169 CONDIVISIONI
13 Maggio 2022
17:07

Questo sistema utilizza le alghe per alimentare un computer in modo affidabile e sostenibile

Di dimensioni paragonabili a una batteria AA, contiene un tipo di alga che raccoglie naturalmente energia dal sole attraverso la fotosintesi.
A cura di Valeria Aiello
169 CONDIVISIONI
La cella alimentata ad alghe è alta appena 1 cm / Università di Cambridge
La cella alimentata ad alghe è alta appena 1 cm / Università di Cambridge

Alimentare un computer in modo affidabile e sostenibile, contando solo su luce ambientale ed acqua: ci sono riusciti i ricercatori dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, che hanno sviluppato un rivoluzionario sistema di alimentazione, di dimensioni paragonabili a una batteria AA, contenente un tipo di alga verde non tossica (Synechocystis) in grado di raccogliere naturalmente l’energia dal sole attraverso la fotosintesi.

Il sistema, descritto in un articolo pubblicato sulla rivista Energy & Environmental Science, è stato impiegato per alimentare ininterrottamente per un anno un Arm Cortex M0+, un microprocessore ampiamente utilizzato nei dispositivi connessi a internet, contando solo sulla luce ambientale e l’acqua. I risultati dell’esperimento sono stati presentati per la pubblicazione dopo sei mesi di produzione continua. “Siamo rimasti colpiti dal modo in cui il sistema ha funzionato in modo coerente per un lungo periodo di tempo: abbiamo pensato che si sarebbe fermato dopo alcune settimane, ma ha continuato a funzionare” ha affermato il dottor Paolo Bombelli del Dipartimento di Biochimica dell’Università di Cambridge e primo autore della ricerca.

Il microprocessore alimentato dal sistema fotosintetico / Università di Cambridge
Il microprocessore alimentato dal sistema fotosintetico / Università di Cambridge

Nel complesso, il sistema è stato realizzato con materiali comuni, economici e ampiamente riciclabili. Per l’anodo, hanno spiegato gli studiosi, il sistema utilizza lana di alluminio (un materiale relativamente facile da recuperare e meno problematico per l’ambiente rispetto ad altre opzioni). L’alga, d’altra parte, non ha bisogno di alimentazione (perché produce il proprio cibo mentre fa la fotosintesi) e, nonostante il fatto che richieda luce, i ricercatori hanno precisato che il dispositivo può continuare a produrre energia anche nei periodi di oscurità, ritenendo che ciò sia dovuto al fatto che l’alga sintetizza parte del proprio cibo quando non c’è luce e tale processo continua a generare corrente elettrica.

Ciò significa, affermano i ricercatori, che il sistema non si scarica come le normali batterie, il cui uso in futuro sarà impraticabile, dal momento il numero dei dispositivi connessi si prevede aumenterà fino a un trilione entro il 2035, una cifra che per essere alimentata con fonti di energia portatili come le batterie al litio richiederebbe più di tre volte di tutto il litio annualmente prodotto nel mondo. Le alghe, così come l’intero sistema, potrebbero quindi essere una soluzione per fornire piccole quantità di energia a questi dispositivi.

Avremo bisogno di una quantità crescente di energia e pensiamo che questo dovrà provenire da sistemi in grado di generare energia, piuttosto che semplicemente immagazzinarla – ha affermato il professor Christopher Howe del Dipartimento di Biochimica dell'Università di Cambridge, coautore senior del documento – . Il nostro sistema potrebbe rivelarsi utile anche in altri contesti, in luoghi remoti e fuori dalla rete elettrica, dove sono necessarie piccole quantità di energia”.

169 CONDIVISIONI
Perché Giove non ha anelli maestosi e brillanti come quelli di Saturno
Perché Giove non ha anelli maestosi e brillanti come quelli di Saturno
Il colossale iceberg A68a ha rilasciato in mare 150 miliardi di tonnellate di acqua dolce: i rischi
Il colossale iceberg A68a ha rilasciato in mare 150 miliardi di tonnellate di acqua dolce: i rischi
Farmaci e pesticidi nella Laguna di Venezia stanno mettendo in pericolo la salute degli uccelli
Farmaci e pesticidi nella Laguna di Venezia stanno mettendo in pericolo la salute degli uccelli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni