30 Maggio 2022
16:07

Il 70% delle donne che ha congelato gli ovuli prima dei 38 anni ha avuto un bambino

Lo mostrano i dati dei uno dei più grandi studi sulla conservazione della fertilità. I tassi di natalità da scongelamento degli ovuli superano quelli della fecondazione assistita.
A cura di Valeria Aiello

Il congelamento degli ovuli per ritardare la gravidanza si sta rivelando una pratica più efficace della fecondazione in vitro per percentuale di nascite riuscite. Lo indicano i dati di uno dei più grandi rapporti sulla conservazione della fertilità, appena pubblicato sulla rivista online Fertility and Sterility, che mostra nascite riuscite nel 70% delle donne che hanno congelato gli ovuli quando avevano meno di 38 anni – e hanno scongelato almeno 20 ovuli in un secondo momento.

Guidato dagli esperti della NYU Grossman School of Medicine e del NYU Langone Fertility Center, lo studio si basa su 15 anni di risultati di scongelamento di ovociti congelati nella “vita reale” da donne che hanno ritardato la gravidanza e affrontato un declino naturale della fertilità correlato all'età. Lo studio ha anche scoperto che un numero considerevole di donne studiate ha avuto più di un figlio attraverso la conservazione degli ovuli. In totale lo studio riporta 211 bambini nati dallo scongelamento degli ovociti.

In confronto, all’età di 40 anni meno del 30% delle donne che si sottopongono a fecondazione in vitro rimane incinta e di conseguenza meno del 20% ha dato alla luce bambini vivi, secondo le statistiche raccolte dai Centers for Disease and Prevention (CDC) degli Stati Uniti.

Il congelamento e lo scongelamento degli ovuli in un secondo momento ha fornito un tasso di successo della gravidanza più elevato rispetto all’utilizzo di embrioni freschi durante la tecnologia di riproduzione assistita, hanno spiegato gli autori dello studio. “I nostri risultati fanno luce sui fattori che tengono traccia delle nascite riuscite dal congelamento degli ovuli, che includono un attento screening degli embrioni da scongelare e impiantare – ha affermato l’autrice principale della ricerca, la dottoressa Sarah Druckenmiller Cascante della Divisione di endocrinologia riproduttiva e infertilità della NYU Langone – . Una migliore comprensione del tasso di natalità dal congelamento degli ovuli per il declino della fertilità legato all’età è necessaria per informare il processo decisionale delle pazienti”.

In tutte le età, le donne che hanno scongelato più di 20 ovuli maturi avevano un tasso di natalità viva del 58%, una cifra inaspettata perché questo gruppo di pazienti includeva donne oltre il loro periodo riproduttivo. In effetti, 14 donne che hanno congelato gli ovuli all'età di 41-43 anni hanno avuto uno o più figli con lo scongelamento degli ovociti. Come detto, le donne sotto i 38 anni che avevano 20 o più ovuli maturi scongelati hanno raggiunto un tasso di natalità viva del 70%.

Il vaccino Covid ha abbattuto del 68% i ricoveri per Omicron nei bambini di 5-11 anni
Il vaccino Covid ha abbattuto del 68% i ricoveri per Omicron nei bambini di 5-11 anni
FDA autorizza la terza dose di vaccino Covid di Pfizer nei bambini di 5 – 11 anni
FDA autorizza la terza dose di vaccino Covid di Pfizer nei bambini di 5 – 11 anni
Nuova epatite nei bambini, cosa c’è di vero sull’ipotesi del contatto con i cani
Nuova epatite nei bambini, cosa c’è di vero sull’ipotesi del contatto con i cani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni