Conflitto in Ucraina
29 Marzo 2022
00:01
AGGIORNATO30 Marzo

Le notizie del 29 marzo 2022 sulla guerra in Ucraina

Cos'è successo nel 34esimo giorno di guerra: verso un possibile accordo dopo i negoziati a Istanbul. Fonti russe: Mariupol è stata conquistata. Continua a leggere le ultime notizie del 30 marzo 2022

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina
29 Marzo
22:48

Onu: "Non riusciamo a raggiungere Mariupol"

"La maggior parte dei posti li possiamo raggiungere in Ucraina in questo momento, ma non Mariupol". Lo ha detto David Beasley, direttore esecutivo del World Food Programme (l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di assistenza alimentare) sottolineando le conseguenze di vasta portata della guerra in Ucraina sulla produzione mondiale di grano. "Ci aspettano mesi difficili", ha aggiunto.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
22:15

Usa, Biden: "Vigileremo su promessa della Russia di ridurre operazioni militari"

Il presidente degli Stati Uniti ha affermato che gli Usa vigileranno sulla promessa della Russia di ridurre le sue operazioni militari nell'Ucraina settentrionale. Nel frattempo Washington e gli alleati forniranno aiuto all'ucraina.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
22:00

Zelensky: "Segnali positivi dai negoziati ma non ci fidiamo"

"I segnali che arrivano dalla piattaforma negoziale possono essere definiti positivi. Naturalmente, vediamo tutti i rischi e non vediamo alcun motivo per fidarci delle parole di alcuni rappresentanti di uno Stato che continua a combattere per la nostra distruzione. Gli ucraini non sono persone ingenue. Gli ucraini hanno già capito, durante questi 34 giorni di invasione e negli ultimi otto anni di guerra nel Donbass, che ci si può fidare solo di un risultato concreto", così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky su Telegram.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:52

Il Pentagono: “La minaccia a Kiev non è finita”

La minaccia a Kiev non è finita”: lo ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby. “Nessuno dovrebbe illudersi” che la Russia ha ritirato tutte le sue forze dalla capitale ucraina.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:45

Secondo Mosca sono quasi 500.000 i profughi ucraini arrivati in Russia

"Quasi 20.000 persone sono entrate in Russia dall'Ucraina, dalla Repubblica popolare di Donetsk e dalla Repubblica popolare di Lugansk nelle ultime 24 ore". Lo ha detto il capo del Centro di controllo della difesa nazionale russo Mikhail Mizintsev, citato da Interfax. "Senza il coinvolgimento delle autorità ufficiali, 19.247 persone, inclusi 4.078 bambini, sono passati dalle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e dalle aree pericolose dell'Ucraina alla Russia nelle ultime 24 ore per un totale di 488.930 persone, inclusi 101.423 bambini, dall'inizio dell'operazione militare speciale", ha detto Mizintsev.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:37

Consigliere Zelensky: "Lavoreremo per incontro con Putin prima possibile"

Il pacchetto di documenti per l'incontro tra Zelenskyy e Putin "è pronto. Possiamo iniziare a preparare l'incontro tra i presidenti". Lo ha detto Mikhaylo Podolyak, uno dei membri della delegazione ucraina a Istanbul e consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in diretta al canale Ucraina 24. "Il pacchetto delle proposte – ha aggiunto – è già sufficiente, perché avvenga l'incontro tra presidenti. Lavoreremo affinché questo incontro avvenga il prima possibile".

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:30

Ucraina, Cnn: "Proseguono i combattimenti intorno a Kiev"

Nonostante l'annuncio di Mosca di una riduzione "drastica" delle manovre intorno a Kiev, nel pomeriggio sono proseguiti i combattimenti a nord ovest e a nord est della capitale ucraina, secondo i giornalisti della Cnn che si sono recati ad appena 5 chilometri da Irpin, sobborgo a nord di Kiev. "Ieri ci sono stati bombardamenti tutto il giorno ed e' stato lo stesso durante la notte e anche questa mattina e questo pomeriggio", ha detto al canale all news americano un soldato delle forze ucraine impegnato in un checkpoint.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:23

Pentagono: "Ritiro dei russi da Kiev? Probabile riposizionamento"

Il movimento di un "piccolo numero" di forze russe dall'area di Kiev probabilmente é un "riposizionamento, non un ritiro": lo ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:15

Spese militari, Conte a Draghi: "Posizioni diverse, continuiamo a discutere"

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
21:08

Almeno 12 morti in attacco a Mykolaiv, "metà edificio distrutto"

Sale ad almeno 12 il numero dei morti dopo il raid russo sul palazzo del governo regionale di Mykolaiv. Lo hanno riferito i servizi di emergenza ucraini, secondo quanto riporta la Cnn. I feriti sono almeno 33. "Hanno demolito metà dell'edificio, hanno colpito il mio ufficio. La maggior parte delle persone è miracolosamente salva", ha riferito il governatore dell'Oblast di Mykolaiv, Vitaly Kim.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:59

Russia, esplosioni in un deposito di munizioni alla periferia di Belgorod

Secondo quanto ripreso in un video poi diffuso su Twitter ci sarebbero state delle esplosioni all'interno di in un deposito di munizioni alla periferia di Belgorod, città russa al confine con l'Ucraina

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:51

Draghi a Conte: "Rispetto impegni Nato o cade patto maggioranza"

"Non possono essere messi in discussione gli impegni assunti, in un momento così delicato alle porte dell'Europa. Se ciò avvenisse verrebbe meno il patto che tiene in piedi la maggioranza", così il premier Mario Draghi nel corso dell'incontro con Giuseppe Conte secondo fonti di Palazzo Chigi. Il Governo ha ribadito l'impegno a rispettare gli impegni Nato sull'aumento delle spese militari al 2% del Pil.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:44

Consigliere Zelensky: "Bene ritorno alla questione Crimea nei negoziati"

"I colloqui bilaterali diretti sulla questione della Crimea e le consultazioni per un periodo di 15 anni sullo status della Crimea sono una proposta rivoluzionaria dal momento che ciò significa, almeno, il ritorno della questione della Crimea all'ordine del giorno dei negoziati. Prima di allora, i russi si rifiutarono categoricamente di farlo. Inoltre, ci consente di preservare le attuali interpretazioni legali della Crimea, poiché per noi la Crimea, ovviamente, fa parte dell'Ucraina. Il rifiuto di una reciproca escalation militare sulla questione della Crimea è la chiave per una fine generale della guerra", così Mikhaylo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e membro della delegazione ucraina in merito ai colloqui di oggi a Istanbul.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:36

Biden e leader europei: “Necessario accesso umanitario ai civili a Mariupol”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il premier italiano Mario Draghi, il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro britannico Boris Johnson “hanno esaminato i loro sforzi per fornire assistenza umanitaria ai milioni di persone colpite dalla violenza, sia all’interno dell’Ucraina che in cerca di rifugio in altri paesi, e hanno sottolineato la necessità di un accesso umanitario ai civili a Mariupol”

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:27

Russia chiede a Wikipedia di rimuovere ‘informazioni false’

Roskomnadzor, l’autorità russa della regolamentazione delle comunicazioni, chiede all’enciclopedia online Wikipedia di rimuovere le informazioni false legate all’operazione speciale in Ucraina, ossia all’invasione russa dell’Ucraina. Lo riferisce l’agenzia russa Ria Novosti.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:20

Ucraina, Draghi al Quirinale per vicenda spese militari

Il premier Mario Draghi al Quirinale per aggiornare il capo dello Stato sulla vicenda degli investimenti militari

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:13

Biden: "De-escalation Mosca? Aspettiamo i fatti"

"Non leggo niente nelle parole della Russia, aspetto di vedere le azioni", così il presidente americano Joe Biden in una conferenza stampa con il premier di Singapore a proposito delle dichiarazioni di ‘de-escalation' da parte di Mosca. "Oggi ho parlato con quattro leader europei e siamo d'accordo nel vedere quello che la Russia ha da offrire, nel frattempo continuiamo con le forti sanzioni e gli aiuti militari all'Ucraina affinché si possa difendere", ha sottolineato.

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
20:06

Sale a 9 morti e 28 feriti bilancio attacco a sede regione Mykolaiv

È salito a nove morti e 28 feriti il bilancio dell'attacco russo contro la sede dell'amministrazione regionale di Mykolaiv, nel sud dell'Ucraina. Lo comunica la Procura generale su Telegram, annunciando di aver avviato un'indagine per violazione delle leggi di guerra e omicidio premeditato. Sul posto si trovano i soccorritori del 118 e la polizia: il bilancio delle vittime potrebbe aumentare ancora

A cura di Chiara Ammendola
29 Marzo
19:52

Romania, il governo distribuirà gratuitamente iodio di potassio per emergenza nucleare

La Romania distribuirà gratuitamente compresse di iodio di potassio ai residenti per prepararsi in caso di emergenza nucleare. Lo ha fatto sapere il ministro della Salute Alexandru Rafila. La probabilità di un incidente nucleare, secondo il governo è "possibile". Rafila ha affermato che il governo inizierà a distribuire le compresse dalla prossima settimana tramite i medici di famiglia.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
19:42

Putin: "Per sbloccare situazione umanitaria nazionalisti di Mariupol devono arrendersi"

Per trovare una soluzione alla situazione umanitaria difficile" a Mariupol, secondo il presidente russo Vladimir Putin "i combattenti nazionalisti ucraini devono smettere di resistere e deporre le armi". Una richiesta di resa del leader di Mosca resa pubblica in un comunicato del Cremlino. Putin avrebbe fatto queste affermazioni durante il colloquio con il presidente francese Emmanuel Macron. I due leader hanno parlato dei colloqui di Istanbul e della decisione di Mosca di chiedere pagamenti in rubli per il gas esportato.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
19:29

Sono 475 i minori stranieri non accompagnati arrivati in Ucraina

Sono al momento 475 i minori stranieri non accompagnati arrivati dall'Ucraina, "buona parte dei quali è stata affidata alle famiglie mentre un'altra parte vive in istituti individuati dai comuni ". Lo ha detto il capo del Dipartimento libertà civili e immigrazione del Viminale Francesca Ferrandino.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
19:20

Usa, Regno Unito, Francia, Germania e Italia ribadiscono linea della fermezza su situazione Ucraina

Linea della fermezza ribadita dai leder di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania e Italia sulla situazione in Ucraina. Lo ha riferito Downing Street precisando che i 5 capi di governo si sono impegnati a "non ridurre la propria determinazione" sul fronte del sostegno a Kiev e delle sanzioni a Mosca fino alla fine dell'aggressione

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
19:07

Forze armate ucraine distruggono veicolo corazzato russo Kamaz Typhoon

Le truppe ucraine hanno distrutto il veicolo corazzato russo Kamaz Typhoon. I veicoli Kamaz Typhoon sono tra i migliori in dotazione all'esercito russo. A diffondere la notizia, il Kyiv Indipendent, che ha ripreso le foto diffuse dallo Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
18:58

Draghi-Biden-Scholz-Macron-Johnson: "Sostegno a negoziati"

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha avuto oggi pomeriggio una nuova conversazione telefonica con il presidente degli Stati Uniti d'America, Joe Biden, il presidente Emmanuel Macron, il Cancelliere tedesco Olaf Scholz, e il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, Boris Johnson. I cinque leader – spiega una nota di palazzo Chigi – hanno confermato l'importanza di uno stretto coordinamento sull'aiuto alla popolazione e alle istituzioni ucraine, con particolare attenzione al funzionamento dei corridoi umanitari e all'assistenza ai crescenti flussi di rifugiati. Hanno inoltre condiviso la necessita' di sostenere i negoziati in corso, assicurando al piu' presto il cessate il fuoco. Al centro del confronto anche la diversificazione degli approvvigionamenti energetici.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:48

Viminale: sono 475 i minori non accompagnati arrivati in Italia

Sono al momento 475 i minori stranieri non accompagnati arrivati dall'Ucraina, "buona parte dei quali è stata affidata alle famiglie mentre un'altra parte vive in istituti individuati dai comuni che rientrano nei parametri stabiliti". Lo ha detto il capo del Dipartimento libertà civili e immigrazione del Viminale Francesca Ferrandino sottolineando che "è importantissimo che chiunque sia a conoscenza della presenza di un minore non accompagnato lo segnali affinché scatti quella cordata di interventi che garantiscano l'interesse prioritario del minore"

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:43

Russia: "Risponderemo a espulsione diplomatici da Europa"

La Russia risponderà all'espulsione dei suoi diplomatici dai Paesi Bassi e dal Belgio. Lo ha dichiarato il ministero degli Esteri di Mosca, citato da Interfax.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:38

Rifugiati, arriva il contributo della Protezione Civile: 300 euro per gli adulti, 150 per i minori

Arriva l’ordinanza della Protezione civile per l’assistenza ai profughi ucraini in Italia: verranno erogati 300 euro mensili a ogni persona scappata dalla guerra, che abbia fatto richiesta di protezione temporanea e abbia trovato autonoma sistemazione.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:34

Zelensky: "Soldati russi riportati a casa in sacchi della spazzatura"

Zelensky, durante un'intervista ai media russi, ha criticato il trattamento riservato dalle autorità russe ai propri soldati, "abbandonati" o portati a casa in quelli che ha descritto come "sacchi della spazzatura". Ha ammesso di non capire perché le famiglie dei soldati lo accettano.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:25

Chernihiv, a Nizhyn coprifuoco fino a giovedì

Durerà un giorno e mezzo, dalle 20 di oggi fino alle 5 di giovedì, il coprifuoco a Nizhyn, nella regione di Chernihiv. Lo rendono noto i media locali.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:23

Mariupol, ferito un giornalista russo: colpito alla gamba da un cecchino

Il corrispondente del quotidiano russo ‘Izvestia' sarebbe stato ferito vicino a Mariupol. Un proiettile lo avrebbe colpito a una gamba. Ad annunciarlo è la stessa testata suo canale Telegram secondo quanto riferisce l'agenzia russa ‘Tass'. "Vicino a Mariupol, il corrispondente di Izvestia, Rodion Severyanov è stato ferito. Il proiettile del cecchino lo ha colpito alla gamba", spiega il quotidiano fondato a San Pietroburgo.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:10

Brigata Azov: "Leader ceceno Geremeyev ferito gravemente a Mariupol"

Il comandante delle truppe cecene a Mariupol, Ruslan Geremeyev, vicino al leader ceceno Kadyrov e presunto organizzatore dell’assassinio del politico russo Boris Nemtsov, è stato gravemente ferito nella città assediata dai russi. Lo riporta su Telegram la brigata Azov, secondo quanto riferisce Ukrinform. “A Mariupol, dopo un assalto senza successo a una casa vuota incendiata, Ruslan Geremeyev è stato gravemente ferito”, si legge nel post.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
18:02

Regno Unito, Johnson: "Riduzione attività bellico intorno a Kiev"

Ci sarebbe stata "una riduzione" dell'attività bellica russa intorno a Kiev. Dopo il Pentagono, lo riconosce anche il portavoce del premier britannico Boris Johnson, il quale ha tuttavia sottolineato che "giudicheremo Putin ed il suo regime dalle azioni, non dalle parole". "Gli scontri continuano – ha detto – Ci sono pesanti bombardamenti a Mariupol e in altre aree. Non vogliamo vedere niente di meno che un ritiro completo delle forze russe dal territorio ucraino". Al termine dell'ultimo round di negoziati tra russi e ucraini a Istanbul, la delegazione di Mosca ha annunciato una "drastica" riduzione delle attività militari intorno a Kiev e Cernihiv.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
17:53

La denuncia dell'arcivescovo di Kiev: "Per uscire da Mariupol i russi chiedono soldi"

Se vuoi lasciare Mariupol ai russi "devi pagare 1.000 dollari a macchina. Se hai i soldi esci, senza corridoi umanitari". Lo riferisce l'arcivescovo maggiore di Kiev, monsignor Sviatoslav Shevchuk, in un incontro online organizzato dal Pontificio Istituto Orientale sul ruolo della Chiesa greco-cattolica ucraina nel contesto della guerra. "Gli aggressori fanno i soldi, sono venuti per spogliarci".

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
17:42

Zelensky a colloquio con premier olandese Rutte

Il presidente ucraino Zelensky ha avuto un colloquio telefonico con il premier olandese Rutte. "L’ho ringraziato per il forte sostegno al popolo ucraino nel contrasto all’aggressione russa", ha dichiarato Zelensky scrivendo su Twitter dopo il colloquio con Rutte. "L’ho informato dei crimini in corso da parte della Federazione Russa contro la popolazione civile. È stata discussa ulteriore cooperazione", ha dichiarato il presidente ucraino.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
17:36

Telefonata Putin-Macron per l'evacuazione DI Mariupol

In corso una telefonata fra il presidente francese, Emmanuel Macron, e quello russo, Vladimir Putin, per organizzare l'evacuazione dei civili da Mariupol. Lo rende noto l'Eliseo.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
17:17

Medinsky: "Incontro Putin-Zelensky quando ci sarà la firma del trattato bilterale"

Un incontro tra Volodymyr Zelensky e Vladimir Putin potrebbe tenersi contemporaneamente alla firma del trattato bilaterale tra Russia e Ucraina da parte dei ministri degli Esteri dei due Paesi. Lo ha detto il capo della delegazione di Mosca ai colloqui di Istanbul, Vladimir Medinsky: "Dopo i colloqui importanti di oggi, abbiamo concordato e suggerito una soluzione, in base alla quale un incontro tra i capi di Stato sarà possibile contemporaneamente alla firma del trattato da parte dei ministri degli Esteri, tanto più che durante la firma sarà possibile discutere varie sfumature politiche e vari dettagli". Dunque, ha affermato il negoziatore di Mosca, "se il lavoro sul trattato ed un accordo procederanno rapidamente, la possibilità della pace sarà più vicina".

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
17:12

Missili russi sull’aeroporto di Starokostiantyniv, nell'ovest dell'Ucraina

L’esercito russo ha lanciato poco fa un attacco missilistico sull’aeroporto di Starokostiantyniv, nella regione di Khmelnytsky, nell’ovest dell’Ucraina.  distruggendo carburante e lubrificanti. Lo ha reso noto il sindaco Nikolai Melnychuk, aggiungendo che non ci sono feriti.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
17:05

Mosca: "Ancora lungo cammino per la pace, de-escalation non significa cessate il fuoco"

Il capo negoziatore russo Vladimir Medinskij afferma che la de-escalation nelle regioni di Kiyv e Chernihiv non significa il "cessate il fuoco". Rimane "un lungo cammino" da fare per
arrivare a un accordo di pace accettabile sia per la Russia sia per l'Ucraina ha aggiunto Medinsky, citato dalla Tass. Mosca, ha detto ancora, "ha fatto passi da gigante verso la pace, e si aspetta
un progresso reciproco dall'Ucraina".

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:56

Conclusa telefonata tra Biden e i leader Ue: è durata quasi un’ora

È durato poco meno di un’ora il colloquio tra il presidente statunitense Joe Biden e gli alleati europei, organizzato per discutere degli ultimi sviluppi sull’invasione russa dell’Ucraina. Lo ha reso noto la Casa Bianca, comunicando che la videochiamata è iniziata alle 9.19 (le 15.19 in Italia) ed è terminata alle 10.12 (le 16.12 in Italia). Ai colloqui hanno partecipato Macron, Scholz, Draghi e Johnson.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:52

Dl Ucraina: governo accoglie odg FdI su spese militari

Il governo accoglie l'ordine del giorno di Fratelli d'Italia che lo impegna a raggiungere la soglia del 2 per cento sulle spese militari senza richiesta di voto. È quanto avvenuto in commissione Esteri e Difesa del Senato dove è all'esame il dl Ucraina. Il provvedimento dovrebbe arrivare in Aula giovedì con la fiducia.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:45

Blinken (USA): "Le parole di Mosca? Ci interessano i fatti"

Gli Stati Uniti non vedono segnali di "reale serietà" dalla Russia. Lo ha dichiarato a Rabat il segretario di Stato americano, Antony Blinken, aggiungendo che c'è una differenza tra quello che la Russia dice e quello che fa e "gli Stati Uniti si  concentrano su quest'ultimo". Il segretario di Stato ha quindi chiesto alla Russia di "mettere fine ora all'aggressione" e di ritirare le sue forze dall'Ucraina. "Noi ci focalizziamo su quello che la Russia fa non su ciò che dice. Ci atteniamo ai fatti. Dobbiamo capire se la Russia sta cercando di prendere tempo per raggruppare le truppe, non lo sappiamo". "Se Mosca crede che soggiogare il Donbass sia accettabile è in errore. Gli ucraini determineranno il loro destino" ha aggiunto il segretario di Stato americano.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:37

Per Zaia e Fedriga ci sono "infiltrati" tra i rifugiati ucraini

Ci sarebbero"infiltrati" tra i rifugiati ucraini. Il governatore del Veneto Luca Zaia si è detto d’accordo con il suo omologo in Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, che aveva chiesto di differenziare dai flussi di profughi ucraini i migranti di altre nazionalità.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:30

Rivne, missile russo colpisce deposito di carburante: incendio non ancora domato

Nell'Ucraina nordoccidentale, nella regione di Rivne, ieri lunedì 28 marzo un missile russo ha fatto esplodere un deposito di carburante, provocando un incendio, come afferma il capo dell'amministrazione militare regionale locale Vitaly Koval. Sul posto, 17 unità di vigili del fuoco sarebbero ancora al lavoro per cercare di spegnere l'incendio. Al momento non è stata segnalata nessuna vittima.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:17

Intelligence USA e Pentagono: "Avanzata truppe russe verso Kiev si è fermata"

L'intelligence statunitense starebbe già osservando il ritiro di alcune truppe russe da Kiyv. Secondo la CNN, che cita fonti dell'amministrazione USA, gruppi di battaglioni tattici russi si sono già ritirati da alcune aree adiacenti alla capitale ucraina. Anche il portavoce del Pentagono John Kirby in un’intervista alla stessa emittente sostiene che il Pentagono ha delle "prove" che l’avanzata dei russi verso la capitale dell'Ucraina è stata "fermata".

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
16:10

Olanda e Belgio espellono decine di diplomatici russi

L’Olanda ha espulso 17 cittadini russi con l’accusa di spionaggio. Lo stesso provvedimento è stato preso dal governo belga nei confronti di 21 diplomatici russi, come riporta Nexta

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
15:54

Arrestata una giornalista a Zaporizhzhya

“Nella regione di Zaporizhzhya gli occupanti hanno arrestato la giornalista Iryna Dubchenko. L’hanno presa mentre nella città di Rozivka, dove era rimasta per prendersi cura dell’anziana nonna”. Lo denuncia su Facebook il giornalista Yakov Noskov, aggiungendo che la collega è stata “portata a Donetsk per ‘azioni investigative'”. Sull’arresto della giornalista interviene su Telegram anche dal commissario per i diritti umani del Parlamento ucraino Lyudmila Denisova, che spiega che Dubchenko “è accusata di sostenere e nascondere l’esercito ucraino”. L'ultimo contatto con lei – ha detto la sorella Oleksandra Dubchenko – risale al 26 marzo. Iryna collabora anche con l'agenzia di stampa ucraina Unian.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
15:41

Domani non ci saranno negoziati tra Russia e Turchia

Domani non sono previsti colloqui russo-ucraini, ha detto a RIA Novosti una fonte del ministero degli Esteri turco. La delegazione russa lascerà oggi Istanbul.

"Stiamo partendo", ha confermato il capo della delegazione di Mosca, Vladimir Medinsky

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
15:31

Cosa rischia Mosca dopo la decisione di farsi pagare il gas solo in rubli

Nicola Borri, professore di Asset Pricing all’Università Luiss, spiega a Fanpage.it che Mosca alla fine cederà alle richieste dell’Europa e non farà pagare il gas in rubli. Ma rischia di essere un autogol per Putin.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
15:26

 Draghi ha firmato il Dpcm per la protezione temporanea dei profughi dall'Ucraina

Il premier Mario Draghi ha firmato il Dpcm sulla protezione temporanea e l’assistenza per i profughi provenienti dall’Ucraina a causa della guerra. Il decreto recepisce la decisione del Consiglio Ue del 4 marzo. Il Dpcm fissa a partire dal 4 marzo 2022 la decorrenza della protezione temporanea, con durata di un anno. I beneficiari sono gli sfollati dall’Ucraina a partire dal 24 febbraio 2022. Va precisato che in questa categoria rientrano non solo i residenti in Ucraina, ma anche cittadini di Paesi terzi che beneficiavano di protezione internazionale e i familiari. Il permesso di soggiorno ha validità di un anno e può essere prorogato di sei mesi più sei, per un massimo di un anno

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
15:21

Colloqui Russia Ucraina, cos'è successo oggi in Turchia

Raggiunti alcuni risultati nei negoziati di oggi a Istanbul tra Mosca e Kiev: la Russia ridurrà l’attività militare a Kiev e Chernihiv, previste trattative ad hoc per Donbass e Crimea.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
15:15

Biden a colloquio telefonico con Macron, Scholz, Draghi e Johnson alle 15.15

Il presidente Usa Joe Biden parlerà con Macron, Scholz, Draghi e Johnson alle 15.15. Oggetto della conferenza telefonica sarà l'invasione russa dell'Ucraina e i progressi nei negoziati

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
15:05

Negoziati Ucraina-Russia: "Mosca non è contraria a ingresso dell'Ucraina in Unione Europea"

La Russia non è contraria all'ingresso dell'Ucraina nell'Unione Europea. Lo ha detto il capo della delegazione russa dopo i colloqui di Istanbul secondo quanto riporta Ria Novosti.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
14:57

Vilnius lancia petizione per chiedere all'Onu no-fly zone sull'Ucraina

"Abbiamo lanciato una petizione per chiedere all'Onu di dichiarare una ‘no fly zone' sull'Ucraina". Lo dichiara il sindaco di Vilnius, Remigijus Simasius, intervenendo alla ‘maratona degli enti locali uniti per il benessere e la pace', organizzata dal Consiglio d'Europa e alcuni partner ucraini. "Vorremmo che altre città si unissero a noi", afferma il primo cittadino della capitale della Lituania.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
14:53

Conte dice che il Movimento 5 Stelle voterà la fiducia al decreto Ucraina

L'aumento delle spese militari ha diviso le forze politiche in Parlamento, tanto che il governo sta valutando di mettere la fiducia al decreto Ucraina in Senato. "Il M5S sin dall'inizio si è dichiarato favorevole agli aiuti all'Ucraina in termini di aiuto umanitario, sanzioni alla Russia e aiuti militari. Non votiamo a cuor leggero ma per senso di responsabilità e solidarietà nei confronti di chi difende le proprie case. Il governo mette la fiducia? Benissimo, la votiamo, non c'entra niente con la corsa al riarmo", ha detto Giuseppe Conte.

A cura di Gabriella Mazzeo
29 Marzo
14:46

Su Crimea e Donbass negoziati a parte tra Russia e Ucraina

Lo status della Crimea e del Donbass saranno oggetto di trattative ad hoc tra Ucraina e Russia aggiuntive a quelle tenutesi oggi a Istanbul. Lo ha detto il capo negoziatore ucraino Mikhailo Podolyak citato dall'agenzia Unian. L'Ucraina ha proposto alla Russia di tenere consultazioni bilaterali  per un periodo di 15 anni sullo status della Crimea e di Sebastopoli, subordinatamente al divieto dell'uso delle forze militari;. Lo ha spiegato il capo negoziatore ucraino, Mikhailo Podolyak, al termine dei colloqui di Istanbul. anti agiscano in modo simile all'articolo 5 della Nato, e ancora più fermamente". Lo ha detto David Arakhamia, uno dei negoziatori ucraini dopo i colloqui a Istanbul.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
14:43

Colloqui Russia-Ucraina, Kiev: "Non entriamo nella Nato ma candidatura Ue irremovibile"

L'Ucraina non entrerà nella Nato ma la sua candidatura per entrare nell'Unione europea non può essere bloccata. Lo ha fatto sapere la delegazione ucraina oggi
impegnata in colloqui a Istanbul con rappresentanti della Russia, come riporta il quotidiano turco Sabah. A seguito dei negoziati tra le delegazioni ucraina e russa, la parte ucraina ha proposto una serie di punti per arrivare a un trattato di pace. Tra loro: Negoziati bilaterali per un periodo di 15 anni sullo status della Crimea e di Sebastopoli, subordinatamente al divieto dell'uso delle forze militari; Mancato ingresso dell'Ucraina in alleanze militari straniere e stop a basi militari straniere sul suo territorio;
Appello ai paesi garanti nel caso in cui l'Ucraina diventi oggetto di aggressione militare.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
14:36

Negoziati, Kiev propone nuovo round di colloqui stasera

La delegazione ucraina ai colloqui di pace con la Russia ha proposto un nuovo round di negoziati  già stasera. L'ufficio del Presidente dell'Ucraina ha annunciato infatti che son pronti a a prossimo round di negoziati già questa sera. In precedenza, la parte russa aveva detto però che si sarebbe dovuto attendere domani. Al momento la decisione non è definitiva

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
14:32

L'Ucraina ha scelto i garanti della sua sicurezza ai colloqui di pace, c'è anche l'Italia

Un membro della delegazione ucraina, David Arakhamia, ha menzionato le condizioni dell'Ucraina per le garanzie di sicurezza, nonché i paesi che possono agire come tali garanti. L'Ucraina ha presentato alla Russia le sue proposte per un Trattato di garanzia di sicurezza per l'Ucraina, che consente di porre fine alla guerra. Questo dovrebbe essere un trattato internazionale difensivo stile Nato, che dovrà essere firmato da tutti i garanti della sicurezza. Secondo la delegazione ucraina, Gran Bretagna, Cina, Usa, Turchia, Francia, Germani, Canada, Italia, Polonia e Israele potrebbero diventare garanti. Alcuni paesi hanno già dato il consenso preventivo. Il Trattato, come proposto dall'Ucraina, prevede che se il paese subisce un'aggressione, i paesi garanti si consultano per tre giorni e quindi sono legalmente obbligati a fornire assistenza all'Ucraina. "Vogliamo un meccanismo internazionale di garanzie di sicurezza in cui i Paesi garanti agiscano in modo simile all'articolo 5 della Nato, e ancora più fermamente"  ha detto David Arakhamia, uno dei negoziatori ucraini dopo i colloqui a Istanbul, aggiungendo però che "Questa proposta non è stata accettata, la stiamo trasmettendo alla parte russa. Aspetteremo la loro risposta".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
14:29

Guerra Russia Ucraina, Mosca evoca la possibilità di una pace

"Se il lavoro sul trattato Mosca-Kiev si muove velocemente e si trova un compromesso, la possibilità di un trattato di pace sarà più vicina. Lo ha detto il capo negoziatore russo Medinsky citato dalla Tass. "Dopo la conversazione sostanziale di oggi, abbiamo concordato e proponiamo una soluzione secondo la quale è possibile un incontro dei capi di Stato contemporaneamente alla sigla del trattato di pace da parte dei ministri degli Esteri. Inoltre, al momento di questa firma e dell'esame dei dettagli dell'accordo, è possibile discutere varie sfumature e dettagli politici. Pertanto, se il trattato viene elaborato rapidamente e viene trovato il compromesso richiesto, la possibilità di fare la pace sarà molto più vicina" ha detto Medinsky

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
14:25

Tutti i casi di avvelenamenti russi, da Litvinenko a Navalny (e Abramovich)

Non solo Roman Abramovich: da Alexei Navalny a Alexander Litvinenko e all’ex presidente ucraino Viktor Yushchenko, ecco i più famosi casi di sospetti avvelenamenti russi, alcuni dei quali dall’esito fatale.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
14:05

Negoziati russia Ucraina, Mosca: "Colloqui in fase concreta ma decide Putin"

Il capo negoziatore russo Medinsky, citato dalla Tass, ha parlato di "colloqui costruttivi" con Kiev a Istanbul ma ha detto che è presto per un faccia a faccia tra i due leader . "I negoziatori di Kiev hanno presentato delle proposte al tavolo dei colloqui di Istanbul. Saranno comunicate a breve al presidente russo Putin e sarà data una risposta agli ucraini" ha riferito il capo negoziatore russo Medinsky citato da Interfax. "Un incontro tra i presidenti di Russia e Ucraina, Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky, sarà possibile solo dopo che un accordo di pace sarà stato siglato dai rispettivi ministri degli Esteri" ha dichiarato il capo negoziatore russo, Vladimir Medinsky, al termine dei colloqui di Istanbul. "Faremo due passi concreti per la escalation della crisi" ha detto il consigliere presidenziale russo, Vladimir Medinsky al termine dei colloqui a Istanbul tra la delegazione ucraina e russa. "I colloqui sono ora in fase concreta e "la Russia interromperà l'attività militare vicino a Kiev e Chernikiv" ha aggiunto.  Il vice ministro della Difesa, Alexander Fomin, anche lui presente in Turchia, ha confermato la decisione "al fine di aumentare la fiducia reciproca per i futuri negoziati".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:58

Ucraina, la Russia riduce attività militari a Kiev e ritira parte delle truppe

La Russia ridurrà le attività militari a Kiev, lo ha annunciato il Ministero della Difesa di Mosca spiegando che saranno ridotte le ostilità in tutta la regione della capitale ucraina. "Il ministero della Difesa russo ha deciso di ridurre drasticamente le ostilità nelle direzioni di Kiev e Chernigov" ha affermato il dipartimento militare. Poco prima, lo stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina aveva dichiarato che la Russia stava parzialmente ritirando le truppe da queste regioni. "Faremo due passi concreti per la escalation della crisi" ha detto il consigliere presidenziale russo, Vladimir Medinsky al termine dei colloqui a Istanbul tra la delegazione ucraina e russa. "I colloqui sono ora in fase concreta e "la Russia interromperà l'attività militare vicino a Kiev e Chernikiv" ha aggiunto.  Il vice ministro della Difesa, Alexander Fomin, anche lui presente in Turchia, ha confermato la decisione "al fine di aumentare la fiducia reciproca per i futuri negoziati è stata presa la decisione di ridurre radicalmente e in modo significativo l'attività militare nella direzione di Kiev e Chernihiv. Lo stato maggiore delle forze armate russe riferirà in modo più dettagliato dopo il ritorno della nostra delegazione a Mosca".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:51

Negoziati conclusi, Kiev: "Risultati sufficienti per faccia a faccia tra Putin e Zelensky"

Sì a neutralità dell'Ucraina se ci saranno garanzie adeguate sulla sua sicurezza a livello internazionale ma apertura anche sullo status della Crimea per la quale Kiev valuta consultazioni, lo ha spiegato la delegazione ucraina al termine dei colloqui di pace a Istanbul in Turchia. L'Ucraina ha scelto i garanti della sicurezza e ha proposto alla Russia di tenere consultazioni per 15 anni sullo status della Crimea. Per Kiev  sarà comunque necessario un referendum sull'accordo di pace. "Continueremo i nostri negoziati con la Russia ma coinvolgeremo anche i Paesi garanti" ha affermato il delegato ucraino Mikhaylo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nella conferenza stampa dopo la sessione dei colloqui. Secondo la delegazione ucraina, i colloqui di Istanbul tra Russia e Ucraina hanno dato risultati sufficienti per l'organizzazione di un faccia a faccia tra i presidenti dei due Paesi, Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky. Lo ha dichiarato il consigliere presidenziale ucraino, Mikhailo Podolyak, al termine della tornata negoziale. Lo conferma anche Mosca. "I colloqui con Kiev sono stati costruttivi" ha dichiarato infatti il capo negoziatore russo Medinsky, citato dalla Tass.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:42

Ucraina, ministra Messa: “Nuove iniziative per accogliere professori, studenti e ricercatori”

Dall'Ucraina continuano ad arrivare migliaia di profughi che scappano dalla guerra. Tra loro ci sono anche studenti universitari, professori, ricercatori. Così come in molti sono già in Italia, alcuni dei quali dovrebbero tornare in Ucraina ma non possono. La ministra dell'Università, Maria Cristina Messa, è intervenuta questa mattina in audizione davanti alla commissione Cultura della Camera: "Le iniziative sono molte – ha spiegato – L'Università e la ricerca sono stati tra i primi a mobilitarsi per manifestare vicinanza al popolo ucraino. All'emergere della crisi si sono subito moltiplicate le iniziative spontanee, in modo da sostenere la permanenza di tutti gli ucraini che si trovassero in Italia".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:35

Irpin bombardata, metà della città distrutta: "Non tornate"

Le forze ucraine hanno iniziato a contrattaccare nelle vicinanze di Kiev, mentre Irpin, a ovest della capitale, è stata bombardata di nuovo dopo che il governo ucraino ha affermato ieri di aver riconquistato il sobborgo. Lo ha detto in tv Vadym Denysenko, consigliere del ministro dell'Interno ucraino, come riporta Cnn. "Stiamo cominciando a passare a qualche contrattacco", ha detto Denysenko. La città di Irpin intanto è un cumulo di macerie. "Chiedo a tutti di non tornare. E' ancora pericoloso: si sentono spari e sono in corso bombardamenti con i Grad", ha dichiarato il sindaco Alexander Markushin, citato dalla Bbc. "Purtroppo, circa il 50% della città è stato distrutto. Le infrastrutture nevralgiche sono state distrutte, ma le ripristineremo il prima possibile", ha aggiunto il sindaco, precisando che a Irpin ci sono ancora al massimo 4mila abitanti. Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha annuncia il ritiro di parte delle truppe russe dalle regioni di Kiev e Chernihiv.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:31

Occhi lucidi e arrossati: la prima foto di Roman Abramovich dopo il sospetto avvelenamento

Le prime foto in pubblico dell’oligarca russo dopo la notizia dell’avvelenamento. Abramovich è presente ai negoziati in corso in Turchia tra Russia e Ucraina. Nella prima foto in pubblico dopo la notizia del sospetto avvelenamento, l'oligarca russo sembra avere gli occhi arrossati e lucidi.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:26

Conclusi colloqui tra Russia e Ucraina in Turchia

Conclusi i colloqui tra Russia e Ucraina in Turchia.  La prima giornata di colloqui tra delegazioni di Russia e Ucraina al palazzo Dolmabahce di Istanbul si è conclusa, secondo quanto fa  sapere l'ufficio stampa dell'ambasciata ucraina di Ankara. Non è ancora chiaro se il negoziato andrà avanti anche nella giornata di domani mentre è attesa a breve una conferenza stampa da parte di un membro della delegazione di Kiev. Mosca invece ha riferito che rilascerà un comunicato. I colloqui sono durati circa quattro ore con brevi interruzioni.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:23

Zelensky: "So che saremo capaci di tornare alla pace"

"L'invasione russa continua ma io credo, so che saremo capaci di tornare alla pace": lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, parlando in video-collegamento al Parlamento danese. mentre si tengono i negoziati di pace in Turchia. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che Mosca sta "deportando civili" in Russia e ha accusato i militari di aver violentato donne e ragazze, anche minorenni. Il presidente dell'Ucraina ha annunciato questa mattina nuovi dati sulle vittime dei bombardamenti dell'amministrazione della città di Nikolaev. Secondo le ultime informazioni, 7 persone sono morte, 22 sono rimaste ferite. Le macerie sono in corso di sgombero.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:16

Il capo dell'AIEA in Ucraina: "Centrali nucleari in situazione di pericolo senza precedenti"

Il capo dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), Rafael Mariano Grossi, è arrivato in Ucraina per iniziare a fornire assistenza tecnica urgente per garantire la sicurezza degli impianti nucleari del Paese. L'AIEA ha affermato che lo scopo principale della visita è aiutare a prevenire il rischio di un incidente negli impianti nucleari. "Il conflitto militare sta mettendo le centrali nucleari ucraine e altre strutture con materiale radioattivo in un pericolo senza precedenti" ha dichiarato il numero uno dell'Agenzia Onu per l'energia atomica, aggiungendo: "Servono azioni urgenti perché possano continuare a operare in sicurezza e per ridurre rischio di un incidente nucleare".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:10

Decathlon sospende le attività in Russia

Anche Decathlon sospende le attività in Russia. La Catena di articoli sportivi Decathlon ha annunciato la sospensione delle attività in Russia dopo giorni di appelli e il  rischio di boicottaggio. L'azienda è stata criticata per settimane per aver continuato il suo lavoro in Russia nonostante la guerra in Ucraina. Sui social network, gli utenti hanno chiesto il boicottaggio di Decathlon, che ha 60 negozi in Russia. "Decathlon è costretto a sospendere il funzionamento dei suoi negozi", si lege in un comunicato che parla di problemi di approvvigionamento a causa delle sanzioni internazionali. "Nel drammatico contesto dell'Ucraina, stiamo seguendo l'evoluzione degli eventi e in particolare la situazione delle persone direttamente interessate. L'unità di solidarietà di Decathlon con sede in Polonia, vicina ai bisogni, centralizza le nostre donazioni (attrezzature e prodotti essenziali per un valore di 2,6 milioni di euro) alle ONG locali. Abbiamo anche istituito un fondo di solidarietà con 1 milione di euro fino ad oggi per sostenere le popolazioni colpite" scrive l'azienda.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
13:06

Commissario Ue Wojciechowski: "Metodo russo di espansione è provocare carestie"

"Il metodo russo di espansione per dominare altre nazioni è quello di causare carestie". lo ha detto il commissario europeo per l'Agricoltura, Janusz Wojciechowski, spiegando che è necessario affrontare questa situazione "molto seriamente", come denunciato dalle autorità di Kiev. "L'esercito russo attacca le infrastrutture agricole e uccide i contadini nei campi mentre lavorano. Dobbiamo fare tutto il possibile per farli continuare a lavorare, perché l'agricoltura ucraina è molto importante per la sicurezza alimentare globale", ha sottolineato Wojciechowski, definendo i contadini ucraini degli "eroi" che come i soldati sono disposti a "continuare a lavorare sotto le bombe". In merito alla possibilità che l'Ucraina possa accettare lo status di neutralità se Mosca mette fine all'invasione, Wojciechowski ha ribadito che il suo Paese, la Polonia, è "completamente aperta" all'accoglienza dei profughi, ma l'Unione europea dovrebbe "fare tutto il possibile per sostenere le aspirazioni europee dell'Ucraina", chiarendo, tuttavia, che questa è una decisione che spetta a Kiev. Per Wojciechowski l'adesione dell'Ucraina all'Ue "rafforzerebbe la politica agricola comune" dato che la guerra ha dimostrato che c'è bisogno di "cooperare con un grande produttore ed esportatore di cibo". Le importazioni dall'Ucraina erano pari a 6 miliardi di euro all'anno prima della guerra, ma il commissario Wojciechowski ha garantito che loro perdita "non crea un rischio per la sicurezza alimentare dell'Europa" ma per il Medio Oriente e il Nord Africa. (Beb) NNNN

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:59

Poroshenko “Putin mi disse che poteva conquistare sei capitali in due giorni”

Nel 2014 Putin avrebbe minacciato l’ex presidente ucraino Poroshenko, dicendogli che avrebbe potuto prendere con i suoi militari sei capitali europee in due giorni. All'epoca, nel 2014, Putin disse chiaramente che avrebbe potuto prendere l'Ucraina in due settimane. Tanto che Poroshenko avvisò l'Occidente davanti al Congresso americano: "Se non vengono fermati ora, attraverseranno i confini europei e si arriveranno in tutto il mondo". In questo contesto, mentre il presidente ucraino cercava il sostegno e Putin minacciava la guerra, arrivò la minaccia: non solo l'Ucraina, la Russia è pronta a invadere tutti gli ex Paesi sovietici. Dal Cremlino queste ricostruzioni sono sempre state negate.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:50

Cos’è l’avvelenamento elettromagnetico che potrebbe aver colpito Abramovich e i negoziatori ucraini

L'oligarca russo Roman Abramovich e due mediatori ucraini – tra i quali il deputato Rustem Umerov – sarebbero stati avvelenati per il ruolo ricoperto nelle difficili trattative tra Mosca e Kiev, in corso per porre fine alla guerra in Ucraina. Al momento non vi è alcuna certezza di cosa possa essere successo, tra il governo ucraino che parla di “speculazioni”, l'intelligence statunitense che accenna a “fattori ambientali”. L’oligarca russo Roman Abramovich e due negoziatori ucraini potrebbero essere stati avvelenati con radiazioni elettromagnetiche. Ecco di cosa si tratta.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:45

Tre morti e 22 feriti a Mykolaiv, dove è stato colpito il Palazzo della Regione

Tre morti e 22 feriti è il bilancio dell’attacco a Mykolaiv, dove è stato colpito il Palazzo della Regione. I corpi delle vittime sono stati recuperati dalle macerie del palazzo crollato. "Sono entrati nel mio ufficio, bastardi" ha dichiarato a caldo il governatore di Mykolaiv, Vitaly Kim che si è salvato per miracolo visto che stava arrivando in ufficio quando il palazzo è stato colpito e distrutto.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:39

Shoigu: "Abbiamo distrutto la capacità militare di Kiev, controlliamo mari e cieli"

Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, ha affermato che la capacità militare dell'Ucraina è stata gravemente colpita, aggiungendo che i compiti principali della prima fase dell'operazione militare russa in Ucraina sono stati completati. Parlando con i funzionari in una riunione video, Shoigu ha anche avvertito che la Russia avrebbe risposto in modo appropriato se la Nato avesse fornito all'Ucraina aerei e sistemi di difesa aerea. L'agenzia di stampa Interfax riferisce che Shoigu ha affermato che l'Ucraina non ha più una marina e che il compito principale dell'operazione militare russa in Ucraina ora è "liberare" il Donbas. I principali compiti della prima fase dell'operazione sono stati completati. Il potenziale di combattimento delle forze armate ucraine è stato notevolmente ridotto, il che consente di concentrare la nostra principale attenzione e i principali sforzi sul raggiungimento dell'obiettivo principale: la liberazione del Donbas. Shoigu ha inoltre affermato che l'aviazione ucraina e il sistema di difesa aerea sono stati "praticamente distrutti" e che la Russia ora controllava i cieli.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:30

In Italia 75.115 profughi dall'Ucraina

Sono 75.115 gli ucraini giunti finora in Italia: 38.735 donne, 7.158 uomini e 29.222 minori. Rispetto a ieri, spiega il Viminale, l'incremento è di 1.217 ingressi sul territorio nazionale: le destinazioni principali sono Milano, Roma, Napoli e Bologna. Intanto sanno superato la soglia dei settemila i bambini e i ragazzi ucraini accolti nelle scuole italiane. Un numero destinato a crescere velocemente, visto che come ha più volte sottolineato il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, il loro numero cresce di 180-200 al giorno. A ieri, secondo dati del Ministero dell'Istruzione gli studenti provenienti dall'Ucraina accolti nelle nostre scuole sono in totale 7.632. In particolare  sono 1.362 nella scuola dell'Infanzia, 3.806 nella Primaria, 1.890 nella Secondaria di I grado e 574 nella Secondaria di II grado. Tra le regioni con la percentuale più alta, al primo posto si trova la Lombardia con il 23%, pari a 1.741 minori ucraini accolti, seguita dall'Emilia-Romagna al 12% con 919 studenti, la Campania con l'11% (853) e il Piemonte con il 9% (695).

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:23

Cosa sono i passaporti d’oro e perché l’Unione europea vuole abolirli per russi e bielorussi

No ai passaporti d'oro. Prima è stato il Parlamento europeo a chiederlo, per tutti. Ora la Commissione europea, che vuole che non siano concessi più in particolare a russi e bielorussi. Ma di cosa si tratta? In alcuni paesi dell'Unione viene concessa la cittadinanza del Paese oppure un permesso di soggiorno in cambio di investimenti nella stessa nazione. Entrambe le concessioni permettono il possesso del passaporto. Si tratta di Malta, Bulgaria e Cipro. Un fenomeno limitato a Stati minori, quindi? Niente affatto, perché il passaporto o la cittadinanza che vengono concessi valgono per tutta l'Unione europea, conferendo diritti per l'intero Vecchio Continente.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:17

Sondaggi politici, l’8% degli italiani ha fiducia in Putin: boom di gradimento per Zelensky

La fiducia nei confronti di Vladimir Putin in Italia è crollata ai minimi storici. Non è certo una sorpresa, vista la guerra scatenata in Ucraina. Secondo il sondaggio di Demos solo l’8% degli italiani ha fiducia in Putin. Discorso opposto per Zelensky, secondo per gradimento solo a Von der Leyen

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
12:02

Peskov: "Avvelenamento di Abramovich è propaganda, lui non è membro della delegazione"

"Roman Abramovich è coinvolto nell'assicurare alcuni contatti tra la parte russa e ucraina ma non è un membro ufficiale della delegazione russa" lo ha sottolineato portavoce del Cremlino Dmitry Peskov durante una conferenza stampa con i giornalisti. “Per effettuare contatti tra le due parti, è necessario, rispettivamente e ottenere l'approvazione da entrambe le parti e, nel caso di Abramovich, questa approvazione è da entrambe le parti" ha aggiunto Peskov. Per quanto riguarda il presunto avvelenamento di Abramovich, "Questo fa parte della campagna informativa, fa parte del sabotaggio dell'informazione, fa parte della guerra dell'informazione. Questi rapporti di certo non corrispondono alla realtà, ci sono già state dichiarazioni di rappresentanti dello stesso Abramovich. E, infatti, tutti i membri della delegazione vengono ora visti sugli schermi televisivi di Istanbul".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:59

Cosa significa che la Russia non vuole più smilitarizzare e denazificare l’Ucraina

La Russia non vuole più smilitarizzare e denazificare l'Ucraina. A lanciare l'indiscrezione, alla vigilia dell'ultimo round di colloqui negoziali tra le delegazioni di Kiev e Mosca, è stato il Financial Times: se venisse confermata, si tratterebbe di una importante svolta nel conflitto, che va avanti ormai da più di un mese, perché verrebbe meno una delle condizioni poste dal Cremlino per la fine delle ostilità. Ma cosa significano esattamente questi due termini e cosa comporta la decisione di Mosca?

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:50

Negoziati Russia-Ucraina, Mosca: "Nostro scopo primario il Donbass, Raggiunti obiettivi della prima fase"

La Russia ha "raggiunto gli obiettivi principali della prima fase" della cosiddetta "operazione militare speciale" in Ucraina. Lo ha dichiarato il ministro della Difesa russo, Serghei Shoigu, sottolineando che "l'obiettivo primario è liberare il Donbass".  L'aviazione e la difesa aerea ucraine sono state "praticamente distrutte" dalle forze russe, ha aggiunto Shoigu, affermando che Kiev ha perso "152 aerei su 123, 77 elicotteri su 149, 152 sistemi di difesa antiaerea su 180". Quanto alla marina militare ucraina, "è andata", assicura Shoigu.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:41

Negoziati a Istanbul, Kiev: "La chiave è un accordo sulle garanzie di sicurezza internazionali per l'Ucraina"

I negoziati tra Ucraina e Russia in Turchia sono ancora in corso ma durante la pausa i rappresentanti di Ucraina e Russia hanno rilasciato qualche dichiarazione. Il rappresentante dell'Ucraina Mykhailo Podolyak ha speigato: "Sono in corso intense consultazioni su diverse questioni importanti. La chiave è un accordo sulle garanzie di sicurezza internazionali per l'Ucraina e solo con questo accordo possiamo porre fine alla guerra nel modo in cui l'Ucraina ha bisogno. E oggi abbiamo un altro problema che si fa sempre più grande, è il problema dell'escalation della violenza, dell'escalation dell'odio, dell'escalation delle violazioni delle regole di guerra, non solo sui campi di battaglia. Ci sono appelli a distruggere l'una o l'altra nazione, che porta a conflitti di odio, a  violazioni della Convenzione di Ginevra sui prigionieri di guerra"

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:31

Negoziati Russia-Ucraina, delegazione di Mosca presenta protesta per i presunti abusi sui prigionieri

La Russia afferma di aver protestato formalmente con la delegazione ucraina per i presunti abusi sui prigionieri russi. Il riferimento probabilmente è al video circolato nei giorni scorti in cui si vedono prigionieri a cui  viene sparato un colpo alle gambe. Il capo negoziatore russo Vladimir Medinsky ha detto che ci sarà una dichiarazione dopo i colloqui, tra diverse ore. Dichiarazioni dopo le trattive ci saranno anche da parte dell'Ucraina la cui delegazione ha ribadito che la questione principale per l'Ucraina sono le garanzie di sicurezza, con le questioni umanitarie al secondo posto.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:21

Mosca convoca ambasciatori di Lettonia, Estonia e Lituania ed espelle diplomatici 

Il ministero degli Esteri russo ha convocato gli ambasciatori dei tre Paesi baltici Lettonia, Estonia e Lituania per annunciare l'imminente espulsione di alcuni diplomatici dal suo territorio . Lo ha riferito una fonte citata dall'agenzia Tass, secondo cui gli ambasciatori saranno informati della decisione, "basata sul principio di reciprocità, di espellere alcuni dei loro diplomatici". Lettonia, Estonia e Lituania, con un'azione coordinata, il 18 marzo avevano espulso dieci diplomatici russi.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:12

L'Ue ha preparato oltre 10 mila letti d'ospedale per rifugiati dall'Ucraina

L'Ue ha preparato oltre 10 mila letti d'ospedale per rifugiati dall'Ucraina, lo ha annunciato la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides. "Abbiamo preparato oltre 10 mila letti d'ospedale e abbiamo già avviato il trasferimento dei pazienti pediatrici" dall'Ucraina ha spiegato Kyriakides, al suo arrivo al Consiglio Salute a Bruxelles.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
11:06

La mossa di Putin: mille mercenari in arrivo in Ucraina per tentare il tutto per tutto

Le forze armate russe si stanno concentrando sempre di più verso il sud est dell'Ucraina, la zona del Donbass sulla quale Mosca ha giustificato la sua intera campagna militare contro Kiev, ed è proprio lì che in queste ore si stanno ammassando le forze mercenarie ingaggiate dal Cremlino per cercare di sfondare la resistenza ucraina dopo le pesanti perdite di uomini e mezzi. Già nei giorni scorsi si sono visti spostamenti di truppe e mezzi russi verso questa regione. Secondo l'intelligence militare britannica, inoltre, la Russia ha già schierato in zona elementi del famigerato gruppo Wagner e si prepara ora a inviare sul posto più di 1.000 mercenari assoldati nelle scorse settimane, inclusi leader e comandanti dell'organizzazione.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:53

Kiev a negoziatori: al tavolo non mangiate né bevete

"Consiglio a chiunque si trovi a negoziare con la Federazione russa di non mangiare o bere e preferibilmente evitare di toccare qualunque superficie". L'avvertimento arriva dal ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, che ne ha parlato  in un'intervista al canale di notizie Ucraina 24, secondo quanto riporta l'emittente britannica Sky News. L'avvertimento all'indomani della notizia del presunto avvenuto avvelenamento di Roman Abramovich e di due negoziatori ucraini.  Alcuni funzionari dell'intelligence statunitense, però. sono scettici sulle notizie del possibile avvelenamento. L'avvio dei colloqui sarebbe avvenuto in maniera fredda tra le due parti. La televisione ucraina riporta che i colloqui di pace a Istanbul sono iniziati con "un freddo benvenuto, nessuna stretta di mano" . Mykhailo Podolyak , consigliere politico del presidente Volodymr Zelenskiy , ha affermato su Twitter che le delegazioni stanno discutendo “le disposizioni fondamentali del processo negoziale. Le delegazioni stanno lavorando in parallelo sull'intero spettro delle questioni controverse".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:44

Cecchina russa catturata in Ucraina: ha ucciso decine di persone col suo fucile

La donna, nome di battaglia “Bagheera”, è stata fatta prigioniere dopo essere rimasta ferita in battaglia. sarebbe una veterana della guerra del Donbass tra i separatisti. Le forze armate ucraine hanno annunciato di aver catturato e fatto prigioniera una cecchina combattente per i separatisti filorussi nota nel Donbass per avere ucciso decine di persone. Irina Starikova, nome di battaglia "Bagheera", è stata fatta prigioniere la settimana scorsa dopo essere rimasta ferita in battaglia, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa del ministero della Difesa ucraino che ha anche pubblicato le foto dei documenti e della donna.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:38

La mappa aggiornata della guerra in Ucraina: contrattacco a Kiev, ancora bombe russe su Mariupol

La mappa aggiornata della guerra in Ucraina: come conferma il Ministero della Difesa inglese, a Nord le forze ucraine respingono i militari russi su diversi fronti e in alcune zone “contrattaccano con successo”, come a Kiev, Irpin e Hostomel. Ma a Mariupol continuano i bombardamenti e l’offensiva di Putin.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:33

Kiev: ai negoziati insisteremo su garanzie alla nostra sicurezza

Durante i colloqui con la Russia, la delegazione ucraina insisterà sulle garanzie di sicurezza internazionale per l'Ucraina. Lo ha annunciato il vice capo dell'ufficio del presidente, Kyrylo Tymoshenko, uno dei negoziatori ucraini, come riporta Unian. "Insisteremo sulle garanzie di sicurezza internazionali per l'Ucraina. La pace in Ucraina è il nostro compito principale", ha affermato. Secondo fonti russe nella bozza del negoziato c’è la neutralità dell’Ucraina sulla quale anche il presidente ucraino Zelensky aveva aperto nei giorni scorsi.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:24

Usa impediranno alla Russia acquisto di ricambi per le attrezzature militari

Gli Usa cercheranno di impedire alla Russia l'acquisto all'estero di ricambi per le attrezzature militari. Lo riporta il Financial Times, secondo cui Washington starebbe prendendo di mira "i nodi chiave nelle catene di approvvigionamento per indebolire le forze armate russe e la sua industria della difesa, che si basa ancora sulla tecnologia occidentale". Nel corso di questo mese di guerra, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha preso controlli sulle esportazioni per negare alla Russia l'accesso a semiconduttori, telecomunicazioni, apparecchiature per la sicurezza delle informazioni, laser e sensori contenenti tecnologia statunitense, anche se sono stati realizzati al di fuori degli Usa.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:19

Russi annunciano la presa di Mariupol: "Centro città sotto controllo delle nostre forze"

Le forze filo-russe dell'autoproclamata Repubblica popolare del Donestk hanno rivendicato di avere il "pieno controllo" della città di Mariupol, nell'Ucraina meridionale. Lo ha riferito l'agenzia di stampa Tass, citando "il vice ministro dell'Informazione" dell'autoproclamata Repubblica riconosciuta dalla Russia, Daniil Beznosov. "A Mariupol la pulizia della città dai Battaglioni nazisti continua, il centro è già sotto il nostro pieno controllo" ha dichiarato. Secondo quanto asserisce l'autoproclamata repubblica filorussa di Donetsk (Dpr), il centro della città di Mariupol è "completamente sotto il controllo" delle sue forze.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
10:08

Colpito palazzo dell'amministrazione a Mykolaiv, persone sotto le macerie

Colpito dai bombardamenti l'edificio dell'amministrazione regionale di Mykolaiv. 8 persone sono attualmente sotto macerie e sono in corso tentativi per salvarle. Lo riferisce su Telegram Vitalii Kim, governatore dell'amministrazione regionale di Mylolaiv. "E' crollato tutto il, mio ufficio è distrutto" ha spiegato Kim rivelando che i soccorritori stanno cercando di rimuovere le persone dalle macerie. Kim crede che il bombardamento significhi che l'esercito russo ha cambiato idea sull'avanzare su Nikolaev: "Perché secondo la strategia militare, se hai intenzione di catturare qualcosa, hai bisogno di un punto di controllo per la regione, dove tutte le comunicazioni , le reti, le comunicazioni sono connesse".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:59

A Mariupol almeno 300 persone sono morte nel teatro bombardato

A Mariupol almeno 300 persone sono morte nel teatro bombardato. A dichiararlo, su Bfmtv, è stato il sindaco della città ucraina, Vadym Boytchenko, precisando che al momento del bombardamento ad opera delle forze della Federazione russa all'interno del teatro era in corso la distribuzione di cibo e di acqua alle persone presenti. La città da settimane è bombardata costantemente ed è ridotta a n cumulo di macerie, i russi son già entrati in periferia  ma si combatte casa per casa nel centro

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:50

Esportazioni di gas russo verso Europa restano alte e stabili, le rassicurazioni di Gazprom

Le esportazioni di gas russo attraverso l'Ucraina verso l'Europa da parte dell'azienda statale Gazprom sono rimaste alte e stabili. Lo riferisce la società energetica russa. Le richieste di gas dai suoi clienti in Europa per il transito attraverso l'Ucraina si sono attestate a 109,5 milioni di metri cubi (mcm) per oggi, invariate rispetto a ieri. la precisazione dopo  le nuove minacce del Cremlino secondo il quale se l'Occidente no pagherà in rubli non riceverà più gas russo.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:46

Per esperti molto probabile che Mariupol cadrà in pochi giorni

Per gli esperti è molto probabile che Mariupol cadrà in pochi giorni. Secondo Jack Watling, ricercatore presso il think tank del Royal United Services Institute, la caduta di Irpin mostra che "dove i russi non hanno rifornito la loro artiglieria sono davvero vulnerabili al momento" ma è anche molto probabile che Mariupol cadrà "immanentemente". Le forze russe "cominceranno quindi ad avvolgere" le unità ucraine nella regione del Donbas a est, dice, che include alcune delle migliori unità dell'Ucraina che hanno combattuto più a lungo.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:41

Oggi sono previsti 3 corridoi umanitari per i civili, anche da Mariupol

L'Ucraina spera di aprire oggi tre corridoi umanitari per evacuare i civili dalle città assediate, lo ha ha affermato il vice primo ministro Iryna Vereshchuk . I corridoi umanitari, concordati da entrambe le parti riguardano anche Mariupol ma la parte russa oggi, come in altri giorni, insiste sul fatto che le persone siano evacuate anche lungo i corridoi verso il territorio della Russia e verso la parte della regione di Donetsk occupata dalle forze filo-russe. L'Ucraina non ha coordinato queste rotte e le considera pericolose.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:28

Kiev: morti 17.200 militari russi da inizio guerra

Ammonterebbero a 17200 le perdite fra le fila russe dal giorno dell’attacco di Mosca all’Ucraina, lo scorso 24 febbraio. Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente. Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di circa 17200 uomini, 597 carri armati, 1710 mezzi corazzati, 303 sistemi d’artiglieria, 96 lanciarazzi multipli, 54 sistemi di difesa antiaerea. Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 127 aerei, 129 elicotteri, 1178 autoveicoli, 7 unità navali, 73 cisterne di carburante e 71 droni.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:18

Iniziato a Istanbul il nuovo round di colloqui tra le delegazioni di Mosca e Kiev

Iniziato a Istanbul il nuovo round di colloqui tra le delegazioni di Mosca e Kiev. Lo rendono noto i media russi. L'incontro si sta svolgendo a Palazzo Dolmabahce. Prima dell'inizio dei negoziati, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è rivolto ai delegati con un breve discorso, lanciando un appello al cessate il fuoco. “Continuare la guerra non gioverà a nessuno. Ristabilire la pace andrà a beneficio dei vostri paesi e di tutti gli altri. Voi, come delegazioni, avete la responsabilità storica delle decisioni prese oggi", ha detto Erdogan. "I progressi nei colloqui di pace tra le delegazioni ucraina e russa in Turchia potrebbero aprire la strada a un incontro a livello di leader" ha dichiarato il presidente turco prima dell'inizio dei colloqui a Istanbul. "Su tutte le piattaforme internazionali abbiamo mostrato un approccio equo che difende i diritti e le sensibilità di entrambe le parti", ha aggiunto.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:16

Soldati russi circolano in zona tossica di Chernobyl senza protezione

"I soldati russi stanno andando in giro su veicoli blindati nella cosiddetta "foresta rossa", area altamente tossica che circonda il sito della centrale nucleare di Chernobyl", e soprattutto "senza protezione dalle radiazioni, sollevando nuvole di polvere radioattiva". Lo hanno riferito i lavoratori del sito nucleare, citati dall’Independent, definendo l’atto "suicida" per i soldati. Il mese scorso, l’ispettorato nucleare statale dell’Ucraina aveva confermato un aumento dei livelli di radiazioni a Chernobyl a causa di veicoli militari pesanti che passavano sul suolo contaminato.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:07

Tass: anche Abramovich è a Istanbul per i negoziati

Anche l'oligarca russo Abramovich è giunto oggi a Istanbul dove oggi si terranno i colloqui russo-ucraini. Lo riferisce la Tass. L'uomo d'affari russo  prima dell'inizio dei negoziati tra le delegazioni di Russia e Ucraina a Istanbul, ha avuto un colloquio nel Palazzo Dolmabahce con il presidente turco Tayyip Erdogan e il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, come riporta un corrispondente di RIA Novosti. Abramovich, che secondo diverse fonti  sarebbe stato avvelenato nelle scorse settimane, starebbe partecipando ai colloqui in maniera informale.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
09:04

Erdogan: Pronti a ospitare colloquio di pace e faccia a faccia tra Putin e Zelensky 

"I progressi nei colloqui di Istanbul possono aprire la strada a un incontro tra i due leader di Ucraina e Russia, che la Turchia è disposta ad ospitare" lo ha dichiarato oggi il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan prima del nuovo round di negoziati tra Russia e Ucraina in programma oggi . Parlando con Reuters Erdogan ha riferito  che spera che l'incontro sia vantaggioso per i paesi coinvolti e l'intera regione, che la Turchia ha mostrato una posizione equa sul conflitto ad ogni palcoscenico, e che una pace giusta non avrà un perdente ricordando infine che serve un cessate il fuoco immediato.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
08:55

Appello di Kuleba al mondo: criminalizzare l'uso del simbolo Z pro russia

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha chiesto agli stati di "criminalizzare" l'uso del simbolo "Z" come "mezzo per sostenere pubblicamente la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina". "Z significa crimini di guerra russi, città bombardate, migliaia di ucraini assassinati. Il sostegno pubblico a questa barbarie deve essere proibito", ha scritto il capo della diplomazia di Kiev su Twitter.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
08:44

Mosca avverte l'Ue: "Non avrete il nostro gas se non pagate in rubli"

"La Russia non intende fornire gratuitamente all'Europa il suo gas naturale" è l'avvertimento lanciato  oggi dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, sottolineando che, se l'Ue si rifiuterà di pagare la fornitura in rubli, Mosca valuterà la situazione e prenderà le decisioni opportune. Non intendiamo fare beneficenza". "Niente pagamento, niente gas", ha aggiunto Peskov. Nei giorni scori era stato lo stesso Putin a lanciare la mossa dei pagamenti in rubli dopo la svalutazione della moneta russa. Il G7 però ha fatto già sapere che non intende accogliere la richiesta ricordando che è una deliberata violazione degli accordi precedenti.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
08:38

“Chiuderci è un autogol e Putin perderà la guerra”: parla Elena Milashina, giornalista di Novaya Gazeta

“Senza il controllo di Putin sui media, non ci sarebbe mai stata la guerra. E la Russia la guerra la perderà, diventando più piccola, più gentile e meno militarista”. Elena Milashina è la giornalista più famosa della Novaya Gazeta, l’ultimo grande quotidiano d’opposizione russo, costretto a sospendere le pubblicazioni per evitare il definitivo ritiro della licenza. “Quello delle autorità è un autogol: senza di noi il Cremlino si pone sempre più al di fuori dalla realtà”, spiega a Fanpage.it.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
08:28

Ucraina: sale a 144 il numero dei bambini rimasti uccisi durante la guerra

Sale a 144 il numero dei bambini ucraini rimasti uccisi durante la guerra scatenata dalla Russia mentre i minori feriti sono 220. Il bilancio ufficiale delle vittime tra i più piccoli dall'inizio dell'invasione russa arriva dall'ufficio del procuratore generale dell'Ucraina. Secondo Kiev, Più di 60 chiese ed edifici religiosi ucraini sono stati distrutti e 733 istituzioni educative danneggiate dalle forze russe dall'inizio dell'invasione il 24 febbraio.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
08:19

Avvelenamento ai negoziati, Abramovich ha perso la vista per diverse ore: ipotesi estremisti russi

Ci sarebbe anche la perdita della vista per alcune ore tra i gravi sintomi sviluppati dal miliardario Roman Abramovich dopo aver partecipato dalla parte russa ai negoziati con l'Ucraina, indizi di un presunto avvelenamento. In realtà non si sa ancora se sia stato effettivamente un avvelenamento, ed esistono diverse versioni. Sono varie le ipotesi sul presunto avvelenamento di Abramovich ai negoziati tra Russia e Ucraina e per gli 007 Usa potrebbe trattarsi di fattori ambientali e non veleno.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
08:11

Appello dei premi Nobel per la pace contro le armi nucleari

Appello dei premi Nobel per la pace contro le armi nucleari. "Noi rifiutiamo la guerra e le armi nucleari. Chiediamo ai nostri concittadini di tutto il mondo di unirsi a noi per proteggere il pianeta, la nostra casa comune, da coloro che minacciano di distruggerlo". Lo si legge nell'appello firmato da alcuni premi Nobel per la pace come il Dalai Lama e Muhammad Yunus, diffuso dalla piattaforma Avaaz. L'appello è già stato firmato da oltre 600mila persone e l'obiettivo è arrivare a un milione di firme, da consegnare ai leader della Federazione Russa e della Nato.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
07:59

Cosa dobbiamo aspettarci dai negoziati di oggi a Istanbul tra Russia e Ucraina

Si terranno nelle prossime ore i nuovi colloqui negoziali tra Russia e Ucraina a Istanbul, in Turchia: mentre Kiev chiede il cessate il fuoco immediato, mentre Mosca insiste sulla neutralità e la smilitarizzazione. Per il negoziatore ucraino Arakhamia, tuttavia, ci sono ancora “punti irrisolti”. Cosa dobbiamo aspettarci dai negoziati di oggi a Istanbul tra Russia e Ucraina.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
07:52

Oggi colloquio telefonico Putin-Macron

Il presidente francese Macron ha in programma oggi un nuovo colloquio telefonico con il leader russo Putin nel quale parleranno dei dettagli dell'operazione umanitaria per far evacuare i civili da Mariupol con la partecipazione di Grecia e Turchia. Lo riferisce la Tass, sulla base di quanto la portavoce del ministero degli Esteri francese, Anne-Claire Legendre ha annunciato al canale BFM: "La Francia intende mantenere questo canale aperto al dialogo". L'ultima volta Macron e Putin parlarono il 22 marzo.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
07:45

Kiev: Russia colpisce depositi di carburanti per creare crisi umanitaria

Le forze russe stanno continuando a lanciare attacchi missilistici sui quartieri residenziali in tutto il Paese, ma si stanno concentrando soprattutto contro i depositi di stoccaggio del carburante. E' quanto riferito dallo Stato maggiore delle forze armate ucraine che nel suo ultimo aggiornamento sull'andamento del conflitto, giunto al 34mo giorno. Secondo lo Stato maggiore, i russi stanno cercando di colpire "la logistica" delle forniture per "creare le condizioni per una crisi umanitaria". Nei giorni scorsi sarebbero stati colpiti depositi di carburante in diverse città fra cui la capitale Kiev, Lviv, Rivne, Zhytomyr e Lutsk. Lo Stato maggiore ucraino riporta, inoltre, che le unità russe stanno terrorizzando i residenti locali dei sobborghi di Kiev, a Zaphorizhzhia nel sud-est, Kherson nel sud e Kharkiv nell'est del Paese saccheggiando, rapendo e tenendo in ostaggio i civili.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
07:35

Mosca: "Contro di noi guerra totale, ma armi nucleari solo se minacciata esistenza della Russia"

"Nessuno in Russia sta prendendo in considerazione l'idea di usare armi nucleari e nessuno ha neanche pensato di ricorrere a tali devastanti ordigni", lo ha spiegato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, aggiungendo che la Russia userebbe armi nucleari solo in presenza di una minaccia alla sopravvivenza del paese e non a causa
della guerra in corso in Ucraina. "Quale che sia l'esito dell'operazione ovviamente non è un motivo per ricorrere all'uso dell'arma nucleare" ha dichiarato il portavoce del Cremlino  in un'intervista a PBS Newshour alludendo alla guerra in Ucraina . "Abbiamo un principio di sicurezza che afferma molto chiaramente che solo quando c'è una minaccia per l'esistenza dello stato, nel nostro paese, possiamo usare e useremo effettivamente armi nucleari".  Toccando il tema delle sanzioni, Peskov ha affermato che "dovremo adattarci tutti a delle nuove condizioni, e sfortunatamente, queste condizioni sono piuttosto ostili" in quanto "Siamo entrati nella fase di una guerra totale. I paesi dell'Europa occidentale, gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia, stanno effettivamente conducendo una guerra contro di noi nel commercio, nell'economia, nel sequestro delle nostre proprietà, nel sequestro dei nostri fondi, nel blocco delle le nostre relazioni finanziarie. E dobbiamo adattarci alla nuova realtà", ha sottolineato il portavoce del Cremlino.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
07:21

Biden non arretra: "Putin è dittatore deciso a ricostruire un impero"

"Un dittatore deciso a ricostruire un impero non cancellerà mai l'amore di un popolo per la libertà. La brutalità non distruggerà mai la volontà di essere liberi. L'Ucraina non sarà mai una vittoria per la Russia". Lo ha scritto su Twitter il presidente americano Joe Biden non arretrando dopo le dure parole e la conferenza stampa nella quale il presidente ha chiarito che i suoi commenti sul leader del Cremlino sono "personali". Il presidente degli Stati Uniti  aveva già spiegato  che "non si scuserà" dopo aver chiesto la rimozione di Putin la scorsa settimana. Alla domanda di un giornalista se si fosse pentito di aver detto che Putin non dovrebbe rimanere al potere, Biden ha detto: “Stavo esprimendo l'indignazione morale che provavo". Alla domanda se le sue affermazioni potrebbero scatenare una risposta negativa da parte di Putin, Biden ha detto: "Non mi interessa cosa pensa… Farà quello che farà".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
07:13

Bombardamenti russi nel sud dell'Ucraina, morti e feriti

Bombardamenti russi nel sud dell'Ucraina hanno provocato morti e feriti. Il servizio di emergenza ucraino ha mostrato in alcune fotto le conseguenze del bombardamento nella città di Severodonetsk, situata nella parte controllata dall'Ucraina della regione di Luhansk. Secondo l'agenzia governativa di Kiev, il 28 marzo il quarto e il quinto piano di un edificio residenziale sono stati distrutti, nove persone sono state salvate e due morti sono stati trovati sotto le macerie.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:58

Putin riceve nota di Zelensky e risponde: "Vi spazzerò via"

Il presidente russo Putin avrebbe affermato di voler spazzare via l'Ucraina dopo aver ricevuto una nota del suo omologo ucraino Zelensky per trattare sui termini della pace. Lo rende noto il Times secondo cui l'oligarca russo Roman Abramovich avrebbe presentato a Putin una nota scritta a mano di Zelensky, in cui si delineavano i termini che l'Ucraina avrebbe considerato per porre fine alla guerra. "Digli che li spazzerò via", avrebbe risposto detto Putin, secondo il Times. L'oligarca russo Abramovich è giunto oggi a Istanbul dove si stano tenendo i colloqui russo-ucraini. L'uomo d'affari russo  prima dell'inizio dei negoziati tra le delegazioni di Russia e Ucraina a Istanbul, ha avuto un colloquio nel Palazzo Dolmabahce con il presidente turco Tayyip Erdogan e il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:48

Marina Usa dispiega velivoli per la guerra elettronica in Germania

La Marina militare degli Stati Uniti ha trasferito sei aerei per la guerra elettronica EA-18G Growler dalla Base aerea navale di Whidbey Island, nello Stato Usa di Washington, alla Base aerea di Spangdahlem, in Germania. Lo ha annunciato il portavoce del dipartimento della Difesa Usa John F. Kirby, secondo cui i velivoli contribuiranno a "rafforzare la prontezza difensiva collettiva della Nato e ad aumentare le capacità di integrazione aerea con i nostri alleati e partner". Il portavoce ha sottolineato che "questi Growler (…) sono equipaggiati per una varietà di missioni, ma sono specializzati nelle missioni di guerra elettronica, con una serie di suite e sensori per il disturbo in grado di confondere i radar nemici a supporto dell'abilità di condurre operazioni di soppressione delle difese aeree nemiche". I sei velivoli sono parte del VAQ 134, uno squadrone aereo di attacco elettronico noto come "Garudas".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:36

Sottosegretario Amendola: "Più spese militari non è corsa al riarmo ma servono per nuove minacce" 

"Quando i progressisti hanno lavorato uniti al governo presieduto da Conte, abbiamo ottenuto risultati importanti. Gli accordi internazionali da rispettare e gli aumenti degli investimenti militari già fatti insieme mi fanno sperare che su progetti che hanno valenza storica, come la costruzione della difesa europea, nessuno si tiri indietro". E' l'appello lanciato da Enzo Amendola, sottosegretario agli Affari Europei, alle forze politiche della maggioranza di governo sull'aumento delle spese militari. "Non si tratta di una corsa al riarmo – mette in chiaro Amendola in un'intervista al Corriere della Sera – ma di dare strumenti nuovi alla politica estera e di difesa comune europea e all'alleanza Nato, dove tutti considerano l'Italia un pilastro importante. Libia, Siria, Afghanistan e adesso Ucraina sono una sveglia per chi pensava che la fortezza europea fosse estranea ai conflitti. Il mondo è cambiato, bisogna prenderne atto. La spesa militare italiana è impiegata in larga parte sul personale, abbiamo invece bisogno di investimenti per affrontare per esempio nuove minacce come quelle legate allo spazio o alla sfera cyber e per aumentare le missioni di pace".

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:28

Zelensky ringrazia Draghi: “Italia garante della nostra sicurezza, ma vogliamo più armi e sanzioni”

Nel suo consueto videomessaggio notturno il presidente ucraino parla anche dell’Italia, che ha accettato di intervenire militarmente se l’Ucraina sarà di nuovo attaccata dalla Russia. “Abbiamo ancora bisogno di tempo e di armi”, spiega Zelensky. Che aggiunge di aver “parlato con tanti leader di Paesi amici, come il presidente canadese Trudeau, il cancelliere tedesco Scholz e il presidente del consiglio italiano Draghi e sono tutti concordi nel fornirci più armi e nel porre in essere sanzioni più dure contro la Russia”. Relativamente alla telefonata con Draghi, Zelensky spiega di averlo ringraziato per aver acconsentito che l'Italia sia uno dei garanti della sicurezza mondiale , ossia uno dei Paesi che in 24 ore risponda militarmente a un’eventuale nuova aggressione in Ucraina.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:16

Kiev: respinti 7 attacchi russi nel Donbas in un giorno

Lo stato maggiore ucraino ha pubblicato il riepilogo mattutino sugli ultimi eventi al fronte. Secondo lo stato maggiore ucraino, le forze armate di Kiev hanno respinto 7 attacchi russi nel Donbas in un giorno distrutto 12 carri armati, 10 veicoli da combattimento della fanteria e tre veicoli leggeri. Affermazioni che confermerebbero la strategia di Mosca che pare stia concentrano le forze militari al sud, n elle regioni di Donetsk e Luhansk. Lo stato maggiore riferisce anche che l'esercito russo sta lanciando missili e bombardamenti, "cercando di distruggere completamente le infrastrutture e le aree residenziali delle città ucraine" e "si sta concentrando sugli impianti di stoccaggio del carburante". Le forze armate ucraine hanno annunciato di aver costretto le truppe russe ad arretrare di 40-60 chilometri dalla città di Kryvyi Rih, nel sud del Paese, dove erano dirette per un attacco. Lo ha affermato il governatore della regione, Oleksandr Vilkul, in un videomessaggio citato da Ukrainska Pravda. "Il nemico non viene solo fermato in tutte le direzioni, ma anche respinto lontano nel suo tentativo di avvicinarsi alla città", ha dichiarato, aggiungendo che le truppe russe sono state allontanate anche dall'area di Kherson.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:08

Onu, indagare su torture a prigionieri di guerra in Ucraina

Le Nazioni Unite hanno chiesto alle autorità di Kiev e di Mosca di fare luce sugli episodi di torture inflitte ai prigionieri di guerra in Ucraina secondo alcuni video apparsi su Internet. Lo ha dichiarato – fa sapere l'agenzia Tass – il capo della Missione di monitoraggio delle Nazioni Unite per i diritti umani in Ucraina, Matilda Bogner. "Quanto abbiamo visto è motivo di seria preoccupazione – ha detto Bogner -. Abbiamo visto video da entrambe le parti, sia con prigionieri ucraini catturati dalla parte russa, sia con prigionieri russi catturati da parte ucraina. Ricordiamo a tutte le parti in conflitto i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale e dei diritti umani per il trattamento umano dei prigionieri, dell'inammissibilità di esporli al pubblico ludibrio, della necessità di rispettare la loro dignità", ha affermato il funzionario dell'Onu. "Chiediamo alle autorità di entrambe le parti di condurre indagini approfondite sulle accuse legate a tali video. Tutti gli autori di tali azioni dovrebbero essere ritenuti responsabili", ha concluso Bogner.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
06:02

Delegazioni di Russia e Ucraina arrivate a Istanbul per i negoziati di pace

I negoziatori ucraini e russi sono arrivati a Istanbul, in Turchia, dove oggi è atteso il faccia a faccia per il nuovo round di negoziati, volto a concordare un cessate il
fuoco in Ucraina, o almeno un accordo sul soccorso umanitario agli sfollati.  Entrambe le parti sostengono che le possibilità di una svolta importante siano minime. "Non stiamo commerciando persone, terra o sovranità", ha affermato in proposito il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. "L'obiettivo minimo saranno i corridoi umanitari e quello massimo il raggiungimento di un accordo su un cessate il fuoco", ha detto alla televisione nazionale, mentre il consigliere del ministero degli Interni ucraino Vadym Denysenko si è detto scettico sulla possibilità di una svolta. Nel frattempo, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che è importante che i colloqui proseguano, pur non avendo finora prodotto progressi sostanziali.

A cura di Antonio Palma
29 Marzo
05:16

Nato, gli Usa inviano in Germania 6 aerei per guerra elettronica

Il Pentagono ha annunciato l'invio in Germania di sei aerei della Marina specializzati in guerra elettronica, insieme a circa 240 militari della Us Navy, per rafforzare il fianco orientale della Nato. I velivoli EA-18G "Growler", di stanza alla base navale di Whidbey Island, nello Stato di Washington, arriveranno lunedì alla base aerea di Spangdahlem ma, ha precisato il portavoce della difesa Usa John Kirby, non saranno usati per il conflitto in Ucraina.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
04:04

Russia contro l’Italia: "Paese ostile, vietato l’ingresso"

La Russia starebbe stilando una lista di Paesi a cui cittadini non sarà più concesso il visto di entrata nel Paese. Una lista di Nazioni definite ostili, ovvero tutte coloro che hanno applicato sanzioni al Cremlino, inclusa dunque l’Italia. L'annuncio del Ministro Lavrov.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
03:01

I motivi per cui l'India non condanna Putin per l'invasione dell'Ucraina

Perché l’India ha un atteggiamento così moderato nei confronti della Russia? In primo luogo il Cremlino è stato storicamente ed è tuttora uno dei maggiori fornitori di armi di quel Paese. Cerchiamo di capire meglio.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
02:03

Oggi a Istanbul i colloqui tra le delegazioni di Kiev e Mosca

I colloqui tra le delegazioni di Russia e Ucraina inizieranno domani a Istanbul, alle 10:30 locali (9:30 italiane) e saranno chiusi ai media. Lo ha detto una fonte all’agenzia di stampa russa Ria.

“Si prevede che l’incontro, che si terrà presso la residenza presidenziale di Dolmabahce, inizi domani alle 10:30. L’incontro sarà chiuso alla stampa”, ha precisato la fonte.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
01:31

Fino a 30 euro al giorno per rifugiato, gli aiuti alle famiglie che ospitano

In arrivo l’ordinanza della Protezione civile, per stanziare le risorse necessarie per l’accoglienza dei profughi: 600 euro al mese per chi ha una sistemazione autonoma, per un periodo di tre mesi a partire dall’ingresso in Italia, fino al 31 dicembre di quest’anno.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
01:01

Le truppe di Mosca si ritirano in Bielorussia, cosa sappiamo

Le truppe russe si starebbero ritirano da Kiev in Bielorussia secondo quanto riportato dall’esercito ucraino. La decisione a causa delle ingenti perdite registrate nelle ultime settimane.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
00:31

Cosa sappiamo del presunto avvelenamento di Roman Abramovich 

L’oligarca russo Roman Abramovich e alcuni negoziatori ucraini con sintomi di sospetto avvelenamento dopo un incontro a Kiev all’inizio del mese. Cosa sappiamo.

A cura di Biagio Chiariello
29 Marzo
00:03

Guerra Ucraina, le notizie di oggi 29 marzo in diretta

Oggi via al nuovo round di negoziati tra Russia e Ucraina con colloqui faccia a faccia in Turchia. Drammatica la situazione a Mariupol, circondata dalle truppe di Putin. Il sindaco di Kiev: "300 morti e 1.000 feriti nella capitale. Il sindaco di Irpin annuncia: "Città liberata". Telefonata Draghi-Zelensky: ribadito il sostegno dell’Italia all'Ucraina. Gli Usa inviano in Germania 6 aerei per guerra elettronica.

Il più importante quotidiano indipendente russo Novaya Gazeta sospende le sue pubblicazioni. Un portavoce di Roman Abramovich ha confermato il sospetto avvelenamento dell'oligarca russo all'inizio di questo mese dopo un incontro per discutere i colloqui di pace. Biden: "Non ritratto nulla su Putin". Mosca: "Dal 31 marzo il gas russo si paga in rubli", G7: "Inaccettabile". In Italia finora sono arrivati 73.898 profughi ucraini.

A cura di Biagio Chiariello
2689 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni