5.760 CONDIVISIONI
24 Agosto 2022
11:31

La siccità restituisce tracce di dinosauri di 113 milioni di anni fa

Le impronte lasciate da un acrocantosauro sono riemerse dal più grande bacino idrico del Texas, prosciugato quasi completamente da caldo record e siccità.
A cura di Valeria Aiello
5.760 CONDIVISIONI
Tracce di dinosauri riemerse dal fiume Paluxy, prosciugato quasi completamente dalla siccità / Facebook
Tracce di dinosauri riemerse dal fiume Paluxy, prosciugato quasi completamente dalla siccità / Facebook

La siccità di quest’anno sta mettendo in ginocchio vaste aree del pianeta, facendo scattare l’allarme incendi e causando problemi ai raccolti e alle forniture di acqua e di elettricità per milioni di persone nel mondo. Ma il calo dei livelli di fiumi e laghi, ai minimi storici per le forti ondate di calore e la prolungata assenza di precipitazioni che sembra essere la peggiore degli ultimi 500 anni, sta facendo anche riemergere antichi reperti archeologici, in Europa come negli Stati Uniti, dove dal più grande bacino idrico del Texas, il fiume Paluxy affluente del Brazos, sono riaffiorate tracce dei dinosauri finora sconosciute.

Le impronte, lasciate per lo più da un acrocantosauro, un teropode alto 5 metri dal peso di più di 6 tonnellate, vissuto nel Cretaceo inferiore, circa 113 milioni di anni fa, sono emerse nelle ultime settimane, quando il fiume si è prosciugato quasi completamente nell’area del Dinosaur Valley State Park a Glen Rose. Un video, pubblicato la scorsa settimana da un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene il parco, mostra le tracce scoperte nel letto calcareo del fiume.

Misurazione delle tracce dei dinosauri nel Dinosaur Valley State Park a Glen Rose, in Texas / Facebook
Misurazione delle tracce dei dinosauri nel Dinosaur Valley State Park a Glen Rose, in Texas / Facebook

La portavoce del Texas Parks and Wildlife Department, Stephanie Salinas Garcia, ha affermato che non è chiaro quante nuove tracce siano state trovate. Né è chiaro per quanto tempo saranno visibili. “Con la pioggia annunciata dalle prossime previsioni meteo, si prevede che le tracce scoperte durante la siccità saranno presto seppellite di nuovo” ha spiegato Salinas Garcia.

Nell’area, a sud-ovest di Dallas, circa un secolo fa sono state scoperte centinaia di tracce di teropodi, oltre alle prime tracce distinte di un dinosauro molto più grande, il sauropoda. Queste impronte sono visibili dalle sponde o nel fiume, mentre altre riemergono solo quando il livello dell’acqua è basso.

In condizioni normali, ha aggiunto la portavoce, le nuove tracce scoperte sono piene di sedimenti, una condizione che aiuta a proteggerle dagli agenti atmosferici naturali e dall’erosione. Tuttavia, almeno per ora, la siccità ha cambiato le cose. Secondo lo US Drought Monitor, la contea di Somervell – la contea che ospita il parco – è colpita da una siccità “eccezionale”, la più devastante secondo il sistema di classificazione, che include sia livelli d’acqua ai minimi storici, sia perdite di raccolti e mortalità diffusa di alberi, pesci e fauna selvatica.

5.760 CONDIVISIONI
Scoperto fossile di dinosauro di 235 milioni di anni: è il più antico dell'Africa
Scoperto fossile di dinosauro di 235 milioni di anni: è il più antico dell'Africa
Antica città di 3.400 anni riemerge a causa della siccità estrema
Antica città di 3.400 anni riemerge a causa della siccità estrema
Gli antichi umani sapevano usare il fuoco già 1 milione di anni fa
Gli antichi umani sapevano usare il fuoco già 1 milione di anni fa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni