milioni gli ucraini che hanno lasciato il loro Paese dall'inizio dell'invasione russa. Lo ha annunciato oggi l'Unhcr, l'Agenzia Onu per i rifugiati, riferendo che le persone costrette a fuggire dalla guerra sono state 4.319.494 a partire dal 24 febbraio, con un aumento di 40.705 da ieri. Si tratta, ha sottolineato l'Unhcr, della più grave crisi di questo tipo in Europa dai tempi della Seconda guerra mondiale. L'Oim, l'Organizzazione Onu per le migrazioni, stima inoltre che vi siano stati dall'inizio del conflitto 7,1 milioni di sfollati interni. Altre 210mila persone che si trovavano in Ucraina per motivi di lavoro o di studio hanno invece abbandonato il Paese.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:47

Turchia: "Massacro civili Bucha inaccettabile, ha oscurato i colloqui di pace"

Le notizie dei massacri di civili compiuti a Bucha hanno "oscurato" i colloqui di pace tra Ucraina e Russia. Lo ha detto il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, a margine del vertice Nato di Bruxelles. "Le immagini di Bucha e da altre regioni sono inaccettabili, una vergogna per l'umanità. Queste immagini per certi versi hanno oscurato i negoziati", ha affermato il capo della diplomazia turca. La Turchia, che finora ha ospitato due incontri tra i rappresentanti ucraini e russi si aspetta che entrambe le parti mantengano aperto il dialogo, "anche in queste dure condizioni". Ankara, ha detto ancora Cavusoglu, è pronta a contribuire agli sforzi diplomatici per porre fine al conflitto, compresa la possibilità di ospitare per dei colloqui di pace i leader dei due Paesi.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:40

Ucraina: "probabile nuovo attacco della Russia su Kiev dopo il Donbass"

Probabilmente la Russia rinnovi l'attacco a Kiev se prenderà il Donbass. Lo ha affermato il vice capo di stato maggiore delle forze di terra ucraine, Oleksandr Gruzevich, nel corso di un briefing online, secondo quanto riporta il Guardian. "È probabile che il nemico non abbia rinunciato all'obiettivo di un secondo attacco a Kiev: esiste una tale minaccia", ha rilevato. Secondo il viceministro della difesa ucraino, Hanna Malyar, l'obiettivo a lungo termine della Russia e' quello di conquistare tutta l'Ucraina nonostante nel breve termine punti all'est del Paese. Mosca "aveva pianificato di farlo rapidamente, ma la guerra lampo di Putin e' fallita. Nonostante questo, non ha abbandonato il suo piano di prendere l'intero territorio dell'Ucraina". In questa fase, semplicemente, sta puntando su "obiettivi più limitati" per "mostrare dei risultati", ha affermato.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:22

Mosca incrimina due ufficiali ucraini del battaglione Azov per violenze su prigionieri

Due ufficiali del battaglione nazionalista ucraino Azov, integrato nelle forze armate di Kiev, sono stati incriminati dalla giustizia russa con l'accusa di torture e violenze contro almeno otto prigionieri russi, incluso aver sparato loro alle gambe, nella regione di Kharkiv. Il Comitato investigativo russo, citato dalla Tass, ha identificato i due come S.O. Velichko e K.V. Nemichev, incriminati in
contumacia sulla base dell'articolo 317 del Codice penale russo.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:15

Kiev denuncia: 200 residenti dispersi a Borodyanka

Il consigliere del ministro degli affari interni dell'Ucraina Anton Gerashchenko ha affermato che circa 200 residenti di Borodyanka, la cittadina a nord di Kiev devastata dai bombardamenti russi, sono attualmente dispersi. Lo riporta Ukrinform. "Secondo il capo villaggio di Borodyanka, attualmente mancano circa 200 residenti. E capiamo che molti, molti di loro sono scomparsi per sempre. Non perdoneremo mai questo crimine: sia gli occupanti russi che i loro leader saranno responsabili degli omicidi degli ucraini", ha detto Gerashchenko.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:10

Nato: "C'è accordo su aumento aiuti militari a Kiev"

"Gli alleati hanno concordato l'aumento dell'assistenza militari all'Ucraina per permetterla di respingere l'offensiva russa". Lo ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, al termine della riunione dei ministri degli Esteri dall'Alleanza. "La Russia non si sta ritirando, si riposizionando. Ci aspettiamo una grande battaglia nel Donbass
con una grande offensiva russa. Per questo l'urgenza di fornire più sostegno all'Ucraina" ha aggiunto Stoltenberg

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
16:00

Onu: “Prossimo passo è condurre indagine su quanto accaduto a Bucha”

Un’indagine sulle circostanze della morte di persone vestite in abiti civili che sono state trovate morte a Butcha dalle autorità ucraine dopo il ritiro dell’esercito russo è “il prossimo passo”: lo ha detto un alto funzionario delle Nazioni Unite durante una visita alla città vicino a Kiev. “Il mondo è già profondamente scioccato”, ha detto Martin Griffiths, il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, a un funzionario del municipio di Butcha, assicurando che “il prossimo passo è condurre un’indagine”.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
15:55

Ministro Bianchi: "Quasi 15 mila studenti ucraini in scuole italiane"

"La scuola italiana ha dimostrato ancora una volta grande accoglienza. Sono quasi 15 mila i ragazzi ucraini che sono già inseriti nelle nostre scuole soprattutto tra i 3 e i 13 anni. I più grandi stanno seguendo le lezioni a distanza proposte dal ministero ucraino: il quadro permette ai ragazzi di trovare serenità qui in Italia". Cosi' il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi a Rai News 24.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
15:42

L'intervista di Fanpage all'analista russo Luzin sulla possibilità che Putin possa usare l'atomica

“Un attacco dimostrativo con un’arma tattica è probabile, se Mosca teme la sconfitta”. Ma le forze armate potrebbero sabotarlo: “Manca fiducia lungo la catena di comando”. L’analista russo Luzin guida Fanpage.it in un inquietante viaggio nella dottrina militare del Cremlino.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
15:29

Kuleba: "La guerra del Donbass ricorderà molto la Seconda guerra mondiale"

"La battaglia per il Donbass ricorderà la Seconda guerra mondiale, con grandi operazioni, manovre, coinvolgimento di migliaia di carri armati, veicoli corazzati, aerei, artiglieria". Così il Ministro degli Esteri, Dmytro Kuleba al quartier generale della NATO a Bruxelles.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
15:19

Mosca dice che la proposta di pace ucraina è "inaccettabile"

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto che Kiev ha presentato a Mosca una bozza di accordo di pace che contiene elementi "inaccettabili", ma che la Russia porterà comunque avanti i negoziati e farà pressioni per garantire che le proprie richieste vengano rispettate. È quanto ha riportato l'agenzia di stampa russa Interfax. Lavrov ha anche accusato l'Ucraina di aver interrotto e minato i colloqui di pace, secondo quanto pubblicato da Interfax.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
15:06

G7: "Ci saranno gravi conseguenze se Mosca userà armi nucleari"

"Qualsiasi uso da parte della Russia di un’arma nucleare o chimiche sarebbe inaccettabile e comporterebbe gravi conseguenze". Lo si legge nel comunicato dei ministri degli Esteri del G7. "Mettiamo in guardia – si legge nel comunicato dei ministri degli Esteri del G7 – contro qualsiasi minaccia o uso di armi chimiche, biologiche o nucleari. Ricordiamo gli obblighi della Russia ai sensi dei trattati internazionali di cui è parte e che ci proteggono tutti". "Condanniamo le affermazioni infondate e le false accuse della Russia contro l’Ucraina, un membro della Convenzione sulle armi biologiche e tossiche e della Convenzione sulle armi chimiche che rispetta i suoi obblighi verso questi trattati. Esprimiamo preoccupazione per altri paesi e attori che hanno amplificato la campagna di disinformazione della Russia" si sottolinea.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
15:00

Sindaco di Dnipro invita donne, bambini e anziani a lasciare la città

Il sindaco di Dnipro ha invitato donne, bambini e anziani a lasciare la città. "Gli scontri con la Russia potrebbero intensificarsi qui" ha riferito in un video postato online. Gli avvertimenti di Filatov seguono simili appelli da parte delle autorità nella regione di Luhansk. Mercoledì, il governatore di Luhansk ha esortato tutti i residenti a evacuare

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
14:32

Conte contro Draghi: "Condizionatori accesi o la pace? Sbagliato porla in questi termini"

La questione posta dal premier Draghi sulle conseguenze di un possibile stop alle importazioni di gas dalla Russia come ulteriore misura per fermare la guerra in Ucraina ha suscitato diverse polemiche da più schieramenti. Durante la conferenza stampa successiva all'approvazione del Def, il presidente del Consiglio ha risposto a una domanda sul blocco delle forniture di energia da Mosca, chiarendo che il tema non è in discussione nell'immediato. Secondo Draghi, infatti, qualsiasi decisione sarà presa in accordo con l'Ue. "Pace o condizionatori accesi? Non la porrei in modo così manicheo, non penso sia così. – ha detto Giuseppe Conte, leader del M5S – Credo che bisogna spingere in Europa per un Energy Recovery Fund, quella è l'unica strada vera insieme allo scostamento di bilancio per poter disporre l'embargo".

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
14:15

Lukashenko: "Bielorussia deve partecipare agli accordi su situazione Ucraina"

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha detto all'agenzia di stampa bielorussa Belta che il suo Paese dovrebbe essere coinvolto nei negoziati con l'Ucraina. Secondo quanto riportato il presidente si aspetta di essere convocato da Putin nei prossimi giorni. "Non possono esserci accordi alle spalle della Bielorussia. Dal momento che siamo stati trascinati in questa situazione, è giusto che la nostra posizione venga ascoltata". Lukashenko ha fatto riferimento in particolare alle sanzioni occidentali: secondo il presidente bielorusso, il mondo ha etichettato "ingiustamente il Paese come complice dell'aggressore"

A cura di Gabriella Mazzeo
07 Aprile
14:10

Kuleba: "Da Paesi Nato in arrivo aiuti concreti all'Ucraina"

"Ho partecipato alla riunione dei ministri degli Esteri della Nato. Forte senso di unità verso l'Ucraina tra alleati e partner. Ancora più importante, una forte determinazione a fare passi molto concreti per sostenerci. Ho esposto le priorità e sottolineato le urgenze. Le risposte di un certo numero di alleati non tarderanno ad arrivare", lo ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, oggi a Bruxelles per partecipare ala riunione dei ministeri degli esteri dei Paesi Nato.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
14:00

Draghi: "Sono indecenti i massacri di civili in Ucraina non le sanzioni alla Russia "

"Sanzioni indecenti? Di indecenti ci sono solo i massacri che vediamo tutti i giorni". Così si è espresso oggi il premier Mario Draghi dopo l'incontro con il primo ministro Olandese Mark Rutte parlano delle stragi in Ucraina e delle sanzioni alla Russia per la guerra.  "Ribadiamo la ferma condanna per le stragi di civili documentate" commesse in Ucraina "in questi giorni e chiediamo che si faccia piena luce sui crimini di guerra. Mosca dovrà rendere conto di quanto accaduto" ha aggiunto il presidente del consigli al termine dell'incontro con il suo omologo dei Paesi Bassi. "Il terrore della guerra è tornato nel nostro continente. Sono d'accordo al 100% con l'appello di Draghi per far cessare le violenze in Ucraina. Siamo inoltre convinti a continuare a sostenere e aiutare l'Ucraina. In questo senso le sanzioni sono molto importanti"  ha dichiarato invece Rutte, aggiungendo: "La Commissione europea continuerà a formare pacchetti di sanzioni. Speriamo non sia necessario, ma il momento è cruciale. Cerchiamo di raggiungere accordi rapidamente" e di fare in modo che "la dipendenza da gas e energia russa diminuisca. Dobbiamo agire rapidamente per trovare soluzioni e dobbiamo accelerare la transizione ecologica per lo stop al gas russo russo"

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
13:52

Lukashenko pretende un posto per la Bielorussia nei negoziati di pace Russia Ucraina

"Non ci possono essere negoziati senza la partecipazione della Bielorussia. Dato che siamo stati coinvolti in tutto questo, prima di tutto da parte dei paesi occidentali, in questi negoziati dovrebbe essere naturalmente espressa la posizione della Bielorussia" così il Lukashenko ha dichiarato di  pretendere un posto per la Bielorussia nei negoziati di pace tra Russia e Ucraina. "Non partiamo  dal fatto che siamo stati messi nello stesso paniere con la Russia, no. Partiamo dal fatto che questa guerra è dietro le recinzioni del nostro Paese e incide gravemente sulla situazione in Bielorussia. Non ci possono essere accordi separati alle spalle della Bielorussia.  I tre popoli slavi dovrebbero finalmente, rendendosi conto di ciò che sta accadendo nel mondo su scala globale, sedersi a un tavolo e concordare. Negoziare alla pari" ha detto Lukashenko

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
13:38

Lavrov: "Nella bozza di accordo Kiev non rispetta l'intesa raggiunta a Istanbul"

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che nella bozza di accordo con la Russia, presentata dall'Ucraina  "c'è una deviazione dalle disposizioni fissate nella riunione di Istanbul", lo riferisce RIA Novosti. Secondo Lavrov, l'Ucraina aveva precedentemente promesso che le garanzie di sicurezza non sarebbero state applicate alla Crimea, ma questa clausola manca nella nuova versione dell'accordo. Inoltre, l'Ucraina propone di discutere le questioni della Crimea e del Donbass in un incontro dei leader dei due paesi, e questo piano è inaccettabile, ha affermato il ministro degli Esteri russo. "L'incapacità di Kiev di fare accordi sottintende un piano per tirare alla lunga e mette a repentaglio il dialogo con la Russia" ha sostenuto Lavrov aggiungendo però che Mosca continuerà ad avere colloqui con l'Ucraina presentando la propria proposta di accordo nonostante le provocazioni.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
13:31

Apre Novaya Gazeta Europe per raccontare cosa accade in Russia: "Pronti a lottare per la libertà di parola"

I giornalisti di Novaya Gazeta, costretti a lasciare la Russia a causa di un divieto alla professione, annunciano l'apertura di un nuovo giornale per raccontare consa accade in Russia Novaya Gazeta Europe. "Non si tratta di una filiale della Novaya Gazeta, ma di un progetto indipendente. Novaya Gazeta Europe racconterà al mondo ciò che sta accadendo in Russia in diverse lingue. Coprirà le notizie mondiali e russe per le persone che leggono il russo e condividono i valori europei" spiega l'annuncio.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
13:24

Zelensky : "Quello che è successo a Mariupol non si vedeva da più di mezzo secolo, ora rischia anche Odessa"

"Per oltre un mese mi sono svegliato ogni giorno pensando a Mairupol. Quello che è successo  non accadeva nella storia europea da più di mezzo secolo… I soldati russi stanno distruggendo tutto, hanno bombardato ospedali, reparti maternità persino il teatro municipale della città. Abbiamo visto tutti queste cose, abbiamo visto tutti cosa hanno fatto i piloti russi. Quella che è stata la culla della comunità greca per secoli, è stata distrutta. Questa pacifica cittadina ha subito la violenza delle truppe russe”. è il messaggio del presidente ucraino Volodymyr Zelensky al Parlamento greco per esortalro a sostenere le richieste di Kiev nell'Ue. "Mariupol ha bisogno di un aiuto umanitario urgente", ha detto ricordando che l'attacco russo è "terrestre, aereo e marittimo". A Mariupol esiste una comunità greca con la quale, ha ricordato Zelensky, "la coesistenza era pacifica prima della guerra" ha aggiunto Zelensky nel suo intervento al Parlamento greco, sottolineando che la Russia potrebbe tentare di distruggere ora anche Odessa dove c'è un'altra ampia comunità di greci: "Dobbiamo salvare Odessa dalla distruzione subita da Mariupol".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
13:10

Un video mostra l’esecuzione sommaria di soldati russi caduti in un’imboscata

Non ci sono solo i crimini di guerra commessi dalle forze armate russe. Sempre più spesso, infatti, stanno emergendo episodi inquietanti imputabili anche all'esercito ucraino, come quello documentato con un video risalente molto probabilmente al 30 marzo. Nel filmato, che sta circolando su Telegram ed è stato verificato in modo indipendente anche dal New York Times, si possono vedere degli uomini agli ordini di Kiev uccidere dei prigionieri russi in un villaggio a ovest della capitale. Le telecamere indugiano sui due soldati a terra e una voce dice: "Quello è ancora vivo. Guarda, è ancora vivo. Sta ansimando".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
13:00

G7: "Condanniamo con la massima fermezza le atrocità russe commesse a Bucha"

Le  inquietanti immagini di morti tra i civili, vittime di torture e apparenti esecuzioni, così come resoconti di violenze sessuali e distruzione di infrastrutture civili, mostrano il vero volto della brutale guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina e il suo popolo. I massacri nella città di Bucha e in altre città ucraine saranno iscritti nell'elenco delle atrocità e delle gravi violazioni del diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario e i diritti umani, commesse dall'aggressore sul suolo ucraino" si legge in una dichiarazione congiunta in cui i Ministri hanno espresso la loro “commovente solidarietà al popolo ucraino e le nostre più sentite condoglianze alle vittime”. I ministri degli Esteri del G7 si soni detti disponibili ad assistere ulteriormente Kiev "anche con attrezzature militari e mezzi finanziari, per consentire all'Ucraina di difendersi dall'aggressione russa e di ricostruire l'Ucraina"

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:53

Mattarella: "Inaccettabile l'aggressione della Russia all'Ucraina"

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso "apprezzamento per l'impegno dispiegato in questi anni" dalle fondazioni di origine bancaria "nell'affrontare le numerose criticità che si sono manifestate, a livello territoriale, sociale, generazionale, di crisi internazionale, come nel caso delle migrazioni e ora delle conseguenze dell'inaccettabile aggressione all'Ucraina da parte della Federazione Russa". Lo si legge nel messaggio inviato dal Capo dello Stato al XXV congresso nazionale dell'Acri iniziato oggi a Cagliari.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:45

Via libera del Parlamento Ue a risoluzione che chiede totale embargo su importazioni di gas e petrolio russo

Via libera del Parlamento europeo alla risoluzione di maggioranza che chiede più sanzioni contro la Russia, includendo l'import di energia. Approvato anche un emendamento che chiede "un totale e immediato embargo su gas, petrolio e carbone russi". L'emendamento che chiede un embargo immediato anche per le importazioni di gas dalla Russia è passato con 413 voti favorevoli. La risoluzione approvata invece con 513 voti favorevoli.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:41

Al confine Usa-Messico, oltre 2mila rifugiati ucraini in 10 giorni

Al confine Usa-Messico ci sono oltre 2mila rifugiati ucraini in 10 giorni e aumentano giorno dopo giorno, in buona parte donne e bambini. Il corrispondente della Cbs, Manuel Bojorquez, ha riportato come i rifugiati ucraini riescano ad arrivare in Messico tramite un visto turistico e arrivino direttamente dall'aeroporto di San Isidro. Il New York Times ha riportato come i migranti si stiano ammassando lungo i marciapiedi della città di Tijuana, distante appena 28 km da quella statunitense di San Diego. Da quando il presidente americano Joe Biden ha annunciato di voler garantire l'ingresso nel Paese a 100.000 cittadini ucraini scappati dalla guerra in atto nel loro Paese, ogni giorno 150 di loro vengono accolti negli Stati Uniti.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:34

Kiev contro Orban: "Disponibilità dell'Ungheria a pagare il gas russo in rubli è atto ostile"

Scontro diplomatico tra Ucraina e Ungheria  sulle sanzioni a Mosca. Il ministero degli Esteri ucraino ha affermato di considerare la disponibilità dell'Ungheria a pagare  il gas russo in rubli un "atto ostile". L'Ungheria "aiuta Putin a continuare la sua aggressione contro l'Ucraina" e "distrugge l'unità europea" è l'accusa del portavoce del ministero ucraino degli Esteri, Oleg Nikolenko, aggiungendo che Kiev "considera le dichiarazioni ungheresi come una posizione ostile contro il nostro Stato". "Se davvero l'Ungheria vuole mettere termine a questa guerra, ecco che cosa deve fare: smetterla di distruggere l'unità dell'Ue, sostenere nuove sanzioni contro la Russia e aiutare militarmente l'Ucraina", spiegano da Kiev. Il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó ha confermato che il carburante per le centrali nucleari ungheresi è arrivato per via aerea dalla Russia e ha ribadito che l'Ungheria non sostiene le proposte di sanzioni energetiche europee contro la Russia.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:27

L'Ue darà agli Stati 40 euro alla settimana per ogni rifugiato al quale viene concessa la protezione temporanea

"Per rendere piu' semplici e rapide le procedure amministrative" nella gestione dei profughi ucraini "abbiamo introdotto una nuova dichiarazione di costi semplificata" grazie alla quale "gli Stati membri avranno la possibilità di ricevere 40 euro alla settimana per ogni rifugiato al quale viene concessa la protezione temporanea" introdotta per le persone in fuga dalla guerra in Ucraina "per un periodo di massimo tredici settiman" lo ha dichiarato la commissaria europea all'Uguaglianza, Helena Dalli, nel dibattito al Parlamento europeo sull'aumento del prefinanziamento delle risorse React-Eu in risposta all'invasione russa dell'Ucraina. "Riconosciamo che agli Stati membri che accolgono i rifugiati serve molto di più, ma questa iniziativa non è l'unica" ha aggiunto

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:20

Cremlino: "Inviare armi in Ucraina non contribuirà al successo dei colloqui di pace"

"Inviare armi in Ucraina non contribuirà al successo dei colloqui russo-ucraini", ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in una conferenza con i giornalisti alla domanda sulle forniture di armi statunitensi all'Ucraina. "Ovviamente questo molto probabilmente avrà un effetto negativo". Interpellato sulle sanzioni applicate dagli Stati Uniti alla famiglia di Putin, invece, ha spiegato: "La reazione è la stessa di tutte le altre sanzioni. Noi, ovviamente, crediamo che, in primo luogo, queste sanzioni siano una continuazione di una linea frenetica che ha visto  sull'introduzione di varie restrizioni. La linea sull'applicazione di alcune restrizioni ai membri della famiglia Putin parla da sé. È improbabile che tali passaggi, tali approcci richiedano un qualche tipo di valutazione. Questo è qualcosa che è difficile da capire e spiegare. Ma, sfortunatamente, dobbiamo affrontare  tali avversari", ha detto Peskov. Il portavoce del Cremlino infine ha detto che  Putin deve ancora decidere se partecipare al prossimo vertice del G20 – che si terrà in Indonesia a novembre – e che verrà presa una decisione in base a come si svolgeranno gli eventi.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:15

Cosa sono i blindati Mastiff e Jackal che il Regno Unito vuole consegnare all’Ucraina

Il Regno Unito fornirà veicoli blindati all'Ucraina e a tal proposito sta valutando l'invio di due mezzi specifici: il veicolo da pattugliamento Mastiff (Mastino) e il veicolo da ricognizione Jackal (Sciacallo), entrambi in dotazione all'esercito britannico, la British Army. Lo riporta Reuters. Come specificato dall'agenzia di stampa, alcuni di questi veicoli sarebbero stati già inviati in un Paese confinante con l'Ucraina assieme ad addestratori militari, dopo essere stati privati dell'“equipaggiamento sensibile”. È dunque verosimile che a breve saranno schierati sul campo di battaglia. Ecco cosa sono e a cosa servono.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
12:04

Kiev averte la popolazione: ultima chance per fuggire dall'Est prima dell'attacco russo

Kiev averte la popolazione civile di lasciare appena possibile le regioni del este del Paese sottolineando che è l'ultima chance per fuggire prima dell'attacco russo. Già ieri il ministro per la Reintegrazione dei territori occupati Iryna Vereschchuk aveva invitato i residenti delle regioni di Lugansk,Donetsk e parte di Kharkiv a evacuare immediatamente Intanto Kiev dichiara che i russi hanno ripreso l'offensiva a Mariupol, il sindaco della cittadina martoriata afferma che oltre 100.000 persone hanno ancora bisogno di un'evacuazione urgente dalla città ma per ora non ci sono convogli e chi può deve cecare di andarsene utilizzando i propri veicoli. Come ha annunciato il governatore della regione di Lugansk, Serghei Gaidai, "siamo riusciti solo oggi a far partire oltre 1.200 persone", in condizioni difficili poiché i bombardamenti continuano senza sosta sull'area, ha detto. "Chiedo alla gente di andarsene perché vediamo chiaramente che, prima di passare all'offensiva totale, il nemico distruggerà completamente tutti questi luoghi", ha detto in una intervista televisiva, aggiungendo di partire prima che sia troppo tardi. Nel centro di Popasne, a sud di Sverodonetsk, l'evacuazione dei civili è stata già bloccata dall'intensità dei bombardamenti.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:59

Ucraina, pazienti e medici dell’ospedale di Mariupol deportati in Russia: la video denuncia del Comune

Donne, bambini, medici e ammalati lasciano in fila l'ospedale di Mariupol tra le macerie della città per essere deportati in Russia. È quanto denuncia il Consiglio comunale della città ucraina, tra i principali bersagli dell'offensiva di Mosca, con tanto di video condiviso sull'account ufficiale su Telegram che mostra quanto sta avvenendo. Mancano, ovviamente, conferme da fonti indipendenti. Secondo quanto riporta Ukrinform, uomini armati sono entrati nel nosocomio, imponendo a dottori e pazienti di seguirli e salire sui loro mezzi.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:52

Kiev: "Russia intensifica reclutamento di soldati di leva"

La Russia si sta concentrando su un'imminente operazione offensiva nell'Ucraina orientale con l'obiettivo di prendere il controllo delle regioni di Donetsk e Luhansk, ha affermato il ministero della Difesa ucraino e per questo sta ammassando nuovi truppe al confine reclutandole però tra i soldati di leva.  “I militari russi si rifiutano di prendere parte a ulteriori ostilità sul territorio dell'Ucraina. Le condizioni morali e psicologiche di questo personale sono basse e tendono a deteriorarsi”, si legge in un rapporto operativo pubblicato questa mattina da Kiev. Secondo il rapporto la Russia "continua a cercare modi per risolvere il problema di rifornire soldati alle unità" e ha "intensificato il reclutamento di coscritti che sono stati congedati dal servizio militare dal 2012". Secondo il quotidiano "Provincia di Pskov" diversi militrai di leva si sarebbero rifiutati di andare in prima linea e vengono sottoposti ora a  procedimenti penali. Sarebbero almeno 500 i casi su cui commissione del Ministero della Difesa di russo sta lavorando.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:42

Perché la Russia sta perdendo centinaia di carri armati in Ucraina

Perché la Russia sta perdendo centinaia di carri armati in Ucraina? Il BMP-1 è uno dei mezzi corazzati impiegati dalla Russia nell’invasione dell’Ucraina: progettato nel 1966 per combattere una guerra nucleare, si sta rivelando estremamente vulnerabile nella guerra convenzionale. Secondo il professor Kamil Galeev, oppositore di Putin già arrestato nel 2020, ricercatore indipendente e giornalista residente a Mosca, "Quel che è peggio è che questo carro non offre quasi nessuna protezione dai proiettili ad alto potenziale esplosivo o dalle mine terrestri. In caso di esplosione di una mina, i soldati non sarebbero in grado di uscire e brucerebbero vivi all'interno.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:35

La Grecia chiederà alla Corte internazionale di giustizia dell'Aia di indagare sui crimini di guerra a Mariupol

La Grecia chiederà alla Corte internazionale di giustizia dell'Aia di indagare sui crimini di guerra a Mariupol. lo ha annunciato il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias.“La Grecia chiederà che la Corte internazionale di giustizia di indagare sui crimini di guerra che si sono verificati a Mariupol”, ha affermato Dendias prima della riunione odierna dei ministri degli Esteri della Nato a Bruxelles. “La Grecia ha un interesse particolare per Mariupol a causa della comunità greca di oltre 100.000 persone. Inoltre chiederò alle mie controparti nell'Alleanza di fare il meglio che possono per aiutare l'Ucraina , ma anche per proteggere Odesa, in modo che Odesa non subisca la stessa sorte di Mariupol" ha aggiunto

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:28

Mosca sanziona Google e ferma la pubblicità: Pubblica informazioni sulla guerra in Ucraina 

Mosca sanziona Google e ferma la pubblicità dell'azienda statunitense perché Pubblica informazioni sulla guerra in Ucraina  non aprivate dal Cremlino. L'organismo di controllo delle comunicazioni russo, Roskomnadzor, ha affermato che stava adottando misure punitive contro Google, incluso il divieto di pubblicizzare la piattaforma e le sue risorse informative, per presunta violazione della legge russa. Tra le misure divieto di distribuzione di pubblicità da parte di Google nel Paese.  "L'hosting di video su YouTube è diventato una delle piattaforme chiave che diffondono falsi sul corso di un'operazione militare speciale sul territorio dell'Ucraina, screditando le forze armate della Federazione Russa", ha affermato Roskomnadzor in una nota. Queste misure saranno revocate solo quando Google eliminerà le violazioni, avverte Roskomnadzor. L'agenzia accusa YouTube di "non combattere la diffusione di informazioni da parte di organizzazioni estremiste" e di bloccare account e contenuti dei media russi,

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:21

Metsola: “Dobbiamo fare molto di più per l'Ucraina”

"Il mondo ha fatto molto ma c'è bisogno di fare molto di più e urgentemente". Il messaggio è arrivato forte e chiaro da parte del leader ucraino Zelensky alla presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, che gli ha fatto visita a Kiev la scorsa settimana. A raccontarlo è stata la stessa numero uno dell'Europarlamento, intervistata ieri sera a Porta a Porta: "Zelensky è il leader di un Paese che non smetterà mai di difendere il suo territorio", ha sottolineato, spiegando che il presidente ucraino le ha chiesto "cose molto concrete", come "assistenza urgente, finanziaria, militare". Poi l'ammissione della stessa Metsola: "Oltre alle sanzioni che sono già state applicate dobbiamo fare molto di più".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:10

Qual è la situazione militare sul campo in Ucraina, dove sono i russi e a cosa puntano

Gli attacchi aerei russi sono ora concentrati principalmente nelle aree dell'Ucraina orientale e le forze russe stanno cercando di accerchiare le truppe ucraine nella regione, lo ha affermato il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych. Intanto La nuova offensiva dei russi in Donbass si avvicina. Le truppe di Mosca si stanno riorganizzando nell'est dell'Ucraina, dopo aver ridotto gli attacchi da nord nelle zone vicino Kiev. In queste ore, così, continuano le ricognizioni nelle aree contese con la Russia e dichiarate indipendenti da Putin lo scorso febbraio. A spiegarlo è lo Stato maggiore delle forze ucraine, nell'ultimo bollettino sulla guerra in corso nel Paese. Qual è la situazione militare sul campo in Ucraina, dove sono i russi e a cosa puntano.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
11:05

"A Bucha set cinematografico", Ambasciata russa ironizza sul massacro: Parigi convoca ambasciatore

Il governo di Parigi ha convocato l'ambasciatore russo dopo che stanotte la rappresentanza diplomatica in Francia ha postato immagini del massacro di Bucha scrivendo "Set cinematografico, città di Bucha", post poi rimosso. Il governo ha risposto subito con un tweet del ministro per gli Affari europei, Clément Beaune: "Oltre la vergogna. Stop". Il messaggio di Beaune è stato ritwittato dalla ministra del Lavoro, Elisabeth Borne, e dalla vicecapogruppo di En Marche all'Assemblée Nationale, Aurore Bergé, poi la convocazione dell'ambasciatore.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:51

Ursula von der Leyen domani a Kiev per incontrare Zelensky

Si terrà domani l'incontro tra il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Lo ha affermato l'addetto stampa del capo di stato Sergei Nikiforov secondo quanto riferisce Ukrinform. Martedì Bruxelles aveva confermato che la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen e l'alto rappresentante per la politica estera Josep Borrell si sarebbero recati questa settimana a Kiev per incontrare Zelensky. Il presidente von der Leyen e JosepBorrell si recheranno questa settimana a Kiev per incontrare il presidente Zelensky prima dell'evento di sabato a Varsavia" aveva spiegato il portavoce di von der Leyen, Eric Mamer dopo ore di indiscrezioni.  Von der Leyen sarà poi  Varsavia in occasione dell'evento "StandupforUkraine", organizzato insieme al presidente del Canada Justin Trudeau come riconoscimento del ruolo fondamentale della Polonia nell'accoglienza dei rifugiati, nonché occasione per ribadire l'impegno dell'Unione europea. In precedenza si era recata a kiev anche  la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola come rappresentante delle istituzioni comunitarie, sotto invito di Ruslan Stefanchuk, presidente del parlamento monocamerale ucraino.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:49

Mine della Guerra Russia Ucraina infestano il mar nero, appello della Turchia: "Cessate il fuoco immediato"

I ministri della Difesa dei paesi costieri del Mar Nero hanno tenuto una videochiamata per discutere della guerra in Ucraina e delle mine che infestano lo spazio di mare. Reuters riferisce da Ankara che, in una dichiarazione, la Turchia ha affermato che i ministri della Difesa di Bulgaria, Georgia, Polonia, Romania e Ucraina si sono incontrati in videoconferenza su invito della Turchia, aggiungendo di aver tenuto colloqui "molto efficienti". "Oltre alle miniere, è stata sottolineata l'importanza della cooperazione nel Mar Nero per la pace, la calma e la stabilità", ha affermato dopo l'incontro il ministro della Difesa turco Hulusi Akar, aggiungendo che i ministri hanno chiesto un cessate il fuoco immediato. Le squadre di subacquei militari turchi hanno finora fatto esplodere tre diverse mine navali galleggianti nella propria zona nel Mar Nero, mentre la Romania ha disinnescato un'altra mina vagante nelle sue acque.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:41

Sasha, morto a 4 anni mentre scappava dalla guerra in Ucraina. La mamma: “È già in paradiso”

Immagine da Facebook.

"Ringrazio tutti coloro che ci hanno creduto, che hanno aiutato nella ricerca, ringrazio tutti per le vostre preghiere e per la fede, vi ringrazio per il vostro sostegno. Sasha, il nostro piccolo angelo è già in paradiso. Oggi la sua anima ha trovato pace". Sono queste le parole con le quali Anna Yakhno ha comunicato al mondo la morte di suo figlio Sasha, il bimbo ucraino di 4 anni che era scomparso dallo scorso 10 marzo mentre con la nonna stava cercando di fuggire dalla guerra in Ucraina. Il corpo della donna, 60 anni, era stato ritrovato senza vita poco dopo, ma del piccolo Sasha se ne erano perse le tracce. Così i suoi genitori avevano lanciato un appello internazionale, arrivato anche in Italia, affinché venisse ritrovato. Fino al tragico epilogo dello scorso 5 aprile.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:35

Londra: "Attacchi russi nel Donbass ma offensiva anche nell'Ucraina orientale"

"L'artiglieria russa e gli attacchi aerei continuano lungo la linea di controllo del Donbas ma l'avanzamento delle operazioni offensive nell'Ucraina orientale è l'obiettivo principale delle forze militari russe" lo scrive il Ministero della difesa britannica nell'ultimo aggiornamento dell'intelligence di Londra sua Guerra Ucraina – Russia. "Gli attacchi russi contro obiettivi infrastrutturali all'interno dell'Ucraina hanno probabilmente lo scopo di degradare la capacità dell'esercito ucraino di rifornirsi e aumentare la pressione sul governo ucraino. Nonostante la ricollocazione delle forze e delle capacità logistiche per supportare le operazioni nel Donbas, è probabile che le forze russe continuino ad affrontare problemi di morale e carenza di rifornimenti e personale" sostengo gli 007 britannici.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:30

Kiev: 11 corpi di civili trovati in un garage a Gostomel

Undici corpi di civili sono stati trovati in un garage a Gostomel, località alle porte di Kiev. Lo riporta l'Ukrayinska Pravda, citando l'ex ministro dell'Interno, Arsen Avakov, che ha dato la notizia sul suo canale Telegram. Secondo Avakov, le vittime sono civili uccisi dai soldati russi. Gostomel, a nord-ovest della capitale ucraina e con un aeroporto nelle vicinanze, era stata teatro di feroci combattimenti soprattutto all'inizio della guerra. La maggior parte dei suoi 16mila abitanti è fuggita. Pochi giorni fa, le truppe ucraine ne hanno ripreso il controllo nonché delle vicine località di Bucha e Irpin. Ieri il capo dell'amministrazione militare locale ha dichiarato che circa 400 persone di Gostomel risultano scomparse. Nella località da oggi è in vigore un coprifuoco di una settimana.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:24

Mosca: “La posizione dell’Italia sulle sanzioni è indecente, i cittadini si vergognano di Draghi”

La Russia torna ad attaccare il governo Draghi, accusato di essere contro Mosca in maniera ingiustificata per le sanzioni inflitte e di aver dimenticato i buoni rapporti diplomatici che esistevano prima della guerra in Ucraina. Secondo la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova "l'Italia probabilmente ha dimenticato chi gli ha teso a suo tempo una mano ed è ora in prima linea in un attacco al nostro Paese". Il riferimento, in particolare, è a quanto accadde nel marzo del 2020. Allora l'Italia, primo paese europeo ad essere fortemente colpito dal Covid, ricevette aiuti da Mosca. Intanto oggi i ministri di Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna hanno avuto un incontro con Il Segretario di stato americano Antony Blinken a margine della riunione Nato durante il quale hanno discusso "il modo migliore per continuare a isolare la Russia sulla scena internazionale dopo le flagranti violazione dei diritti e dei principi internazionali, per aumentare la pressione sul Cremlino e per mettere fine alla devastante guerra contro l'Ucraina".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:18

All'Onu ogi si vota l'espulsione di Mosca dal Consiglio diritti umani

L'assemblea generale dell'Onu voterà giovedì sulla proposta di sospendere la Russia dal consiglio dei diritti dell'uomo di Ginevra. Stati Uniti e Gran Bretagna chiedono all'Assemblea Generale la rimozione di Mosca in seguito alla notizie dell'uccisione di decine di civili da parte delle forze russe a Bucha. La portavoce del presidente dell'Assemblea Generale, Paulina Kubiak, ha fatto sapere che il voto è "confermato le 10 locali", le 16 italiane. Per approvare la sospensione della Russia dal Consiglio serve la maggioranza dei due terzi dei Paesi votanti (dei 193 membri delle Nazioni Unite): nella bozza di risoluzione – tra i co-sponsor c'è anche l'Italia – si chiede di "sospendere il diritto di Mosca di far parte" dell'organismo Onu esprimendo "grave preoccupazione per la crisi umanitaria e la crisi dei diritti umani in Ucraina, in particolare le notizie di violazioni e abusi del diritto internazionale umanitario da parte della Russia".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:12

Kiev, "La guerra ci costerà oltre 1 trilione di dollari"

"La guerra condotta dalla Federazione Russa contro l'Ucraina costerà al nostro Paese più di 1 trilione (mille miliardi) di dollari". Lo ha detto il primo ministro ucraino Denis Shmygal in un'intervista a Bbc News Ukraine, secondo quanto riporta Ukrinform. "Le perdite dirette alla prima decade di marzo – sia secondo la Kyiv School of Economics che il Ministero dell'Economia – ammontavano a oltre 560 miliardi di dollari. E se calcoliamo le perdite di Pil a lungo termine dal fatto che impianti di produzione distrutti, infrastrutture distrutte, l'ammontare delle perdite è molto più di 1 trilione di dollari. Questo è ciò che il nostro Paese perderà a causa della guerra", ha detto Shmygal

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:06

La Russia afferma di aver distrutto quattro impianti di stoccaggio di carburante in Ucraina

La Russia afferma di aver distrutto quattro impianti di stoccaggio di carburante in Ucraina nele ultime ore. Il ministero della difesa russo afferma di aver usato missili per distruggere quattro impianti nelle città ucraine di Mykolayiv, Kharkiv, Zaporizhzhia e Chuchiv. Lo riporta la Tass. "I depositi erano utilizzati per fornire carburante alle forze ucraine vicino a Kharkiv, Mykolayiv e nel Donbass", ha detto il portavoce del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov. Ieri il servizio di emergenza dello Stato ucraino ha diffuso le immagini dei vigili del fuoco che lavorano per spegnere le fiamme in un deposito di carburante che era stato colpito nella regione di Dnipropetrovsk. Secondo il Briefing mattutino del Ministero della Difesa della Federazione Russa,  L'aviazione ha colpito durante la notte 29 strutture militari ucraine. Inoltre, le difese aeree russe hanno abbattuto cinque droni ucraini.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
10:02

Fiamme e vernice rossa in piscina: cosa sta accadendo nelle due ville dell’oligarca russo Solovyev a Como

Pneumatici per indirizzare le fiamme e vernice rossa da spargere in tutta la piscina. Sono state bersaglio di atti vandalici le due ville sul lago di Como del presentatore russo Vladimir Solovyov, nonché uno dei fedelissimi del presidente Putin: nelle scorse settimane proprio il presentatore era stato tra i primi destinatari delle sanzioni economiche decise dall'Unione Europea a seguito dello scoppio della guerra in Ucraina. Sanzioni che avevano portato la Guardia di Finanza a sequestrare le due ville di lusso. I sigilli sono stati messi alle due proprietà di Menaggio e di Pianello del Lario, sul lago di Como, anche se potrebbero non essere le uniche due ville intestate all'oligarca nella zona. Cosa sta accadendo nelle due ville dell’oligarca russo Solovyev a Como.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:53

Sindaco Bucha: "Finora trovati 320 civili uccisi"

"Fino a ieri sera erano 320 i civili trovati uccisi. Gli specialisti stanno ora lavorando sui corpi per identificarli: specialisti forensi, agenti delle forze dell'ordine, ma il numero di corpi scoperti cresce ogni giorno. Si trovano in tenute private, parchi, piazze, dove era possibile, quando non c'erano bombardamenti, seppellire i corpi. La gente cercava di seppellire i morti in modo che i cani non li portassero via. Quasi nel 90 per cento dei casi sono ferite da proiettili, non schegge". Lo afferma il sindaco di Bucha Anatoly Fedoruk in un'intervista alla tv ucraina Dw.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:47

Oggi dieci corridoi umanitari in Ucraina per evacuare la popolazione

L'Ucraina ha annunciato  oggi l'obiettivo di aprire dieci corridoi umanitari per evacuare la popolazione. Iryna Vereshchuk , vice primo ministro ucraino, ha annunciato che l'Ucraina punta ad aprire dieci corridoi umanitari giovedì. Secondo Il ministero degli Affari interni ucraino ieri il servizio statale di emergenza dell'Ucraina nella regione di Donetsk ha evacuato 198 persone, 45 delle quali bambini. I cittadini sono stati fatti evacuare da vari insediamenti nella regione di Donetsk, come la città di Vugledar nel distretto di Volnovakha, Krasnohorivka e Novogrodivka nel distretto di Pokrovsky. In zona si attende una nuova offensiva russa e le autorità ucraine hanno chiesto a tutti i civili di evacuare la zona

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:36

Cosa sappiamo sui forni crematori che i russi avrebbero usato a Mariupol per “nascondere” i morti

I russi avrebbero cominciato a usare forni crematori mobili a Mariupol per nascondere le vittime della guerra. È questa una delle notizie che è rimbalzata da ieri sulla stampa internazionale dopo che alcuni giornalisti locali, in particolare del The Kyiv Indipendent, avevano riferito di una vera e propria catastrofe che si sta consumando nella città che si affaccia sul mar d'Azov e che è stata nelle ultime settimane tra i principali bersagli dell'offensiva di Mosca. Secondo la vice premier ucraina Iryna Vereshchuk, “i servizi segreti hanno detto che la Russia cerca di nascondere i propri delitti e per questo sta usando forni crematori mobili a Mariupol per bruciare i cadaveri delle nostre donne e bambini”. La conferma del sindaco Boychenko: “Questa è la nuova Auschwitz”. Cosa sappiamo sui forni crematori che i russi avrebbero usato a Mariupol.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:29

La Finlandia blocca i tir dall'Italia e sequestra opere d'arte russe per un valore di 46 milioni di dollari

La Finlandia ha bloccato i tir che trasportavano opere d'arte russe per un valore di 46 milioni di dollari e li ha sequestrati. Per le autorità di Mosca si tratta di un vero e proprio "furto": il 2 e 3 aprile, ha riferito il ministero degli Estri russo, "le Dogane finlandesi hanno sequestrato alla frontiera tre veicoli diretti in Russia, adducendo una probabile violazione delle sanzioni europee contro la Russia". I veicoli trasportavano opere d'arte provenienti dai più importanti musei del Paese, dall'Hermitage di San Pietroburgo, dalla Galleria Tretyakov e dal Museo delle Belle Arti Pushkin di Mosca e che erano state esposte in Italia (Milano e Udine) e in Giappone. La situazione", ha tuonato la portavoce della diplomazia russa Maria Zakharova, "si puo' definire anarchia legale: parliamo del sequestro, in violazione del diritto internazionale, di opere di proprietà russa che erano in esposizione temporanea all'estero, sotto garanzie ufficiali dei Paesi in cui erano state organizzate mostre in collaborazione con i nostri musei". "Siamo in attesa di una tempestiva decisione delle autorita' finlandesi per garantire che tutte queste opere vengano restituite alla Russia", ha aggiunto Zakharova. Le Dogane finlandesi hanno confermato il sequestro, spiegando che i veicoli con quadri e sculture sono arrivati in tre carichi differenti da Italia e Giappone: le sanzioni Ue contro Mosca, varate per l'invasione dell'Ucraina, includono anche il divieto di trasporto di opere d'arte e ne autorizzano la confisca.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:23

Dopo le ultime sanzioni la Russia è a un passo dal default finanziario

Le sanzioni dell'Occidente stanno colpendo duramente la Russia, che oramai sarebbe sull'orlo del default finanziario. Secondo la Cnn, in particolare la mossa degli Stati Uniti di interrompere la capacità del Paese di pagare il proprio debito utilizzando dollari, starebbe creando problemi enormi a Mosca. In totale i Paesi occidentali hanno bloccato circa la la metà delle riserve estere della Russia – quasi 315 miliardi di dollari – a causa dell'invasione dell'Ucraina. All'inizio il Tesoro americano aveva consentito a Mosca di utilizzare alcuni dei suoi beni congelati per ripagare alcuni investitori in dollari, ma il presidente Biden questa settimana è intervenuto impedendo al Paese di accedere alle sue scorte.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:17

L'Austria espelle quattro diplomatici russi

L'Austria ha deciso che espellere quattro diplomatici russi. Lo ha comunicato questa mattina il portavoce del ministro degli esteri Alexander Schallenberg. Ad essere espulsi saranno tre membri dell'Ambasciata di Vienna e uno del Consolato Generale di Salisburgo. Le persone dovranno lasciare l'Austria entro il 12 aprile. Un portavoce del ministero degli Esteri ha affermato che i funzionari russi si erano comportati in modo incompatibile con il loro status diplomatico. Mosca dal suo canto ha avvertito che i paesi che espellono diplomatici russi "riceveranno dure risposte". Lo fa sapere il Ministero degli esteri russo, secondo quanto riporta l'agenzia Tass.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:11

Kiev: "russi hano sparato su ospedale a Severodonetsk"

"Gli occupanti hanno sparato contro un ospedale di Severodonetsk". Lo ha scritto su Facebook il capo dell'amministrazione militare regionale di Luhansk, Sergey Gaidai. "Il numero di grattacieli danneggiati a Severodonetsk è ancora in fase di determinazione – ha precisato – Stiamo verificando i danni in quei quartieri dove non si sono verificati incendi ma che sono stati colpiti dai proiettili russi. Ci sono case distrutte a Lysychansk, così come edifici agricoli a Lysychansk, Severodonetsk , Novodruzhesk e Toshkivka. La scorsa notte, i vigili del fuoco hanno sono intervenuti dopo che il tetto di un ospedale di Severodonetsk aveva preso fuoco". Gaidai ha aggiunto che "un totale di nove attacchi nemici sono stati respinti in prima linea: sei carri armati, cinque unità corazzate e sei veicoli e quattro sistemi di artiglieria sono stati distrutti. Le unità di difesa aerea hanno abbattuto due aerei, un missile da crociera e un veicolo aereo senza pilota, ma i russi continuano il bombardamento di artiglieria di Popasna".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
09:02

Finlandia: "Fornire all'Ucraina tutte le armi di cui ha bisogno" 

Finlandia: Si devono fornire "a livello bilaterale" all'Ucraina "tutte le armi di cui ha bisogno per la sua autodifesa" dall'invasione russa. E' quanto dichiarato dal ministro degli Esteri finlandese, Pekka Haavisto, nel corso di un'intervista che ha rilasciato al quotidiano "Handelsblatt". Haavisto ha poi evidenziato: "Non possiamo farci da parte quando i diritti umani vengono violati". La questione, ha infine affermato il ministro degli Esteri finlandese, è "più che mai rilevante" davanti a immagini come quelle di Bucha, località a nord-ovest di Kiev dove sono stati scoperti massacri di civili attribuiti all'esercito russo.  La Finlandia ha aumentato il budget per le armi e sta decidendo se aderire alla Nato dopo l'invasione russa dell'Ucraina. Intanto la Russia accusa la Finlandia di aver fermato alla frontiera tre veicoli diretti in Russia con opere d'arte provenienti dai più importanti musei del Paese ed esposte all'estero. "La situazione", ha tuonato la portavoce della diplomazia russa Maria Zakharova, "si può definire anarchia legale: parliamo del sequestro, in violazione del diritto internazionale, di opere di proprietà russa che erano in esposizione temporanea all'estero, sotto garanzie ufficiali dei Paesi in cui erano state organizzate mostre in collaborazione con i nostri musei". "Siamo in attesa di una tempestiva decisione delle autorità finlandesi per garantire che tutte queste opere vengano restituite alla Russia", ha aggiunto Zakharova. Le Dogane finlandesi hanno confermato il sequestro, spiegando che i veicoli con quadri e sculture sono arrivati in tre carichi differenti da Italia e Giappone: le sanzioni Ue contro Mosca, varate per l'invasione dell'Ucraina, includono anche il divieto di trasporto di opere d'arte e ne autorizzano la confisca.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
08:51

La Gran Bretagna fornirà veicoli blindati all'Ucraina

La Gran Bretagna fornirà veicoli blindati all'Ucraina. Lo riporta il Times, secondo cui al vaglio del ministero della Difesa britannico sarebbe l'invio di mezzi ‘Mastiff' oppure ‘Jackal', che possono essere utilizzati come veicoli da ricognizione o da pattuglia a lungo raggio. Questi blindati potrebbero consentire alle forze ucraine di avanzare ulteriormente verso le linee russe. Secondo il quotidiano di Londra, inoltre, le truppe britanniche saranno inviate, nelle prossime settimane, nei paesi al confine con l'Ucraina per esercitazioni. "Abbiamo dato sostegno per molti anni formando centinaia di migliaia di forze ucraine e ora gli alleati stanno dando equipaggiamenti per sostenervi nella difesa. E' urgente ulteriore sostegno e oggi affronteremo il bisogno di più sistemi di difesa aerea, armi anticarro, armi leggere e pesanti e altro" ha dichiarato il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, in un punto stampa con il ministro ucraino Dmytro Kuleba all'arrivo alla riunione dei ministri degli esteri della Nato. "Permettimi di esprimere quanto ammiriamo il vostro coraggio, la vostra leadership, il governo e il popolo dell'Ucraina e il coraggio e la forza dell'esercito ucraino. Quello che fate ogni giorno contro l'aggressione russa è qualcosa che ispira tutto il mondo", ha sottolineato Stoltenberg

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
08:26

"A Mariupol oltre 5mila civili uccisi, 210 bimbi", la denuncia del Sindaco

Più di 5.000 civili, tra cui 210 bambini, sono stati uccisi a Marioupol dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina , lo ha detto il sindaco della città Vadym Boichenko sottolineando che le forze russe hanno bombardato anche gli ospedali, incluso uno in cui 50 persone sono morte tra le fiamme. Funzionari ucraini hanno affermato che l'esercito russo ha colpito la città con 118 attacchi aerei nelle ultime 24 ore, . Hanno anche detto che i soldati russi stavano raccogliendo corpi per distruggere le prove di crimini di guerra con un crematorio mobile. In città non c'è elettricità, comunicazioni, medicine, riscaldamento o acqua.  Ieri circa 1.000 persone sono riuscite a uscire dalla città portuale assediata in un convoglio di autobus e auto private organizzato dal Comitato Internazionale della Croce Rossa. Lo stesso si tenterà di fare anche oggi

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
08:19

Zelensky: "Se non si tocca il petrolio Mosca non prenderà sul serio i negoziati di pace"

"Se non si impone un pacchetto di sanzioni davvero doloroso contro la Russia e se non ci sono forniture di armi di cui abbiamo davvero bisogno e che abbiamo richiesto molte volte, sarà considerato dalla Russia come un permesso. Un permesso per andare oltre. Un permesso per attaccare. Un permesso per iniziare una nuova ondata di sangue nel Donbass" lo sostiene il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo consueto videomessaggio  diffuso via social. L'esportazione russa di petrolio è "una delle basi dell'aggressione russa e consente a Mosca di non prendere sul serio i negoziati di pace", ha aggiunto. Zelensky

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
08:13

Chi è la donna della foto simbolo dell’orrore a Bucha: Irina riconosciuta per lo smalto sulle unghie

Si chiamava Iryna Filykina la donna della foto simbolo del massacro consumatosi a Bucha, in Ucraina, nei giorni scorsi. La sua mano ricoperta di fango adagiata a terra, immortalata da un fotografo della Reuters, ha fatto il giro del mondo. È stato grazie allo smalto rosso acceso che aveva sulle unghie, tranne una su cui era disegnato un piccolo cuore, che è stata identificata. A riconoscerla è stata la sua estetista, Anastasia Subacheva, citata anche dall'agenzia di stampa Unian. Secondo quanto racconta Anastasia, la donna era una cliente che era andata da lei per una lezione di trucco l'ultima volta il 23 febbraio, alla vigilia dello scoppio della guerra.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
08:06

La maratona di Boston ha escluso gli atleti provenienti da Russia e Bielorussia

Gli atleti provenienti da Russia e Bielorussia non potranno partecipare alla maratona di Boston questo mese, lo hanno annunciato gli organizzatori della gara, un altro esempio del crescente isolamento dei paesi per l'invasione dell'Ucraina. "Come tanti in tutto il mondo, siamo inorriditi e indignati da ciò che abbiamo visto e appreso dai reportage in Ucraina", ha affermato in una nota Tom Grilk, capo della Boston Athletic Association, che organizza la maratona . "Riteniamo che la corsa sia uno sport globale e, in quanto tale, dobbiamo fare il possibile per mostrare il nostro sostegno al popolo ucraino". I cittadini di Russia e Bielorussia residenti in altri paesi potranno comunque partecipare.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
08:00

Blinken: "Forniremo all'Ucraina 10 sistemi anticarro per ogni carro armato russo"

Il capo del Dipartimento di Stato Anthony Blinken ha dichiarato in un'intervista alla NBC che gli Stati Uniti ei loro alleati hanno già fornito o forniranno presto all'Ucraina "10 sistemi anticarro per ogni carro armato russo" e che , indipendentemente dall'ulteriore sviluppo degli eventi e dalla durata del conflitto armato in Ucraina, Kiev vincerà comunque. Funzionari del Pentagono hanno riferito che un gruppo di militari ucraini si trova negli Stati Uniti dove , come parte di un programma di addestramento a lungo pianificato, vengo addestrati all'uso di droni Switchblade, i droni kamikaze sviluppati dall'esercito americano durante i combattimenti in Afghanistan. Il 15 marzo, la Casa Bianca ha dichiarato che avrebbe fornito all'Ucraina 100 di questi droni come parte di un pacchetto di aiuti per un totale di 800 milioni di dollari.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
07:46

Kuleba alla Nato: "Ho 3 richieste, armi, armi, armi"

"Sono venuto a Bruxelles con tre temi nella mia agenda, tre richieste oggi per il Consiglio atlantico: armi, armi, armi. Lo ha dichiarato il ministro degli Affari esteri dell'Ucraina, Dmytro Kuleba, in un punto stampa con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, al suo arrivo alla riunione dei ministri degli Affari esteri dei Paesi dell'Alleanza che si terrà oggi a Bruxelles. Il ministro degli Esteri ucraino ha affermato che non c'è distinzione tra armi offensive e difensive: qualsiasi arma, inclusi carri armati e caccia, sarebbe usata per difendere l'Ucraina. Ha aggiunto che tutti i paesi che fanno questa distinzione sono ipocriti e ha invitato gli alleati della Nato a fornire aerei da guerra, sistemi di difesa aerea pesante, missili e veicoli corazzati. "Noi insistiamo nel chiedere l'embargo al petrolio e al gas russo, la piena disconnessione da swift, i porti chiusi. Spero che non si arrivi a una situazione in cui servono altri shock come Bucha per imporre nuove sanzioni, non posso credere che il popolo ucraino debba soffrire così tanto per convincere i politici europei ad agire" ha poi spiegato il ministro degli Esteri ucraino.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
07:38

Di Maio: "L'Italia non chiude i canali diplomatici con la Russia"

"L'Italia ha espulso per ragioni di sicurezza nazionale 30 funzionari russi con passaporto diplomatico o di servizio. Non c'è bisogno di dire altro per chiedere a tutte le forze politiche di non speculare. Abbiamo agito in coordinamento con i nostri partner. Ora ci aspettiamo una reazione, ma questo non vuol dire che chiudiamo i canali diplomatici con la Russia, perché l'obiettivo è arrivare alla pace". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a Porta a Porta su Rai 1.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
07:28

Commissario Ue Johannes Hahn: "Embargo su gas russo è difficile ma su petrolio è possibile"

"Sembra che la Russia non sia in grado di pagare il suo debito in dollari, ma sia costretta a farlo in rubli. E questo porta quasi a un default. È la dimostrazione concreta che le nostre sanzioni sono vere ed efficaci" lo ha spiegato Johannes Hahn, il commissario europeo al Bilancio, difende le misure restrittive adottate dall'Unione europea per colpire Mosca e apre alla possibilità di estenderle al petrolio, anche se vede difficile un embargo sul gas. Il commissario – parlando con un gruppo di media europei tra cui La Stampa – lancia inoltre l'idea di un "Piano Marshall del Ventunesimo secolo" per ricostruire l'Ucraina, ma frena sulla proposta di un Recovery Fund bis perché "prima bisogna spendere bene i soldi di questo". "L'importante è mantenere l'unità tra gli Stati membri. Abbiamo questo pacchetto che sta per essere finalizzato e al momento io non vedo la possibilità di includere il gas perché è bloccata da molti governi. Credo invece che il petrolio sia possibile semplicemente perché viene consegnato in un modo diverso rispetto al gas, il che rende più flessibili le forniture: il petrolio arriva principalmente via nave, mentre il gas tramite gasdotti".

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
07:19

La Finlandia aumenta le spese militari dopo l'attacco russo all'Ucraina

A seguito dell'attacco russo in Ucraina, la Finlandia aumenta le spese militari. Le autorità finlandesi hanno annunciato un aumento del budget per la difesa del Paese per i prossimi quattro anni per un totale di 2,2 miliardi di euro. I fondi extra saranno utilizzati per pagare centinaia di soldati professionisti in più, una migliore sicurezza alle frontiere e armi, inclusi missili e munizioni. La lunghezza del confine russo-finlandese è di circa 1340 km e la guerra in Ucraina ha intensificato il dibattito sulla possibile adesione del Paese alla NATO. Lo scorso fine settimana, il primo ministro finlandese Sanna Marin ha affermato che l'invasione dell'Ucraina sta costringendo i finlandesi "a considerare seriamente la propria posizione e il proprio approccio alla neutralità" ed è urgente prendere una decisione.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
07:09

Oggi riunione dei ministri degli esteri della Nato a Bruxelles

I ministri degli esteri della Nato si incontreranno oggi a Bruxelles per parlare della "brutale e non provocata invasione dell'Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin", lo ha affermato l'alleanza. "Mosca non rinuncia alle sue ambizioni in Ucraina. Ora assistiamo a un significativo movimento di truppe che si allontanano da Kiev, per riorganizzarsi, riarmarsi e rifornirsi, e spostano la loro attenzione a est", ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg prima dell'incontro, aggiungendo: "Prendere di mira e uccidere i civili è un crimine di guerra. Tutti i fatti devono essere accertati e tutti i responsabili di queste atrocità devono essere assicurati alla giustizia", ​​ha aggiunto Stoltenberg, commentando le immagini orribili di civili assassinati a Bucha e in altre città ucraine. I ministri arriveranno per i colloqui alle 15:30 ora locale e saranno raggiunti dalle loro controparti provenienti da Ucraina, Finlandia, Svezia, Georgia e Unione Europea, e dai partner della Nato Asia-Pacifico: Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Repubblica di Corea.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
06:58

Kiev: russi si preparano a offensiva in Donbass

Le truppe russe "si stanno riorganizzando e stanno conducendo ricognizioni" per un'offensiva nella regione del Donbass, nell'Ucraina orientale: è quanto precisato dallo Stato maggiore delle forze ucraine, nell'ultimo bollettino sulla guerra in corso nel Paese. Gli sforzi principali delle truppe russe sono concentrati sul tentativo di "sfondare le difese" delle forze ucraine nella regione di Donetsk, è stato precisato. I russi stanno anche cercando di prendere il pieno controllo della città di Mariupol, ha aggiunto lo Stato maggiore, confermando anche i continui bombardamenti a Kharkiv nel nord-est dell'Ucraina.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
06:50

A Gostomel coprifuoco per una settimana

Coprifuoco di una settimana indetto a Gostomel, non lontano da Kiev. Lo riferisce in un tweet la parlamentare ucraina Lesia Vasylenko. Il coprifuoco parte alle 7 del mattino di oggi ora locale e continuerà fino alle 6 del mattino del 14 aprile. Una "misura necessaria" per sminare la città e consentire ai civili di rientrarvi in sicurezza, afferma la parlamentare . "I sobborghi di Kiev sono un'enorme scena di prove di crimini di guerra. Corpi torturati di uomini e donne nudi. Secondo quanto riferito, i russi stavano cercando tatuaggi e segni di sostegno alla resistenza" ha dichiarato Vasylenko.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
06:42

Zelensky: "La Russia nasconde migliaia di morti a Mariupol"

"Penso che la Russia abbia paura degli aiuti umanitari a Mariupol e che il mondo intero veda cosa stia succedendo. La Russia non vuole che si veda nulla finché non prenderanno il controllo della città finché non avranno ripulito tutto. Mariupol è l'inferno in questo momento. Migliaia sono stati uccisi o feriti". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un'intervista alla tv turca Haberturk. "Purtroppo non abbiamo informazioni chiare sul numero di coloro che hanno perso la vita. Stanno cercando di insabbiare la situazione. In questo caso stanno cercando di impedire l'approvvigionamento umanitario. Non riusciranno a coprire tutto. Non saranno in grado di seppellire o nascondere migliaia di persone. Il mondo ha visto la situazione reale. Ha visto cosa è stato fatto a una città ucraina" ha aggiunto Zelensky.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
06:30

Gli Usa addestrano militari ucraini a impiego droni suicidi

Alcuni militari dell'Esercito ucraino sono stati addestrati dagli Usa all'impiego di droni Switchblade. Lo ha dichiarato ieri, 6 aprile, un funzionario anonimo del dipartimento della Difesa citato dalla stampa Usa. I militari ucraini addestrati all'impiego del "drone suicida" di fabbricazione statunitense si trovavano già negli Usa per programmi di addestramento militare prima dell'inizio della guerra in Ucraina, il 24 febbraio scorso. "Abbiamo approfittato dell'opportunità per fornire loro un po' di addestramento, in particolare all'impiego degli Switchblade", ha riferito il funzionario. I droni circuitanti, noti anche come "droni suicidi" o "droni kamikaze", sono droni di piccole dimensioni dotati di carica esplosiva che sorvolano un'area in attesa di un obiettivo da colpire, e che in caso di mancato utilizzo possono essere recuperati dai loro operatori. Gli Usa hanno annunciato nelle scorse settimane l'intenzione di fornire droni Switchblade alle forze ucraine impegnate in combattimento contro l'Esercito russo.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
06:16

Presidente Polonia Duda: "Mosca usa il dialogo solo per guadagnare tempo" 

"Il dialogo con la Russia non ha senso" in questo momento: ne è convinto il presidente polacco Andrzej Duda, secondo il quale "bisogna presentare condizioni molto dure a Vladimir Putin e dirgli ‘se non soddisfi queste condizioni, non abbiamo nulla di cui parlare'". Intervistato in esclusiva dalla Cnn, Duda ha confermato l'impegno della Polonia nei confronti dell'Ucraina, sottolineando che "forniremo un sostegno decisivo all'Ucraina, aumenteremo il regime delle sanzioni, perché se si conduce un dialogo che non porta a nulla, è solo un gioco per guadagnare tempo da parte della Russia". In questo contesto, il presidente polacco ha chiesto ulteriori sanzioni contro Mosca e il suo settore energetico, lamentando la dipendenza dell'Europa dall'energia russa, che continua anche alla luce di sanzioni paralizzanti in altri settori. Secondo Duda, inoltre, il presidente russo sta cercando di destabilizzare la Polonia ed altri Paesi limitrofi con la crisi dei rifugiati ucraini, ma ha sottolineato che finora il suo Paese è riuscito a gestire l'afflusso dei rifugiati provenienti dall'Ucraina.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
06:08

Pentagono: completato il ritiro delle truppe russe da Kiev e Chernihiv

I russi avrebbero completato l'annunciato ritiro delle proprie truppe da Kiev e Chernihiv, lo fa sapere il Pentagono. Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto ai giornalisti che l'esercito russo è stato completamente ritirato dal territorio delle regioni ucraine di Kiev e Chernihiv. "Non osserviamo più presenza di truppe russe a Kiev, Chernihiv o nelle vicinanze delle sue città", ha assicurato. Secondo lo stesso Pentagono: il conflitto in Ucraina però può durare a lungo. "Il fatto che Putin intenda concentrare le forze in una regione più piccola crea certamente la possibilità che il conflitto continui e possa anche intensificarsi in questa parte del paese", ha affermato un funzionario militare statunitense, aggiungendo: "Ci aspettiamo che gli ucraini continuino a combattere nel territorio che appartiene loro, dove combattono da otto anni". Secondo l'agenzia AP, citando la propria fonte al Pentagono, il numero di truppe russe ritirate dall'Ucraina è di almeno 24.000 persone. Allo stesso tempo, su 130 battaglioni inviati in Ucraina, più di 80 sono ancora nel Paese.

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
05:40

Il Cremlino: "Possiamo esportare il nostro gas in altri paesi"

"Possiamo esportare gas in altri paesi". A dirlo il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, rispondendo alla domanda sulle possibili conseguenze per la Russia se l'Occidente smettesse di importare gas russo. "Viviamo sotto sanzioni da molto tempo, ci siamo abituati", ha detto in un'intervista all'emittente Lci, sottolineando che "c'è bisogno di gas in tutto il mondo". Secondo Peskov, "è in divenire un nuovo ordine mondiale, un nuovo sistema finanziario". "Questo è qualcosa che accadrà inevitabilmente", ha osservato.

A cura di Davide Falcioni
07 Aprile
05:30

Metsola: "Per l'Ucraina dobbiamo fare molto di più"

"Il mondo ha fatto molto ma c'è bisogno di fare molto di più e urgentemente". È  il messaggio che ha dato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky alla presidente del parlamento europeo quando è andata a Kiev e ha avuto con lui un colloquio di quasi 45 minuti. Lo ha raccontato lei stessa a Porta a Porta sottolineando che Zelensky, un "leader di un Paese che non smetterà mai di difendere il suo territorio" le ha chiesto "cose molto concrete: assistenza urgente, finanziaria, militare". "Oltre alle sanzioni che sono già state applicate dobbiamo fare molto di più", ha detto Metsola.

A cura di Davide Falcioni
07 Aprile
05:03

Invasione russa in Ucraina 2022, le notizie di oggi 7 aprile sulla guerra

Si continua a combattere in Ucraina, le forze armate russe hanno quasi del tutto abbandonato la capitale Kiev e si stanno riorganizzando nel Donbass. Nuove sanzioni contro la Russia, ma il rublo torna ai livelli pre-guerra. Di Maio: "Agli orrori di Bucha non possiamo che agire con sanzioni". Papa Francesco: "Assistiamo a impotenza dell'ONU", gli USA inviano 100 droni kamikazee, e Biden avverte: "Sarà una guerra lunga, pronti ad aiutare l'Ucraina".

A cura di Davide Falcioni
2689 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni