277 CONDIVISIONI
Covid 19
7 Giugno 2020
07:00
AGGIORNATO08 Giugno

Covid-19, le notizie del 7 giugno: 53 decessi e 759 guariti nelle ultime 24 ore

277 CONDIVISIONI

Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia e le news dal mondo di oggi, domenica 7 giugno. Sono 234.998 i contagi in Italia di cui 165.837 guariti e 33.899 morti secondo l'ultimo bollettino di oggi. "Dobbiamo accelerare sui tracciamenti" ha spiegato il Commissario Arcuri rivelando che l'App Immuni è stata scaricata da due milioni di persone. Domani si parte in 4 regioni con l'app. Presidente Mattarella: "Sfida impegnativa, ma abbiamo le carte in regola per superarla". Il viceministro alla Salute, Sileri: "Ora comincia la fase di convivenza col virus". Oltre 6,9 milioni di casi nel mondo, l'India supera l'Italia per numero di contagi. Allarme America Latina: oltre 45mila contagi registrati nelle ultime 24 ore.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19
07 Giugno
22:45

L'immunologo Le Foche: "Coronavirus potrebbe sparire come la Sars"

Il coronavirus potrebbe sparire come la Sars? "Assolutamente sì. Sono virus molto simili dal punto di vista genetico, è molto probabile che si comporti come la Sars. Ma bisogna mettere in campo tutte le forze per essere pronti se non dovesse comportarsi come la Sars". A dirlo è l'immunologo clinico Francesco Le Foche intervenuto oggi nel corso della trasmissione "Domenica In". L'immunologo ha parlato della mascherina come "segno della vittoria", dato che toglie al virus la possibilità al virus di entrare nel nostro organismo. "Oggi negli ambienti chiusi andrebbero usate assolutamente le mascherine, per l'Oms sarebbe opportuno averla anche negli ambienti aperti in caso di assembramenti in cui non si possono rispettare le distanze, ma questa sarebbe una condizione da evitare", ha spiegato. "Spero che all'inizio della scuola la possibilità del ricircolo sociale del virus sia talmente bassa da non avere le mascherine a settembre e ottobre. Sarebbe un auspicio importante", ha quindi aggiunto. E ancora, parlando della situazione attuale dell'emergenza coronavirus Le Foche ha detto che abbiamo avuto "un incendio enorme in una foresta", ma adesso l'incendio è spento: "Ci saranno piccoli focolai, abbiamo il secchio e l'acqua: andiamo a spegnerli". E ancora, in merito a una possibile seconda ondata ha spiegato: "Qualora si comportasse come i suoi cugini della Sars, questo virus non dovrebbe più tornare. Siccome si è comportato in modo pandemico, diverso, non sappiamo con certezza. Qualora dovesse tornare, non credo potrebbe darci lo stesso disagio. Siamo molto più preparati, possiamo mettere in campo tutte le acquisizioni: sono ottimista, non può più creare problemi come quelli che ha creato. Ora abbiamo più chiaro quello che è successo, possiamo mettere in campo tutte le armi a disposizione".

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
21:47

App Immuni domani al via in Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia

Da lunedì 8 giugno diventa operativa in quattro regioni pilota – Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia – la app Immuni per la tracciabilità dei contatti Covid positivi. Il software è scaricabile dal primo giugno e, dopo la prima settimana di sperimentazione, il funzionamento a pieno regime su scala nazionale è programmato per il 15 giugno. Finora l'app Immuni è stata scaricata da 2 milioni di italiani.

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
21:02

Attiva la registrazione digitale per gli arrivi in Sardegna

Sul sito della Regione Sardegna è disponibile il modulo per entrare nell’isola, obbligatorio per tutti. Le indicazioni di provenienza e destinazione possono essere fatte anche un mese prima della partenza, mentre i quesiti sullo stato di salute devono essere compilati massimo due giorni prima dell'imbarco. Saranno i vettori a verificare che i passeggeri siano muniti di ricevuta. Allo sbarco i passeggeri riceveranno via mail il "beni benius" del governatore con un invito a mantenere comportamenti corretti per evitare la diffusione del Covid-19. Successivamente chi arriva in Sardegna può decidere di scaricare la app SardegnaSicura per il tracciamento dei contatti durante la permanenza.

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
20:28

Roma, salgono a 37 i casi nel focolaio del San Raffaele

"Sono stati processati gli ultimi tamponi relativi al focolaio dell'IRCCS San Raffaele Pisana. Sono risultati ulteriori due positivi e si tratta di parenti di pazienti della struttura. Il totale complessivo dei casi positivi sale così a 37". Lo ha detto l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato. "Il focolaio è stato contenuto grazie alla tempestività dell'intervento da parte della sanità pubblica. Da domani partono i test a tutti i pazienti dimessi e i contatti stretti presso i drive in della Asl Roma 3. Questo focolaio dimostra che non bisogna abbassare la guardia e vanno rispettate tutte le indicazioni. Rimangono solo una decina di tamponi su circa settecento che vanno riprocessati per  indeterminatezza", ha aggiunto l'assessore.

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
20:05

In Francia 13 morti: è il bilancio meno pesante dal 14 marzo

La Francia registra altri 13 morti per coronavirus nelle ultime 24 ore. Si tratta del bilancio giornaliero più basso dal 14 marzo, prima del lockdown. Dall'inizio della pandemia, il totale dei morti nel Paese ammonta a 29.155, i contagi sono quasi 191.000.

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
19:31

Domani "riapre" New York, epicentro della pandemia negli Stati Uniti

Riapre domani la città di New York, epicentro della pandemia negli Stati Uniti. Il sindaco Bill de Blasio ha confermato che la situazione nella metropoli rientra ormai nei parametri fissati per avviare la fase uno della ripartenza, dopo oltre due mesi di lockdown. Molte delle attività riapriranno gradualmente a partire dall'8 giugno.

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
18:34

Zero decessi in 9 regioni e a Trento e Bolzano

Sono 9 le regioni che oggi non hanno registrato nessuna vittima a causa del coronavirus: Marche, Campania, Abruzzo, Umbria, Sardegna, Val d'Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. A queste si aggiungono le province autonome di Trento e Bolzano. È quanto emerge dal bollettino della Protezione Civile.

A cura di Susanna Picone
07 Giugno
17:55

Bollettino protezione civile: 53 decessi nelle ultime 24 ore

Sono 234.998 i contagi da coronavirus nel nostro Paese stando al bollettino di oggi, domenica 7 giugno, reso noto dalla Protezione civile. Sono 53 i decessi registrati nelle ultime 24 ore mentre sono 759 i guariti da ieri

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
17:40

In Lombardia 125 nuovi casi positivi e 21 decessi nelle ultime 24 ore

La Lombardia continua ad essere il principale focolaio di epidemia in Italia, lo confermano gli ultimi dati regionali sulla pandemia. Nelle ultime 24 ore infatti sono 125 i nuovi casi positivi mentre son 21 i decessi registrati. In Emilia Romagna 14 nuovi casi, nessuno a Bologna. Sono invece 14 i nuovi casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, l'altra regione più colpita dalla pandemia, mentre sono quattro i nuovi decessi. Sette i decessi di cui nessuno oggi e 10 contagi, di cui tre in Rsa son invece i dato comunicati questa sera dall'Unita' di crisi della Regione Piemonte.

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
17:33

In Olanda via ad abbattimento di 1.500 visoni dopo focolaio di coronavirus

In Olanda via all'abbattimento di 1.500 visoni dopo la scoperta di un focolaio da coronavirus in un allevamento. Il via libera è arrivato dai giudici che hanno respinto un ricorso presentato da un gruppo di animalisti contro la decisione governativa. Il ministero dell'Agricoltura olandese aveva annunciato mercoledì scorso che avrebbe fatto abbattere "oltre 10.000 visoni" degli allevamenti in cui erano stati individuati casi di coronavirus per evitare che diventassero focolai di infezione. Gli sbattimenti avverranno con con monossido di carbonio.

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
16:50

Familiari delle vittime di Bergamo annunciano le prime denunce: "Solo bugie"

Arrivano le prime denunce dei familiari delle vittime del coronavirus a Bergamo. Ad annunciarlo il presidente del Comitato “Noi denunceremo” spiegando che mercoledì saranno consegnate alla procura le prime cinquanta denunce. "Siamo stanchi di non avere risposte, vogliamo giustizia ma prima ancora vogliamo verità", ha dichiarato Luca Fusco su Rai3, aggiungendo: "Il sistema della sanità lombardo è completamente saltato e noi siamo stati lasciati soli, il sistema non era pronto ad affrontare l’emergenza, ci siamo trovati con una montagna di persone lasciate a casa con polmoniti perché il sistema sanitario non aveva la possibilità di ricoverarle". "Ci hanno riempito di bugie e non ci fermeremo finché non avremo accertato perché è successo tutto questo" ha concluso

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
16:10

Arcuri: "Emergenza finirà solo col vaccino in dosi sufficienti"

L'Emergenza coronavirus non è finita e finirà solo col vaccino, lo ha ricordato il commissario Domenico Arcuri. "Questa emerga sarà superata solo quando verrà scoperto un vaccino e sarà prodotto in dosi sufficienti per rendere immuni tutti” ha spiegato Arcuri, aggiungendo: "Questa emergenza non va dimenticata in ogni caso, avendo cura di capire che ci è richiesta la stessa responsabilità di prima”

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
15:33

App immuni scaricata da 2 milioni di italiani

L'App Immuni è già stata scaricata da 2 milioni di italiani, lo ha ricordato il commissario all'emergenza sanitaria, Domenico Arcuri. "L'applicazione è una componente molto utile della strategia di queste settimane. Il tracciamento è essenziale. Ad oggi sono 2 milioni di italiani ad averla scaricare. Consiglio a tutti i cittadini di scaricarla" ha dichiarato il comissario straordinario a ‘In mezz'ora in piu" su Rai Tre, aggiungendo: "La App Immuni sara' quella più capace di soddisfare le emergenze ".

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
14:56

In Veneto per la prima volta zero nuovi positivi e zero morti

Per la prima volta anche il Veneto raggiunge quota doppio zero e cioè registra un giorno senza nuovi decessi né nuovi casi di contagio accertati. È quanto emerge dagli ultimi dati ufficiali comunicati dalla regione. I contagi totali restano fermi quindi a 19.183 con 1.085 attualmente positivi al Covid mentre i decessi sono 1.954. Una tendenza già anticipata dai dati di ieri quando si sono registrati un solo positivo in più e 3 decessi.

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
14:49

La Cina rigetta le accuse: "Oms fu informata dell'epidemia a gennaio"

La Cina torna sulle accuse di insabbiamento che le sono piovute addosso dopo la diffusione della pandemia da coronavirus a livello mondiale e conferma di aver informato tempestivamente  l'Organizzazione mondiale della sanità subito do aver capito cosa stava accadendo. Questa volta lo fa attraverso un un rapporto pubblicato dell'Ufficio informazioni del consiglio di Stato, riportato dalla Cnn. Il rapporto assicura che la Cina ha "informato immediatamente" Oms e "Paesi e le organizzazioni regionali interessate" , ricordando inoltre che Pechino "ha condiviso l'intera sequenza del genoma e specifici primer e sonde per il rilevamento del Covid-19, ed ha regolarmente informato l'Organizzazione mondiale della sanità ed i Paesi interessati con informazioni sull'epidemia". Nel dettaglio, l'8 gennaio la Commissione sanitaria nazionale "ha confermato in via preliminare che il nuovo coronavirus era l'agente patogeno dell'epidemia",  poi, ha aggiornato l'Oms su base quotidiana dall'11 gennaio, condividendo con l'organizzazione la sequenza del genoma il giorno successivo

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
14:13

Scuola, Governatore Rossi: "Non servono plexiglass e ore accorciate ma più insegnanti e aule"

"Per la scuola non servono né il plexiglass né le ore di 45 minuti perché il decreto del governo non basta" a dichiararlo è il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che in un post su Facebook  si è scagliato contro il Governo sulle scelte e le misure messe in cantiere per la riaperture degli istituti a settembre. "Lascia delusi il decreto per la scuola, che non solo arriva in ritardo ma che è anche sottofinanziato e non chiaro riguardo alle scelte da fare" ha scritto il Governatore toscano. "Giustamente si ricorda che Mariastella Gelmini, ministro dell'istruzione tra il 2008 e il 2013 con Berlusconi, con le sue ‘riforme' è all'origine dell'attuale crisi del sistema scolastico" ma "a questa politica miope della destra, reazionaria, nemica della scuola pubblica, e anti egualitaria, finora il centro sinistra non ha mai dato una risposta adeguata, accontentandosi di qualche aggiustamento. L'occasione che oggi si presenta sarebbe delittuoso lasciarla cadere, come purtroppo finora sembra fare il governo" ha aggiunto Rossi.

"Credo che la linea potrebbe essere proprio quella di rivoltare la politica fatta dalla destra e quindi: riaprire le classi che sono state chiuse – spiega Rossi – per avere numeri adeguati di studenti in aula, aumentare gli insegnanti, anche con norme in deroga per assumere i precari, aumentare il personale tecnico, i bidelli e il personale di segreteria, aumentare il numero delle ore di attività e di educazione, rafforzare il sostegno ai più deboli, e aumentare anche gli stipendi". "Questa deve e può essere la risposta alla crisi del sistema scolastico aggravata dal coronavirus: la scuola non come spesa ma come una grande risorsa dove investire per accrescere il sapere di una comunità, creare buona occupazione nell'immediato e assicurare un futuro di sviluppo e qualità" ha concluso Rossi.

A cura di Antonio Palma
07 Giugno
12:29

Papa Francesco: "Fase acuta dell'epidemia è superata, ma non cantare vittoria troppo presto"

"Saluto tutti voi, romani, pellegrini: i singoli fedeli, le famiglie, le comunità religiose. Anche la vostra piccola presenza in piazza è segno che in Italia la fase acuta dell'epidemia è superata: ma state attenti, non cantare vittoria prima, non cantare troppo presto vittoria". Lo ha detto Papa Francesco durante l'Angelus di oggi, domenica 7 giugno. "Rimane rimane la necessità di seguire con cura le norme vigenti – ha aggiunto -, perché sono norme che ci aiutano a evitare che il virus vada avanti. Grazie a Dio stiamo uscendo dal centro più forte, ma sempre con le prescrizioni che ci danno le autorità". Il pontefice ha poi rivolto un pensiero all'America Latina, suo continente d'origine e ora epicentro mondiale della pandemia. "In altri Paesi, specialmente dell'America Latina, il virus sta facendo ancora tante vittime. Desidero esprimere la mia vicinanza a quelle popolazioni, ai malati e ai loro familiari, e a tutti coloro che se ne prendono cura. C'è un paese in cui venerdì è stato registrato un morto al minuto e questo è terribile".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
12:23

Torna in carcere il boss mafioso Alfio Cristaldi: era stato scarcerato per Coronavirus

Torna in carcere Alfio Cristaldi, 59 anni ed esponente del clan mafioso dei Santapaola-Ercolano che stava scontando la sua pena ai domiciliari a San Pietro Clarenza. L'uomo era stato arrestato lo scorso ottobre per scontare in prigione oltre 17 anni per un’estorsione, commessa ai danni di uno stabilimento balneare di Catania e per rapina aggravata, tutti reati commessi tra il 2010 e il 2015. A marzo, però a causa di alcune patologie era stato scarcerato dal carcere di Parma il cui servizio di infermeria era stato temporaneamente sospeso a causa del Coronavirus. Ora il Tribunale di Sorveglianza, su parere della Procura Distrettuale Antimafia di Catania, lo ha arrestato e ricondotto in carcere, stavolta a Bicocca, da dove, in seguito, verrà nuovamente tradotto nel carcere di Parma per scontare la pena.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
11:49

All'asta la bici da corsa del Papa, per raccogliere fondi per gli ospedali di Bergamo e Brescia

Da domani verrà messa all'asta la bicicletta di Papa Francesco, per raccogliere fondi per gli ospedali di Bergamo e Brescia, in prima linea durante l'emergenza Covid. Si tratta di una bici da corsa, bianca e gialla fin nel sellino.

L'aveva donata al Papa lo slovacco pluricampione del mondo Peter Sagan, che si è detto felicissimo per l'iniziativa, a cui aderiranno molti altri protagonisti sello sport. L'evento, che vede mettere all'asta numerosi cimeli dello sport, si chiama "We Run Together". Per partecipare basta collegarsi a www.charitystars.com. Secondo Vatican News "We Run Together" è molto più di una pur significativa iniziativa di beneficenza: è la testimonianza che è possibile vivere "lo sport secondo Papa Francesco", e cioè come un "ponte di pace che unisce donne e uomini di religioni e culture diverse, promuovendo inclusione, amicizia, solidarietà, educazione". Lo aveva ricordato lo stesso Pontefice, il 20 maggio scorso, nell'incontro con Athletica Vaticana per lanciare l'idea, realizzata ora con la collaborazione di Fiamme Gialle, Cortile del Gentile e Fidal Lazio. Alex Zanardi, ad esempio, ha messo all'asta la maglietta indossata per vincere le Paralimpiadi di Rio del Janeiro nel 2016.

A cura di Annalisa Cangemi
07 Giugno
11:25

Nel mondo superati i 400mila morti per Coronavirus

La pandemia di Coronavirus conquista un nuovo primato e supera i 400mila morti certificati ufficialmente in tutto il mondo. Secondo gli ultimi aggiornamenti forniti dalla mappa della Johns Hopkins University, il numero dei contagi complessivi è ora di quasi 7 milioni: al primo posto ci sono sempre gli Stati Uniti con oltre 1,9 milioni di casi accertati, seguito a distanza dai 672 mila casi del Brasile, poi da Russia, Regno Unito, India, Spagna e Italia. Per quanto riguarda invece i decessi, in tutto sono ora 400.013: anche qui al primo posto ci sono gli Usa con quasi 110 mila vittime, seguiti dalle 40 mila ufficiali del Regno Unito, dal Brasile e dall'Italia.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
11:23

Il viceministro Sileri: "Siamo usciti da fase acuta, ora convivenza con il Coronavirus"

"Siamo usciti dalla fase acuta. Quella come l'abbiamo vissuta fino ai primi di maggio non c'è". Lo ha detto intervenendo a SkyTg24 il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, che ha anche parlato della fase attuale, che è di "convivenza" con Covid-19 e "la situazione è molto sotto controllo" grazie alle misure adottate. Sileri ha anche aggiunto: "Non vedo un problema Lombardia anzi vedo numeri in calo con terapie intensive vuote. L'Italia è aperta. I focolai possono essere ovunque e, nel caso, andranno prese misure di contenimento chirurgiche e mirate. Il virus circola meno, magari fosse mutato".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
10:56

L'allarme di Confcommercio: "La criminalità organizzata tenta di prendersi le imprese"

Carenza di liquidità e calo dei consumi hanno rappresentato il principale ostacolo all’attività di impresa durante l’emergenza da Coronavirus mettendo in difficoltà il 60% delle aziende del commercio e della ristorazione; quasi il 30%, invece, tra burocrazia e le necessarie procedure di sanificazione, igienizzazione e altri protocolli di sicurezza, ha visto incrementare i costi; ma c’è anche un 11% che indica nella criminalità un ulteriore, pericoloso ostacolo allo svolgimento della propria attività. È quanto emerge da un'indagine di Confcommercio in collaborazione con Format research. In particolare, circa il 10% degli imprenditori, in questo periodo, risulta esposto all’usura o a tentativi di appropriazione ‘anomala’ dell’azienda, ma la percentuale cresce fino a quasi il 20% per quegli imprenditori che sono molto preoccupati per il verificarsi di questi fenomeni nel proprio quartiere o nella zona della propria attività; i due terzi delle imprese giudicano comunque efficaci le azioni di contrasto delle forze dell’ordine e della magistratura e ritengono fondamentale ricorrere alla denuncia, ma ancora oggi quasi 1 impresa su 3, di fronte a questi fenomeni criminali, non sa cosa fare.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
10:32

Consigliera regionale della Liguria di nuovo in quarantena dopo la guarigione

La storia di Laura Amoretti, consigliera regionale della Liguria originaria di Imperia, obbligata a restare a casa in quarantena dopo aver avuto un contatto nei giorni precedenti con una persona poi risultata positiva. La stranezza è che lei è già guarita un mese prima da Covid-19 ed è anche in lista come donatrice del plasma per i malati. A Fanpage.it ha raccontato: "E' stata un'esperienza molto negativa dal punto di vista psicologico, mi sono sentita ingabbiata dalla burocrazia, mi sono attaccata al telefono spiegando la mia situazione ai funzionari dell'ASL, ma non trovavo alcuna sponda".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
10:21

In Giappone nuove misure per il controllo del contagio: "Tampone per chi lavora nei locali notturni"

Nuove misure sono al vaglio in Giappone per contenere la diffusione di una seconda ondata del Coronavirus, in particolare nelle aree di Tokyo con un'alta densità di locali notturni, dove sono stati riscontrati circa il 30% dei casi nell'ultima settimana. È  quanto emerso dopo l'incontro tra il ministro per la Rivitalizzazione dell'Economia, Yasutoshi Nishimura e la governatrice di Tokyo, Yuriko Koike. Tra le misure l'obbligo del tampone per gli impiegati dei club nei principali distretti notturni di Kabukicho, nel quartiere di Shinjuku, a nord ovest della Capitale. All'incontro ha partecipato anche il team di esperti medici che consiglia l'esecutivo ed è parte integrante nella gestione dell'emergenza sanitaria. Nella giornata di sabato 26 nuovi casi di Coronavirus sono stati segnalati a Tokyo, portando il totale a 5.369: si tratta del sesto giorno consecutivo in cui il numero è a doppia cifra. Ad oggi, a livello nazionale le infezioni si assestano a 17.078, con 910 morti accertate.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
09:57

Mattarella: "Sfida impegnativa, ma l'Italia ha le carte in regola per superarla"

"La Repubblica nasce nel rifiuto del carattere autoritario e centralista dello Stato, inasprito dal regime fascista, contro la tradizione dei liberi comuni e delle identità dei territori, ricchezza della civiltà dell'Italia", ha detto il capo dello Stato, Sergio Mattarella in una nota in occasione dei cinquant'anni della prima elezione dei consigli regionali delle regioni a statuto speciale. Il presidente ha ricordato che il principio di autonomia, delle Regioni e degli enti locali, è "alle fondamenta della costruzione democratica, perché appartiene al campo indivisibile delle libertà e costituisce un regolatore dell'equilibrio costituzionale. L'esperienza delle Regioni ha attraversato diverse stagioni, ed è stata oggetto di confronti molto intensi e riforme che hanno modificato non solo il profilo legislativo e amministrativo degli enti, ma anche il funzionamento complessivo dei poteri democratici della Repubblica".

"Le intese tra Stato, Regioni, comuni e province, ha ribadito, sono parte qualificante dell'azione di governo", ha aggiunto, ricordando come le diversità rappresentino, se non utilizzate in modo improprio, un moltiplicatore di crescita civile, economica, culturale. Il presidente ha spiegato che l'Europa stessa è chiamata a valorizzare la dimensione regionale, come vettore di integrazione. "Affinché il pluralismo e la sussidiarietà assumano il valore che è loro proprio, è necessario che questi concorrano alla realizzazione dei principi fondamentali di solidarietà e di uguaglianza sanciti dalla Costituzione", ha detto il capo dello Stato, affermando che le Regioni e le autonomie degli enti locali "accresceranno le opportunità del paese, anche in questa stagione di ripartenza, se sapranno contribuire a garantire e rendere effettivo il carattere universale dei diritti sociali e di cittadinanza del popolo italiano, al cui servizio tutte le istituzioni democratiche sono poste. Siamo chiamati a una prova impegnativa: l'Italia ha le carte in regola per superare la sfida; non vincerà da solo un territorio contro un altro, non prevarrà una istituzione a scapito di un'altra, ma solo la Repubblica, nella sua unità", ha concluso Mattarella.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
09:52

Giancarla torna a casa: "Bloccata per tre mesi in Belgio a causa del Coronavirus"

"Non so cosa incontrerò quando arriverò a casa, mi è mancata. Non posso certo lamentarmi di come abbia vissuto in Belgio, una parte della mia famiglia è qui, ma ora è il momento di rientrare". Così Giancarla Mazzolari, 75 anni, ha raccontato al quotidiano La provincia di Cremona il suo rientro in Italia, precisamente a Corte de’ Frati, dopo essere rimasta bloccata all'estero a causa del lockdown per il contenimento dell'emergenza Coronavirus. È la fine di una lontananza dovuta alla pandemia che l'ha sorpresa mentre si trovava a Bruxelles per visitare il figlio e i nipoti.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
09:45

Il ministro Manfredi: "Lezioni all'università in presenza da settembre, ma saranno anche online"

Il ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi ha spiegato intervenendo a SkyTg24 come cambieranno gli atenei italiani alla ripresa delle lezioni a settembre dopo la chiusura per l'emergenza Coronavirus: “Plexiglass nelle aule universitarie? No, non ci stiamo pensando. Pensiamo invece all’allungamento dell’orario per le lezioni e a un maggior numero di aule. Mi ha fatto riflettere la decisione di Cambridge, che il prossimo anno ha deciso di fare per tutto il prossimo anno una didattica interamente a distanza. I colleghi inglesi, con cui mi sono confrontato, hanno grande preoccupazione per la platea di studenti stranieri. Gli atenei italiani faranno didattica in presenza, ma dobbiamo rispondere alle esigenze della popolazione di studenti che non potrà frequentare le lezioni in aula".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
09:04

La Cina: "Quando il vaccino sarà pronto, sarà un bene pubblico globale"

La Cina ha fatto sapere che aumenterà la cooperazione internazionale se riuscirà a sviluppare un nuovo vaccino per il Coronavirus: lo ha detto a Pechino il ministro per la scienza e tecnologia, Wang Zhigang, secondo quanto riportato dall'agenzia Reuters. Il Paese del Dragone renderebbe il vaccino, una volta trovato, "un bene pubblico globale".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
08:45

I casi giornalieri di Coronavirus nel mondo aumentano più che mai: "Pandemia accelera"

Il numero di casi di Coronavirus nel mondo sta aumentando più velocemente che mai: è quanto emerge da un'analisi della Cnn basata sui dati pubblicati dalla Johns Hopkins University. Se da una parte i tassi di contagio stanno rallentando in Paesi fortemente colpiti all'inizio della pandemia, come la l'Italia, la Spagna e la Francia, le statistiche globali indicano che la crisi è tutt'altro che finita. Infatti, sottolinea sempre la tv statunitense, in molti Paesi – in particolare in Sudamerica, Medio Oriente ed Africa – i contagi stanno accelerando. Mentre nel mese di aprile i nuovi casi giornalieri a livello globale non avevano mai superato le 100mila unità, i contagi accertati hanno superato questa soglia in nove degli ultimi 10 giorni, fino ad arrivare a quota 130.400 mercoledì scorso.

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
08:39

Orlando (Pd): "Nessun attacco politico contro Conte, ma non possiamo sbagliare"

"Nessun attacco politico contro Conte. C'è la consapevolezza che non si può sbagliare e quindi questo passaggio deve essere finalizzato a far arrivare il Paese pronto all'appuntamento con l'utilizzo delle risorse messe a disposizione dall'Unione Europea". Lo ha affermato il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, in un'intervista al Corriere della Sera. "‘Pronto non significa solo che dobbiamo avviare alcune riforme che sono necessarie ma anche consentire a tutti i soggetti di questa sfida – le imprese il settore finanziario e la pubblica amministrazione – di prepararsi", ha aggiunto Orlando parlando degli Stati generali della ripresa voluti dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. "Anche se si tratta solo dell'apertura di un percorso, come poi Conte ha chiarito, è bene mettere a fuoco le regole del gioco".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
08:36

Locatelli (Css): "Dati positivi, ma il virus circola ancora. No al plexiglass nelle scuole"

Segnali di ottimismo arrivano da Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore della Sanità, oltre che membro del comitato tecnico-scientifico che affianca il governo dall'inizio dell'emergenza Coronavirus. In una intervista al Corriere della Sera, l'esperto ha spiegato che "gli indicatori danno segnali positivi. Bisogna continuare a monitorare e a mantenere comportamenti individuali responsabili. Il quadro non desta preoccupazioni perché l’Rt (indice di contagio) è inferiore a 1 ovunque. Si intravvedono focolai locali, ma sempre controllati. Il messaggio è che la circolazione del virus è ancora rilevante e che l’epidemia non è conclusa". Sui contagi in Lombardia ancora più alti rispetto alle altre regioni ha detto: "È stata senza dubbio la più colpita ed è normale che la curva scenda più lentamente che altrove. Nelle epidemie è sempre così, è un fenomeno normale. Giusto vigilare ma nessun segnale di allarme".

Sulla questione scuole, Locatelli è chiaro: "Bisogna garantire la sicurezza della ripresa. Abbiamo dato principi fondamentali per accompagnare la riapertura. Studenti e personale non devono andare a scuola con febbre a 37,5 o se hanno avuto contatti con persone positive, i banchi distanziati di almeno un metro.  Raccomandiamo di evitare gli affollamenti, prevedere percorsi separati in entrata e uscita, di considerare accessi contingentati e di privilegiare l’attività ludica e fisica individuale anziché di gruppo. In palestra la distanza di sicurezza raddoppia". Sulla proposta di installare plexiglass divisorio tra i banchi: "Credo sia una misura estrema, da attuare se non si riesce a fare di meglio. Oltre alle altre misure, percorsi separati nelle aree di ricreazione e mascherine indossate da personale e studenti sopra i 6 anni sono sufficienti per evitare la ripresa dell’epidemia. Sul numero degli studenti per aula non abbiamo dato indicazioni".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
08:12

La virologa Ilaria Capua: "Il vaccino arriverà e la seconda ondata potrebbe non esserci"

"Il vaccino arriverà, la seconda ondata potrebbe non esserci". A parlare è la virologa Ilaria Capua intervenuta alla trasmissione di Rai Tre Le parole della settimana. Sulla morte "clinica" del virus, tema al centro delle polemiche degli ultimi giorni all'interno della comunità scientifica, l'esperta ha dichiarato: "ci credo che il virus clinicamente non esista più. Ma non è merito del virus. Il virus fa il virus, è un agente patogeno che si manifesta in maniera diversa a seconda di diversi fattori. Uno di questi è l'età del paziente. In realtà credo sia migliorato tutto il sistema, ma quando si dice che il virus si è indebolito è come dire che una macchina va a 3 cilindri. Il genoma del virus non è cambiato, non si può dire che si sia indebolito o che sia diventato più aggressivo: è sempre un motore a 4 cilindri". Sulla possibile seconda ondata dell'epidemia in autunno, ha sottolineato che "non viene da una maledizione divina. Viene da noi. Il virus sta circolando, se le persone più fragili continueranno a seguire determinati comportamenti e si manterranno lontane dal contagio, la seconda ondata potrebbe non esserci". Ottimista è sembrata Ilaria Capua anche a proposito del vaccino: "arriverà. Uno dei problemi è che avere centinaia di milioni di dosi richiede tempo. Credo però che non bisogna appoggiare la nostra speranza sul vaccino, sarà una delle armi che avremo per combattere questo nuovo nemico invisibile con cui dovremo convivere. Abbiamo farmaci e terapie, sono ottimista".

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
08:05

Boom di contagi in America Latina nelle ultime 24 ore: oltre 45mila casi, la metà in Brasile

Ancora record di contagi da Coronavirus in America Latina, nuovo epicentro mondiale della pandemia: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 45mila nuovi casi e 1.714 morti, mentre sembra ancora lontano il picco dell'emergenza. Il totale dei contagiati è ora di 1.238,297, di cui 63.909 deceduti. Il Brasile, che guida la classifica della regione, ha riservato una sorpresa rivelando solo i contagi (27.075) e i morti (904) di ieri, senza fornire più l'accumulato dall'inizio della pandemia, che è di 672.846 contagiati e 35.930 morti, al terzo posto dopo Stati Uniti e Regno Unito. Lo stato di San Paolo, con 46 milioni di abitanti, rimane l'epicentro della pandemia in Brasile con oltre 140.000 casi confermati e 9.000 morti, seguiti da Rio de Janeiro, con più di 6.600 morti e 64.500 contagi.  Seguono il Perù (191.758 e 5.301) e il Cile (127.745 e 1.541).

A cura di Ida Artiaco
07 Giugno
07:00

Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia e nel mondo di domenica 7 giugno

270 nuovi contagi in Italia, 1297 guariti e 72 nuovi decessi registrati nel bollettino della Protezione Civile diffuso ieri. Il numero totale di casi sale a 234.801, di cui 165.078 guariti e 33.486 decessi. Ecco le statistiche e i dati sui contagi regione per regione:

Lombardia: 90.070

Piemonte: 30.845

Emilia Romagna: 27.894

Veneto: 19.182

Toscana: 10.134

Liguria: 9.799

Lazio: 7.801

Marche: 6.742

Campania: 4.822

Puglia: 4.511

Trento: 4.434

Sicilia: 3.450

Friuli VG: 3.283

Abruzzo: 3.258

Bolzano: 2.600

Umbria: 1.431

Sardegna: 1.362

Valle D'Aosta: 1.189

Calabria: 1.159

Molise: 436

Basilicata: 399

Secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, in Italia l'indice di contagio Rt è sceso sotto il valore di 1 in tutte le regioni; ciononostante l'ISS ha ricordato che è necessario mantenere alta l'attenzione, perchè l'epidemia non è ancora conclusa. Approvato ieri il decreto scuola, che è diventato legge: nel provvedimento tutte le linee guida per l‘esame di maturità, gli esami di terza media, l'edilizia scolastica e i nuovi concorsi per l'assunzione di insegnanti. Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha dichiarato che è intenzione del Governo prorogare la cassa integrazione fino alla fine di dicembre. Secondo l'epidemiologo Pierluigi Lopalco, sarà possibile valutare gli effetti della riapertura delle regioni solo alla fine di giugno, mentre alla metà di questo mese sarà possibile tirare le somme sulle conseguenze delle riaperture decise ad aprile. Nuovo focolaio all'IRCCS San Raffaele Pisana: registrati 31 casi legati alla struttura.

Nel mondo oltre 6,7 milioni di contagi da Coronavirus e oltre 395mila decessi. Il Presidente del Brasile Bolsonaro ha minacciato di ritirare il suo Paese dall'OMS come ha fatto il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Crescono i casi in India, che ha superato l'Italia per numero di contagi.

A cura di Quale Compro Team
277 CONDIVISIONI
27588 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni