152 CONDIVISIONI
5 Febbraio 2022
16:09

Il vaccino Covid di cui avremo bisogno potrebbe non essere un’iniezione

Lo affermano diversi esperti parlando dei possibili vantaggi dell’immunità indotta dai vaccini sotto forma di spray nasale attualmente in fase di sperimentazione.
A cura di Valeria Aiello
152 CONDIVISIONI

I vaccini anti Covid sotto forma di spray nasale potrebbero rivelarsi un prezioso alleato nella prevenzione delle infezioni da coronavirus, perché forniscono protezione esattamente dove è necessario combattere il virus: le mucose delle vie respiratorie, le prime ad essere esposte all’attacco di Sars-Cov-2.

Lo affermano diversi esperti, parlando dei vantaggi dell’immunizzazione indotta dai vaccini nasali che sono “l’unico modo per aggirare davvero la trasmissione da persona a persona” ha affermato al New York Times Jennifer Gommerman, immunologa dell’Università di Toronto – . Non possiamo vivere per sempre proteggendo le persone vulnerabili e somministrando dosi booster in modo che i loro livelli di anticorpi rimangano sufficientemente alti”.

Ad oggi, i vaccini sotto forma di spray nasale hanno mostrato di poter indurre una robusta risposta immunitaria nei modelli animali e, un nuovo studio non ancora sottoposto a revisione paritaria su BioRxiv ha fornito importanti prove a sostegno del loro utilizzo come richiamo vaccinale, mostrando la produzione di cellule della memoria immunitaria e anticorpi nelle mucose respiratorie dei topi. “Il nostro approccio non è quello di utilizzare un vaccino nasale come vaccinazione primaria, ma di potenziarlo con il vaccino nasale, perché in tal modo è possibile sfruttare l'immunità esistente già creata”, ha affermato la professoressa Akiko Iwasaki, immunologa dell’Università di Yale che ha condotto lo studio.

La formulazione testata da Iwasaki e colleghi, in particolare, ha mostrato “una certa flessibilità” contrastando un’ampia gamma di varianti di Sars-Cov-2, oltre a determinare “una maggiore resilienza contro il virus” ha commentato la dottoressa Gommerman che non è stata coinvolta nel lavoro. “E poiché non sappiamo come evolverà il virus, questi dati sono molto allettanti”.

Come spiegato dalla professoressa Iwasaki, i vaccini nasali inducono la produzione di un tipo di anticorpi, chiamati IgA, che prosperano sulle mucose di naso e gola e possono diminuire più lentamente. Pertanto un vaccino somministrato con un nebulizzatore potrebbe stimolare la produzione di anticorpi IgA sul tutte le vie respiratorie, compresi i polmoni. “Non è solo la punta del naso ad essere protetta” ha aggiunto Iwasaki.

Prove crescenti supportano gli anticorpi IgA come la chiave per prevenire l’infezione. In uno studio separato, la dottoressa Gommerman e i suoi colleghi hanno scoperto che appena il 30% circa delle persone vaccinate con due iniezioni degli attuali vaccini ha anticorpi IgA rilevabili e che coloro che avevano livelli più bassi di IgA nel mese successivo al secondo richiamo avevano maggiori probabilità di contrarre l’infezione. “L’immunità a livello della mucosa è davvero molto importante nella protezione dall’infezione – ha precisato Michael Tal, immunologo della Stanford University che non ha preso parte alla ricerca – . Il modo per permettere alle persone di ottenere questo tipo di protezione della mucosa potrebbe essere un vaccino nasale”.

152 CONDIVISIONI
Quando e a chi fare il vaccino Covid aggiornato contro Omicron: le risposte del virologo Pregliasco
Quando e a chi fare il vaccino Covid aggiornato contro Omicron: le risposte del virologo Pregliasco
Quando cominceremo a parlare della quarta dose di vaccino Covid
Quando cominceremo a parlare della quarta dose di vaccino Covid
I vaccini Covid restano molto efficaci dopo 6 mesi e contro tutte le varianti, Omicron compresa
I vaccini Covid restano molto efficaci dopo 6 mesi e contro tutte le varianti, Omicron compresa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni