23 Giugno 2022
12:01

Gli acari che vivono nei nostri follicoli rischiano l’estinzione

Lo mostra uno studio su questi minuscoli parassiti che indica un percorso evolutivo senza uscita.
A cura di Valeria Aiello

Alcuni minuscoli acari, chiamati Demodex folliculorum, conducono una vita segreta all’interno della nostra pelle. Scivolando attraverso il grasso e protetti dai nostri pori, emergono solo durante la notte, per accoppiarsi sulla fronte, sul naso e sui capezzoli. Per quanto questi incontri abbiano successo, i loro giorni come parassiti indipendenti sono contati, come mostrano i dati di uno studio, il primo in assoluto sul sequenziamento del loro genoma.

Gli acari della pelle rischiano l'estinzione

Misurando solo 0,3 mm di lunghezza, i D. folliculorum sono trasportati da circa il 90% delle persone e sono più abbondanti ai lati del naso, sulla fronte, nel condotto uditivo e sui capezzoli. Conducono una vita innocua, nutrendosi del sebo naturalmente secreto dalle cellule dei pori ed è probabile che siano presenti fin dalla prima infanzia, essendo stati trasferiti dalle nostre madri durante il parto o l’allattamento. “La lunga associazione con gli esseri umani potrebbe suggerire che potrebbero avere ruoli benefici semplici ma importanti, ad esempio nel mantenere i pori del nostro viso scollegati” ha affermato il dottor Henk Braig dell’Università di Bangor e dell’Università Nazionale di San Juan in Argentina, che ha guidato la ricerca.

Per comprendere meglio questa relazione, Braig e i suoi colleghi hanno sequenziato i genomi degli acari D. folliculorum, raccolti dal naso e dalla fronte di una persona utilizzando un dispositivo di rimozione dei punti neri, con ogni raccolta che produceva circa 40 acari.

Le loro scoperte, pubblicate sulla rivista Molecular Biology and Evolution, hanno rivelato che gli acari sopravvivono con un repertorio minimo di proteine, il più basso mai visto in qualsiasi altro insetto, aracnide o crostaceo. Questa perdita di geni ha portato a un’estrema riduzione del numero di cellule negli acari adulti, un probabile primo passo evolutivo nel loro viaggio verso l’adozione di uno stile di vita completamente simbiotico all’interno dei nostri tessuti. Più si adattano a noi, più rischiano di perdere geni, finché alla fine potrebbero diventare completamente dipendenti da noi. E senza l’opportunità di ottenere geni aggiuntivi da acari meno strettamente imparentati – non sembrano trasferirsi tra esseri umani adulti durante uno stretto contatto fisico – la loro esistenza isolata e la conseguente consanguineità potrebbero alla fine aver messo gli acari sulla rotta verso un vicolo cieco evolutivo e la potenziale estinzione.

Se dovesse succedere, potrebbe essere una cattiva notizia anche per noi. Sono associati a una pelle sana, quindi se li perdiamo potresti avere problemi con la tua pelle – ha detto alla BBC la coautrice Alejandra Perotti dell’Università di Reading – . Abbiamo scoperto che questi acari hanno una diversa disposizione dei geni delle parti del corpo rispetto ad altre specie simili perché si adattano a una vita protetta all’interno del nostro organismo”.

A causa della loro esistenza isolata, senza esposizione a minacce esterne, senza competizione per infestare gli ospiti e senza incontri con altri acari con geni diversi, la riduzione genetica ha portati questi organismi a diventare estremamente semplici, con zampe minuscole alimentate da soli 3 muscoli unicellulari. Questa riduzione genica si traduce nel loro comportamento notturno – non hanno protezione dai raggi UV e hanno perso il gene che provoca il risveglio degli animali alla luce del giorno. Inoltre, sono stati lasciati incapaci di produrre melatonina, un composto che rende attivi i piccoli invertebrati di notte, tuttavia, utilizzano la melatonina secreta dalla pelle umana al tramonto – e in insolite abitudini di accoppiamento. Gli organi riproduttivi sono spostati anteriormente e i maschi devono posizionarsi sotto la femmina durante l'accoppiamento. Uno dei loro geni è invertito, dando loro una particolare disposizione di appendici della bocca per la raccolta del cibo. Questo aiuta la loro sopravvivenza in giovane età.

Le megattere rimosse dalla lista delle specie a rischio di estinzione in Australia
Le megattere rimosse dalla lista delle specie a rischio di estinzione in Australia
L'Australia dichiara i koala ufficialmente a rischio estinzione: piano nazionale per salvarli
L'Australia dichiara i koala ufficialmente a rischio estinzione: piano nazionale per salvarli
Quasi tutti bambini hanno tracce di nicotina sulle mani, anche se vivono in famiglie di non fumatori
Quasi tutti bambini hanno tracce di nicotina sulle mani, anche se vivono in famiglie di non fumatori
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni