Guerra in Ucraina
28 Novembre 2022
07:09
AGGIORNATO28 Novembre

Le notizie del 28 novembre sulla guerra in Ucraina

Mentre continuano gli attacchi su varie città ucraine, i russi si preparano a lasciare Zaporizhzhia. Ma filorussi smentiscono. Esodo di civili dalla città di Kherson, bombardata notte e giorno dall'esercito russo. Sindaco di Kiev: "Con blackout ipotesi di evacuazione parziale della città".

Stoltenberg: "Prepariamoci a nuovi attacchi russi". Putin oggi riceve il leader kazako Tokaiev. Zelensky: "Sappiamo per certo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi. E finché avranno missili, non si calmeranno". Papa Francesco conferma: "Santa Sede disposta a mediare per pace".

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina
28 Novembre
22:59

Petizione delle madri dei soldati russi per fermare la guerra

Le madri dei soldati russi in guerra sono "costrette a bussare in modo umiliante alle amministrazioni cittadine" per poter riportare a casa i loro uomini . Organizzano picchetti, scrivono appelli collettivi, depositano petizioni, ma “nessuno ci ascolta” gridano le donne.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
22:48

Emendamento della maggioranza al decreto legge Nato: invio di armi all'Ucraina per tutto il 2023

Con un emendamento al decreto sulla partecipazione alle missioni Nato e sulle misure per il servizio sanitario in Calabria, ora all'esame del Senato, la maggioranza vuole prorogare per tutto il 2023 la possibilità di inviare armi e mezzi militari all'Ucraina. La modifica è stata presentata dai relatori di maggioranza al decreto, Roberto Menia di FdI e Clotilde Minasi della Lega. L'emendamento prevede la "proroga fino al 31 dicembre 2023" dell'invio di armi e "mezzi militari" in Ucraina.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
21:47

Usa: "Putin sfrutta l'inverno per mettere Ucraina in ginocchio"

"Vladimir Putin sta sfruttando l'inverno per mettere in ginocchio gli ucraini". Lo ha detto il portavoce del consiglio per la sicurezza nazionale americana, John Kirby, in un briefing con la stampa alla Casa Bianca. "Quello che sta facendo in questi settimane è assolutamente spregevole. Non che non lo sia stato prima ma attaccare infrastrutture civili è spregevole", ha sottolineato.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
21:20

Delegazione militare ucraina in Israele per chiedere aiuti

Una delegazione militare ucraina di alto livello è volata in Israele la settimana scorsa nel tentativo di ottenere maggiore assistenza nel campo della difesa contro l'invasione russa. Lo ha riferito l'emittente israeliana Channel 13, precisando che del gruppo faceva parte il vice capo di Stato maggiore ucraino. Kiev da mesi sta facendo pressioni per avere aiuti militari contro le truppe di Mosca ma finora lo Stato ebraico si è rifiutato, inviando piuttosto aiuti umanitari ed equipaggiamento protettivo e promettendo di costruire un sistema di allarme
missilistico per l'Ucraina. Israele non vuole irritare eccessivamente Mosca per evitare incidenti in Siria dove si trovano truppe russe e i caccia israeliani operano con una certa regolarità, attaccando obiettivi legati alle milizie fino-iraniane. Di recente l'uso crescente da parte dei russi di droni iraniani in Ucraina è stato utilizzato da Kiev come leva per aumentare le pressioni sullo Stato ebraico per ottenere un coinvolgimento maggiore.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
20:34

Commissione Ue è per il pieno sostegno all' iniziativa per export grano

"La Commissione europea si fara' carico dei costi per il carico di due navi ucraine per il trasporto di 40mila tonnellate di grano. Qualunque siano i costi". Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen esprimendo il "pieno sostegno" della Commissione all'iniziativa "Grano dall'Ucraina" annunciata sabato dal governo di Kiev per garantire le forniture ai paesi africani e asiatici piu' colpiti dalla riduzione delle spedizioni dall'Ucraina. "L'Ucraina sta dimostrando un impegno costante per la sicurezza alimentare globale", ha detto Von der Leyen

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
20:19

Kiev: "Ripristinati oltre 50% degli impianti di fornitura calore"

Un totale di 316 impianti di erogazione di calore colpiti dagli attacchi russi sono già stati ripristinati in Ucraina, pari al 53,3% del numero totale di strutture danneggiate. Lo ha annunciato Naftogaz, la compagnia nazionale di petrolio e gas dell'Ucraina, citata da Ukrinform. "Nonostante i continui bombardamenti, l'Ucraina ha iniziato la stagione del riscaldamento: è stato avviato il 99,7% delle caldaie", afferma il rapporto. Gli sforzi – si precisa – sono ora concentrati sulla messa in funzione degli impianti di produzione di calore all'interno delle aree liberate della regione di Kharkiv e della regione di Kherson, dove la situazione rimane difficile.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
19:59

Tajani: " Dall'Italia 2 milioni di euro per grano ucraino"

"Ho appena firmato il rifinanziamento del Fondo bilaterale di emergenza. Un sostegno al Programma Alimentare Mondiale. 2 milioni di euro che daranno slancio all'iniziativa #GrainFromUkraine. Un progetto importante che servira' a far arrivare il grano dell'Ucraina ai Paesi piu' poveri". Lo annuncia su Twitter il ministro degli Esteri, Antonio Tajani. "Nonostante le difficolta' legate alla guerra, l'Ucraina si rende protagonista per aiutare milioni di persone che vivono in emergenza alimentare. L'Italia non poteva che essere al suo fianco", aggiunge il ministro.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
19:46

Onu: 6655 morti tra i civili da inizio guerra

Dal 24 febbraio 2022, quando è iniziato l'attacco armato della Federazione Russa contro l'Ucraina, al 27 novembre 2022, l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) ha registrato 17.023 vittime civili in Ucraina, che includono 6.655 morti e 10.368 feriti. L'Ohchr ha spiegato in dettaglio che i 6.655 uccisi comprendono 2.601 uomini, 1.783 donne, 173 ragazze e 209 ragazzi, oltre a 37 bambini e 1.852 adulti il cui sesso non è stato ancora identificato. Solo dal 1 al 27 novembre, l'Ohchr ha registrato 636 vittime civili: 152 morti e 484 feriti.La maggior parte delle vittime civili registrate sono state causate dall'uso di armi esplosive con effetti su vasta area, compresi i bombardamenti di artiglieria pesante, sistemi di razzi a lancio multiplo, missili e attacchi aerei.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
19:26

Kiev: "Russi vietano ingresso a Zaporizhzhia a chi non collabora"

Oggi l'esercito russo ha vietato ai lavoratori che non avevano firmato contratti con Rosatom (l'azienda pubblica russa per l'energia nucleare) di entrare nella centrale nucleare di Zaporizhzhia. Lo ha reso noto lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell'Ucraina.  "Secondo le informazioni disponibili, a partire da oggi, gli occupanti hanno vietato l'ingresso nel territorio della centrale nucleare di Zaporizhzhia ai lavoratori dell'impianto che si sono rifiutati di firmare contratti con Rosatom", si legge.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
19:04

Mykolaiv: "Stop acqua potabile a causa attacchi russi"

Il sindaco di Mykolaiv, Oleksandr Sienkievych, ha annunciato l'interruzione delle forniture di acqua potabile nella città dell'Ucraina meridionale a causa dei danni alle infrastrutture provocati dagli attacchi russi nella vicina regione di Kherson. "Non appena la situazione della sicurezza lo consentirà, ripristineremo prontamente la stazione di pompaggio e restituiremo l'acqua potabile a Mykolaiv", ha
assicurato.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
18:50

Zelenska a Londra: accolta da moglie Sunak a Downing Street 

La moglie del premier britannico Rishi Sunak, Akshata Murty, ha accolto oggi a Downing Street Olena Zelenska in visita a Londra. Le due first lady si sono abbracciate di fronte l'ingresso della residenza del premier britannico, salutando i giornalisti e fotografi che le aspettavano. La moglie del presidente ucraino Volodymyr Zelensky è a Londra per partecipare ad una conferenza internazionale per prevenire le violenze sessuali durante i conflitti.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
18:14

Kiev, oltre 16mila attacchi missilistici russi da febbraio

A più di nove mesi dall'inizio dell'invasione russa, sul territorio dell'Ucraina sono stati lanciati oltre 16.000 attacchi missilistici. Lo ha dichiarato il ministro della Difesa ucraino Oleksii Reznikov su Twitter, citato da Ukrinform. "Negli ultimi nove mesi, la Russia ha lanciato più di 16.000 attacchi missilistici contro l'Ucraina. Il 97% degli obiettivi russi sono civili. Stiamo combattendo contro uno stato terrorista", ha scritto Reznikov. Tuttavia, l'Ucraina prevarrà e assicurerà alla giustizia i criminali di guerra, ha aggiunto Reznikov.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
17:47

Ministro Esteri russo: "Le parole del Papa su ceceni e buriati sono perversione della verità"

Le dichiarazioni di papa Francesco su ceceni e buriati "dimostrano non solo russofobia, ma anche un'oltraggiosa perversione della verità". Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, come riporta Tass. Zakharova ha ricordato le parole di papa Francesco in un'intervista ai media americani in cui i ceceni e i buriati sono stati descritti come "la parte più crudele delle truppe russe in Ucraina".

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
17:34

Ucraina: "Due sacerdoti cattolici arrestati da milizie russe"

Due sacerdoti cattolici sono stati arrestati dalle milizie russe a Donetsk. Lo riferisce la Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs). I due sacerdoti (padre Ivan Levitskyi e padre Bohdan Heleta) prestavano servizio nella città portuale di Berdyansk, nel sud-est dell'Ucraina, occupata dalla Russia dal febbraio 2022.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
17:07

Mosca, rinviati i colloqui con Usa su disarmo nucleare

La commissione russo-statunitense sul trattato New Start non si riunisce questa settimana, la riunione è rinviata. Lo riferisce Interfax. I colloqui sul disarmo nucleare con gli Stati Uniti erano previsti per questa settimana al Cairo.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
16:36

Stoltenberg: "Prepariamoci a nuovi attacchi russi"

L'Ucraina e i suoi alleati devono essere "preparati a nuovi attacchi" da parte dei russi: lo ha detto il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg parlando a Bucarest alla vigilia della riunione dei ministri degli Esteri dell'Alleanza atlantica che affrontera' principalmente la situazione in Ucraina. "Si tratta di attacchi che puntano a colpire le infrastrutture e cercano di distruggere i sistemi di distribuzione dell'elettricita' e del gas, i servizi per i cittadini ucraini. Putin sta usando l'inverno come arma contro l'Ucraina, e' orribile", ha commentato.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
16:11

Perché Papa Francesco non nomina mai Putin

Papa Francesco ha parlato della sua posizione sulla guerra in Ucraina nel corso di una intervista rilasciata alla rivista dei gesuiti: “Putin? Non è necessario nominarlo. Ho anche pensato di viaggiare, ma ho preso la decisione: se viaggio, vado a Mosca e a Kiev, in entrambe, non solo in un posto. La posizione della Santa Sede è cercare la pace”.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
15:58

Nuova riunione di Zelensky con il Comando supremo forze armate

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha tenuto oggi un'altra riunione del Comando supremo delle forze armate per discutere le conseguenze degli attacchi missilistici russi e la situazione in prima linea. Lo ha reso noto il servizio stampa presidenziale, riporta Ukrinform. "Abbiamo analizzato i danni causati dai recenti attacchi missilistici russi e abbiamo considerato le conseguenze di questi attacchi terroristici, ma anche come rafforzare la protezione delle infrastrutture critiche e aumentare l'efficacia delle difese dell'aviazione ucraina", si legge nella nota

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
15:43

Bce, Lagarde: "Crescita rallenta rapidamente a causa guerra"

"I diversi shock dell'ultimo anno hanno avuto un impatto anchesull'attività economica reale. Mentre la riapertura dell'economia dopo la pandemia ha portato a un'attività sorprendentemente forte all'inizio di quest'anno, la crescita sta ora rallentando rapidamente a causa della guerra". Lo ha dichiarato la presidente della Bce, Christine Lagarde, in audizione in commissione Affari economici e monetari al Parlamento europeo.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
15:27

Ambasciatrice Usa a Nato: "Improbabili negoziati Mosca-Kiev"

"Gli alleati nel corso della ministeriale esteri di Bucarest ribadiranno quanto detto nel 2008 nella capitale romena, ovvero che Ucraina e Georgia potranno un giorno entrare a far parte della Nato, ma al momento il focus resta sul sostegno pratico al popolo ucraino e alle forze armate ucraine". Lo ha detto l'Ambasciatrice degli Stati Uniti presso la Nato Julianne Smith, ricordando che la politica delle porte aperte "resta valida" e che la Russia "non ha il veto" sui possibili nuovi membri. Per quanto riguarda l'ipotesi che al Bucarest gli alleati discutano di possibili strategie negoziali Smith ha sottolineato che gli alleati non spingono Kiev a nessuna data particolare. "Lasciamo tutto nelle mani del presidente Volodymyr Zelensky, sta a lui decidere come e quando aprire a possibili negoziati con la Russia, che al momento vediamo improbabili, e nel mentre il nostro obiettivo è di rafforzare la posizione dell'Ucraina, anche in vista di trattative che potranno avvenire più avanti".

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
14:56

Sindaco Kiev: "Oltre 150 civili uccisi in città da inizio guerra"

A Kiev, più di 150 civili, tra cui quattro bambini, sono stati uccisi e 678 strutture sono stati danneggiati o distrutti dagli attacchi con bombe e missili russi dall'inizio della guerra. Lo ha reso noto oggi Il sindaco di Kiev Vitaliy Klitschko all'apertura del Kyiv Investment Forum, che si svolge a Bruxelles, citato da Ukrinform. "L'Ucraina ha combattuto e ha vinto per più di nove mesi nonostante la superiorità numerica e militare del nemico, nonostante il terrore totale che la Russia ha scatenato contro i civili ucraini", ha detto il sindaco di Kiev. In particolare, 678 strutture sono state danneggiate o distrutte nella sola Kiev a seguito degli attacchi con bombe e razzi. Si tratta di più di 350 edifici residenziali, 77 scuole, 80 alloggi e servizi pubblici, 25 infrastrutture di trasporto e 26 strutture sanitarie.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
14:41

Mosca convoca l'ambasciatore norvegese 

Il ministero degli Esteri russo ha convocato oggi l'ambasciatore norvegese a Mosca a seguito dell'arresto di cittadini russi da parte delle forze di sicurezza di Oslo con l'accusa di aver utilizzato e fatto volare illegalmente dei droni. Secondo quanto riferito dal servizio diplomatico russo, Mosca ha espresso all'ambasciatore norvegese, Robert Kvile, una protesta per quella che ha definito l'inammissibilità delle decisioni adottate dalle autorità della nazione scandinava. Rappresentanti russi hanno fatto notare a Kvile che questi arresti e processi "hanno motivazioni politiche" e violano "i principi di una giustizia equa e imparziale", riferisce l'agenzia Tass. Infine, le autorità russe hanno chiesto di porre fine a quella che considerano una persecuzione nei confronti dei cittadini russi, motivata da questioni etniche ed aggravata dallo scoppio della guerra in Ucraina.

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
14:22

Zelensky: "Russia prepara nuovi attacchi, ci difenderemo"

"Sappiamo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi e che, finché avranno i missili, non si fermeranno” E' l'avvertimento del presidente ucraino Volodymir Zelensky che su Telegram aggiunge: “La prossima settimana può essere dura come quella passata. Le nostre Forze di Difesa si stanno preparando. Tutto lo Stato si sta preparando. Elaboriamo tutti gli scenari, anche con i partner".

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
14:06

Ministri Esteri Paesi Baltici e Scandinavi in visita a Kiev

I ministri degli Esteri di Estonia, Lettonia, Lituania, Norvegia, Svezia, Finlandia e Islanda sono in visita a Kiev, come riporta Kiev Independent. "Oggi siamo a Kiev in piena solidarietà con l'Ucraina", ha dichiarato il ministro degli Esteri della Lettonia, Edgars Rinkevics. "Nonostante le bombe della Russia e la barbara brutalità, l'Ucraina vincerà!", ha aggiunto il ministro degli Esteri lituano, Gabrielius Landsbergis

A cura di Biagio Chiariello
28 Novembre
13:50

007 ucraini: "Se la Bielorussia entra in guerra è un suicidio"

Se la Bielorussia, cedendo alle pressioni di Mosca, dovesse decidere di entrare in guerra contro l'Ucraina, questo si risolverebbe in un "suicidio". È quanto affermato da Andriy Yusov, portavoce dell'intelligence di Kiev, secondo cui le informazioni che diffondono Mosca e Minsk sulla partecipazione della Bielorussia alle operazioni militari in Ucraina "perseguono diversi obiettivi allo stesso tempo… da un lato, seminare il panico tra la popolazione, tra gli ucraini, compresi i residenti delle aree e delle regioni di confine. E disorientare le forze di difesa ucraine, disperdere le forze, trasferire forze da altre direzioni".

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
13:19

Secondo l'Ucraina ci sono stati 400 attacchi su regione Zaporizhzhia in una settimana

Le forze russe hanno bombardato la regione di Zaporizhzhia, nell'Ucraina meridionale, oltre 400 volte nell'ultima settimana: lo ha reso noto il capo dell'amministrazione militare regionale, Oleksandr Starukh, come riporta Ukinform.

"Nell'ultima settimana, sono stati lanciati più di 400 attacchi (sulla regione di Zaporizhzhia), e più della metà di essi hanno preso di mira le infrastrutture civili", ha affermato Starukh, secondo il quale nella sola giornata di ieri sono stati registrati 88 attacchi contro 17 comunità. In questo scenario, prosegue l'evacuazione organizzata di 700-800 persone al giorno dai territori non occupati verso l'Ucraina occidentale e centrale, ovvero in regioni più sicure, ha spiegato Starukh. Allo stesso tempo, i civili continuano ad avere difficoltà a lasciare i territori occupati dai russi: ieri 29 persone, tra cui due bambini, sono riuscite a lasciare la parte occupata della regione e nell'ultima settimana 438 persone – tra cui 67 bambini – sono riuscite ad andarsene.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
13:13

Kiev: "Il 40% popolazione senza elettricità nella Capitale"

Il 40% della popolazione della regione di Kiev è ancora senza elettricità. Lo ha annunciato il capo dell'Amministrazione militare regionale di Kiev, Oleksiy Kuleba, aggiungendo che nella regione di Kiev sono stati dispiegati 278 "punti di invincibilità", rifugi attrezzati con luce, calore e internet. Lo riporta Unian. "La situazione più difficile si è verificata presso la centrale elettrica di Fastiv, le comunità territoriali di Kyiv-Svyatoshinsky e Vasylkiv. Lì i lavori sono continuati per tutto il fine settimana. La gente è rimasta anche di notte per fornire elettricità alle case", ha detto.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
12:39

Putin accoglie Tokayev, prima visita all'estero dopo rielezione a presidente Kazakhstan

Il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto oggi Kassym-Jomart Tokayev, alla prima visita all'estero dopo la rielezione alla presidenza del Kazakhstan. Il fatto che Tokayev abbia scelto Mosca come meta della prima missione all'estero dopo la sua riconferma, ha affermato Putin, citato dall'agenzia Ria Novosti, "è di particolare importanza, mette in risalto la natura delle nostre relazioni e noi l'apprezziamo molto". "Gli faccio le mie congratulazioni per la convincente vittoria elettorale", ha aggiunto Putin, augurando al presidente kazako successo "per la realizzazione di tutti i progetti e le vaste trasformazioni politiche e socioeconomiche in Kazakhstan". "Gli investimenti russi in Kazakhstan stanno crescendo di anno in anno, e noi faremo tutto il possibile per garantire la sicurezza di questi investimenti e incoraggiarli il più possibile", ha detto da parte sua Tokayev.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
12:36

Papa conferma: "Santa Sede disposta a mediare per pace"

"La posizione della Santa Sede è cercare la pace e cercare una comprensione" tra le parti, "la diplomazia della Santa Sede si sta muovendo in questa direzione e, ovviamente, è sempre disposta a mediare". Lo dice il Papa in un'intervista alla rivista dei gesuiti America. "Ho anche pensato di fare un viaggio, ma ho preso la decisione: se viaggio, vado a Mosca e a Kiev, in entrambe, non solo in un posto". "Perché non nomino Putin? Perché non è necessario", "a volte le persone si attaccano a un dettaglio. Tutti conoscono la mia posizione", ha ribadito il Pontefice.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
12:05

Ucraina, ok da Ue a violazione sanzioni in lista eurocrimini

Il Consiglio dell'Ue ha adottato oggi all'unanimità il via libera per aggiungere la violazione di misure restrittive all'elenco degli eurocrimini inclusi nel Trattato sul funzionamento dell'Ue.

L'Ue ha adottato una serie di sanzioni nei confronti della Russia ed è essenziale che tali misure siano pienamente applicate. Attualmente, spiega il Consiglio, gli Stati membri hanno definizioni diverse di ciò che costituisce una violazione delle misure restrittive e delle sanzioni da applicare in caso di violazione. Ciò potrebbe portare a diversi gradi di applicazione delle sanzioni e al rischio che tali misure vengano aggirate, consentendo potenzialmente alle persone sanzionate di continuare ad accedere ai propri beni e a sostenere i regimi presi di mira dalle misure dell'Ue.

L'inclusione della violazione delle misure restrittive nell'elenco degli eurocrimini è il primo di due passi per garantire un grado simile di applicazione delle sanzioni in tutta l'Ue e per dissuadere i tentativi di aggirare o violare le misure dell'Ue.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
11:55

Stoltenberg (NATO): "Staremo al suo fianco per il tempo necessario"

"La NATO continuerà a stare al fianco dell'Ucraina per il tempo necessario" nella guerra con la Russia. A dichiararlo è stato Jens Stoltenberg, segretario generale dell'Alleanza Atlantica, sabato prima della riunione ministeriale a Bucharest.

"Il presidente Putin sta fallendo in Ucraina. E risponde con ancora maggiore brutalità. Con ondate di attacchi missilistici sulle città e le infrastrutture civili. Privando gli ucraini di riscaldamento, corrente, cibo. Un orribile inizio di inverno per l'Ucraina".
Se tutti "paghiamo un prezzo" per l'aggressione russa, il nostro è in denaro, "mentre gli ucraini pagano con il sangue", ha poi sottolineato. "Se lasciamo che Putin vinca, tutti noi pagheremo un prezzo molto più alto, per molti anni a venire. Se Putin o altri leader autoritari vedono che la forza viene ricompensata, torneranno ad usarla per raggiungere i loro obiettivi. Questo renderebbe il mondo più pericoloso e tutti noi più vulnerabili. Quindi sostenere l'Ucraina rientra nei nostri interessi di sicurezza".

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
11:44

Kiev: "Oltre 50mila le donne al fronte"

Sono oltre 50mila le donne ucraine al fronte nella guerra contro la Russia. "Sono orgogliosa che un terzo del nostro esercito sia composto da donne forti e coraggiose – ha detto la vice presidente del Parlamento di Kiev, Olena Kondratyuk, durante il suo discorso al 6° Congresso delle donne ucraine -. Più di 50mila donne ucraine nei ranghi delle Forze armate ucraine combattono oggi per la pace e la sicurezza in tutta Europa".

Kondratyuk ha detto che questa realtà è uno degli indicatori più alti tra tutti gli eserciti dei Paesi della Nato: "Questo significa che le donne possono costruire, sviluppare, insegnare, avere una carriera di successo, crescere i figli e, se necessario, proteggere le loro famiglie e il loro Stato". "È una nuova realtà", ha dichiarato la vice presidente del Parlamento, secondo la quale queste "nuove opportunità" per le donne non solo "dovrebbero essere riconosciute", ma "non dovrebbero neanche essere sottovalutate".

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
11:32

Oltre 700 infrastrutture critiche danneggiate da russi

Circa 32.000 obiettivi civili e oltre 700 infrastrutture critiche sono state danneggiate dagli attacchi russi sul territorio ucraino dall'inizio dell'invasione: lo ha reso noto il primo vice ministro agli Affari interni ucraino, Yevhen Yenin, come Ukrinform. Secondo Yenin, inoltre, circa 520 insediamenti hanno problemi di energia elettrica a causa degli attacchi russi. Gli obiettivi civili danneggiati sono soprattutto case unifamiliari e condomini, ha spiegato Yenin, sottolineando che solo il 3% degli attacchi russi sono stati lanciati su strutture militari. Inoltre, le forze russe hanno causato danni a più di 700 infrastrutture critiche, in particolare nei settori dei trasporti, dell'energia e altri obiettivi come basi aeree, ponti, depositi di carburante e sottostazioni elettriche. "Ci aspettano tempi difficili", ha affermato Yenin, ma il governo ucraino e la maggior parte dei cittadini ucraini sono "pronti per attacchi simili".

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
11:02

Il Cremlino è favorevole a mediazione del Vaticano: parola di Peskov

Il Cremlino è favorevole a una mediazione del Vaticano tra Mosca e Kiev sulla guerra in corso, ma è l'Ucraina a non esserlo. Lo ha detto il portavoce della presidenza russa, Dmitry Peskov.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
10:42

Kiev: "Interruzioni di corrente di emergenza in tutto il Paese"

A partire dalle 10:00 di oggi, a causa della rapida crescita delle interruzioni di corrente, sono in vigore interruzioni di corrente di emergenza in tutta l'Ucraina. Lo afferma un messaggio sul canale Telegram di Ukrenergo, citato da Unian. "Il motivo dell'aumento del deficit di potenza è stato – afferma l'operatore – l'arresto di emergenza delle unità in diverse centrali elettriche. Allo stesso tempo, il consumo continua a crescere a causa del peggioramento delle condizioni meteorologiche. Attualmente, il deficit di potenza è del 27%", ha osservato la società. Si noti che dopo aver eliminato le cause degli arresti di emergenza, le unità torneranno a funzionare, il che ridurrà il deficit nel sistema di alimentazione e ridurrà il volume delle restrizioni dei consumatori". "Gli arresti di emergenza controllati consentono di bilanciare il sistema di alimentazione e prevenire situazioni di emergenza nelle reti", ha aggiunto Ukrenergo.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
10:19

Sindaco Kiev: "Piano emergenza freddo ed evacuazione parziale se scenario peggiora"

"L'inverno sarà difficile, la Russia sta distruggendo le infrastrutture energetiche. Nello scenario peggiore abbiamo un piano programmato di blackout, e una riserva di generatori d'emergenza. Abbiamo organizzato dei  centro di riscaldamento nelle scuole e in altre infrastrutture. Ringraziamo chi sta provvedendo ad aiutarci. Senza il vostro aiuto non riusciremmo limitare i danni". Lo ha detto il sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko in collegamento con il Kyiv Investment Forum, ospitato dal sindaco della città di Bruxelles Philippe Close.

L'evento ha tra i suoi temi prioritari la ricostruzione dell'Ucraina e, in particolare, della sua capitale. Al Forum partecipano i primi cittadini di alcune delle principali città europee. Presente anche il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. "Oggi stiamo difendendo la nostra scelta europea in questa guerra brutale. Difendiamo i valori europei della pace e della stabilità. Stiamo vincendo nonostante il netto vantaggio numerico dei soldati nemici, nonostante gli atti terroristici", ha spiegato Klitschko, che non ha escluso lo scenario peggiore e cioè "la possibile evacuazione parziale della città".

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
10:14

Inverno in Ucraina, allarme di Medici senza Frontiere per blackout e freddo

L’intervista di Fanpage.it a Karin Ekholm, Emergency Communications Coordinator di Medici senza Frontiere in Ucraina: “Man mano che le temperature scenderanno ulteriormente, la mancanza di un adeguato riscaldamento o elettricità potrebbe peggiorare le condizioni di salute, soprattutto dei più fragili”.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
10:07

Mosca: "Notizie false, manteniamo controllo Zaporizhzhia"

"La centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia rimane sotto il controllo russo": lo ha reso noto l'amministrazione russa della città occupata di Energodar, che ospita l'impianto, come riporta il Guardian. L'annuncio segue le dichiarazioni di ieri del presidente della compagnia nucleare ucraina Energoatom, Petro Kotin, alla tv nazionale secondo cui ci sono segnali che le forze di Mosca potrebbero prepararsi a lasciare l'impianto occupato.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
09:49

Kiev: "A Kherson finalmente è tornata l'elettricità"

"Finalmente le case di Kherson hanno di nuovo la luce!". Lo comunica su twitter il consigliere presidenziale Anton Gerashchenko. L'interruzione della luce e quindi dei riscaldamenti ha interessato quasi tutta l'Ucraina a partire dai massicci attacchi russi della scorsa settimana.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
09:36

Kiev: "590 soldati russi morti in un giorno"

La Russia ha perso nell’ultimo giorno 590 uomini, facendo salire a 87,900 le perdite fra le fila russe dal giorno dell’attacco di Mosca all’Ucraina, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, appena diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente.

Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di circa 87.900 uomini, 2.908 carri armati, 5.861 mezzi corazzati, 1.899 sistemi d'artiglieria, 395 lanciarazzi multipli, 209 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 278 aerei, 261 elicotteri, 4.416 autoveicoli, 16 unità navali e 1.555 droni.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
09:23

Filorussi: "Donna uccisa da mortai ucraini a Novaya Kakhovka"

Una donna è stata uccisa e un uomo è rimasto ferito in un nuovo bombardamento con mortai delle forze ucraine su Novaya Kakhovka, sulla sponda sinistra del fiume Dnepr, nella regione di Kherson, dove le forze russe si sono ridispiegate dopo il ritiro dalla città capoluogo. Lo riferisce l'amministrazione locale filorussa sul suo canale Telegram. Nel bombardamento, avvenuto ieri sera, sono stati colpiti un edificio residenziale di nove piani e alcune linee per l'alimentazione dell'elettricità, precisa l'amministrazione, citata dall'agenzia Interfax.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
09:03

Borrell (UE): "Putin vuole renderla un buco nero"

"Dobbiamo aumentare il nostro sostegno all'Ucraina. Putin continua a bombardare l'Ucraina. Continua a cercare di rendere l'Ucraina un buco nero, senza luce, senza elettricità, senza riscaldamento. Per lasciare gli ucraini nel buio e al freddo. Dobbiamo quindi fornire maggiore sostegno per permettere agli ucraini di affrontare l'inverno senza elettricità. E possiamo immaginare la complessità". Lo ha dichiarato l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell, al suo arrivo al Consiglio Sviluppo a Bruxelles.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
08:32

Intelligence Gb: "Kherson è ancora vulnerabile, resta nel raggio dell'artiglieria russa"

"Kherson è ancora vulnerabile perché la città rimane nel raggio dell'artiglieria russa". Lo scrive l'intelligence britannica nel suo rapporto quotidiano su Twitter a proposito della città ucraina recentemente liberata. "La città è vulnerabile – spiega il ministero della Difesa di Londra – perché rimane nel raggio della maggior parte dei sistemi di artiglieria russi, che ora stanno sparando dalla sponda orientale del fiume Dnipro, da dietro le linee difensive recentemente rafforzate. Una parte significativa dei danni compiuti sulla città è stata probabilmente causata dall'uso da parte della Russia di sistemi di missili tipo BM-21 Grad".

L'esercito britannico sottolinea che Kherson continua a essere bombardata quotidianamente dall'artiglieria russa: 10 persone sono morte in città solo il 24 novembre. Dopo la liberazione, il 21 novembre, il ministro per la Reintegrazione dei territori temporaneamente occupati, Iryna Vereshchuk, ha invitato gli abitanti a evacuare la città per l'inverno. Secondo le autorità, 15 persone sono morte a Kherson dal 20 al 25 novembre a causa dei bombardamenti russi.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
08:21

Usa valutano se fornire a Kiev piccole bombe di precisione

Gli Stati Uniti stanno valutando di fornire all'Ucraina piccole bombe di precisione. Gli ordigni sarebbero montati su razzi che consentirebbero a Kiev di colpire molto dietro le linee russe. Lo scrive il Guardian riferendosi al sistema proposto dalla Boeing, e soprannominato Ground-Launched Small Diameter Bomb (GLSDB), che metterebbe in produzione nuove munizioni per l'Ucraina e gli alleati dell'Europa orientale.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
08:07

Energodar smentisce Mosca voglia lasciare Zaporizhzhia

La centrale nucleare di Zaporozhzhya rimane sotto il controllo russo, la sua sicurezza operativa è pienamente garantita e i russi non hanno alcuna intenzione di lasciarla: lo ha sottolineato l'amministrazione di Energodar, la città che si trova accanto alla più grande centrale nucleare d'Europa. "Recentemente, i media controllati da Kiev hanno scritto che la Russia avrebbe intenzione di ritirarsi da Energodar e lasciare la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Questa informazione non è vera", ha detto l'amministrazione comunale in un messaggio sul canale Telegram.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
07:57

Metsola. (PE): "Negozieremo quando lo deciderà Kiev"

"Noi negozieremo con la Russia quando l'Ucraina deciderà che si potrà negoziare. Non possiamo noi decidere sul loro territorio. Sono loro che subiscono ogni giorno i bombardamenti". Lo ha dichiarato la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, nel suo intervento a Che tempo che fa ieri sera su Rai3.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
07:37

Onu: "4,7 mln rifugiati ucraini chiedono protezione Europa"

Oltre 4,75 milioni di rifugiati ucraini si sono già registrati per la Protezione Temporanea o per simili programmi di protezione nazionale in Europa: lo ha reso noto l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), come riporta Ukrinform. Secondo l'Unhcr, il numero di rifugiati provenienti dall'Ucraina, registrati per la Protezione Temporanea o per analoghi programmi di protezione in Europa, ha raggiunto quota 4.751.065. Nell'Unione europea, il maggior numero di rifugiati è stato registrato in Polonia, Germania e Repubblica Ceca.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
07:25

Zelensky: "Nuovi attacchi russi la prossima settimana"

La prossima settimana potrebbe essere difficile per l'Ucraina secondo il presidente Volodymyr Zelensky:  la Russia – ha detto nel suo discorso serale citato dall'agenzia Unian – sta preparando nuovi attacchi. "Stanno preparando nuovi attacchi – ha detto – e finché avranno missili non si fermeranno. Ma la nostra capacità di aiutarci vicendevolmente e di prenderci cura di chi ha più difficoltà – gli anziani, le famiglie con bambini, coloro ai quali la guerra ha tolto la casa e i parenti… – il nostro mutuo soccorso è uno degli elementi di protezione contro il terrore e la nostra forza", ha sottolineato. "Le nostre forze di difesa si stanno preparando. L'intero stato si sta preparando. Stiamo elaborando tutti gli scenari, anche con i nostri partner", ha aggiunto il presidente.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
07:17

Il premier Sunak: "Regno Unito con l'Ucraina per tutto il tempo necessario"

"Non abbiate dubbi: staremo con l'Ucraina per tutto il tempo necessario". È un passaggio di un discorso che Rishi Sunak dovrebbe pronunciare oggi e che è stato anticipato dall'ufficio dello stesso premier britannico, secondo quanto riporta l'agenzia russa Tass. "Manterremo o aumenteremo i nostri aiuti militari l'anno prossimo. E forniremo nuovo supporto alla difesa aerea, per proteggere il popolo ucraino e le infrastrutture critiche su cui fa affidamento. Proteggendo l'Ucraina, proteggiamo noi stessi", dovrebbe dire Sunak durante un ricevimento alla Guildhall di Londra.

A cura di Ida Artiaco
28 Novembre
07:11

Le notizie di oggi sulla guerra Ucraina-Russia

Ancora tensione tra Russia e Ucraina. Ancora bombardamenti su Kherson dove è in corso l'esodo dei civili. I russi si preparano a lasciare la centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Putin oggi riceve il leader kazako Tokaiev. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ritiene che la prossima settimana possa potrebbe essere difficile come quella appena passata. "Sappiamo per certo che i terroristi stanno preparando nuovi attacchi. E finché avranno missili, non si calmeranno".

A cura di Ida Artiaco
3311 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni