7 Febbraio 2022
20:13

Se devi chiedere un favore fallo di persona e non via mail o messaggio: hai più chance di ottenerlo

Grazie a un esperimento con 888 volontari è stato determinato che se si chiede un favore di persona è molto più probabile ottenere un sì che via mail o messaggi.
A cura di Andrea Centini

Se hai davvero bisogno di un favore, assicurati di chiederlo di persona, faccia a faccia: le probabilità di ottenere una risposta positiva, infatti, sono sensibilmente superiori rispetto all'uso di altri canali di comunicazione, come e-mail, messaggi audio, messaggi video e simili. A determinarlo è stato una ricerca condotta da due scienziati, il professor M. Mahdi Roghanizad dell'Università Reyerson di Toronto (Canada) e la professoressa Vanessa K. Bohns dell'Università Cornell di Ithaca (Stati Uniti).

Per giungere a questa conclusione i due scienziati hanno progettato un esperimento ad hoc, nel quale hanno coinvolto 888 partecipanti. Ai volontari è stato chiesto di chiedere un favore a cinque amici diversi, utilizzando per ciascuno di essi un modo differente: un incontro di persona, un messaggio video, un messaggio audio, la posta elettronica e una semplice telefonata. Il favore richiesto era la correzione di una mezza pagina di testo scritto. Tutti hanno dovuto seguire una sorta di copione, per risultare il più credibili possibile al momento del contatto.

Prima di contattare gli amici prescelti, tuttavia, gli scienziati hanno chiesto ai partecipanti se si aspettassero differenze nell'ottenere il favore richiesto in base all'approccio utilizzato. Ebbene, come indicato nell'abstract dello studio, i volontari si aspettavano al massimo piccole differenze o addirittura nessuna. Ma non è andata affatto così. Dall'analisi statistica dei contatti, infatti, quelli faccia a faccia avevano molte più probabilità di andare a buon fine rispetto agli altri. Gli scienziati sottolineano che naturalmente non è sempre possibile chiedere aiuto di persona – basti pensare a cosa è accaduto durante la pandemia di COVID-19 con lo smart working, la didattica a distanza e altre forme di distanziamento sociale -, ma in questi casi un messaggio video o audio risulta indubbiamente più efficace di una “fredda” email.

Ma perché siamo più propensi a dire di sì a qualcuno che ci chiede un favore faccia a faccia? I professori Roghanizad e Bohns suggeriscono che il merito di questa strategia, semplicemente, risiede nell'imbarazzo di dire no a qualcuno davanti a noi. Incrociare gli sguardi tende a farci agire in modo più prosociale e mette in gioco la nostra reputazione, pertanto negarsi è la soluzione meno "comoda" in questo contesto. I dettagli della ricerca “Should I Ask Over Zoom, Phone, Email, or In-Person? Communication Channel and Predicted Versus Actual Compliance” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Social Psychological and Personality Science.

Il vaccino Covid di Pfizer per i bambini sotto i 5 anni verso l’ok: forse disponibile entro febbraio
Il vaccino Covid di Pfizer per i bambini sotto i 5 anni verso l’ok: forse disponibile entro febbraio
Omicron 2 avrebbe un vantaggio di crescita rispetto alla variante
Omicron 2 avrebbe un vantaggio di crescita rispetto alla variante "sorella"
I ricoveri in terapia intensiva per Covid durano molto meno: cosa sta succedendo
I ricoveri in terapia intensiva per Covid durano molto meno: cosa sta succedendo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni