Quarto Grado, trasmissione di approfondimento sui fatti di cronaca su Rete 4, ha mandato in onda le ultime immagini di Noemi Durini prima dell'omicidio perpetrato dal fidanzato. I frame trasmessi in televisione mostrano la sedicenne proprio in compagnia di quello che sarebbe diventato il suo assassino. Si tratta di immagini tratte dal filmato di una telecamera di sorveglianza di un benzinaio. I due fidanzati escono da un'auto in cui è presente solo la coppia, il che evidenzia la particolarità di una vettura guidata da minorenni.

La registrazione risale al 1 settembre, intorno alle 13. Scesa dall'auto, Noemi entra nel locale e incontra un'amica al bar. Poco dopo il ragazzo raggiungere Noemi, per poi uscire entrambi qualche minuto più tardi. Il 3 settembre, alle 5.19, la stessa telecamera riprende la medesima vettura passare di là. Da quel momento non si sa più nulla della giovane, il cui corpo verrà ritrovato dieci giorni dopo sotto dei sassi in un terreno lungo la Provinciale per Santa Maria di Leuca. Poche ore dopo il fidanzato confessa l'omicidio, mostrandosi confuso sul movente, indicando prima quello di gelosia, poi una sorta di reazione alla volontà palesata da Noemi di uccidere la sua famiglia. Ipotesi e accuse, quelle rivolte dall'assassino e dalla sua famiglia alla vittima, a cui ha risposto la madre di Noemi, invitando inoltre a "non infangare la memoria di mia figlia".