15 Febbraio 2022
18:34

In che modo i cambiamenti climatici stanno distruggendo le coste dell’Artico

A prevedere l’entità e la velocità dell’erosione della costa artica è un team di ricerca sul clima CLICCS dell’Università di Amburgo che ha stimato gli effetti del disgelo del permafrost e dello scioglimento del ghiaccio terrestre.
A cura di Valeria Aiello
L’erosione costiera causata dal disgelo del permafrost vicino alla penisola di Bykovsky, Mare di Laptev, in Siberia, Russia / Credit: AWI/Paul Overduin.
L’erosione costiera causata dal disgelo del permafrost vicino alla penisola di Bykovsky, Mare di Laptev, in Siberia, Russia / Credit: AWI/Paul Overduin.

I cambiamenti climatici stanno distruggendo le coste dell’Artico, sempre più soggette all’erosione. Questo perché il disgelo del permafrost e lo scioglimento del ghiaccio terrestre per effetto del riscaldamento globale lasciano profonde spaccature nel suolo, che aumentano la vulnerabilità dell’area costiera all’azione delle onde oceaniche. Ma non solo. Oltre a mettere in pericolo importanti infrastrutture e minacciare l’incolumità delle popolazioni locali, questi processi di disgelo portano al rilascio di carbonio e gas serra immagazzinati nel suolo, il che può alterare l’equilibrio dell’Artico oltre a causare un ulteriore aumento del cambiamento climatico.

Fino ad oggi, parametri come l’entità e la velocità di questi cambiamenti erano mai stati determinati ma un nuovo studio dell’Università di Amburgo ha permesso di stimare la vulnerabilità dell’intero Artico a seconda dei diversi livelli di emissioni previsti per il XXI secolo. “Abbiamo valutato una serie di scenari, sulla base della quantità dei gas serra che verranno emessi nei prossimi anni – ha spiegato l’autore principale della ricerca, il dottor David Nielsel del CLICCS, il Cluster of Excellence for Climate Research dell’Università di Amburgo, che insieme ai colleghi ha utilizzato una nuova combinazione di modelli computazionali per prevedere quale sarà l’impatto dei cambiamenti climatici sulle coste dell’Artico – . I nostri dati mostrano che, non solo si perderà sempre più costa in termini assoluti, ma che per ogni grado di aumento della temperatura, il tasso di erosione cresce, sia in metri, sia in milioni di tonnellate di carbonio rilasciate”.

Se le emissioni di gas serra rimarranno incontrollate o continueranno ad aumentare, il tasso di erosione potrebbe più che raddoppiare entro il 2100, il che significherebbe perdite fino a tre metri all’anno. D’altra parte, i risultati dell’analisi, pubblicati sulla rivista Nature Climate Change, mostrano anche che “uno spostamento verso una maggiore sostenibilità ed emissioni di gas serra significativamente inferiori possono rallentare l’accelerazione nella seconda metà del secolo – ha aggiunto Nielsen – . Tuttavia, non sarà possibile fermare del tutto la perdita di massa terrestre”.

Collaborando con gli studiosi dell'Istituto Max Planck di meteorologia, dell'Istituto Alfred Wegener, del Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina e del Servizio meteorologico tedesco, Nielsen ha inoltre previsto quale sarà il futuro dell’Artico nel suo insieme – un risultato importante, poiché l’erosione costiera varia notevolmente da regione a regione.

Nell'Artico, l’erosione è sempre una combinazione di fattori termici e meccanici” ha precisato il ricercatore che, attraverso i suoi calcoli, ha collegato modelli esistenti con dati osservativi, simulazioni delle onde e rianalisi climatiche. “A seconda della posizione e della conformazione della costa, ci aspettiamo di vedere altezze d’onda variabili. Con l’aumentare della temperatura, inoltre, aumenta anche il range delle onde, perché il ghiaccio marino scompare. Cosa che, con i periodi estivi senza ghiaccio che si allungano, rende le coste ancora più vulnerabili”.

Al Carnevale di Viareggio stanno sfilando carri contro i cambiamenti climatici e l'avidità dell'uomo
Al Carnevale di Viareggio stanno sfilando carri contro i cambiamenti climatici e l'avidità dell'uomo
Il doodle di Google dedicato all'Earth Day mostra il drammatico impatto dei cambiamenti climatici
Il doodle di Google dedicato all'Earth Day mostra il drammatico impatto dei cambiamenti climatici
Il caffè di qualità migliore sparirà per primo a causa dei cambiamenti climatici
Il caffè di qualità migliore sparirà per primo a causa dei cambiamenti climatici
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni