13 luglio 21:52 California, nuovo lockdown: chiusi ristoranti, bar, cinema e tutte le altre attività non essenziali

Nuovo blocco in California: le autorità hanno deciso di chiudere su tutto il territorio dello stato i servizi non essenziali a causa della crescita dei contagi degli ultimi giorni. Coinvolti ristoranti, bar, cinema, teatri, palestre, musei e luoghi di culto. Cancelli chiusi anche per gli zoo. Lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom.

Il provvedimento riguarda anche le scuole: distretto scolastico più grande della California, quello di Los Angeles e San Diego, ha annunciato che le lezioni in autunno inizieranno interamente da remoto e saranno online almeno fino alla fine del 2020 a causa dell'impennata nel numero dei contagi da coronavirus.

13 luglio 21:17 Trump: “Quanto fatto da Cina non va dimenticato”

"Chiamatelo virus cinese, chiamatelo come vi pare… ma quello che ha fatto la Cina non va dimenticato". Così il presidente Donald Trump rispondendo ai cronisti sul Covid-19 che solo negli Usa ha contagiato 3,3 milioni di persone e ne ha uccise oltre 135 mila.

13 luglio 20:36 In LOmbardia dal 15 luglio stop all’obbligo di indossare mascherine all’aperto

Il Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana si accinge a firmare un’ordinanza che cambierà le regole sull’utilizzo della mascherina. Da mercoledì 15 luglio in Lombardia non sarà più obbligatorio indossare sempre la mascherina all’aperto, ma andrà fatto in situazioni di affollamento o quando ci si trova a stretto contatto con altre persone. Resta l’obbligo di coprirsi naso e bocca nei negozi e in tutti gli ambienti chiusi.

13 luglio 20:15 Continuano ad aumentare i contagi nei Balcani

Continua a preoccupare la situazione epidemiologica nei Balcani, alle prese con una nuova ondata di coronavirus: la curva dei contagi si mantiene elevata e in molti casi i governi stanno reintroducendo provvedimenti e restrizioni già abolite nelle scorse settimane. In Serbia nelle ultime 24 ore i nuovi casi sono stati 279, con il totale salito a 18.639. Altri 12 morti hanno portato a 405 il numero delle vittime. Cresce il numero dei pazienti in terapia intensiva con respiratore, che sono ad oggi 154, il numero più alto dall'inizio dell'epidemia. Il presidente Aleksandar Vucic e la premier Ana Brnabic hanno intensificato gli appelli affinché vengano rispettate le norme di prevenzione, condannando le manifestazioni di protesta degli ultimi giorni che hanno portato nelle strade migliaia di persone.

Nella Macedonia del Nord, dove tra due giorni si vota per le elezioni parlamentari, i nuovi casi sono stati 88, per un totale di 8.197, le vittime sono in tutto 385, con altri tre decessi da ieri. Altri 53 contagi si sono registrati in Croazia, dove dall'inizio dell'epidemia i casi sono stati 3.775, i morti 119. In Montenegro, che aveva dichiarato la fine dell'epidemia il mese scorso, si sono avuti 66 nuovi contagi e un decesso, con i nuovi totali saliti a 963 e 15. In Bosnia-Erzegovina si sono registrati 94 casi da ieri e quattro decessi. I totali sono ad oggi 6.764 e 225. In Slovenia i contagi nelle 24 ore sono calati a otto (totale 1.849), con il numero delle vittime fermo a 111. Il Paese balcanico più colpito resta la Romania, dove nelle 24 ore si sono avuti 413 contagi e 17 morti – complessivamente 32.948 e 1.901.

13 luglio 19:22 L’Oms indagata per epidemia colposa dalla Procura di Milano

Dopo un esposto presentato ad aprile dal Codacons la Procura di Milano ha aperto un’inchiesta nei confronti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, accusata di “errori, contraddizioni, omissioni e ritardi nella gestione della pandemia” che hanno contribuito “alla diffusione dell’epidemia all’origine, impedendo di salvare migliaia di vite e creando danni economici in tutto il mondo”. L'Oms è indagata per epidemia colposa.

13 luglio 18:47 Conte: “Crisi epocale, negoziato UE non facile”

“Questo è il tempo della solidarietà, non dobbiamo dividerci sulle visioni nazionalistiche. L’Europa deve fornire soluzioni ai suoi cittadini, non paure e illusioni: quello lo lasciamo ai nazionalisti. Abbiamo davanti un negoziato molto difficile, l’ho sempre detto. Ma mi darete atto del fatto che ho sempre cercato di rappresentare il comune obiettivo. Che è una risposta forte e comune a una crisi di una portata epocale, che non è imputabile a un comportamento del singolo Stato”. A dirlo Giuseppe Conte in conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel.

13 luglio 18:40 La Francia teme una seconda ondata. Macron: “Indossate le mascherine”

In risposta al crescente allarme per una possibile seconda ondata di Covid-19, il presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron ha invitato tutti i suoi connazionali a rispettare i "gesti barriera". Un tema che sicuramente tornerà ad affrontare nel suo atteso discorso di domani, in occasione della festa nazionale del 14 luglio, mentre i medici chiedono al governo di decretare l'obbligatorietà della mascherina in tutti i luoghi pubblici chiusi. Nel frattempo il richiamo all'ordine del capo dello stato è arrivato sui social, con poche parole chiare. "Li conoscete e salvano vite: i gesti barriera non sono un optional! Di fronte al virus proteggetevi e proteggete i vostri cari" ha twittato Macron. Stesse parole postate anche dal ministro della Salute, Olivier Ve'ran, che ha ricordato che "il senso civico di ciascuno di noi preserva la salute di tutti".

13 luglio 17:32 Oms: “Troppi paesi stanno andando nella direzione sbagliata nella lotta al coronavirus”

"Voglio essere schietto, troppi Paesi stanno andando nella direzione sbagliata. Il Covid-19 rimane il nemico pubblico numero uno, ma le azioni di molti governi e persone non riflettono questo". A dirlo il direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. "L'unico obiettivo del virus è trovare persone da contagiare", ha aggiunto.

13 luglio 17:18 Oms: “Preoccupante aumento dei casi, il 50% in USA e Brasile”

"Ieri sono stati segnalati all'Organizzazione Mondiale della Sanità 230 mila nuovi casi di Covid-19. Quasi l'80% di questi casi è stato segnalato in dieci paesi e il 50% in soli due Paesi". Questi paesi sono USA e Brasile. Lo ha dichiarato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale dalla sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Sebbene il numero di decessi giornalieri rimanga relativamente stabile, c'è molto di cui preoccuparsi. Tutti i Paesi sono a rischio di virus, ma non tutti sono stati colpiti allo stesso modo", ha aggiunto.

13 luglio 16:53 Bollettino 13 luglio: 13 morti nelle ultime 24 ore

L'ultimo bollettino aggiornato dal ministero della Salute sull'emergenza coronavirus in Italia. I nuovi positivi sono 169, per un totale di 243.230 casi. Di questi 195.106 sono guariti (+178) e 34.967 le vittime (+13 rispetto a ieri).

13 luglio 16:45 Aumentano le penali per chi rinuncia alle vacanze, arriva la Covid-tax del turismo

Sono sempre di più gli alberghi, gli agriturismi e i campeggi che aumentano le penali per chi decide di cancellare il soggiorno già prenotato. L'inasprimento delle politiche di cancellazione è solo l'ultima forma in cui si manifesta la Covid-tax, il rincaro sui prezzi effettuato da tanti commercianti o gestori di locali per far fronte ai costi di adeguamento degli spazi piuttosto che alle spese per la sanificazione.

13 luglio 16:12 Negli Stati Uniti contagi in aumento in 35 Stati su 50

Sono 35 su 50 gli Stati Usa che hanno registrato un aumento dei contagi rispetto alla settimana precedente secondo quanto riporta la Johns Hopkins University. Il caso più grave riguarda la Florida con 15.300 casi registrati ieri, ma è picco di contagi anche in Louisiana dove domenica sono stati riportati 1300 nuovi casi, dei quali più di un terzo ha meno di 30 anni. Situazioni allarmanti si registrano nella contea di Los Angeles, California, dove ci sono stati 3300 nuovi casi mentre i ricoverati sono oltre duemila, molto più della media di un mese fa. In Arizona la sindaca di Phoenix, Kate Gallego, ha chiesto al governatore di prendere misure urgenti per contenere la diffusione del virus.

13 luglio 15:48 In Kazakistan verrà esteso il secondo lockdown per altre 2 settimane

In Kazakistan verrà esteso il secondo lockdown per altre due settimane, fino al termine di luglio. Lo ha annunciato il presidente Kassym-Jomart Tokayev. Ci saranno anche aiuti finanziari per coloro che hanno avuto problemi economici a causa della pandemia di Coronavirus.

13 luglio 15:15 In Veneto un test rapido per trovare il virus in sette minuti

Un test rapido che cerca il Coronavirus e dà una risposta in pochi minuti. Costa 12 euro contro i 18 di un normale tampone. Lo ha sperimentato l'Ulss 2 del Veneto che, ha annunciato il presidente Luca Zaia, "trasferirà tutti i dati allo Spallanzani di Roma e al Ministero della Salute perché tengano in considerazione di inserire il test nel piano di sanità pubblica".  "Questo test – ha spiegato Roberto Rigoli, primario di Microbiologia a Treviso e vicepresidente nazionale dei microbiologi – va a prendere l'ipotetico virus nella ‘cantina' dei batteri, nel retro faringeo, lo stempera in un liquido e lo distribuisce in una ‘saponetta'. Quando si mettono le goccioline nella saponetta, il liquido nasale inizia a migrare e c'è un punto in cui sono presenti degli anticorpi specifici contro il Covid-19: se esiste il virus, si attacca agli anticorpi specifici, c'è una reazione cromatica e avverte con una ‘bandina' rossa". Rigoli ha spiegato anche che è è stato provato su circa mille persone. "È un test di screening per cui – ha ribadito – non facciamo diagnosi definitiva: se c'è è positivo, ma se lo fosse lo confermiamo con la biologia molecolare. La velocità dell'analisi ci consente immediatamente di isolare, l'ipotetico positivo. Ci sono altri centri che lo stanno provando, come a Vicenza".

13 luglio 14:47 Coronavirus Roma, Spallanzani: 72 ricoverati, 58 positivi al Coronavirus

Allo Spallanzani di Roma sono attualmente ricoverati 72 pazienti. Di questi 58 sono positivi al tampone del Coronavirus, 14 sottoposti a indagini. Quattro pazienti necessitano di Terapia Intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono 518. È quanto emerge dal bollettino medico di oggi dell'Istituto di Roma.

13 luglio 13:55 Comune chiude il luna park perché troppa gente è senza mascherina

Decisione drastica quella presa dal comune di Luino, in provincia di Varese, che ha chiuso il locale luna park dopo aver constatato che troppa gente si assembrava tra le giostre senza distanze e mascherine. Cancelli chiusi per la struttura lunedì e martedì per ordine del sindaco della cittadina lombarda. "Nelle serate dell'11 e 12 luglio ai clienti del parco divertimenti non è stato fatto rispettare da parte degli esercenti […] l’obbligo di indossare le mascherine e la misurazione della temperatura per l’intero periodo di apertura del parco" ha ricordato il sindaco di Luino Andrea Pellicini spiegando i motivi della decisione.

13 luglio 13:46 “Coronavirus trasmesso da mamma e neonato in utero” lo studio Usa

Per la prima volta uno studio conferma la trasmissione del nuovo coronavirus da madre a figlio nell’utero sulla base delle tracce del virus nelle cellule fetali della placenta. A comunicarlo un gruppo dell'università del Texas sudoccidentale. “Il nostro studio è il primo a documentare la trasmissione intrauterina dell'infezione durante la gravidanza sulla base delle tracce del virus nelle cellule fetali della placenta”, spiegano i ricercatori sul Pediatric Infectious Disease Journal. In particolare i ricercatori hanno esaminato la placenta, che mostrava segni di infiammazione, dopo i sintomi del neonato. Test più approfonditi hanno rilevato la presenza nella placenta sia delle particelle del virus, sia di una delle proteine fondamentali del virus che confermano che l'infezione è stata trasmessa durante la gravidanza e non durante o dopo il parto. Il neonato infatti è risultato positivo al nuovo coronavirus 24-48 ore dopo la nascita. È stato curato per diversi giorni e non ha avuto bisogno della ventilazione meccanica.

13 luglio 13:30 Zaia: “Abbiamo isolato ceppo serbo, la mutazione è più aggressiva”

"Abbiamo isolato il ceppo serbo, si è rivelato ben diverso da quello isolato in Italia, con una carica virale molto più elevata", a rivelarlo il governatore del Veneto Luca Zaia. "Io senza dire niente a nessuno ho fatto sequenziare il virus serbo trovato sull'imprenditore vicentino che ha portato qui il virus dopo il viaggio di lavoro, sui suoi colleghi e sulla donna cinese di Padova. Il risultato è questo: nei quattro tamponi la carica virale era molto elevata, il virus è appartenente al cluster serbo ed è ben diverso da quello isolato in Veneto e in Italia. Si tratta di una mutazione sua" ha spiegato il Presidente della Regine Veneto durante un punto stampa per fare il punto sulla situazione del contagio.  "Il virus non autoctono è diverso, ha la sua storia ed è più aggressivo" ha aggiunto Zaia

13 luglio 13:09 Matteo Bassetti: “Non capisco perché siamo ancora in stato d’emergenza”

"Dall'estero i colleghi mi chiedono come mai siamo ancora in stato d'emergenza e io ho difficoltà a dare una spiegazione" così l'infettivologo Matteo Bassetti torna a ribadire la necessità di tornare a u na condizione normale dopo l'emergenza sanitaria scatenata dal coronavirus. "Dalla prossima settimana nessuno dei Paesi europei sarà in stato d'emergenza perché è evidente il Covid 19 ha rappresentato un'emergenza sanitaria soprattutto per il sistema ospedaliero, oggi quegli stessi reparti però sono vuoti e speriamo rimarranno vuoti a lungo" ha dichiarato  il direttore della Clinica Malattie Infettive dell'Ospedale San Martino di Genova a "L'aria che tira " su La7. "Ora è arrivato il momento di lodarci e di dire lo sforzo che l'Italia ha fatto. Il mondo ci guarda e ci invidia, abbiamo un numero di terapie intensive che è una potenza, superiore a quella di ogni altro Paese, sono stati assunti medici e infermieri, si è lavorato sulle residenze per anziani, sulla medicina territoriale e sui dispositivi di protezione" ha aggiunto Bassetti.

13 luglio 12:47 In America Latina, oltre 144mila vittime di Covid

L'America Latina raggiunge oltre 144mila vittime di covid e supera gli Stati Uniti e il Canada per numero di morti da coronavirus diventando la seconda regione più colpita al mondo dopo l'Europa che ne conta 202.500. È quanto emerge da un conteggio dell'agenzia Afp sui dati comunicati dai vari Paesi fino a questa mattina. France Presse stima in 3,370 milioni i contagi totali nell'area. Il Brasile è il paese più colpito con circa la metà dei morti, 72.100, e 1,865 milioni di casi. Il Messico, con le sue 35mila vittime ha oggi superato l'Italia nella triste classifica mondiale, poi ci sono il Perù e il Cile.

13 luglio 12:24 Coronavirus Germania: 200mila contagi totali

In Germania registrati altri 159 contagi nelle ultime 24 ore che portano il totale dei positivi dall'inizio de pandemia a 198.963. Sono i dati comunicati Robert Koch Insitute (Rki), l'agenzia incaricata dal governo di Berlino di monitorare la diffusione del coronavirus in Germania. Secondo la stessa fonte sono invece 9.064 le persone che hanno perso la vita per Covid, tre in più rispetto al giorno precedente. Secondo  il bilancio della Johns Hopkins University in base i dati de vari lander, invece, il Paese è vicinissimo ai 200mila contagi totali avendo già raggiunto quota 199.919 casi.

13 luglio 12:10 Le Regioni non possono vietare l’ingresso a chi non ha l’App Immuni

Le Regioni non possono vietare l'ingresso sul proprio territorio a chi non ha l'app Immuni. A ribadirlo sono le Faq pubblicate dal Garante per la protezione dei dati personali sulle problematiche connesse alla realizzazione dell'app di tracciamento voluta dal governo. Con specifico riferimento all'app nazionale di contact tracing, il garante ricorda che la sua installazione è su base volontaria e che dalla mancata installazione non può derivare alcuna conseguenza pregiudizievole come, ad esempio, limitazioni nella fruizione di beni o servizi.

13 luglio 11:52 In Gran Bretagna scoperti 100 nuovi micro focolai di contagio

Sono 100 i nuovi micro focolai di contagio scoperti negli ultimi giorni in Gran Bretagna. Ad annunciarlo è stato il ministro della Salute, Matt Hancock, sottolineando che in tutti i casi si sta intervenendo con la reintroduzione di restrizioni "mirate". L'episodio più serio si è verificato nella contea inglese dello Herefordshire, dove 73 dipendenti di un'azienda agricola sono risultati positivi al test e l'intero staff (200 persone) è stato isolato. In una intervista sul Daily Telegraph Hancock ha tenuto a precisare però che i casi censiti in questa fase riguardano in prevalenza singoli edifici o luoghi di lavoro e la loro scoperta è sta possibile grazie anche ai progressi del sistema di test e tracciamento delle autorità sanitarie.

13 luglio 11:32 Le aziende italiane sono più pessimiste oggi che a marzo

Peggiorano le aspettative delle imprese italiane sulla situazione economica generale dopo l'emergenza coronavirus. È quanto emerge da una indagine condotta dalla Banca d'Italia tra il 25 maggio e il 17 giugno 2020 presso le imprese italiane con almeno 50 addetti. I giudizi sulla situazione economica generale nel secondo trimestre del 2020 "sono peggiorati rispetto alla precedente indagine condotta in marzo" spiegano da Bankitalia. Ad influire sulle aspettative una ampia flessione della domanda corrente. Le attese a breve termine sulle vendite sono invece meno pessimistiche, così come quelle sulle proprie condizioni operative.

13 luglio 11:28 In tempo di Covid molte aziende tornano a produrre in Italia

In tempo di Covid molte aziende tornano a produrre in Italia. Sono ben 175 infatti le aziende italiane che avevano delocalizzato la loro produzione all’estero e hanno deciso di tornare nel nostro Paese dopo l'emergenza mondiale. Il dato emerge da uno studio effettuato da alcuni docenti universitari e che evidenzia come questo processo, già in atto da qualche anno, sia stato spinto ulteriormente dall’emergenza Coronavirus, con il ritorno di aziende che producono mascherine, pneumatici per bici ma anche forniture per le scarpe e altro.

13 luglio 11:16 Comitato delle vittime Covid di Bergamo scrive all’Ue: “Possibili crimini contro l’umanità”

Il Comitato "Noi denunceremo – verità e giustizia per le vittime di Covid-19″, formato da parenti di persone che hanno perso la vita a causa del coronavirus nella Bergamasca e non solo, ha inviato oggi una lettera alla presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen ed al presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo Ròbert Ragnar Spanò, per chiedere di vigilare sulle inchieste in corso sulla gestione dell’emergenza Covid-19: “In Lombardia, sembrano esserci segni di indicibili crimini contro l’umanità” scrivono chiedendo “di vigilare sulle indagini” in corso in Lombardia.

13 luglio 11:04 Migranti positivi al Covid in Calabria: verso trasferimento in ospedali militari a Roma

I 28 migranti sbarcati a Roccella Jonica (in Calabria) alcuni dei quali risultati positivi al Covid potrebbero essere trasferiti in due strutture militari di Roma: l’ipotesi è che vengano curati al Celio o alla Cecchignola. Rimane in piede anche l’ipotesi della nave quarantena, come chiesto dalla presidente di Regione Jole Santelli. Ieri proteste ad Amantea contro l’arrivo dei migranti in una struttura della cittadina che ora è sorvegliata 24 ore su 24 dai militari dell'operazione strade sicure di stanza a Cosenza.

13 luglio 10:51 In Russia 6.537 nuovi casi nelle ultime 24 ore

La Russia ha registrato altri  6.537 nuovi casi di contagio nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il centro operativo anticoronavirus di Mosca, secondo cui nel corso dell'ultima giornata altre 104 persone sono decedute a causa del nuovo coronavirus. La Russia ha registrato ufficialmente 733.699 casi accertati dall'inizio dell'epidemia mentre le vittime Covid sono in tutto 11.439. I guariti sono 2.960 nelle ultime 24 ore e 504.021 in totale. Il Paese resta quarto per numero di contagi al mondo ma solo undicesimo come morti anche se le stime in quest'ultimo caso sono in corso di revisione da parte delle autorità locali

13 luglio 10:24 Quasi 10 milioni di bambini potrebbero non tornare mai più a scuola dopo l’emergenza

Quasi 10 milioni di bambini potrebbero non tornare mai più a scuola dopo essere stati costretti a lasciare le aule a causa della pandemia di coronavirus. A lanciare l'allarme  che riguarda ovviamente i Paesi più poveri è Save the Children. Secondo la Ong, infatti, molti piccoli potrebbero essere costretti ora a entrare subito nel mondo del lavoro e a lasciare definitivamente la scuola a causa dell'impatto economico  che l'epidemia ha avuto sulle loro famiglie. I Paesi più a rischio sono quelli dell'Africa centrale e occidentale ma anche altri Stati come lo Yemen e l'Afghanistan.  "C'è un'emergenza educativa senza precedenti e i governi devono investire urgentemente nell'istruzione", ha detto il presidente di Save the Children Janti Soeripto.

13 luglio 10:08 Allarme nuovi focolai in Spagna, Governo convoca comitato di monitoraggio

È allerta massima per i nuovi focolai emersi in questi giorni in Spagna. L'impennata di nuovi casi infatti ha spinto il premier Pedro Sanchez a convocare oggi nuovamente il comitato di monitoraggio sul coronavirus presso la sede del governo centrale. Nelle scorse ore la giunta locale della Catalogna ha disposto un nuovo lockdown nella città di Lleida e in altri sette comuni della regione a causa di un preoccupante aumento di focolai con 800 contagi ma i giudici hanno boccato la decisione. Misure restrittive anche in Galizia dopo che erano stati registrati 165 casi di positività al coronavirus.

13 luglio 09:55 A Wuhan tutti negativi gli 80mila campioni ambientali raccolti

Sarebbero risultati tutti negativi gli 80mila campioni ambientali raccolti in un mese nella città di Wuhan, primo focolaio della pandemia di coronavirus in Cina. Lo rendono noto le autorità sanitarie cinesi. La Commissione per la salute di Wuhan ha annunciato che i Centri cittadini per la prevenzione e il controllo delle malattie hanno raccolto e testato campioni ambientali nei supermercati, nei mercati degli agricoltori e nei bagni pubblici per 30 giorni consecutivi a partire dal 13 giugno. Nel dettaglio sono stati campionati e testati 720 supermercati, 1.354 mercati degli agricoltori, cinque societa' di importazione ed esportazione di prodotti ittici, 15 istituti medici, 36 impianti di trattamento delle acque reflue e 706 bagni pubblici e tutti gli 80.130 campioni ambientali sono risultati negativi.

13 luglio 09:47 Nuovo focolai, tra lavoratori dei macelli nel Mantovano il 99,1 % è risultato negativo

Buone notizie dall’Ats Val Padana dopo la scoperta di nuovi focolai di contagio tra i lavoratori dei macelli del Mantovano. Dopo aver analizzato 1.231 tamponi prelevati delle aree recentemente interessate da nuovi focolai da Coronavirus, i sanitari hanno constatato che il 99,1 per cento risultano negativi. Solo 11 persone, tutte asintomatiche, sono state trovate positive.

13 luglio 09:42 In Catalogna lockdown sospeso per ordine dei giudici

Niente lockdown in Catalogna nonostante la decisione del governo locale, almeno per ora. Un tribunale locale infatti ha deciso di non ratificare la decisione presa ieri dal governo catalano di imporre un lockdown in otto comuni, tra cui Lleida dopo la scoperta di diversi focolai di contagio. Come raccontano i giornali local, per il giudice del Tribunale di Lleida, la decisione della Generalitat è "sproporzionata" , quindi per ora il lockdown è sospeso.

13 luglio 09:29 Donna guarita mesi fa al coronavirus è risultata di nuovo positiva in Campania

Una donna guarita mesi fa è risultata di nuovo positiva al Coronavirus, il caso registrato dalla task force della Regione Campania si è verificato a Pozzuoli. A confermarlo è il sindaco Vincenzo Figliolia: “Si tratta di una persona ripositivizzata: aveva già contratto il virus mesi fa, poi guarita, è ora nuovamente positiva. Si sta completando il link epidemiologico della paziente” ha spiegato i primo cittadino.  Secondo epidemiologi e virologi che hanno trattato già in Italia casi del genere la positività del tampone dopo due risultati negativi potrebbe essere l'espressione, specialmente in un soggetto ormai asintomatico, di una persistenza di Rna virale e non necessariamente di virus replicante.

13 luglio 09:21 In Indonesia è record di casi a Giacarta

In Indonesia è record di casi di coronavirus a Giacarta dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 404 casi di contagio che portano il totale del Pese  del sud-est asiatico a oltre 75mila casi di coronavirus. Attualmente i focolai della pandemia continuano a crescere proprio nella capitale che ha fatto registrare il suo record giornaliero più alto domenica. Nonostante questo il governo locale continua verso la fase due con l'apertura di più settori della sua economia sopratutto quello legati al turismo. L'hotspot turistico di Bali ha già riaperto,  comprese le spiagge anche se con restrizioni messe in atto dalle autorità.

13 luglio 09:00 Epidemiologo Bucci: “I guariti sicuramente immuni, ma non sappiamo per quanto tempo”

“Si osserva che quasi tutti i pazienti tendono a sviluppare una risposta anticorpale neutralizzante, rivolta in buona parte contro la proteina spike del virus” ma “Ci sono dati meno solidi riguardo a quanto duri questa risposta anticorpale, perché gli studi su periodi di tempo sufficiente sono appena cominciato”, a spiegarlo è Enrico Bucci, professore di Biologia dei sistemi alla Temple University di Philadelphia che si sta occupando di uno studio proprio su questi temi. “In un gruppo di 65 pazienti, seguiti per 94 giorni a partire dal primo sintomo, si è osservato che in tutti i casi la quantità di anticorpi neutralizzanti raggiungeva un picco, e poi cominciava a declinare” ha rivelato l’esperto a Repubblica, spiegando: “Complessivamente, sembra emergere un quadro simile a quello di altri coronavirus, come quelli del raffreddore: una iniziale, vigorosa risposta anticorpale, con il declino della quantità di anticorpi nei mesi successivi all'esposizione”. Quindi per capire se ci si può ammalare di nuovo “saranno fondamentali studi e dati per accertare se, a fronte del declino degli anticorpi circolanti si mantenga o meno la memoria immunitaria necessaria a montare una rapida risposta anticorpale contro il virus”.

13 luglio 08:48 Allerta nelle basi militari Usa in Giappone, oltre 60 casi di contagio in tre caserme

È allerta massima anche nelle basi militari statunitensi in Giappone dopo la scoperta di decine di casi di contagio tra il personale in servizio nelle varie caserme. Al momento sono 62 le persone risultate positive al coronavirus nelle basi militare statunitensi sull'isola meridionale giapponese Okinawa. Due basi, in cui sono stati riportati tutti i casi tranne uno, sono state bloccate. Il governatore dell'isola, Denny Tamaki, aveva precedentemente affermato di essere stato "scioccato" dall'epidemia segnalata. Okinawa ospita la maggior parte del personale militare americano di stanza in Giappone, ma la loro presenza è stata più volte oggetto di dibattito nel Paese

13 luglio 08:37 Affollamento in discoteca: cinque giorni di chiusura per il Banacher di Aci Castello

Continuano i controlli ma anche le sanzioni anti assembramento in locali e discoteche italiane. L'ultima struttura a farne le spese il “Banacher” di Aci castello, la storica discoteca-giardino alle porte di Catania dove l'intervento dei carabinieri ha scoperto un affollamento di persone senza mascherine. L'intervento successivo da parte del personale dell'Asp ha fatto scattare una chiusura di cinque giorni  del locale. Al legale rappresentante della società che gestisce la discoteca inoltre è stata elevata la prevista sanzione di 400 euro.

13 luglio 08:31 Fmi: Il Pil tornerà a livelli pre crisi solo nel 2022

Il Pil dell'Ue, crollato a causa dell'emergenza coronavirus, tornerà ai livelli pre crisi solo nle 2022. A sostenerlo sono le previsioni del Fondo monetario internazionale (Fmi) secondo le quali il prodotto interno lordo dell'Unione Europea calerà del 9,3% nel 2020 per crescere del 5,7% nel 2021. "Le forti divergenze nelle condizioni iniziali si tradurranno probabilmente in una ripresa disomogenea a livello europeo", ha spiegato Poul Thomsen del dipartimento Europea dell'Fmi, ma problemi ci saranno anche per molti altri Paesi, compresi gli Usa, la cui ripresa dipenderà dalla situazione sanitaria.

13 luglio 08:22 Le misure anti-contagio del nuovo dpcm dal 14 luglio

Il nuovo decreto della presidenza del Consiglio che illustrerà il ministro della Salute Roberto Speranza in Parlamento martedì dovrebbe prorogare fino alla fine del mese le misure restrittive in vigore da metà giugno. Le restrizioni saranno confermate in attesa che il governo decida sulla proroga dello stato di emergenza in scadenza proprio il 31 luglio. Possibile poi il rinvio dell’apertura di discoteche e fiere e della proroga dell’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici.

13 luglio 07:39 In Usa altri 59.750 contagi in un giorno, record in Florida con 15mila nuovi casi

Ancora pesante il bilancio dei contagi quotidiani in Usa dove si registrano altri 59.750 contagi in un solo giorno che portano il numero di casi totali confermati a 3.301.820. A preoccupare è la situazione di alcuni stati come la Florida dove si registra un uovo record di 15mila casi in un giorno. I numeri arrivano alla fine di una settimana triste e da record, in quanto la Florida ha riportato 514 vittime, una media di 73 al giorno. Tre settimane fa, lo stato aveva in media 30 morti al giorno. Dall'inizio della pandemia, a marzo, 4.346 persone sono morte nella Florida di Covid-19. Secondo il rapporto quotidiano della Johns Hopkins University, il numero di morti in Usa ha raggiunto quota 135.171 con 442 decessi in più in 24 ore

13 luglio 07:30 In India 28mila nuovi casi di coronavirus in 24 ore, ritorna il lockdown in molte città

L'India ha riportato un altro record di infezioni da coronavirus aggiungendo 28.701 nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. I nuovi casi portano il totale nazionale a 878.254 contagi confermando il Paese al terzo posto a livello mondiale dietro solo agli Stati Uniti e al Brasile. Il Ministero della Sanità ha anche riportato altri 500 decessi nelle ultime 24 ore, portando i decessi totali a 23.174. Per questo le autorità di diverse città stanno ripristinando i lockdown precedente rimossi per rilanciare l'economia al collasso. Diversi stati hanno introdotto il coprifuoco nei fine settimana e hanno annunciato rigorosi blocchi nelle aree ad alto rischio per rallentare le infezioni.

13 luglio 07:24 Il Messico quarto Pese al Mondo per numero di morti da coronavirus

Il Messico è diventato il quarto paese nel mondo per numero di morti a causa del coronavirus e ha superato anche l'Italia. Dall'ultimo bollettino annunciato  nelle scorressero dalle autorità sanitarie messicane infatti conferma che il Paese ha raggiunto quota 299.750 casi di contagio e 35.006 morti per Covid. Il Paese quindi è settimo al mondo per contagi e  quarto per decessi.

13 luglio 07:19 Italia pronta a bloccare l’ingresso da nuovi Paesi

Il governo italiano sta pensando di allargare ulteriormente la lista delle nazioni da cui non si può raggiungere il nostro Paese. Dopo i primi 13 Paesi, infatti, il Ministero della sanità sta valutando la situazione epidemiologica di altre nazioni e probabilmente almeno due o tre Paesi dove è ancora alta la circolazione del virus si aggiungeranno alla lista originaria. Rimane per tutti, salvo chi arriva da Paesi dell'Unione europea, l'obbligo di quarantena per due settimane ma proprio su questo punto  si sta discutendo se imporre nuovi sanzioni visto che l'isolamento fiduciario in molti casi non sembra aver funzionato.

13 luglio 07:10 Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia e nel mondo di lunedì 13 luglio

Sono 234 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia e 9 i nuovi decessi registrati dall'ultimo bollettino. I numeri vengono comunicati dal Ministero della Salute, che ha sostituito la Protezione Civile nel rendere noto l'aggiornamento quotidiano sui nuovi casi. Ecco la situazione regione per regione:

Lombardia 95.049

Piemonte 31.498

Emilia Romagna 28.940

Veneto 19.395

Toscana 10.322

Liguria 10.031

Lazio 8.314

Marche 6.804

Trento 4.881

Campania 4.772

Puglia 4.541

Friuli Venezia Giulia 3.335

Abruzzo 3.328

Sicilia 3.099

Bolzano 2.666

Umbria 1.450

Sardegna 1.372

Calabria 1.216

Valle d’Aosta 1.196

Molise 446

Basilicata 406

Dopo lo stop a tredici Paesi, la lista delle nazioni da cui non si può arrivare in Italia è destinata da allargarsi visto che il governo è pronto a d aggiungere altre nazioni dove la circolazione del virus è ancora molto alta circolazione del virus. Lo stato di emergenza verrà sicuramente prolungato come annunciato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e spunta l'ipotesi del 31 ottobre come nuova data. Il governo vuole prolungare anche gli attuali divieti almeno fino al 31 luglio imponendo lo stop a discoteche, fiere e congressi. La proposta è contenuta nel nuovo Dpcm su cui il governo sta lavorando. Prosegue anche l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico. Intanto è attenzione massima ai nuovi focolai come quello appena scoperto in un macello del Mantovano.

Sono oltre 12,8  milioni i contagi da Coronavirus nel mondo. A preoccupare è la situazione in America dove si registra l'ennesimo record di casi in USA con oltre 59.750 contagi in un solo giorno secondo i dati registrati dalla John Hopkins University. Aumentano i contagi e le vittime anche in Messico che ormai ha superato l'Italia come vittime di Covid-19. Ce'è preoccupazione nell'Oms ricordando che nel mondo son stati superati i 200mila casi quotidiani per tre giorni consecutivi.