411 CONDIVISIONI
5 Dicembre 2022
13:40

Il “Bus al volo” di Fantozzi è diventato un set Lego e l’idea è di un architetto genovese

Giorgio Tona ha 40 anni e una dichiarata passione per i Lego. Con cinque mesi di lavoro ha riprodotto una delle scene più note della saga di Fantozzi. Ora il set è stato caricato su Lego Ideas: con 10.000 voti verrà preso in considerazione dall’azienda.
A cura di Valerio Berra
411 CONDIVISIONI

“No Ugo, l’autobus al volo no. Non l’hai mai fatto, non hai il fisico adatto”. “Non l’ho mai fatto ma l’ho sempre sognato”. E così il ragionier Ugo Fantozzi si cala dal balcone del suo appartamento, comincia a rincorrere l’autobus verde che doveva portarlo a timbrare il cartellino e dopo aver respinto un paio di calci riesce ad aggrapparsi. Una scena eroica, che si conclude al limite dalla tragedia visto che poi Fantozzi, sempre interpretato da Paolo Villaggio, arriverà al lavoro solo in ambulanza. Una scena che ora è diventata anche un set di mattoncini Lego.

La sequenza poi nota come “Il Bus al Volo” fa parte di Fantozzi, il film capostipite della saga firmato dal regista Luciano Salce e pubblicato nel 1975. È stata girata nel quartiere Romano di Testaccio e quel balcone attaccato al guard rail esiste davvero ed anche meta di turismo cinematrografico. A trasformarlo in Lego ora è stato Giorgio Tona, un architetto genovese di 40 anni che ha presentato già presentato il suo set a due fieri: ExhiBricks e Bricks in Florence.

Come è composto il set “Fantozzi takes the bus on the fly”

Il set è composto da 5.000 pezzi e per costruirlo Giorgio Tona ha impiegato circa cinque mesi. La scena infatti è stata riprodotta in tutti i dettagli che si possono ricostruire dalla pellicola. C’è il bus verde, c’è la super strada con tanto di guard rail e c’è ovviamente l’omino che rappresenta il ragionier Ugo Fantozzi che scavalca le barriere per prendere il bus. Ma Tona non si è fermato qui.

Gli appartamenti del palazzo dove abita Fantozzi sono stati ricostruiti anche all’interno. Qui compaiono altri personaggi, da un musicista con tutti i suoi strumenti a un tecnico che sta riparando la caldaia. Notevole anche la mini figure Lego con la moglie Pina che si affaccia dalla finestra. Nella zona più bassa del palazzo c’è anche una moto parcheggiata in garage. Il nome del set è molto italianizzato: “Fantozzi takes the bus on the fly”.

LEGO IDEAS | Il retro della palazzina di Fantozzi
LEGO IDEAS | Il retro della palazzina di Fantozzi

Il set pubblicato su Lego Ideas

Questo set arriverà mai sugli scaffali? Difficile, però Giorgio Tona ha voluto provare lo stesso l’unica possibilità che viene concessa agli appassionati Lego di entrare a far parte di una collezione ufficiale. Tona ha pubblicato il suo set sulla piattaforma Lego Ideas: se arriverà a 10.000 voti verrà ufficialmente preso in considerazione dall’azienda per una produzione in serie.

Al momento “Fantozzi takes the bus on the fly” ha riscosso un discreto interesse. Ci sono già 5.538 voti e rimangono ancora 784 giorni per arrivare all’obiettivo. La competizione è dura, nella stessa categoria del set (Architecture) c’è anche il set di Brooklyn Nine-Nine, il Deposito di Zio Paperone, e l'Ichiraku Ramen Shop di Naruto. Il costo non è ancora chiaro, ovviamente. Ma il primo passo per potere anche solo pensare di acquistarlo è quello di dare un voto al progetto e sperare nella vena comica degli alti dirigenti Lego.

LEGO IDEAS | Il seto Lego con Ugo Fantozzi e la Pina
LEGO IDEAS | Il seto Lego con Ugo Fantozzi e la Pina
411 CONDIVISIONI
Il nuovo set di LEGO Ideas è un progetto tutto italiano: è la prima volta che succede
Il nuovo set di LEGO Ideas è un progetto tutto italiano: è la prima volta che succede
Le 10 architetture più importanti di Arata Isozaki nel mondo
Le 10 architetture più importanti di Arata Isozaki nel mondo
5.146 di Stile e trend
Chirurgica estetica all'estero, attenzione ai pacchetti 'tutto compreso':
Chirurgica estetica all'estero, attenzione ai pacchetti 'tutto compreso': "Costi bassi, alti rischi"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni