Covid 19
23 Dicembre 2021
16:48

Produrre i nuovi vaccini in 100 giorni può salvare molte vite

Il progetto per la riduzione dei tempi di sviluppo e produzione di milioni di dosi un nuovo vaccino a vettore virale pubblicato dai ricercatori dell’Università di Oxford.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I nuovi vaccini potrebbero essere prodotti in appena 100 giorni. Lo dimostra un progetto di ricerca presentato da un team di scienziati dell’Università di Oxford che ha messo a punto un protocollo semplificato per la produzione di vaccini a vettore virale che comprime in circa un quarto il tempo necessario allo sviluppo di un nuovo vaccino Covid. Questo potrebbe “salvare molte vite” affermano i ricercatori in un documento, in preprint su BioRxiv e attualmente in fase di revisione paritaria.

L’avvio di studi clinici per un nuovo vaccino, spiegano i ricercatori, potrebbe essere possibile entro 60 giorni dall’identificazione di un nuovo virus mentre la produzione su larga scala nei 40 giorni successivi. Con un tale ritmo, gli attuali vaccini a base di adenovirus, come quello di Astrazeneca, potrebbero raggiungere l’obiettivo fissato all’inizio di quest’anno dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovation (CEPI), il cosiddetto obiettivo “moonshot” che mira ad accorciare i tempi di produzione dei vaccini a 100 giorni.

Quando un nuovo virus viene identificato, la produzione di un vaccino è una corsa contro il tempo – ha affermato Sandy Douglas, che guida il gruppo di ricerca per la produzione di vaccini presso Jenner Institute dell’Università di Oxford – . Alcune persone pensano che i vaccini a vettore virale siano lenti da produrre, e questo non è vero”.

Il tempo necessario al processo di produzione, al riempimento delle fiale e ai test è praticamente lo stesso per la maggior parte dei vaccini, spiega Douglas. “È la preparazione per avviare la produzione ad essere la parte cruciale del processo, che per un vaccino con vettore di adenovirus è la preparazione necessaria per creare un virus ‘seme’. Abbiamo quindi esaminato attentamente come produrre rapidamente questo seme. In una pandemia, risparmiare qualche giorno potrebbe salvare molte vite”.

La produzione di adenovirus richiede la generazione di un virus “stock” o “seed virus”, dunque di un virus “seme” con cui infettare le cellule. Per accelerare questo processo, il team raccomanda un metodo chiamato perfusione, che rimuove i prodotti di scarto che rallentano la produzione del vaccino.

Seguendo questo protocollo, il tasso di produzione del vaccino potrebbe, in futuro, essere quadruplicato. “Se le fabbriche fossero pronte a utilizzare questo metodo – stima il team – potrebbero essere fornite un miliardo di dosi di vaccini entro 130 giorni dall'identificazione di un nuovo virus, un quarto del tempo impiegato dagli attuali vaccini Covid”.

31651 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni