946 CONDIVISIONI
20 Aprile 2022
11:53

Le onde sonore possono eliminare il cancro al fegato e ridurre il rischio di metastasi

La sperimentazione nell’uomo è già stata avviata in Europa e negli Stati Uniti, dopo i promettenti risultati osservati in modelli murini.
A cura di Valeria Aiello
946 CONDIVISIONI
Il trasduttore ad ultrasuoni per l’istotripsia / Credit: Marcin Szczepanski
Il trasduttore ad ultrasuoni per l’istotripsia / Credit: Marcin Szczepanski

Un nuovo approccio terapeutico non invasivo per la cura dei tumori ha dimostrato di poter eliminare il cancro al fegato e prevenire il rischio di metastasi in modelli murini, fornendo le basi per la sperimentazione nell’uomo attualmente in corso in Europa e negli Stati Uniti. Nel descrivere la promettente tecnica in uno studio sulla rivista Cancers, i ricercatori dietro questa svolta affermano che la loro tecnologia, basata su impulsi ad ultrasuoni, potrebbe portare a trattamenti efficaci e non invasivi per alcuni dei tumori più difficili da trattare, tra cui il cancro al fegato, che è associato a un tasso di sopravvivenza a cinque anni di appena il 18% negli Stati Uniti.

Anche se per questo tipo di neoplasia sono disponibili molte opzioni di trattamento convenzionali, come la chemioterapia, la radioterapia e l’ablazione termica, i tumori al fegato hanno purtroppo la tendenza a metastatizzare o recidivare dopo questi interventi che, tra l’altro, possono anche innescare reazioni immunitarie alquanto imprevedibili, sia antitumorali sia pro-tumorali. Nel loro studio, i ricercatori hanno inoltre osservato che le dimensioni, la posizione e lo stadio di un tumore possono a volte rendere impossibile prendere di mira l’intera massa tissutale con i trattamenti esistenti.

Per replicare queste complessità cliniche nei test preclinici, gli studiosi hanno pertanto deciso di sperimentare la loro tecnica per eliminare solo una parte del tumore al fegato nei topi, lasciandone una parte vitale. Tuttavia, in seguito al trattamento, il sistema immunitario degli animali è stato in grado di eliminare il resto, senza evidenza di recidiva o metastasi in oltre l’80% degli animali. “Anche se non prendiamo di mira l'intero tumore, possiamo comunque causare la regressione del tumore e anche ridurre il rischio di metastasi future” ha affermato Zhen Xu , professoressa di ingegneria biomedica presso l’Università del Michigan e autrice corrispondente dello studio.

I risultati dello studio hanno anche mostrato che il trattamento, in gergo medico chiamato istotripsia, ha stimolato le risposte immunitarie dei topi, forse contribuendo all’eventuale regressione della porzione non mirata del tumore e prevenendo un’ulteriore diffusione del cancro. “L’istotripsia è un’opzione promettente che può superare i limiti delle modalità di ablazione attualmente disponibili e fornire un’ablazione non invasiva del tumore del fegato sicura ed efficace – ha commentato Tejaswi Worlikar, studente di dottorato in ingegneria biomedica e primo autore della ricerca – . Ci auguriamo che ciò che abbiamo appreso da questo studio motiverà le future indagini precliniche e cliniche sull’istotripsia verso l’obiettivo finale dell’adozione clinica del trattamento dell’istotripsia per i pazienti con cancro del fegato”.

946 CONDIVISIONI
Questi cibi quadruplicano il rischio di cancro dopo i 50 anni
Questi cibi quadruplicano il rischio di cancro dopo i 50 anni
Rischio di cancro al naso per chi usa sigarette elettroniche e narghilè, secondo uno studio
Rischio di cancro al naso per chi usa sigarette elettroniche e narghilè, secondo uno studio
Nuovo studio associa i dolcificanti al rischio di cancro, ma i risultati sono controversi
Nuovo studio associa i dolcificanti al rischio di cancro, ma i risultati sono controversi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni